Mia moglie Martina 5

Scritto da , il 2020-11-05, genere tradimenti

Daniela mi bombardò di messaggi durante tutta la settimana. Avevo l’impressione che si fosse ormai invaghita di me,ma questa non era una buona cosa. Certo,anch’io la pensavo spesso e mi capitava di desiderarla ardentemente, ma sapevo che questa storia doveva finire,e presto.
Perciò mi convinsi che la cosa migliore sarebbe stata di dirglielo chiaramente per poi mantenere buoni rapporti di amicizia e niente di più. C’era anche il problema di Gianpaolo,il quale sicuramente avrebbe cercato in qualche modo di potersi scopare ancora Martina. Ma per fortuna,essendo molto timido,sin’ora non si era fatto vivo. Nel caso,avrei parlato chiaramente anche con lui,ovviamente in sede separata.

Mi decisi ad agire poiché le cose imbarazzanti vanno risolte in fretta,onde evitare guai.
Chiesi a Daniela di vederci a casa sua un pomeriggio quando suo marito era al lavoro. Accettò immediatamente. La raggiunsi quindi il giorno stabilito e parlammo a lungo. Non fu facile poiché mi stava incollata addosso sbavando di voglia e un uomo non rimane mai indifferente ai desideri di una bella donna,non è etico e non è corretto.Insomma non sta bene.
Infine dovetti diplomaticamente accettare le sue richieste di soddisfazione… che si tradussero praticamente in due botte in figa,una in culo e una lunga seduta di sesso orale reciprocamente elargito…..
A pomeriggio inoltrato lei,sfinita, accettò sia pure a malincuore le mie buone ragioni e siglammo solennemente da buoni amici la fine dei nostri giochi erotici.


Il giorno seguente mi recai in una località della riviera dove possedevo un appartamento con vista mare,affittato ad un notaio del posto,un uomo un pò scorbutico e supponente che mi stava sulle palle e che non incontravo mai volentieri.
Mi aveva chiesto di fare una modifica per far arrivare il metano nella cucina ed evitare così la schiavitù di dover riempire le bombole del gas. Dovevo dunque fare un sopraluogo per decidere se autorizzare il lavoro ed eventualmente trovare un accordo per dividere i costi.

Arrivato a destinazione fui piacevolmente sorpreso, il notaio non aveva potuto lasciare l’ufficio ed aveva delegato la moglie a ricevermi. Era una donna giovane,penso avesse meno di trent’anni, a differenza del marito che ne aveva almeno 25 più di lei, essendo divorziato ed essendo convolato a nuove nozze con la nuova e giovane fanciulla. Si chiamava Fanny, io pensavo fosse un diminutivo ma mi disse che invece era il suo nome vero. Non era molto alta,anzi direi piuttosto piccola e minuta,con un bel visino da ragazzina,due delicate tettine che stimai una seconda misura e gambe esili ma sode e ben tornite. La trovavo molto sexy e pensai al contrasto tra il suo corpo piccolo e quello del marito,piuttosto alto ma soprattutto assai robusto e pesante. Pensai che a letto il marito l’avrebbe schiacciata se si fosse posizionato sopra di lei, a meno di non prestare molta attenzione…
Fanny era una tipa riservata,non tanto allegra,ma dolce e gentile. Si premurò di offrirmi un thè e dei biscotti fatti in casa mentre le parlavo della mia idea su come eseguire i lavori in cucina. Mi disse che non ci capiva molto ma che si fidava della mia esperienza, fu davvero accondiscendente e carina. Tutto il contrario del marito. Indossava un graziosissimo vestitino estivo e due belle ciabattine da sposina casalinga. Non so come ma man mano che parlavamo,mi accorsi di desiderarla e la cosa mi riempì di una strana eccitazione.La guardavo e pensavo che aveva delle forme da donna matura,ma in scala ridotta, in pratica una bella figa in miniatura…Credo che a questo mio improvviso desiderio non fosse del tutto estranea l’idea, un po' trasgressiva, che mi sarebbe piaciuto mettere un bel paio di corna a quel marito così indisponente ed antipatico,che tra l’altro non si era nemmeno fatto trovare in casa nonostante avesse insistito per l’appuntamento.
Una donnina così carina,sexy e femminile certo non si trovava tutti i giorni e la mia indole di sciupafemmine mi spingeva ad impostare qualcosa di più concreto che non una semplice chiacchierata. Stavo per prendere qualche iniziativa,affidandomi alla mia capacità di improvvisazione, quando mi balenò il pensiero di Martina.

