Antonella, che troia pt.2

Scritto da , il 2020-11-30, genere tradimenti

Salve a tutti., sono sempre G. e quello che sto raccontando e il continuo della storia nata tra me e la troia di Antonella, fidanzata del mio migliore amico A, quest’anno in vacanza! Per chi ha letto la prima parte del racconto, in una calda giornata di agosto ad Antonella le ho fatto il culo nel vero senso della parola, e ho scoperto quello che ho sempre sospettato: era una troia di razza! Da quel giorno di agosto avrei voluto scoparla tt i giorni., ma ritornati dalle vacanze, alle nostre vite normali., non si erano create più occasioni, ma c’è da dire che ogni volta che Antonella si vedeva con A. e sapeva che c’ero anche io si vestiva davvero sempre più da puttana, leggins superattillati, micro perizomi, tacchi camicette sbottonate, e visto che aveva capito che io per quel culo e quei piedi impazzivo non mancava occasione anche in macchina per sfilarsi i tacchi e appoggiare i suoi meravigliosi piedi sul pacco di A. facendomi sborrare nelle mutande! Durante questo secondo lockdown, un sabato A. mi invita a mangiare un panino a casa sua, saremmo stati io lui e Antonella a casa, io al solo pensiero di vedere la vacca, di essere stuzzicato accettai volentieri e dato che tra noi la confidenza da quella scopata estiva era aumentata, qualche ora prima di raggiungere A. mandai un messaggio alla troia sapendo che non era con lui, le scrissi “so che non ci sarà più modo di scoparti, ma se stasera continui a stuzzicarmi ti sborro in faccia davanti a lui e terminai con una risata”... a quel messaggio non ebbi risposta... Arrivo la sera mi recai a casa di A. e mi venne ad aprire proprio lei., e la vidi in tutto il suo splendore, leggins nero in pelle, camicetta lunga di seta mezza sbottonata, e i tacchi non a a caso quelli che indossava quando la scopai ad agosto.. Era chiaro, continuava a provocarmi, e non aveva intenzione di smetterla, preparó la tavola, mentre io e A. eravamo comodi sul divano a chiacchierare, fece una telefonata alla madre e poi ci raggiunse sul divano allungando le gambe su A. quasi mi sfiorava il cazzo coi tacchi... Non ne potevo più di essere provocato da quella puttana., e proprio quando stavo per andare in bagno per segarmi A. mi dice che andava a ritirare i panini e dato che non si poteva uscire tranne che per comprovati motivi era meglio se andava da solo e io avrei fatto compagnia ad Antonella... bingo! Come sentimmo chiudere la porta vidi che la puttana, mi guardó il pacco si fece un sorrisino e mi chiese “stavi scoppiando?” “Non mi sborravi in faccia davanti a lui?” Io a sentire quelle parole slacciai i pantaloni e tirai fuori il mio cazzo e mi avvicinai a lei la baciai tutta con una foga incredibile e subito le afferrai la testa e la portai verso il mio cazzone dritto! Antonella si inginocchia e comincia a spompinarmi come una troia., e mentre solo succhia mi dice “non farti venire strane idee, che dopo devo scopare A.” Io mi arrapo come una bestia, la prendo la metto a pecora sul divano, le abbasso i leggins e gli infilo i miei 26 cm nella fica che era già tutta bagnata e inizio a sfondarla, lei urla e con le mani si allarga e gode... io vado avanti a scoparla per circa 10 minuti con dei colpi fortissimi lei mi dice che sono un porco bastardo., e allora da vero bastardo glielo sfilo dalla fica e lo posiziono vicino al culo, la troia non vuole mi dice che l’ultima volta l ho distrutta, ma tutti i suoi tentativi di non farsi inculare sono inutili, con un colpo deciso le penetro l’ano lei emette un urlo ma come l ultima volta più il mio cazzo entra più gode. Iniziò a scoparla brutalmente anche il culo e le dico che che è una puttana e tutte le volte che mi stuzzica deve ricordarsi che poi finirà per essere inculata così senza pietà ... Antonella urla e gode, adesso mi stava implorando a non fermarmi perché le bruciava il culo se abbassavo il ritmo ., io ero allo stremo stavo per venire così mi fermo, gli sfilo io cazzo dal culo e la giro “ troia questi tacchi sono per me non è vero?” Le chiedo e lei con il suo sorrisino da troia annuisce... gli levo o tacchi e mi faccio segare con i suoi meravigliosi piedi e mentre lei mi dice di sborrare che ne vuole tanta, la merita mi dice, io raccolgo i tacchi e li tengo in mano, lei capisce le mie intenzioni aumenta il ritmo coi suoi piedi e appena sto per venire si ferma... io metto le scarpe sotto il cazzo e con un colpo di mano vengo., spruzzo copiosamente nei suoi decolte che in estate avevo riempito di piscio, adesso l ho riempiti d sborra! Lei continua a dirmi che sono un maiale e io le ordino di risistemarsi, intanto A. era tornato, lei velocemente si rialza i leggins sistemando il perizoma e afferra dalla mia mano i suoi tacchi pieni della mia sborra e li infila ai piedi .., era questo quello che volevo...farla rimanere a mangiare così con culo rotto e tanta maionese sia nel panino che nelle sue scarpe... intanto mentre mangiavamo sotto il tavolo lei iniziava a stuzzicare A. con i suoi piedi facendomi un occhiolino... dopo il mio piscio il povero ragazzo avrebbe leccato anche i piedi della fidanzata pieni della mia sborra! Che povero cornuto!

Questo racconto di è stato letto 4 3 9 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.