Il personal trainer di mia figlia – Capitolo 15

Scritto da , il 2020-09-18, genere dominazione

Completato il giro delle scale avevo il sedere in fiamme. Artemio mi lasciò al centro dell’atrio, tra le due rampe di scale, dicendomi che avrei passato il resto della notte facendo compagnia a Virginia e che il mattino successivo sarei ritornata a casa.
Prima di andare via, Artemio mi mise uno strano braccialetto sul polso e mi diede gli ultimi compiti:
“Levati pure i morsetti da fica e tette, sempre che non ti dispiaccia tenerli, e mettine due ai capezzoli di questa troia. Puoi anche slegarla ma deve tenere il culo su quella sedia. Spegni anche il vibratore, sarai tu a farla venire ad intervalli esatti di trenta minuti, che ti saranno segnalati attraverso quel braccialetto che trasmetterà un impulso elettrico ogni mezzora. È fastidioso e un po’ doloroso, soprattutto riceverlo quando dormi, per cui sta a te non addormentarti e disattivare l’impulso tramite il pulsante rosso 10 secondi prima che scada il tempo. Lì c’è dell’olio, scopala con le dita fino a che squirta, domani vogliamo vedere una bella pozza di succo nel pavimento. Ah, dimenticavo: le telecamere vi riprenderanno tutta la notte, per cui fate quello che vi è stato ordinato senza imbrogliare”.
Rimanemmo sole, le tolsi il bavaglio e facemmo conoscenza. Virginia era una donna sulla cinquantina, capelli biondi ondulati, viso rotondo, occhi castani, abbastanza formosa per riempire di curve nei punti giusti i suoi 165cm di altezza. Suo marito era un dirigente di una importante azienda della regione, che di comune accordo con lei l’aveva portata in questa villa, perché ci rimanesse una settimana: doveva superare la sua timidezza, diventare più disinibita, più aperta a incontri sessuali con colleghi e clienti del marito.
Arrivai al mattino distrutta, praticamente non avevo chiuso occhio. Anche Virginia era uno straccio, probabilmente l’avevo prosciugata, perché gli ultimi orgasmi si manifestarono solo con intense contrazioni: nell’ultima ora non ero più riuscita ad estrarre una sola goccia e aveva iniziato ad avere dei prolassi rettali facilitati dal fatto che la sedia aveva una apertura centrale nel sedile.
Al mattino si presentò nuovamente il maggiordomo che mi tolse l’irritante braccialetto e mi riconsegnò i miei vestiti. Mi vestii, e quando uscii fuori ebbi una vera sorpresa: Bruno era venuto a prendermi!
Mi diede un caloroso bacio sulle labbra e mi prese in braccio:
“Pensavi che ti lasciassi guidare in queste condizioni?”
“Ma la macchina…?”
“Non ti preoccupare, la recupereremo nei prossimi giorni. Adesso riposa! Sono orgoglioso di te, per come hai affrontato e superato le prove a cui sei stata sottoposta”
Mi depose sul sedile posteriore dell’auto, sollevò leggermente il gonnellino nero e mi diede un bacio su una natica.
“Cazzo, ti hanno lavorato per bene…non appena arriviamo a casa ti curerò come si deve.”
Partimmo, poi mi addormentai e dormii per più di sedici ore, quindi rimasi assopita per qualche altra ora, fino all’alba del giorno successivo, quando mi risvegliai sul letto della mia camera.