Io amo profondamente mia moglie e non mi piace farle un torto.Quando mi trovo in queste situazioni devo sempre fare i conti con il mio senso di colpa… penso alla gelosia di Martina e a come reagirebbe se mi vedesse fare il cascamorto con qualche donnina,con l’intenzione oltretutto di metterle le corna…
È vero che sino ad ora questo pensiero solo in pochi casi mi ha fermato e questo non solo per la mia natura di gran puttaniere,come lei a volte mi definisce nei suoi accessi di gelosia,cosa solo in parte corrispondente alla verità. La cosa che spesso mi spinge a dare sfogo ai miei desideri extraconiugali è il rapporto tra di noi. Non il rapporto inteso come vita coniugale,ma il rapporto tra il numero di cazzi che si prende lei e quello di figa che tocca a me…. non c’è paragone….beh,la faccenda è un po’ complicata, è vero, e anch’io ci metto del mio nell’organizzare le sue scopate estemporanee, quindi non è semplice stabilire diritti e doveri in questo gran puttanaio, ma il fatto comunque resta. Secondo me il rapporto ideale,tutto considerato,dovrebbe essere più o meno di 1 a 10. Inutile dire che l’1 è il mio…. quindi, dato che lei non permette che io scopi con altre, per mantenere almeno quel miserevole rapporto qualche volta devo pur darmi da fare e prendere da solo qualche iniziativa, o no?......

Inghiotttito l’amaro boccone del canonico senso di colpa, sfoderai per la graziosa fighetta il mio sorriso più affascinante e le dissi che per me era una delizia parlare con lei, chiedendole anche se suo marito fosse geloso per via dell’evidente differenza di età. La domanda era un po’ audace ma serviva per rompere il ghiaccio. Sorridendo maliziosa, rispose che si, il marito era effettivamente geloso e che spesso le stava un po’ troppo addosso. La frase mi fece rivivere il pensiero di poco prima, con la sposina minuta sotto la gran mole del marito che chiavandola come un toro rischiava di travolgerla e soffocarla.
Le consigliai allora di prendersi i suoi spazi e di vivere appieno la sua giovinezza,assecondando i suoi desideri e succhiando quando possibile il midollo della vita. “a cominciare dal mio cazzo” pensai, ma naturalmente non lo dissi. Fanny divenne pensierosa e capii che il suo cervello stava elaborando una quantità di dati.. appariva quindi indecisa..ma certamente aveva capito dove volevo andare a parare.. mi diedi mentalmente qualche buona chance anche perché nel confronto tra me e suo marito,almeno fisicamente,non c’era storia.
Le chiesi la cortesia di poter bere un caffè, solo per farla andare in cucina. Dopo di che la raggiunsi ed appoggiai entrambe le mani sulle sue spalle,massaggiandole un poco e rimanendo in attesa. Le mie mani a contatto con il suo corpo e le mie orecchie ben tese aspettavano di ricevere un qualunque segnale,positivo o negativo che fosse.
Dopo un tempo che mi sembrò lunghissimo si girò lentamente con un’espressione che mi parve contrariata…
“ ma lei potrebbe darmi una mano?..”
“ a fare che?..” risposi stupidamente,mordendomi subito dopo le labbra..
“ ma a succhiare il midollo della vita, no?… “
“ beh,si può vedere,se una donna me lo chiede,di solito mi presto volentieri “
Il suo viso si illuminò e mi apparve radioso,forse il suo computer cerebrale aveva rilasciato il suo “ok,vai pure..”
Ebbi la sensazione che il suo viso si avvicinasse al mio ed io in queste cose raramente sbaglio.
Pensai che mi volesse offrire le sue labbra quando le dischiuse…invece parlò ancora :
“ ma non potremmo darci del tu? ….e poi come si trova il midollo della vita?"
Una cosa nella vita l’ho imparata… se le cose si trascinano troppo a lungo,molto spesso finiscono in vacca. Se adesso ci mettevamo a disquisire del lei e del tu e i discorsi continuavano sul significato del midollo della vita,vecchia frase d’effetto che avevo usato un sacco di volte con ottimi risultati,tre scopate ogni cinque tentativi, allora si rischiava di rovinare tutto. L’effetto della frase doveva essere capitalizzato subito, all’istante,altro che spiegazioni….
Quindi l’attirai a me e le chiusi la bocca con un bacio ardente,con tanto di lingua….

