Mia moglie Martina 6

Scritto da , il 2020-11-05, genere tradimenti

Il ristorantino francese visto da fuori ci fece una buona impressione,per l’ambiente rilassato ed intimo che si intravvedeva all’interno. E poi Il menù esposto era certamente interessante.

“ avremmo scelto l’aragosta alla piastra con le salse della casa…. e per il vino ci affidiamo alla sua esperienza…signor..? “
“ mi chiamo Jeanclaude signore, sono francese ma mia mamma è italiana..”
“ bene Jeanclaude,allora ci fidiamo di lei “
Jeanclaude era evidentemente il titolare del ristorante, non aveva certo l’aspetto del cameriere. C’era si una cameriera di razza orientale,credo vietnamita o giù di lì…il locale comunque era piccolo e non contava più di 7-8 tavoli.
“ bel tipo quel Jeanclaude,secondo te Max quanti anni può avere?..”
“direi una quarantina, chissà se fa anche il lavoro di chef?..”
“ ho intravisto che in cucina ci sono un giovane e due donne,di cui una un po’ anziana,magari è sua mamma…. Credo comunque che lo chef sia proprio lui,anzi direi che ha proprio l’aspetto da chef”

Jeanclaude arrivò poco dopo con un vassoio di piccoli antipasti…
“ vi ho preparato qualcosa di stuzzicante in attesa dell’aragosta. Spero che sia di vostro gusto..”
“ grazie Jeanclaude,ma il vino? “
“ arrivo subito con un bianco prodotto nella vigna di mio padre qui in Provenza, è un fantastico Grenache bianco,profumatissimo e molto adatto per accompagnare l’aragosta “

L’aragosta alla griglia era ottima,ma il piatto forte erano le salse fatte in casa da Jeanclaude..il vino poi era un nettare degli dei,ne bevvi due bicchieri,che per me era già tanto…Martina invece non pensando alla linea perché ha la fortuna di non ingrassare, si scolò la bottiglia. Ne ordinai un’altra perché mi piace che Martina abbia sempre ciò che desidera,non voglio metterle limiti…ma mi piace anche che si ubriachi un po’ perché la trovo più divertente e affabile quando è brilla…persino meno gelosa.
“ grazie Jeanclaude,questo vino è stata una bella sorpresa…perché non fa un brindisi con noi?”
“ molto volentieri…allora propongo un brindisi alla signora,certo se lo merita per la sua bellezza e per il suo stupendo abbigliamento, così femminile ed elegante “
Due bicchieri di vino non era molto,comunque io già sentivo un certo effetto… “dica Jeanclaude,quanti anni darebbe a mia moglie…e, ehm…a me?... “
“ così sui due piedi direi che sua moglie dimostra circa 30 anni, mentre lei è chiaramente più grande…facciamo 40?...”
“ Bravo Jeanclaude,ci ha quasi preso,complimenti..” e trangugiai un altro bicchiere. “Jeanclaude lei è sposato? “
“ lo sono stato ma da una decina d’anni sono tornato libero e mi godo la mia libertà, tra l’altro non ho figli.”
“ neppure noi abbiamo figli..per ora, preferiamo spassarcela e vivere la vita intensamente,lasciandoci alle spalle i problemi,che comunque abbiamo anche noi “
Martina intervenne con voce un po’ stentata…
“ allora Jeanclaude,facc..facciamo un altro brindisi ? Alla sua libertà, anzi se mi permette,alla tua libertà “
“ certo,diamoci del tu e brindiamo… ma tenete posto per il dolce e il liquore che faccio io”
Arrivò poco dopo con un tortino caldo ripieno di cioccolato e una bottiglia di armandine,un liquore di mandorle da far resuscitare i morti..
I brindisi si ripeterono anche con l’armandine sino all’esaurimento della bottiglia. Io ero pressochè ko. Martina era ubriaca,ma reggeva l’alcool molto meglio di me, non superava mai il punto di non ritorno.
Il locale era ormai vuoto ma noi eravamo ancora al tavolo a bere e ridere.. Il personale se ne andò a mezzanotte e Jeanclaude chiuse la porta.

