Antonella, che troia

Scritto da , il 2020-11-10, genere tradimenti

Salve a tutti, la storia che sto per raccontare è una storia realmente accaduta quest estate... sono G. uscito da poco da una relazione importante, quest’estate essendo da solo il mio migliore amico A. mi invita a trascorrere una giornata diversa nella casa al mare che ha fittato insieme alla troia della sua fidanzata...Con lei ho sempre avuto un buon rapporto, siamo andati sempre d’accordo, e in me c’è sempre stata la voglia di scoparmela ma rimaneva solo un desiderio essendo la ragazza del mio migliore amico! Quella mattina arrivo nella località dove loro sono in vacanza, mi viene a prendere fuori al vialetto A. e contento di vedermi andiamo in casa, è da qui inizia la mia giornata che doveva essere rilassante... bussiamo alla porta e ci viene ad aprire Antonella... signori miei e da lì ho capito già tutto... ci apre la porta con un mini costumino due pezzi che il lato di sopra a malapena riesce a contenere una piccola parte della sua quarta abbondante di seno., e lo slippino è talmente stretto che si perde nel suo culo carnoso , è praticamente nuda, infradito ai piedi sempre curati con dello smalto color pesca in abbinamento a quello delle mani, è il suo viso da troia già leggermente truccato... mi saluta , mi stringe molto, più del solito, e stranamente sento che in mezzo alla gambe la mia bestia si sveglia... stranamente perché ho sempre avuto rispetto per le donne degli amici! Mi invita a mettermi comodo, il mio amico si mette a fumare e lei mi invita ad andare in bagno a mettermi il costume che poi saremmo scesi in spiaggia... io mi vado a cambiare e non faccio altro che pensarla., mi viene duro, e come se nn bastasse vedo che tra i panni sporchi c’è un perizoma ancora umido sto per fare quello che mai mi sarei aspettato di fare., quando il mio amico A. mi invita a fare presto, allora m sbrigo e esco., con il rigonfiamento ben in vista nel costume ma tutti facciamo finta d nnt e andiamo! Arriviamo in spiaggia., c sistemiamo, facciamo il bagno, e Antonella fa sempre più la troia, si abbassa davanti a me, mi guarda in continuazione tra le cosce, e sopratutto cerca il contatto con me come non aveva mai fatto! Due erano le cose o voleva che la scopassi oppure A. non l aveva fatta godere abbastanza ed era ancora arrapata! Arriva l ora di pranzo, tutti e tre torniamo a casa., lei sempre con il suo microcostume si mette ai fornelli, ma è quando A. dice che va in bagno a sistemarsi che capisco tutte le intenzioni della troia di Antonella...non appena sente chiudere a chiave la porta del bagno., rientra in casa infila dei decolte color nude ai suoi piedi e riesce fuori e si mette ai fornelli... sembrava di stare in un film porno... il mio cazzo di 26 cm si indurisce al istante mi alzo e cerco di andare dentro senza farmi notare., ma lei si gira e m sussurra sottovoce senza farsi sentire: che fai entri? Fammelo vedere... fammelo assaggiare... me lo tira fuori si abbassa e lo prende in bocca... sono pietrificato, non credo ai miei occhi ma non riesco a fermarla... in fondo anche io Lo volevo.... lo succhia per qualche istante poi da vera troia., si ferma e dice ora basta.. vai.. io cerco d ricompormi ma è difficile rimettere la bestia a posto lei se la ride forse nn se l aspettava così grosso... e si rimette a cucinare... dopo pochi minuti ci raggiunge A. dal bagno che alla vista di Antonella in costume e tacchi cerca di rimproverarla ma allo stesso tempo lo si vede che si arrapa anche lui... la troia lo dominava si era capito... c sediamo a tavola., iniziamo a mangiare ma tra una battuta e l altra stavolta il segnale è chiaro sono io la vittima di Antonella., sotto il tavolo sento cadere il tacco e il piede della troia