Eravamo nella camera da letto. Io ero steso nudo e lei aveva addosso un tenerissimo completino bianco da scolaretta. Dopo una sessione di baci durata una buona mezz’ora,durante la quale Fanny aveva timidamente ma ripetutamente apprezzato la consistenza del mio attrezzo, decisi di offrirglielo da assaggiare. Lei ci sapeva fare,evidentemente il marito le aveva dato una buona istruzione.Leccò con maestria il cazzo duro e svettante,lavorandolo con calma lungo l’asta e poi soffermandosi a leccare il glande con pazienza e delicatezza…quindi lo infilò tutto fino in fondo alla gola ed iniziò una magistrale pompa che quasi mi travolse per l’enfasi e l’energia profusi..mi sentii risucchiare sin nel profondo,sentendo salire man mano il livello di piacere e di godimento. Quando percepì che la mia eccitazione stava raggiungendo il punto di non ritorno,abbassò il ritmo,come sa fare un’esperta pompinara.. quindi dopo un poco riprese a succhiare con lena,mentre io stravolto dal godimento iniziai a toccarla,impastando con la mano il delizioso culetto ancora ricoperto dalle tenere mutandine.

Il problema fu lo specchio…intendo dire un grande specchio a soffitto che prima non avevo notato… il marito aveva evidentemente pensato di enfatizzare il proprio eros deliziandosi con la vista dall’alto delle effusioni erotiche praticate insieme alla giovane mogliettina….
Godetti quindi anch’io di questo inusuale punto di vista, ma proprio qui accadde il fattaccio….
La scena di me nudo con la testa della fanciulla che posizionata a quattro zampe mi spompinava mentre io libidinosamente le accarezzavo il culo,mi diede inaspettatamente il colpo di grazia. Sia pur mettendo in atto un tardivo quanto inutile diversivo , cercando di pensare ad altro,come i problemi con l’ufficio delle tasse o il funerale di mia nonna, cedetti di schianto ed assistetti rassegnato alla vista del mio cazzo che pulsava, schizzando con furia nella bocca accogliente di Fanny una quantità industriale di sborra calda, che lei si deliziò di ingoiare completamente.

Un simile pompino si prova poche volte nella vita,questo fu il lato positivo. Quello negativo fu invece che ero completamente spompato e certo non in grado di gustarmi quella ormai agognata figa in una lunga,goduriosa cavalcata. O almeno non subito. Il recupero appariva però non molto rapido, occorrevano lunghi palpeggiamenti,slinguate,pazienza e soprattutto tempo. Che non avevamo. Infatti Fanny un po’ costernata mi fece presente che stavamo facendo tardi e che di li a una mezz’ora avrebbe potuto rincasare il marito.

