Il Mio Amico e Mia Madre

Scritto da , il 2020-10-23, genere bisex

Faccio ultimo anno del diploma ho 19 ho perso la testa per un ragazzo ruspante alto muscoloso e coatto mi tratta male in classe sanno della mia omossessualità e mi trattano bene passo i compiti quando posso e faccio e distribuisco i compiti in classe qualcuno di loro di nascosto ci siamo visti dopo la scuola e andando in posti nascosti si sono fatti fare i bocchini e chi stava dotato mi facevo inculare e godevo e mi sono fissato su STEFANO IL GREZZO MI eccita e sogno che mi prende con la forza e mi sbatte al muro facendomi godere con il cazzone in culo Uno dei primi che mi sbatteva forte e mi insultava e facevo tutto quello che mi chiedeva perché mi faceva godere con lui e il suo cazzone venivo senza toccarmi il il custode aveva 35 anni io dicevo che mi sentivo male e loro mi accompagnavano dal custode in attesa che mi accompagnasse a casa e la prima volta mi chiese dove avevo il dolore e mi abbassai il pantalone e mostrai la pancia e lui si avvicino e allungo la manona muovendola in tondo sulla pancia e tenendo altra mano dietro sulle chiappe e muovendole poi mi diceva ma quale parte ti fa male alando la maglia sua aveva aperto la patta e io infilavo la mano e toccavo il cazzone grosso lungo e con la cappella grossa sudato e odorava di piascio e diventava sempre più grosso e poi lo tiravo fuori e lo mettevo in bocca lo succhiato e mi infilava le dita nel culetto ma uno cosi grande avevo paura di prenderlo e lui mi sollazzava e mi riempiva la bocca costringendomi a ingoiare tutto e pulirgli il cazzo una mattina venne in classe dicendo che avevo visite e ,i porto in casa sua e li mi spinse in ginocchio ficcandomi il cazzone in bocca e scopandomi la bocca poi mi ha tirato su e mi ha costretto a togliermi i pantaloni e infilando le dita con forza mi scavava e poi mi ha messo la crema e piegato sul tavolo a gambe aperte mi ha ficcato il cazzo in culo tappandomi la bocca urlavo e sentivo dolore il cazzo scivolava e mi teneva stretto sotto di lui minacciandomi e schizzarmi dentro e segandomi cosi ho goduto anche io quando avevo voglia aspettavo che uscissero tutti e poi tornavo indietro suonavo e mi facevo sbattere come una puttana e godevo insulti e modi bruschi mi facevano schizzare provavo degli orgasmi da sballo una mattina usci dalla classe e andai a prendermi il cazzo il Coatto mi ha visto e mi ha seguito e guardando dalla finestra a visto la mia inculata tornato in classe alla ricreazione e venuto e mia ha detto ti aspetto fuori dalla scuola devo parlarti gli ho detto dove doveva aspettarmi e sono arrivato e lui appoggiato al muro nascosto dalle piante si toccava il cazzo e mi ha detto ti ho visto oggi con il custode come ti sbatteva e come godevi una cagnetta in calore e da quando lo fate un paio anni e ha cacciato il cazzone più grosso e lungo tremavo dalla voglia e mi ha detto ti piace ? Ho fatto si lo vorresti dentro e mmmmmmmmm Perché fai cosi io voglio una donna se mi fai scopare una donna ti sbatto fino a farti impazzire non conosco donne che ti fanno scopare dai fammelo toccare enorme ti prego allungo la mano e lo accarezzo mi blocca la mano e mi dice fammi scopare una donna e questo e tuo tutte le volte che vuoi ci sati e lo rimesso dentro ok ti faccio sapere e sono scappato via rosso e eccitato e torno a casa e a pranzo mia madre parlava con una sua amica e chiedeva una massaggiatrice e mi è venuta idea lo bloccata e gli ho detto che noi a scuola abbiamo un massaggiatore bravo e gratis può venire a casa a domicilio e organizzato per sabato pomeriggio ho chiamato il coatto e gli sviluppato idea e doveva prendere i prodotti dalla palestra e il lettino io distraevo il custode facendomi scopare e lui portava fuori il materiale e cosi abbiamo fatto ho lasciato il cancello accostato e lui ha fatto tutto abbiamo portato attrezzi a mia e ho rubato un camicie bianco che usano i dottori quando vengono a visitarci e ho fatto fare una doccia calda nuda con asciugamano intorno al corpo e gli ho fatto bere un bicchiere di liquore forte arriva il coatto in moto e lo fatto entrare e lui si è messo la tuta senza slip e una canottiera e il camicie e lo portato bello studio atrezzato per i massaggi e il lettino e mia madre stesa asciugamano appoggiato si sono salutati e mia madre mi ha detto è giovanissimo ha forza il ragazzo quando vuoi sono p ronta ho messo una musica particolare e lui ha iniziato a passare dell olio sulle spalle e diceva a mia madre di rilassarsi sentiva legata chiuda occhi e si lasci trasportare dal tocco delle mie mani e la massaggiata ha tolto asciugamano e con le mani e le dita tra le chiappe e io vedevo il cazzone nella tuta duro di lato appoggiato sul lettino e lo strusciava sui fianchi e aprendo le chiappe ha visto la fica è scivolato con le dita dolcemente e lei ha mugolato e ansimando allargata cosi lui potesse andare in fondo e infilando il paòmo aperto la muoveva su e gù facendola tremare e gemere e poi si è spostato