“ volete restare qui a dormire?..il mio appartamento è su dalle scale e ho una stanzetta libera con un comodo letto..i letti non mi mancano perché a volte ricevo qualche amica, qui in giro ci sono tante belle donne,basta scegliere. Non belle però come te,Martina,tu batti tutte le femmine del Principato,credi a me.. anzi direi che meriteresti il premio delle più belle gambe di Montecarlo…perché non ti alzi in piedi,ti vorrei fare una foto da appendere in sala tra quelle degli ospiti importanti “
Martina si alzò in piedi, “sta in piedi,è già qualcosa” pensai tra me..io non ero affatto sicuro di poterlo fare.
Le gambe di Martina fecero un grande effetto,anche su di me direi, ma Janclaude rimase incantato.non sapeva dove posare gli occhi.. la chioma bionda e selvaggia,la bocca sensuale,le magnifiche grandi tette,i fianchi larghi con la vita stretta,le gambe da modella…
“ guarda che non morde, le puoi anche andare vicino e darle un bacetto sulla guancia,purchè casto e innocente “
Jeanclaude era un gran bell’uomo,con un viso interessante un fisico asciutto e scattante,ma non alto e non palestrato.
“ beh,se non hai il coraggio forse Martina ti può aiutare,vero tesoro?.. non ti pare che il nostro chef si meriti un bel bacio da miss Montecarlo,dopo l’ottima cena che ci ha servito? “
Martina si avvicinò a Jeanclaude ponendosi a pochi centimetri di fronte a lui. Per guardare negli occhi Martina, Jeanclaude doveva alzare la testa in su,per via del tacco 12.Ma sul momento tenne la testa dritta in avanti,con gli occhi puntati sulle tette,pressochè ipnotizzato. Martina guardò me con sguardo interrogativo ed io le feci un cenno che lei conosceva. Abbassò il capo,alzò la testa di Jeanclaude e gli stampò un lungo bacio sulla bocca,senza lingua,solo a stampo,lasciando sulla sua bocca ancora paralizzata un bel disegnino di labbra color lampone.
La visione sconvolgente di Martina,il profumo del suo corpo così vicino,le tette praticamente sul naso,senza dimenticare anche l’alcool assorbito,diedero all’uomo il coraggio che non aveva.. abbracciò Martina infilando la faccia tra le tette,aspirò per assorbirne la fragranza,quindi alzò la testa e la baciò con passione,con tanto di lingua in bocca.
Martina rispose al bacio,considerando ciò come una specie di obbedienza ad un mio ordine,lasciandosi mollemente andare all’abbraccio voglioso dell’uomo,anzi iniziando a strofinare il corpo contro il suo. Questo fu troppo,Jeanclaude abbrancò il culo di mia moglie e sollevò la cortissima gonnellina,impastando le mani nelle leggere mutandine e poi si chinò sulle ginocchia scendendo ad accarezzare le cosce.

Dovetti intervenire ed ordinare un breack……”un momento,tutti fermi”. Di questo passo andava a finire che me la scopava in piedi in mezzo alla stanza…non sarebbe stato elegante, Martina è una donna di classe,e che diamine……….
“ Jeanclaude adesso è meglio se ti fermi un attimo… non ti ho detto che la puoi scopare… facciamo una cosa,adesso Martina potrebbe andare di sopra a stendersi un po’ nel letto e riprendersi un po’ dalla libagione, mentre io e te ce ne stiamo qui a chiacchierare “
Così fu e Martina si avviò con passo traballante su per le scale dicendo “ non vi preoccupate,il letto lo trovo da sola “