Fu giocoforza interrompere i giochi erotici. E in fretta. Mi rivestii velocemente e dissi a Fanny,dandole l’ultimo focoso bacio,che ci saremmo rivisti probabilmente il prossimo mese poiché avevo intenzione di tornare per sorvegliare i lavori del gas. Le dissi anche che sarei andato a cena in un albergo vicino che conoscevo dove avrei anche pernottato, evitando di tornare subito a casa in macchina col buio.


Il mio telefono squillò alle 8 in punto, era Fanny che mi dava il buon giorno. Poi disse :
“ mio marito è appena uscito di casa per andare al bar vicino all’ufficio a fare colazione. Io sono ancora sotto le lenzuola e mi sta passando per la testa un sogno erotico… per caso non ti andrebbe di passare da me per un…salutino prima di partire?...sai, il sogno erotico sarebbe che tu entrassi in casa usando le chiavi che tu possiedi ed entrassi nudo nel letto ancora caldo di mio marito…”

Cazzo,pensai,questa ci sa fare con i giochini perversi…eccome ci sa fare.
Ovviamente non ci pensai due volte,avevo la possibilità di effettuare il recupero ormai insperato….
Balzai dal letto e dopo 15 minuti entravo già nella casa silenziosamente. Mi spogliai nudo in soggiorno ed entrai silenzioso in camera. Mi avvicinai al letto nella penombra e scivolai come un ladro sotto le lenzuola tiepide. Lei mi aspettava trepidante,nuda ed eccitata. L’abbracciai senza dire una parola ed iniziai a baciarla con passione,lei rispose al bacio respirando affannosamente,sentivo il suo calore e la sua voglia di me. Iniziai a palpeggiarla mentre il mio cazzo si predisponeva al desiderato accoppiamento, carezzandole avidamente il culo e le cosce…poi toccai la sua corta peluria e lentamente introdussi due dita nella figa calda….calda si,ma anche allagata,direi un pò troppo allagata….
“ ma che cazzo è tutta questa sbroda?..”
“ vedi,mio marito prima è uscito dalla doccia con il cazzo in tiro,spesso gli capita al mattino… allora è tornato a letto e ha preteso di fare una scopatina prima di andare in ufficio.Mi ha montata mettendosi di sopra, mi ha dato una decina di colpi e mi è venuto dentro. Non ho potuto rifiutare,spero che tu non ti arrabbi. Io non sono venuta perché pensavo a te….e poi con lui vengo raramente,di solito fingo”
Un po’ incazzato lo ero, ma come….si fa chiavare dal marito e dopo cinque minuti mi telefona,salto nel suo letto e la trovo infarcita di sborra...e che cazzo….. Però apprezzai almeno la sua sincerità e dopo tutto la situazione era effettivamente molto,molto erotica…due belle corna affibiate a quel gran porco del marito, entrando nel suo letto e chiavandogli la mogliettina ancora calda di lui…beh,il mio cazzo duro come il marmo mi faceva capire che era d’accordo, quindi accettai l’omaggio della sposa.

La montai in tutte le posizioni facendola godere non meno di cinque volte. Per fortuna stette ben zitta,mordendosi le labbra per non urlare,ma gemendo come una porca a tutti i miei furibondi assalti.
Godetti anche questa volta dello specchio a soffitto inebriandomi gli occhi di tutte le posizioni più spettacolari viste dall’alto. Fanny sgambettò nell’aria, mi cavalcò, si mise a quattro zampe e mi fece omaggio anche del suo fantastico posteriore. Venni tre volte con inaudito piacere sguazzando nella sua figa già allagata e facendole il pieno con altra abbondante sborra. L’ultima volta mi fece godere in figa tenendomi allacciato a lei con le gambe intrecciate sopra il mio culo,per sentirmi ancora più in fondo.