davanti alla faccia e strofinando il cazzo davanti il suo viso che ho visto mia madre allungare il collo e tirare fuori la lingua e passarla sul bastne e lui lo ha tirato fuori e lo baciato e leccato e poi ha messo la mano dietro il culo e lo ha spinto verso la sua bocca era rossa ansimava e gemeva chiudendo occhi e lui con la mano tra le gambe di lei la masturbava e si è tolto tutto la girata e lei succhiava di lato il cazzone lui piegato che apriva le labbra e infilava la lingua e le mordeva il clitoride facendola saltare e gemere e poi scesa e lo ha preso per la mano e andata in camera da letto e sono caduti sul letto come due serpi attorcigliati si godevano bacio in bocca profondo e sensuale e lei sotto aperta a gambe lui sopra che strusciava il cazzone poi lei ha allungato la mano e lo ha spinto per farlo entrare e lo ha fatto entrare e da sotto spingeva e lui ha dato un colpo secco e lei urlava e gemeva e lo incitava e la sbattuta forte e io ero eccitato nascosto e non vedevo ora di farmi sbattere e urlare come mia madre poi lla messa a pecprina e li colpi secchi e aggrappato alle tette vedevo il cazzone che usciva e entrare e quando lui si è disteso la fatta salire e godeva vedere il cazzone che usciva e saliva e ha avuto un orgasmo gridando e piangendo e lui le ha schizzato dentro avevo paura il coatto dopo mi avrebbe accannato una volta scopato mia madre uscito dalla stanza lo portato in camera mia aveva ancora il cazzo semi eccitato e mi sono inginocchiato e lo succhiato e lui mi scansava e voleva lavarsi e mi diceva buono c è anche per te stai tranquillo aspetta fammi lavare sono sudato e ho aspettato uscito era bellissimo io steso nel letto con un perizoma nero alzavo e abbassavo il culo sodo e liscio e lo guardavo mentre si asciugava e mi passavo la lingua sulle labbra per farlo eccitare e lui si è seduto affianco a me mi accarezzava la schiena dal collo al culo e ficcando le mani nelle chiappe e spingendo le dita nel buco era bello bagnatp e aperto aspettava solo di essere sbattuto mi sono allungato tra le sue gambe e lo baciato e dolcemente passavo la lingua sulla cappella e lungo fini sotto leccando i coglioni e il buchetto mi stringeva forte le chiappe e si allungato sopra e infilato il cazzone dentro le chiappe e lo muoveva dentro e fuori e io lo assecondavo avevo voglia e gli dicevo dai fammi tutto ho visto come ha fatto gidere mia madre dammelo cosi anche a me sono tuo tutte le volte che vuoi mi faccio scopare da chi vuoi tu ma tu fammi urlare e mi ha girato ci siamo abbracciati e io avevo accavallato le gambe sulle sue spalle e lo preso e lo avvicinato e lo baciato in bocca è rimasto fermo poi si lasciato andare e mi ha baciato con passione e bagandosi le dita me le ha passate sotto e ha appoggiato la cappella e baaciandomi entrato e lo ha spinto tutto dentro colpo secco facendomi urlare e mi teneva stretto e io godevo cercavo di liberarmi e lui mi stringeva e ha sbattuto forte e li ho avuto il primo orgasmo senza toccarmi mi stringevo forte e lo incitavo soaccami sono tuo dammelo tutto ti voglio e colpi secchi e poi mi ha girato e scopato e poi mi ha appoggiato al muro e li ho urlato di piacere girandomi e baciandoci e ho sentito dentro schizzare e stato bellissimo poi si staccato e mi ha dato con le due mani una sculacciata sulle chiappe e prendendomi per i capelli e tirandomi verso di lui mi ha detto non cercarmi quando hai voglia di cazzo ti chiamo io quando ti voglio scopare capito ? iop detto si e vestiti e siamo scesi a cena mamma mi ha baciato sulle guancie e mi ha detto grazie amore di mamma mi hai fatto felice e poi ha baciato in bocca il coatto dopo cena abbiamo bevuto e suk divano lui in mezzo e noi ai lati che lo accarezzavamo e lui aveva infilato le sue mani tra le nostre gambe toccando la fica e il culo e muiveva le dita dentro e gli ho sfilato la tuta e la canotta e mi sono denudato e ho spogliato mia madre e abbiamo portata in camera e lui al centro io succhiavo e lei lo baciavo e poi ci siamo scambiati e mia madre mi ha preso il cazzo e lo ha succhiato insieme al suo e mi ha fatto eccitare e poi lui la fatta salire e le ha infilato il cazzo dentro e mi ha detto tirandomi dietro e dovevo inculare e il cazzo era duro e ho infilato e insieme ci siamo mossi lei ha goduto gridando e lui la fatta scendere e mi ha fatto salire e lo cavalcato poi mi ha girato e io sotto aprendo le gambe lui mi baciava e mi sbatteva e mia madre infilata tra noi a succhiarmi il cazzo e le sono venuto in bocca e poi ha preso il suo e lo ha succhiato facendosi schizzare in gola mentre lui le ravanava la fica e la faceva godere , mi stavo lavando e avevo sporcato òa cappella e mi dava fastidio e mia madre entrando mi ha detto vieni ti faccio sapere come fare e mi ha insegnato a pulirmi internamente adesso io e mamma a casa lo aspettiamo e quando vuole lui viene e ci accontenta tutte e due e come ci sfonda ....

Questo racconto di è stato letto 7 5 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.