“ scusa Max,per un attimo ho perso il controllo,ma tu mi puoi certo capire, con quella sventola di moglie che ti ritrovi, chi riuscirebbe a resistere?...”
“ ma certo che capisco,figurati… Martina è una strafiga e tutti gli uomini perdono il controllo quando se la trovano sotto il naso…o sopra il naso,come in questo caso. Io stesso mi ritrovo ad essere sempre eccitato di lei e ,detto tra noi, la monto due volte al giorno…anche perché lei ne ha bisogno per soddisfare il suo desiderio di maschio. In questo modo io riesco anche a tenere a freno la sua gelosia che diversamente sarebbe incontenibile “
“ beato te,Max.. non sai quanto ti invidio… “
“ questa sera me la sono scopata prima di uscire dall’hotel, non ho potuto farne a meno… peraltro sentivo la necessità di segnare il mio territorio prima di farla uscire in strads conciata in quel modo. Ancora adesso infatti le sue mutandine sono inzuppate…. “
“ Max,tu vuoi farmi uscire pazzo… non ce la faccio più a sentire questi discorsi…io dico che lo fai apposta per eccitarmi…ma dove vuoi arrivare?.. “
“ tu piuttosto dimmi dove vuoi arrivare e nel caso potrei vedere cosa si può fare… comunque la cosa più importante per me e per Martina è mantenere la correttezza e l’eleganza dei modi. Dopo di che l’erotismo e la trasgressione ci possono anche stare,sotto il mio controllo “
“ bene,allora ti parlo chiaramente come si fa tra amici…io sono una persona seria e a posto,tua moglie mi sta facendo impazzire di desiderio, quindi ti chiedo,se me lo puoi concedere, di poter rendere omaggio alla sua avvenenza “
“ ehm… ma cosa intenderesti per rendere omaggio?..”
“ potrei,ad esempio, offrirle uno svago aggiuntivo, una specie di rinforzino a quanto le hai elargito tu prima di uscire… “
“quindi, in pratica, la vorresti chiavare? “
“no…si….però non dovresti vederla così, Max. Te l’ho detto,sarebbe solo un omaggio alla signora… quale altro omaggio sarebbe più sincero ed adeguato ad una tale bellezza femminile?...”

Devo dire la verità….non so come avrei potuto dargli torto……
Quando salimmo le scale il mio stomaco, già appesantito dal cibo e dall’alcool, era come annodato su se stesso.

Martina sembrava dormisse,era sdraiata sul letto completamente vestita., girata su un fianco. Mi avvicinai al suo viso e la osservai nella penombra.
“ dormi tesoro?... tesoro?... tutto bene? “
“ Max,ho sonno,mi gira la testa…dove siamo?..”
“ stai tranquilla amore,sono qui con te,è tutto a posto “

Jeanclaude era già nudo ai piedi del letto,ansioso di prendersi il suo piacere. Gli feci cenno di avvicinarsi e lui obbedì in silenzio.
Cominciò a palpeggiare dolcemente le gambe di Martina con entrambe le mani,accarezzando la pelle liscia e salendo piano piano in alto fino a raggiungere le cosce. Martina percependo quel tocco sulle gambe mi disse,senza aprire gli occhi :
“ Max,cosa fai,mi stai spogliando?.. “
“ si Martina,perchè a Jeanclaude farebbe piacere ammirare il tuo corpo nudo…con riservatezza,, nella penombra “
Con un po’ di fatica sfilai dall’alto il corto vestitino di Martina,sganciandole anche il reggiseno.
Jeanclaude intanto risalì lungo il letto strisciando tra le gambe di Martina,raggiungendo con il viso il suo interno coscia. Leccò allora quella pelle profumata prima con tenerezza e poi con sempre più passione, baciando e suggendo con le labbra ardenti di desiderio, sempre più in alto,sino alle mutandine ancora umide…
Baciai teneramente la bocca di mia moglie mentre con una mano le carezzavo i capelli e le morbide tette.
Jeanclaude ebbro di desiderio iniziò con entrambe le mani a sfilare le mutandine, provocando un mugolio di Martina che io percepii nella mia bocca.. poi Jeanclaude salì ulteriormente strisciando e sollevando con la mano il suo cazzo durissimo che nella risalita aveva incontrato la sponda del letto,dove si era incagliato…. quindi arrivò col capo vicino a noi…
“ io sto qui vicino a guardarti amore….divertiti…”
“ si,stammi vicino Max…”