Tornando a casa in macchina,ormai sfinito della sfibrante monta,mi concessi il lusso dell’autoflagellazione. Mi insultai ad alta voce,usando i più spregevoli appellativi, mi autodefinii un depravato fedifrago figlio di puttana,mascalzone,vigliacco e traditore, indegno di avere una moglie così innamorata e devota. Stavo anche per dire fedele, ma la parola mi si strozzò in gola…… eppure a pensarci bene,potevo affermare che quella era davvero la verità. Quando mai Martina mi aveva tradito?....mai….mai….ogni volta che si lasciava ingroppare, lo faceva sotto i miei occhi e solo dopo la mia preventiva autorizzazione. Quindi, dov’era il tradimento?....oltretutto io avevo imparato a godere di queste corna. Ecco, al massimo potevo ammettere di essere un gran cornuto, ma ero comunque un cornuto volontario. Io invece ero il traditore…..quando trovavo l’occasione giusta non mi facevo scappare qualche succulenta pollastra. Ma ero consapevole di rischiare molto….Martina avrebbe potuto scoprirmi prima o poi e allora avrei potuto ritrovarmi qualche mattina con i coglioni staccati di netto con un trinciapolli….buoni solo per dar da mangiare al gatto. Sarebbe stata una giusta punizione…….


Martina non stava più nella pelle dalla gioia quando le dissi che potevamo prenderci una settimana di vacanza. Lei infatti doveva fare sette giorni di ferie ed io ero riuscito a delegare i miei impegni di ufficio per qualche giorno ad una signora molto brava e pratica che si era prestata per l’occasione. Martina ebbe qualche dubbio sul fatto che questa signora,abbastanza piacente anche se un po’ cicciottella,fosse disponibile a farmi questo favore gratuitamente.
“ te l’assicuro,Martina,le ho offerto di pagarla,mi sembrava ovvio, ma non ha voluto assolutamente “
“ mi sembra molto strano.. e poi quella quando viene nel tuo ufficio ti guarda sempre in modo languido….qui c’è sotto qualcosa….”

Invece Martina si stava proprio sbagliando pensando che con quella tipa io ci scopassi. Non era assolutamente vero. Al massimo,ma solo quando avevo bisogno un favore, mi lasciavo fare un pompino sotto la scrivania,magari durante una telefonata….senza impegno o coinvolgimento di nessun tipo.

Partimmo di buon mattino per Montecarlo,la meta che avevamo scelto per la vacanza. Guidavo la mia porsche con la mano destra infilata tra le cosce di Martina. Pensavo a quanto era bella e quanto mi aveva fatto arrapare quella stessa mattina mentre si stava vestendo… uscita dalla doccia nuda si era infilata un completino nero ridottissimo,da rimanere estasiati a vederla e desiderare di riempire il suo corpo di baci. Sopra si era infilata un vestitino rosso che le avevo appena regalato e che le stava d’incanto.. per farla breve,non ho potuto resistere ed ho dovuto farle rifare tutto, farla rispogliare,sfilarle il reggiseno e le mutandine e, dopo averla ammirata tutta nuda sul letto, assestarle un veloce ma delizioso colpettino… sentivo ancora in fondo alle sue cosce l’umidità lasciata dalla mia amorevole quanto profonda innaffiata.

Arrivati a Montecarlo scendemmo al Montecarlo Bay, un hotel a cinque stelle di gran classe, proprio sul mare con tante piscine e tutte le comodità. Il fatto è che quando vado in vacanza con Martina cerco sempre il meglio,senza badare a spese, poiché ogni giorno passato con lei mi sembra unico e irripetibile e quindi meritevole di essere vissuto pienamente senza compromessi. Come se fossi in compagnia di una nuova bella fidanzata.

Saliti in camera ci sistemammo rapidamente ,poi facemmo una bella doccia ristoratrice. Usciti dal bagno in accappatoio spalancai la grande finestra per deliziare gli occhi con la meravigliosa vista sul mare; anche Martina era estasiata e felice di essere lì, l’hotel e il panorama erano stupendi e la prospettiva di trascorrere una intera settimana in quel posto da favola l’eccitava moltissimo.
Ci sedemmo vicini sulla sponda del letto guardando quello spettacolo della natura…
“ grazie Max,non sai quanto mi fai felice con questa vacanza. Non potevo desiderare niente di più bello, tu sai sempre come accontentare i miei desideri ed io apprezzo moltissimo i tuoi sforzi per farmi stare bene. Solo con te riesco ad essere completamente felice,tutto ciò che mi piace,mi piace ancora di più perché me lo sto godendo con te. Se adesso io fossi con un altro non sarebbe la stessa cosa..