Nei giorni successivi che servirono per far passare tutte le infiammazioni procurate nei due giorni di tortura, Bruno e io ci comportammo come due novelli sposi, ma almeno per una settimana non facemmo l’amore; Bruno era stato chiaro: voleva un rapporto completo, comprensivo di ogni canale. Infatti, dopo quasi una settimana di astinenza mi scopò e mi inculò per un intero pomeriggio, era la prima volta che avevo un normale rapporto sessuale con Bruno, senza costrizioni e senza la presenza di qualcun altro. Non mancarono le pacche sul sedere, sempre più violente man mano che l’eccitazione saliva e i nostri corpi scivolavano nel sudore l’uno sull’altro. Quella stessa sera andammo a cenare in un ristorante; anche in quella situazione indossavo un vestito sobrio come da un po’ di tempo non mi capitava. Durante la cena Bruno mi fece un discorso…
“Barbara, il percorso di addestramento fatto in questi due giorni è stato importante per gettare le basi di una relazione più robusta e aperta tra noi due e …non solo. Ogni mia decisione su quello che dovrai e non dovrai fare sarà incontestabile…volevo riprendere da dove avevamo interrotto:
da domani inizierai lo svezzamento di Giorgio, il ragazzo della palestra, …e domani sera mi farai compagnia, ho un impegno di lavoro, devo incontrare un rappresentante di attrezzature sportive nel mio appartamento e tu sarai il suo incentivo per un buono sconto…”
…un buono sconto! mi avrebbe usata come fossi stata una puttana! Bruno continuò a elencare altre richieste che di tanto in tanto perdevo un po’ frastornata da tutta la situazione.
“… vorrei, inoltre, che tenessi delle boccette di olio sempre a disposizione…una nella borsetta, e una in ogni camera della casa: in qualsiasi momento avessi voglia del tuo culo faremo uso di quell’olio, dimenticati di ripristinarlo o averlo a disposizione e faremo tutto a secco.”
Rimasi meravigliata dalle parole di Bruno, se non altro per il momento, ossia nel bel mezzo di una cena romantica dopo una intensa giornata di sesso! tuttavia sapevo bene quale fosse l’obiettivo di Bruno ed ero cosciente che il mio livello di sottomissione sarebbe cresciuto sempre di più tendendo verso uno status di schiava. Nonostante tutto, la cosa mi faceva eccitare incredibilmente!
Quando rientrai a casa presi diversi barattolini in vetro, li riempii di olio e li distribuii in ogni camera, compreso lo sgabuzzino, perché ero certa che Bruno mi avrebbe scopata anche lì dentro. Al mattino mi svegliai con grande entusiasmo pronta a far vedere a Giorgio e quindi a Bruno quale troia fossi realmente.
Quella settimana Giorgio sarebbe andato in palestra ogni giorno, in accordo con Bruno, che aveva organizzato i suoi allenamenti in funzione del mio tempo libero, quindi lunedì a metà mattina mi recai in palestra. Giorgio aveva appena concluso l’attività ginnica e, completamente sudato, si era recato all’interno dello spogliatoio privato utilizzato esclusivamente da Bruno o da qualche ospite d’eccezione.
Bruno mi condusse oltre la porta degli spogliatoi privati e fece le presentazioni:
“Bruno, questa è Barbara, probabilmente l’avrai già vista e ti sarai sicuramente masturbato al pensiero di poterla avere…”
Il volto di Giorgio arrossì immediatamente per la vergogna, mentre di contro io mi bagnavo oscenamente al solo pensiero di essere stata l’oggetto del desiderio di un ragazzo più giovane di vent’anni. Strinsi la mano sudata di Giorgio contemplando un fisico che, con l’allenamento assiduo, pian piano prendeva forma. Non staccava gli occhi dal mio top nero attillato, al limite della trasparenza, con i capezzoli che in assenza di reggiseno spingevano come a voler uscire dal tessuto. Bruno, provocatoriamente mi fece fare un lentissimo giro su me stessa per mostrare a Giorgio tutte le mie curve; per l’occasione avevo messo dei leggings push up, arricciati e bianchi, con l’intenzione di fargli scoppiare le palle ancora prima di iniziare.
“Come avrai certamente capito Giorgio, Barbara è una grande zoccola e stai sicuro che ti svuoterà i coglioni ogni giorno fino all’ultima goccia, e se ce la farai anche più volte al giorno, per tutta la settimana. Non ti sarà concesso penetrarla, essendo una troia di mia proprietà solo io, almeno per il momento, godrò di tutti i suoi buchi. Ti dovrai accontentare della bocca e potrai abusare di lei come meglio credi: seghe, pompini, spagnole, schiaffi, sputi, sculacciate e tutte le perversioni che più ti eccitano…ma senza esagerare”.
Inutile dire che nonostante il training e il mio voler essere puttana, mi sentivo a disagio nel sentire quelle parole oscene pronunciate di fronte ad un giovane nerd semisconosciuto.
