Anna dominata e portata all’estasi dei sensi 1/3

Scritto da , il 2020-11-22, genere fisting

Dario e Anna erano demoni anali.
Ogni possibilità di giocare che avevano, iniziava e finiva con un'inculata hardcore.

Come tutte le coppie che giocano con l'anello più stretto, ci avevano lavorato per mesi e una spinta alla volta erano diventate dipendenti a questa pratica spesso tabù del sesso anale.

Dario compose il numero di Anna e attese che si collegasse.
Aveva aspettato di fare la telefonata tutto il giorno, e il suo cazzo era già duro al pensiero dell'esperienza speciale che le avrebbe avuto quella sera.

La scommessa che aveva accettato sul regalo che le aveva fatto era stata ripagata, e stava per esplodere per l'eccitazione di darglielo.

Ha risposto al primo squillo. "Hey Dario!"

"Ehi, come è stata la tua settimana?" Ha chiesto innocentemente, ma lei è andata dritta al punto.

“A casa mia, tra mezz'ora. Sono così arrapata che sto per scopare la spalliera del letto! " disse lei rapidamente, la sua voce normalmente delicata era roca dal desiderio.

"E la mia settimana è stata noiosa, grazie." Ha aggiunto con una risata.

"Haha, fantastico." Dario sorrise, contento che fosse dello stesso umore di lui. "Allora ci vediamo presto, gattina."

“Non vedo l'ora. Puoi portare da bere con tu? "

"Mi raccomando. Non iniziare senza di me! " Indossò una maglietta e saltò in macchina.

Era passato molto tempo da quando aveva suggerito per la prima volta di provare l'anale; entrambi avevano convenuto che l'idea era incredibilmente eccitante. Il primo incontro era stato notturno, ma questa è un'altra storia. Dario fece una breve sosta al negozio di bottiglie di vodka e arrivò all'appartamento di Anna un po' troppo presto, ma si precipitò comunque su per le scale ed entrò nell’appartamento.

Immediatamente fu colpito dall'odore del suo incenso che bruciava e il suo cazzo si drizzò solo un secondo dopo. Dopo così tanti mesi di sesso strabiliante era arrivato ad associare quell'odore al fottuto buco del culo di Anna.

Si guardò attorno per assicurarsi che i suoi compagni di stanza non fossero in casa e si diresse verso la camera da letto dove sapeva che Anna l'avrebbe aspettata

Non appena Dario entrò nella stanza divenne chiaro che Anna non poteva aspettare.

Si fermò di colpo sulla porta e fissò la scena sul letto.
Anna era a quattro zampe, il culo puntato direttamente verso la porta della camera da letto aperta.

Quattro o cinque diversi dildo e plug anali di diverse dimensioni erano sparsi sul letto matrimoniale e un vibratore ronzava rumorosamente, quasi soffocando i gemiti disperati della ragazza.

Aveva la mano destra dietro di lei, e stava martellando il buco del culo con un fallo nero lungo e molto grosso.
I suoi lunghi capelli rossi erano caduti lungo un lato del viso e le sue tette rotonde ondeggiavano mentre Dario la guardava farsi scopare il suo culo spalancato con il cazzo di gomma.

Quella vista ricordava il primo giocattolo che avevano comprato insieme; piccolo e viola con una base a ventosa.

Anna aveva sborrato così forte quando il piccolo tappo è caduto nel suo buco del culo vergine, spingendo Dario a pomparla con esso e far spalancare il buco della sua troia come un abisso, proprio come era ora.

Si erano innamorati del mondo del buco stretto, il mondo tabù e sporco del sesso anale.

Dario sorrise mentre lo ricordava, e sorrise ancora di più guardando la sua splendida ragazza invasata scoparsi sul letto.

Ad ogni spinta spingeva il cazzone di silicone nero più a fondo nel suo culo ben lubrificato e lo tirava fuori completamente, dando a Dario un colpo d’occhio perfetto del buco nero della ragazza arrapata.

Dopo solo qualche altra spinta stava facendo scivolare il cazzo così dentro che riusciva a malapena a trattenere il mozzicone che ancora pendeva.

Sentendosi abbastanza sciolta ora diede al dildo un'ultima spinta, e Dario guardò dalla porta mentre il suo anello rosso del culo si chiudeva lentamente attorno al giocattolo completamente inserito.

Chiuse gli occhi e gemette, sentendo tutta la lunghezza del dildo allungarle le viscere, e si lasciò cadere sulla schiena, dando a Dario una vista della sua figa rasata.

Alla fine si girò e lo vide, arrossendo un po' quando si rese conto della performance che aveva potuto vedere gratuitamente.

Si avvicinò al letto e bevve un sorso di vodka, offrendole la bottiglia. Lei annuì e glielo prese, tremando un po' mentre il dildo si muoveva in profondità dentro di lei.

Dopo averlo baciato appassionatamente, parlò, con lo stesso sussurro roco di prima.

“Ho dovuto iniziare senza di te, piccolo. Il mio povero buco del culo aveva bisogno di essere scopato. " Ha battuto le palpebre e hanno riso insieme. "Forse mi daresti una mano?"

Dario bevve un altro sorso di vodka prima di rispondere. “Sono contento che ti sia già scaldata, perché quel tuo culo sexy sarà davvero messo alla prova stasera. Ora, rimettiti in ginocchio. " La sua risposta fu più un gemito quel discorso. "Ohhhh grazie a Dio!"

Le diede uno schiaffo mentre lei tornava su per il letto.
Quando si mise in posizione, lui saltò giù dal letto e prese le manette che teneva sul comodino.

continua con 2/3

Questo racconto di è stato letto 3 4 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.