Non avevo parole adatte per rispondere,le feci solo una tenera carezza sui capelli,poi mi sdraiai sul letto restando accanto a lei,assaporando con la mente le belle frasi appena udite.
Più che vedere, percepii che Martina si era lasciata cadere alle spalle l’accappatoio e stava delicatamente slacciando la cintura del mio. Poi sentii il calore delle sue mani che accarezzavano il mio corpo con dolcezza…il contatto dei suoi capelli sciolti e selvaggi sul mio ventre arrivò appena dopo. Come pure il calore della sua lingua sul mio cazzo a riposo… lo leccò lentamente con tranquillità, senza manifestare il suo caratteristico ardore erotico. Quando lo imboccò cominciai a percepire una graduale erezione e il saliscendi ritmico delle sue labbra mi portò dolcemente verso il piacere…. Gustai il contatto della sua morbida lingua a lungo,molto a lungo,avrei voluto trascorrere ore in quel paradiso dei sensi….ma la mia natura alla fine,dopo un’interminabile dolcissimo godimento, ebbe la meglio sulla mia volontà ed il piacere dei sensi mi avvolse come una calda e morbida coltre. Fui quindi travolto,inerte,dal più dolce orgasmo della mia vita, in cui la lussuria lasciò il posto,forse per la prima volta, ad una pura delizia amorosa……….


Dopo un breve sonno ristoratore,ci alzammo per prepararci alla serata che desideravo frizzante e colma di divertimento. Indossai pantaloni attillati, scarpe leggerissime e una stupenda camicia bianca, tutti regali di Martina.
“ tesoro,come sto?.. “
“ sei perfetto,dimostri almeno 10 anni di meno…”
“ beh,è un bel complimento.. e tu che ti metti? “
“ avrei pensato al vestitino con i fiori,è molto elegante ma forse un po’ troppo corto per la mia età..”
“ cosa? Per la tua età?.. “
“ si,a 37 anni forse la minigonna non è più adatta,può risultare un po’ eccessiva, magari anche un po’...volgare “
“amore,non scherziamo, a parte il fatto che l’età è quella che si dimostra e tu dimostri meno di trent’anni, i tuoi 38 anni non li hai certo stampati sulla schiena come i numeri dei calciatori… la minigonna tu la puoi portare molto meglio di una ragazza di vent’anni, e sai perché?.. perché il 99 per cento delle ventenni venderebbe l’anima al diavolo per avere due gambe come le tue…”
“ ma secondo te perché le mie gambe sarebbero così speciali?.. “
“ perché sono belle, sexy, lunghe e perfette, rappresentano lo stato dell’arte,la pietra di paragone,lo standard universalmente riconosciuto di come devono essere due belle gambe femminili. Chiaro?.. e adesso infilati quel vestitino,così sembrerai abbastanza giovane per uscire accompagnata da un giovanotto come me…”


Restai come fulminato….guardai Martina con indosso quell’abitino da ragazza, fantastico nei colori e corto da far paura,gambe lunghe e sensuali da mettere a dura prova il cervello dei maschi, lunghi capelli biondi sciolti sulle spalle, viso candido e innocente con rossetto color lampone,orecchini lunghi a goccia,scollatura esagerata con reggiseno bianco in mostra e due tette che sembravano voler scoppiare,ai piedi infine sandaletti rossi con tacco 12. Era un vero schianto… me la mangiai con gli occhi e lei restò candidamente in posa a farsi ammirare con un sorrisetto dolce ma molto malizioso. Sapeva benissimo quale impatto aveva così agghindata sugli occhi e soprattutto la fantasia di un uomo……
“ amore,sei una vera bomba….però sai non credo che potrò lasciarti uscire così, sei troppo….troppo….sei troppo,ecco… farai girare la testa a tutti,uomini e donne, ed io scomparirò, sarà come se non ci fossi…ma tutto sommato sono tuo marito,non è giusto che tu possa oscurarmi così completamente.”