che m sfiora la gamba , i suoi piedi carnosi è sempre curati mi avevano sempre fatto impazzire, era come un sogno che si stava avverando, mi accarezza la gamba e sale sempre di più, arriva al pacco , e senza che A. se ne accorga di nnt mi fa cenno di tirarlo fuori., ormai sono andato., eseguo quello che mi dice , cade anche l altro tacco e dopo anni a guardarle i piedi e a fantasticare sul suo corpo Antonella e lì che mi sta facendo una vera e propria sega con i piedi sotto al tavolo., stavo impazzendo , lei parlava disinvolta e sotto il tavolo lavorava, io nn connettevo più volevo sborrarle sui piedi me ne fregavo., stava diventando difficile godere e fingere di nnt allo stesso tempo , la troia appena vide che volevo sborrare si ferma., si rimette i tacchi e si alza da tavola., mi rimane così col cazzo in fuori e il fidanzato a pochi cm da me... e con il suo sorrisino mi fa capire che comanda lei...e in me scatta subito la voglia di fargliela pagare...con fatica mi ricompongo e inizio a chiacchierare con A. Scendiamo un po’ nel vialetto e tra una chiacchiera e l altra ritorniamo in spiaggia dove A. vuole sdraiarsi per il solito riposino pomeridiano... io colgo a volo l occasione non appena si sarebbe addormentato sarei andato a punire Antonella! Tempo 15 min., A. dorme e russa., è il momento, ritorno al viale che mi conduce dalla troia., da lontano vedo un nero alto, muscoloso, che incrociando il mio cammino m sorride, i miei cattivi pensieri mi conducevano ad Antonella., ma nn volevo crederci., sono alla porta busso... mi apre ... e mi sorride..pensavo era Abdu... il nero che avevo incrociato... ha dimenticato qui i ferri., mi e venuto a sistemare il frigo...io sorrido e annuisco .... e con fare sfacciato le chiedo : solo il frigo eh? E lei ancora più troia mi sorride e mi fa : purtroppo si... siamo soli lei ha cambiato costume stavolta ha un vero e prp perizoma e le sue bocce sono ancora più in mostra., ma indossa sempre i tacchi come una vera troia...le ricordo quello che c’è stato sotto il tavolo., lei da buona troia e cn la sua voce sensuale mi invita a risedermi che avrebbe finito il lavoro ora che eravamo soli... a sentire quelle parole la bacio le nostre lingue si intrecciano stiamo impazzendo.... ma lei mi sbatte sulla sedia e mi dice che adesso finisce il lavoro con i piedi e che la giornata nn è ancora finita... sfila i tacchi e inizia a risegarmi... stavolta apprezza le mie dimensioni..: e con i suoi bellissimi piedi mi fa impazzire...ad un tratto m ordina d sborrare e io nn appena sento quelle parole con tono autoritario le inondo i piedi di sborra ne avevo davvero tanta..e con fare disinvolto senza nemmeno pulirsi i piedi si rimette i tacchi e mi dice di ritornare da A. Io ubbidisco nel tratto dal vialetto alla spiaggia non potevo crederci... avevo finalmente sborrato su quei piedi ma era pur sempre la ragazza del mio migliore amico... decisi che solo per oggi me ne sarei fregato e prima che finisse la giornata avrei dovuto incularmela Antonella! Arrivo in spiaggia A. dorme ancora , mi sdraio anche io a prendere un po’ di sole e pensavo solo a come poter approfittare per punire Antonella...! Dopo poco arriva anche lei, A. si era svegliato tutti e tre andiamo a fare un bagno e dopo c risistemiamo a prendere il sole..finalmente arriva il tramonto dobbiamo tornare a casa perché il lido è in chiusura... appena sopra, A. mi dice di andare a fare la doccia per primo., io essendo ospite accetto e m chiudo in bagno.. e come immaginavo, A. lo aveva fatto apposta per scoparsi Antonella... sento degli ululati pazzeschi e sotto la doccia mi viene duro.. quasi volevo uscire e partecipare ma poi mi trattenni pensando che avrei trovato il modo per averla tutta mia! Arriva la sera