Jeanclaude arrivò con la sua bocca su quella di Martina, che avevo appena lasciato libera, baciandola subito con passione…Martina accolse la sua lingua intrecciandola con la sua e riprese a mugolare,questa volta nella bocca del suo amante,che ricevette da quel mugolio un impulso erotico forte come un pugno sul cervello… senza più poter attendere oltre,salì col suo cazzo in piena erezione sino all’agognata fessura e spinse in avanti con decisione.
Già con le mani posizionate a tapparmi le orecchie udii il grido di piacere di Martina che risuonò nella stanza lasciando il suo amante annichilito e immobile per qualche momento…. Il grido si affievolì gradualmente perché a Martina mancò il respiro e Jeanclaude ne approfittò per iniziare una veloce monta,aumentando gradualmente il ritmo…la scopò senza tregua abbrancandole le cosce con entrambe le mani, respirando rumorosamente, col fiato mozzo per il desiderio e l’emozione. Non aveva mai scopato un simile pezzo di figa….
Martina assecondò quella furibonda ingroppata e cominciò a godere,lanciando gemiti acuti e stringendo forte con entrambe le braccia le spalle e la testa di Jeanclaude.. gli baciò il collo,lo morse,gli artigliò la schiena..alzò in aria le gambe per favorire la penetrazione.
Appostato nella penombra ai lati del letto tenevo le mani sullo stomaco per cercare di attutirne le dolorose contrazioni, stavo male,non volevo credere ai miei occhi e alle mie orecchie..poi mi montò una forte rabbia ,ma subito realizzai che ero del tutto incapace di muovere anche un solo dito. Ero paralizzato. Il mio cervello non funzionava più,si era bloccato, non mandava più impulsi al mio corpo. Realizzai anche un’altra cosa : il mio cazzo era teso all’inverosimile raggiungendo la sua massima estensione, tanto che mi faceva male.
Quando il mio cervello finalmente si rimise in moto,l’eccitazione crebbe dentro di me come un mare in burrasca. Provavo un piacere torbido e perverso,sapevo che non avrei potuto sopportarlo, o goderlo, ancora per molto senza arrivare alla soddisfazione dei sensi e precipitare nel vuoto che mi avrebbe annientato. Allora iniziai una furiosa masturbazione menandomi il cazzo a tutta forza senza togliere gli occhi da quella scena incredibilmente erotica. Mi sembrava che fosse tutto frutto della mia fantasia, era come se vedessi un film.Non potevo crederci, era tutta una messa in scena……
Con la vista annebbiata vidi Martina incrociare le gambe sopra il culo altalenante dell’uomo che pompava come una trivella,stringendolo a se e rendendo la penetrazione ancora più profonda….poi Martina venne con un grido,subito smorzato dalle contrazioni del suo corpo,ma continuando a gemere tra gli spasmi dell’orgasmo.

Jeanclaude rallentò i colpi ed iniziò ad intonare una specie di lamentosa cantilena… lo diedi per spacciato, e così fu….
Con un rantolo di godimento supremo si piantò dentro la figa di mia moglie e venne…. le contrazioni dei suoi coglioni sembrarono non finire mai, schizzò dentro Martina una tale quantità di sborra che la sua figa traboccò, provocando uno sciacquio che io stesso potei udire…

Altro che svago aggiuntivo…..me l’aveva chiavata alla grande e l’aveva fatta godere come una vacca terminando con una colossale venuta in figa……

Sconvolto, attonito per la scena a cui avevo assistito, mi trovai con il cazzo in mano a cercare il modo per concludere con urgenza la devastante sega. Non mi sembrava educato nè elegante schizzare sul pavimento, allora appoggiai il cazzo sulla bocca di Martina che ancora esausta per il piacere provato dischiuse le labbra e bevve docilmente il succo caldo che fuoriuscì abbondante dai miei coglioni.

