Alessandra, 26cm di regalo per il suo compleanno

Scritto da , il 2020-11-20, genere tradimenti

Storia realmente accaduta 3 anni... Mi chiamo G., ai tempi dell accaduto ero felicemente fidanzato, giugno 2018 insieme alla mia fidanzata veniamo invitati alla festa di compleanno di Alessandra, fidanzata di un mio caro amico! Alessandra è davvero un gran bel pezzo di figa: bruna, occhi scuri, un seno abbastanza grande, fisico carnoso con due gambe che terminavano con dei piedi meravigliosi sempre curati e un culo da far impazzire chiunque, quello lo ammetto glielo ho sempre guardato,ma prima di quel giorno io non avevo mai fatto pensieri perversi su di lei! Quella sera insieme alla mia fidanzata ci recammo al locale dove si teneva la festa, non molto distante da casa mia.,arrivammo puntuali, la festeggiata e il mio amico erano già li, saluti di rito, gli auguri, aspettiamo che vengano anche gli altri invitati, e la festa ha inizio! Alessandra quella sera era davvero stupenda.. indossava un mini pantaloncino bianco, con sopra una camicetta di seta abbastanza sbottonata da far notare il suo seno, è una giacca.. le sue gambe messe in risalto da un filo di abbronzatura e dei tacchi davvero belli che custodivano i suoi piedi che si intravedevano con dello smalto nero! Era impossibile non ammirarla, a me non mi era mai capitato di guardare così tanti particolari di una ragazza di un mio amico, ma quella sera a dirla tutta guardavo Alessandra e mi arrapavo! La festa procedeva tranquilla, tra una chiacchiera una risata e un drink, ad un tratto Alessandra si piega a 90 gradi per prendere un regalo da terra, e fu in quel istante che mi accorgo che sotto quel pantaloncino bianco che è talmente stretto che si vedono le labbra della figa non indossa nnt... il mio cazzo inizia a drizzarsi., non sapevo cosa stesse succedendo li c era la mia ragazza, il mio amico e tanti conoscenti, il mio pacco era gonfio e avendo un palo di 26 cm per non dare nell’ occhio mi misi in disparte per non fare brutte figure... casualità dopo qualche secondo Alessandra dopo aver raccolto un regalo lo viene a mettere prp dove ero io., io faccio finta di niente, ma me ne accorgo subito che i suoi occhi cadono sul mio “pacco”, e dopo aver sistemato quel regalo si rivolge a me e mi fa: spero di non dimenticare tutti questi pacchi alla fine della serata... Era chiaro me lo aveva fatto capire che aveva notato la mia erezione, io imbarazzato mi alzo e cerco di raggiungere gli altri smettendo di guardare sempre lei.... mi avvicino alla mia ragazza, sorseggio un po’ del suo drink, e con la coda dell’occhio noto che la festeggiata mentre parla all orecchio del mio amico gli fa una leccata sul collo e con la sua mano gli sfiora il cazzo... Improvvisamente i miei battiti accelerano, e i miei 26 cm sono di nuovo in tiro! Capisco quant e troia Alessandra, anche se ha l aria di una ragazza per bene.. decido di andare in bagno in modo da calmare i miei umori, e allontanarmi un po’, avviso la mia ragazza è raggiungo il bagno che è al piano di sotto... è proprio nei bagni che accadde l impensabile, mentre sono solo, pantaloni sbottonati e cazzo quasi in fuori per una bella pisciata, sento un rumore di tacchi dirigersi dov ero io! Mi affaccio dalla porticina, è lei... è Alessandra... mi ricompongo e subito esco, c’è qualcosa di strano, cosa ci faceva lei da sola giù nei bagni? La mia domanda ebbe risposta non appena lei si diresse verso di me e mi disse : sei scappato nei bagni con una risatina che mi fece capire tutto.... io gli disse : si Ale, sono venuto a darmi una rinfrescata... e lei senza mai staccare gli occhi dalla mia erezione mi disse beh ci credo se nn t sbottoni i pantaloni ti scoppieranno, ma quant ce l hai grosso? Io a sentire quelle parole non sapevo più che fare, se tirarlo fuori e metterglielo in mostra oppure evitare, era pur sempre la ragazza del mio amico! Ma lei era venuta giù per quello, e non mi diede nemmeno il tempo di pensare, e con un “posso?” Per chiedere se poteva toccare mi iniziò a massaggiare il cazzo ormai di marmo, io non resistetti più la afferrai e iniziai a baciarla mettendogli la lingua in bocca... mentre ci baciavamo la puttana mi tira il cazzo fuori e inizia a segarlo, le afferro la testa e la spingo a mettersi in ginocchio per sbatterglielo in bocca ., lei esegue guarda il mio cazzo mi dice “ è enorme” e inizia a succhiarlo... io ero in estasi, le scopavo la bocca stavo quasi per esplodere , la giro e gli abbasso quei pantaloncini quasi li strappavo, la rimango solo coi tacchi , la faccio chinare sul water e gli scopo la figa., e bagnatissima e coi miei 26 cm la sto disruggendo lei è rossa in viso perché non può urlare soffre e gode quasi in silenzio, è palese che un cazzo così non l aveva mai preso! Anche io sto godendo come un maiale, gli metto un dito nel culo , e lei subito capisce le mie intenzioni e con aria spaventata mi dice: non ci pensare nemmeno non entrerà mai questo palo nel mio culo, non lo faccio spesso! Io le rido in faccia, ormai non può fermarmi , la zittisco e gli posiziono la cappella sull’ ano... lei mi implora di non farlo e io con un “zitta puttana” gli entro neli culo con un colpo secco e deciso , Alessandra emette un urlo pazzesco io le blocco le mani e la testa per non farla muovere troppo, è a pecora e piano piano sta ricevendo 26 cm di cazzo nel culo , il suo viso è rosso sta soffrendo tanto e si vede io spingo lentamente è quasi tutto dentro e a lei inizia pure a piacere, inizia a muoversi e facilità l ingresso così aumento i ritmi e inizio a incularla sempre più forte e lei mi dice “cazzo con il culo così rotto dopo non posso scoparmelo R.(il fidanzato) io solo al udire queste parole sono super eccitato e come un animale do gli ultimi colpi fortissimi, lei ad un punto si sfila il cazzo dal culo mentre io non sono piu in controllo della situazione si siede sul water e allunga le gambe porgendomi i suoi piedi sotto il cazzo facendomi capire che avrei dovuto sborrare li... mi sfiora il cazzo con la punta delle scarpe nemmeno 2 secondi e il mi cazzo esplode, le riempio le scarpe di sborra , ne era davvero tanto., e le dico che è una puttana! Mi ricompongo e vado via lasciandola nel cesso col culo distrutto e i piedi e le scarpe pieni della mia sborra! Ritorno alla festa! E dopo qualche minuto la intravedo è a parlare con il cornuto, chisa quante corna ha avuto quel povero ragazzo! È noto che sulle sue scarpe c’è ancora un bel po di sborra forse non è riuscita a pulirsi del tutto per la fretta.! Oppure l ha fatto apposta per avere i piedi strapieni di sborra e farli leccare al suo cornuto nel post-serata, per questo ha voluto che le sborrarsi nelle scarpe! Che troiona non la dimenticherò mai questa scopata!

Questo racconto di è stato letto 1 0 1 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.