Bruno se ne andò con un augurio:
“Buon divertimento! e… Giorgio! ricordati di approfittare della situazione, perché ti sto offrendo Barbara solo per questa settimana, dalla prossima sarai tu a darti da fare per trovare una donna che ti soddisfi”
Giorgio era rimasto come imbambolato seduto sulla panca, perché pur sapendo da tempo dell’opportunità concessa da Bruno, non aveva realizzato come avrebbe affrontato quella realtà. Mi levai le scarpe con i tacchi a spillo, sexy da mozzare il fiato, seppur fuori luogo per una palestra. Gli levai la canotta e mi inginocchiai abbassandogli pantaloni e mutande: l’uccello, di medie dimensioni, era in perfetta erezione…ma che strano? La cappella era gonfia e lucida: un po’ di lavoro e sarebbe esplosa! Giorgio era ancora fermo impalato: dovevo rompere il ghiaccio e scuoterlo, quindi dopo avergli baciato la punta della cappella spingendo con la lingua sull’orifizio uretrale, mi sollevai in piedi e cercai di sollecitarlo:
“Spogliami Giorgio!”
Si alzò in piedi e mi tolse il top facendo ballonzolare i seni. Sarà stato il movimento delle tette, ma da quel momento Giorgio si diede una scossa e iniziò a leccare e succhiare i capezzoli stringendo i seni fino a farmi male. La foga era tanta che sembrava non capire più nulla.
“Toglimi i leggings, Giorgio!... ti va di leccarmi il culo?”
Al sentire quelle parole i suoi occhi sembravano uscire dalle orbite: mi abbassò i leggings talmente rapidamente che quasi me li strappò di dosso! La sorpresa fu tanta quando vide che non portavo le mutandine e finalmente espresse le prime parole:
“Che troia!!!”
Mi fece allargare le gambe e iniziò a leccare la passera fino a fare il giro e a concentrarsi nel sedere. Dopo Qualche minuto si risedette sulla panca:
“Succhiami il cazzo Barbara!”
Iniziai a leccarlo lungo tutta l’asta e già capivo che non sarebbe durato a lungo…gli leccai le palle cercando di prolungare il suo piacere e aumentando contemporaneamente la sua eccitazione.
Stavo proprio godendo nel farlo impazzire dalla voglia. Dopo un po’ di rapidi affondi in gola mi concentrai sulla cappella ruotandola dentro la bocca e segandolo contemporaneamente, in poco tempo mi riempì la bocca lanciando un urlo di piacere. Dopo qualche secondo entrò Bruno:
“Cazzo Giorgio! Abbassa il volume…meno male che al momento non passava nessuno!” Bruno mi osservava con un ghigno misto tra soddisfazione ed eccitazione.
“Lo hai fatto sborrare troia? Vieni qui, fammi vedere come ti ha riempito la bocca!”
Aprii la bocca facendo vedere a Bruno il risultato del mio lavoro.
“UHHH quanta sborra! Manda giù! Fai vedere a Giorgio quanto ti piace la sborra e quanto sei cagna!”
Ingoiai.
“Ti è piaciuto Giorgio?”
“Oh sii! È stata fantastica!”
“Barbara: faglielo rizzare di nuovo, voglio vedere quanta sborra riesci nuovamente ad estrarre dalle palle di Giorgio!”
“Certo signore! Ho ancora sete…”
Che porca! Il mio linguaggio era così esplicito che quasi non mi riconoscevo! Probabilmente l’età del ragazzo aveva facilitato il mio essere così disinibita e scurrile, a complemento delle mie esperienze sessuali estreme.
Bruno fece ritorno presso la reception, mentre Giorgio decise di farsi una doccia trascinandomi con sé sotto l’acqua. Rispetto alla prima sessione di sesso era decisamente più sciolto, tanto che, dopo qualche minuto che lo masturbavo sotto la doccia mi spinse verso il basso facendomi inginocchiare. Quindi mi ficcò tutto l’uccello in bocca spingendo sempre più in fondo. Ben presto lo ritrovai nuovamente grosso e con le vene in risalto: era una immagine che mi faceva impazzire e mi eccitava fuori misura.
Continua….
(Per eventuali commenti o suggerimenti contattatemi su dukeduke1069@yahoo.com)

Questo racconto di è stato letto 6 1 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.