Restammo immobili per lunghi minuti ,in silenzio e nella penombra. Poi Martina si riprese e si alzò per andare in bagno a lavarsi, mentre dalla sua figa colavano gocciolone di sborra bianca che formavano lunghe scie sull’interno cosce.
Quando ritornò nuda, si accomodò sul letto attirandomi a se. Mi volle svestire completamente,poi mi abbracciò e mi baciò teneramente. Lei si trovava al centro del letto e noi ai due lati.Credo che dormimmo per circa mezz’ora. Poi Martina mi svegliò e mi disse che desiderava tornare all’hotel. Mi sembrò logico,ma non sapevo se avremmo avuto la forza di farlo. Ci stavo pensando quando percepii che Jeanclaude era sveglio e stava palpeggiando il seno di Martina. Palpò e baciò le grandi tette morbide,succhiando poi con le labbra i teneri capezzoli. Con un rapido sguardo vidi che il suo attrezzo era in erezione e capii che cercava ancora soddisfazione. Anche Martina lo capì e non volle tirarsi indietro, non lo aveva mai fatto.

Si mise a quattro zampe impossessandosi del cazzo eretto,che lavorò con la mano per alcuni minuti. Quindì lo imboccò lasciando scivolare i lunghi capelli biondi sul corpo di Jeanclaude,fino a coprire tutto la scena col suo casco dorato. Vedevo la sua testa impegnata nel ritmico movimento altalenante,mentre le sue meravigliose,pesanti tette ballavano la loro danza sotto gli occhi dell’uomo, che nel frattempo le stava dolcemente impastando con la mano. Vedevo anche lo splendido culo di Martina, alto sopra le lunghe gambe. Avevo già lo stomaco di traverso e il cazzo in tiro. Non ci misi molto a decidere… mi alzai in ginocchio e sprofondai il cazzo nella figa di mia moglie, palpeggiando le tonde natiche e le cosce invitanti. La chiavata fu intensa e lunga, proseguii i miei affondi sino a quando guardando in alto vidi il soffitto girare vorticosamente ed avvicinarsi,come se io mi stessi sollevando in aria. Nelle mie orecchie suonarono le trombe del giudizio universale e venni annientato da un celestiale godimento, innaffiando ancora una volta trionfalmente il caldo ventre di Martina. Avevo ripreso il possesso della mia figa. Anche Jeanclaude venne subito dopo con un grido soffocato e Martina risucchiò una boccata di sborra calda, appena munta, che golosamente inghiottì.


“ grazie del passaggio Jeanclaude,non vediamo l’ora di buttarci sul letto…è quasi l’alba ormai “
“ grazie a voi,di tutto,per me è stata una serata fantastica,la migliore della mia vita credo “
“ non ne dubito amico mio, non ne dubito….”
“ mi farebbe piacere rivedervi dato che vi fermate qualche giorno “
“ ehm…chissà, vedremo….”
“ buonanotte Jeanclaude,un bacio..”
“ notte Martina,un bacio anche a te,sei bellissima..”


“ sei contento amore?.. sono stata brava?..ti ho soddisfatto?..”
“ sei stata fantastica,tesoro,grazie.Sono contento che non ti sia annoiata…..anzi…ho sentito anche qualche sonora espressione di piacere… “
“ beh amore,che vuoi…un orgasmino mi può anche essere scappato, è normale….o avresti preferito che fingessi?...”
“ certo che no…la sincerità prima di tutto “
“ sono contenta che tu abbia apprezzato, farei questo ed altro per accontentarti…..”
“ lo so,gioia mia, ti sei sempre impegnata per soddisfare i…..miei desideri, lo sai che ti amo anche per questo..”
“ hai visto che comunque alla fine sono rimasta sempre tua, per tutta la notte…. da buona e fedele mogliettina. Non puoi certo dire che ti abbia trascurato .. o peggio, ingannato “
“ ehm… si,certo, quantomeno posso dire di aver vinto io la partita per tre a due…”
“ Max, non devi pensare sempre a questi particolari senza importanza…non fare il gelosone….io non ti ho mai tradito e mai lo farò,questo è ciò che conta tra di noi..la fiducia e la sincerità “
“ certo amore,come al solito hai ragione tu..”
“ buonanotte Max,ti amo..”
“ anch’io ti amo, buonanotte mio dolce tesoro..”