Rimasi in piedi,fermo, sospettando di essere preda di un attacco di gelosia…si, doveva essere così…e poi che altro poteva essere?...non lo capivo esattamente,forse c’era anche un pizzico di invidia,magari avrei desiderato essere lei, almeno questa volta…queste strane sensazioni mi stavano tormentando il cervello. Ma come potevo lasciarla uscire così..così……impunita..ecco quella forse era la parola giusta, impunita. Ma questo significava forse che la dovevo punire per essere troppo attraente?...era una bella domanda, ma senza risposta…

“Max,lo so io cosa ti passa per la testa e te lo vorrei spiegare a modo mio…”
Così dicendo Martina con una spinta mi mise a sedere sul letto e poi avvicinò il suo ventre alla mia faccia. Sollevò un poco il vestitino e fece affondare il mio viso nelle mutandine, dicendomi :
“ tesoro assapora e annusa la tua femmina“
Leccai allora disperatamente le mutandine profumate e cominciai a fargliele scendere sulle cosce,fino a sfilarle.
Allora mi spinse a sdraiarmi e con sapiente mossa mi sfilò pantaloni e boxer lasciando il tutto penzolante ai miei piedi.
Sedette con maestria sul mio cazzo già disperatamente teso verso l’alto e mi scopò lentamente muovendo in alto e in basso il bacino. La visione era spettacolare,anche quella dall’altra angolatura riflessa dallo specchio dell’armadio. Lei vestita di tutto punto con orecchini e sandaletti stava ondeggiando su e giù, piantata sul mio cazzo, con rara eleganza e sensualità. Aveva in mano la situazione e l’iniziativa… mi stava scopando ed io inerte subivo la monta… ma percepivo il crescente, potentissimo piacere che mi pervadeva.
Si chinò in avanti senza smettere di muoversi sopra di me e avvicinò la bocca al mio orecchio.
“ Chiavami Max,chiava la tua mogliettina che ti desidera tanto…. godi la tua femmina sino in fondo,immergiti tutto nella sua femminilità,non pensare ad altro… riempi la passerina della tua donna con il frutto del tuo piacere….il segno di possesso del tuo territorio…. Si, Max, perché tu mi possiedi completamente,sono tua,tua….questa bella femmina che ti fa impazzire di desiderio e gelosia è tua…. spruzza tutto il succo di vero maschio dominante e riempi la tua figa sino a farla traboccare… camminando insieme,mano nella mano,tu saprai che sono tua perché mi avrai appena posseduta e la tua semenza inzupperà ancora le mie mutandine,colando piano all’interno delle mie cosce. E l’odore del tuo seme resterà addosso alla tua femmina per tutta la serata. Che ti potrà importare se gli uomini guardandomi mi mangeranno con gli occhi pieni di libidine?...io resterò tua comunque in ognuno di quegli istanti,perché avrò dentro la mia intimità di donna il segno indiscusso del tuo possesso e del tuo comando…..”

Le parole sussurrate di Martina esplosero nel mio cervello come una bomba atomica….In vita mia non ricordavo una sborrata più potente,lunga e abbondante…. schizzai 7...8 volte,pompando dentro il suo utero quasi mezzo litro di sborra rovente e svuotai i miei coglioni fino a lasciarli completamente rinsecchiti.


Camminando sul lungomare, tenendo Martina teneramente allacciata a me, capii una volta di più quale immenso tesoro fosse mia moglie per me e quanto felice dovessi essere per averla incontrata. Martina era l’irrinunciabile,coinvolgente,grande amore della mia vita.






















Questo racconto di è stato letto 1 9 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.