io e A. essendo già pronti aspettiamo la troia al baretto vicino casa... dopo qualche minuto il cancelletto del viale si apre e vediamo Antonella con un super vestitino azzurro cortissimo, le gambe abbronzate in mostra, il seno quasi fuori, capelli mossi per fare prima., e i decoltè del mezzogiorno ai suoi bellissimi piedi.. mi venne di nuovo duro e raggiunsi il ristornate col cazzo in tiro... dovevo incularla e basta... era solo quello che volevo.! Stavolta però la fortuna stava dalla mia parte, non avevamo finito ancora di mangiare che squilla il telefono di A. , era la mamma, che lo invita a raggiungere la casa dove alloggiava lei perché aveva un problema con la corrente ... era fatta! A. disse che avrebbe fatto subito e di aspettarlo a casa io e Antonella saremmo tornati insieme.... così facemmo ! Mentre raggiungevamo la casetta io la ammiravo e il cazzo mi pulsava nelle mutande, A. era dalla madre, finalmente aprimmo il cancelletto e nella stradina che c portava alla porta d casa metto subito una mano sul culo di Antonella che sorride e mi dice visto? La giornata era lunga.... siamo dentro chiudiamo la porta a chiave e c baciamo lei mi spoglia io le sfilo il vestitino è nuda non aveva messo nnt la troia ... si mette in ginocchio e inizia a infilarsi tutti i 26 cm di cazzo in bocca... mi fa godere come un porco... quando la prendo la alzo e la metto a 90 davanti a me.. i tacchi non li aveva tolti e mi faceva arrapare ancora d più... le metto un dito nel culo e subito capisce le mie intenzioni e dice che non posso perché ho un cazzo enorme e l avrei sfondata... ahhh che soddisfazione... allora da vero bastardo che non aspettava altro le dico: ti è piaciuto fare la troia tutta la giornata adesso zitta! E con decisione le infilo la cappella nel culo.. sento che urla ma mi accorgo che più entra e più le piace.... pian piano le infilo tutto il mio palo nel culo la puttana sente dolore ma gode e io spingo forte fortissimo le sto spaccando il culo me ne accorgo e tutta rossa in viso forse A. non ha le mie stesse dimensioni ma nn m importa la troia deve pagare.... le sue urla mi gasano... e pecora la sto chiavando fortissimo e le dico che è una puttana.. a lei piace tanto farsi sbattere così...ad un certo punto le mie pulsazioni aumentano la troia capisce che sto per venire., e da vera puttana perché ha capito il mio punto debole si sfila il palo dal culo lasciandomi vedere il suo ano dilatato al massimo e rosso., si mette sul letto leva i tacchi allunga le gambe e mi fa venire con i suoi piedi di nuovo... il mio cazzo spruzza come un idrante,sporco tutto, i suoi piedi, le scarpe, il pavimento ... TUTTO... avevo realizzato il mio sogno nonostante pensavo non potesse mai succedere.... dopo sborrato mi lecca tutto il palo per ripulirlo., con la faccia distrutta mi dice che l ho anche più grande d Abdu, allora non mi ero sbagliato altro che frigo aveva scopato anche il nero... e allora la obbligo a raccontarmi tutto e a farmi una sega... stavolta mi sega e mi spompina e mentre mi racconta che il nero gli ha spaccato la fica già nel pomeriggio io godo d nuovo e stavolta il suo viso ad essere riempito d sborra... che puttana... piena d sborra la lascio nuda davanti a me vado in bagno e mi porto i suoi decolte gli piscio dentro e glieli riporto ordinando di indossarli... da padrona a schiava lei obbedisce li indossa si risistema e scendiamo d nuovo in strada le guardò i tacchi e sorrido sono bagnatissimi... già sapevo che i piedi pieni del mio piscio appena sarei andato via li avrebbe leccati A. e mentre lo faceva Antonella mi avrebbe pensato e goduto ! È STATA L ESPERIENZA PIÙ BELLA DELLA MIA VITA!

Questo racconto di è stato letto 8 7 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.