Sdraiato sul letto,non ancora completamente sveglio, pensavo alla mia vita coniugale e facevo un po’ di bilancio.
Potevo certamente essere felice di aver incontrato Martina, una donna così bella e passionale non si trova tutti i giorni. E poi avevamo tante affinità, stavamo così bene insieme… lei si era subito innamorata di me e devo dire che questo sentimento così intenso mi aveva stimolato tantissimo, potrei dire che il mio amore per lei sia stata la naturale conseguenza del suo per me… nessuna donna mi ha mai amato così tanto e questa cosa bellissima ha gratificato il mio ego al punto che ora io non potrei più fare a meno di questo amore, mi crollerebbe il mondo addosso, precipiterei nel vuoto della depressione,perderei la stima di me stesso, insomma potrei arrivare addirittura al suicidio…. Io vivo per lei più che per me, mi basta solo averla vicina, è parte integrante del mio corpo e soprattutto della mia anima….

Facevo anche altre considerazioni sulla nostra vita sessuale, così intensa, così totalizzante….il sesso con Martina era stupendo, direi unico, per la carica ormonale che ci rendeva chimicamente compatibili e produceva un’intesa fisica perfetta. La sua estrema passionalità contribuiva poi a mantenere su livelli molto elevati la nostra attrazione reciproca.
Ma a volte era anche un po’ difficile calmare il suo appetito, non in termini qualitativi ma quantitativi… in pratica, alla mia età ormai faticavo a tenere il ritmo, anche se porto bene i miei 47 anni, curando tantissimo l’alimentazione e facendo regolarmente palestra. Devo dire che sino ad ora il mio “attrezzo” non mi ha mai tradito….o almeno, quasi mai. Le donne certo, da questo lato, hanno meno preblemi dell’uomo. Il fatto è che Martina ha un appetito fuori misura e questo in un certo senso mi obbliga a trovare il modo di soddisfarla il più possibile, anche cercando “aiuto” da altri uomini.
Questo comportamento ovviamente cozza con la mia gelosia di maschio e di marito, ma non so veramente che altro fare… io non riuscirei a soddisfarla da solo e mi sembrerebbe così di toglierle qualcosa di molto importante..la amo così com’è e voglio che sia felice e soddisfatta,sono pronto a tutto per lei.
D’altra parte cerco di farmene una ragione…”hai voluto la moglie passionale al limite della ninfomania? Allora trova il modo di gestire i suoi desideri “ pensiero questo che a volte,quando sono un po’ depresso, mi suona in modo decisamente più crudo : “ se non sei capace di accontentare tua moglie devi rassegnarti a fartela chiavare “….
Il destino però ha voluto concedermi una specie di premio di consolazione, che consiste in una perversa passione che mi assale in “quei” momenti, quando sto male e mi sembra di soccombere alla gelosia. Vederla tra le braccia di un altro mentre fanno sesso sfrenato mi procura una eccitazione dirompente,esagerata, mi sento il cervello spaccato in due parti…non ho mai preso droghe ma immagino che sia paragonabile allo “sparo” di una dose in vena… credo anche di essere ormai assuefatto a questo torbido piacere, al punto da ricercarlo spesso.

Beh, tutti questi ragionamenti,per certi versi un po’ complessi e contorti, mi sembrano obiettivi e realistici. Anche se hanno un punto debole, che è anche un controsenso : la mia passione per la figa..e mi spiego…io sono assai sensibile al fascino delle belle donne,specie se giovani pollastrelle. Per questo cerco spesso l’avventura fuori dal letto coniugale, è un mio vizio assai deplorevole, lo ammetto, anche controproducente rispetto alla mia non facile gestione dei doveri coniugali, ma non riesco a farne a meno. La spiegazione è abbastanza semplice…sono attirato dalla novità della carne, una bella pollastra mi accende dentro il fuoco del desiderio a cui non posso resistere fino a quando non riesco a spegnerlo in qualche modo. Dopo mi passa tutto,infatti non mi sono mai fatto un’amante fissa. Massimo quattro o cinque botte e via, storia finita.


Alcune volte,tirando le somme di tutto questo, mi sovviene ciò che mi diceva un amico compagno di scuola, quando andavamo assieme a caccia di femmine : “ a te piace la figa ma non le santarelline, quando ti sposerai dovrai cercarti una moglie un po’ puttana “……io rabbrividisco al pensiero che alla fine possa aver avuto ragione lui…….

“ Martina,dove sei?.. sei in bagno?...” nessuna risposta. Ma allora è uscita da sola,pensai, magari è andata a far colazione perché aveva fame. E mi ha lasciato dormire…
Infatti dopo una ventina di minuti mi bussò alla porta. “ tesoro ho fatto una buonissima colazione, non ti ho svegliato anche perché tu bevi solo un caffè,quindi lo puoi prendere al bar quando scendiamo. Intanto ti sei riposato ancora un pò “
“ certo amore,va benissimo. C’era molta gente al ristorante? “
“ oh si,era tutto pieno,soprattutto americani e russi. Una ressa incredibile….pensa che mentre sceglievo le marmellate qualcuno mi è passato dietro e mi ha strusciato sul culo..roba da matti..”
“ si,infatti,è incredibile…e chissà mai perché lo hanno fatto proprio a te…”

Poiché si era accesa una piccola lampadina nella mia testa,volli eseguire un controllo. Tirai Martina sul letto e la baciai con tenerezza,non trascurando però di passare una mano sul suo corpo. Arrivato all’incrocio delle cosce,sotto la gonnellina,trovai molta umidità…era chiaro che la strusciata sul culo aveva lasciato un piccolo, ma non trascurabile segno.

“ok, diamoci da fare” pensai, e dissi a mia moglie :
“ amore perché non ti spogli. Così ci rilassiamo un attimo “ ed iniziai a concentrarmi, lavorandomi lentamente il cazzo.
“ ehm, Max, veramente pensavo che è già un po’ tardi e mi piacerebbe andare a visitare l’acquario. Il capo recezionista mi ha appena regalato due biglietti omaggio… un uomo davvero efficiente e gentile, anche un gran bell’uomo, sai? Pensa che è di origine araba e quindi ha un fascino particolare,un po’ esotico…”
“ ah sì?... e non ti ha raccontato niente della sua infanzia,dei suoi studi,delle sue vacanze,delle sue amicizie?...beh,se non l’ha ancora fatto magari pensa di poterlo fare magari in privato, invitandoti nel suo appartamento a bere un thè…… “
“ ehi, non sarai mica geloso?...è stato solo gentile con me, nient’altro.”
“ ma sì,certo, nient’altro…sai, a volte la mia fantasia corre un po’ troppo...”
“ comunque Max,per tornare a noi, se vogliamo andarci a quell’acquario, ci dobbiamo sbrigare, per cui temo che non avremo tempo per fare frikki frikki…. Ti dispiace tanto,tesoro?...sei arrabbiato?... ti giuro, è solo per questa volta…”
“ no,va bene… non preoccuparti “ e tirai un sospiro di sollievo, avevo risparmiato un colpo in canna.
“ io mi metto il vestitino di ieri sera,non ho portato tante cose da casa….”
Accidenti no, ci risiamo,così conciata sarebbe stata una mina vagante,una preda da catturare, una provocazione in movimento, un insulto alla miseria…

















Questo racconto di è stato letto 1 4 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.