Il personal trainer di mia figlia – Capitolo 16

Scritto da , il 2020-09-26, genere dominazione

Più scorreva il tempo e più Giorgio acquisiva sicurezza mentre io diventavo sempre più porca e spompinavo con maggiore passione. Dopo una breve pausa per uscire dalla doccia e asciugarci, Giorgio mi fece distendere sulla panca e dopo aver lubrificato i seni leccando e sputando nell’incanalatura, si posizionò a cavalcioni sopra di me facendo scorrere il suo uccello tra i miei seni che schiaffeggiava con una frequenza che aumentava proporzionalmente all’eccitazione. La sua vera natura stava uscendo fuori, e chissà che Bruno non lo avesse capito prima, mettendomi alla mercé di un altro sadico.
Mentre faceva scorrere il suo uccello in una spagnola da urlo, Giorgio tirava e storceva entrambi i capezzoli dandomi della cagna o della troia e costringendomi a lanciare delle grida strozzate per la paura di essere sentiti all’esterno. Giorgio sembrava ossessionato dai miei seni, perché alternava delle brevi scopate a delle lunghe spagnole nell’ultima raggiunse il secondo orgasmo riversando sulla mia faccia il suo sperma, meno abbondante rispetto alla prima eiaculazione. Ormai era ora di pranzo, Giorgio aveva avuto il suo primo giorno di goduria, così mi feci una doccia e andai a mangiare con Bruno in una vicina paninoteca. Quindi, uscimmo passeggiando e mangiando un panino:
“Vestita così faresti arrapare anche un morto! Ce l’ho duro da quando ti ho consegnata a Giorgio questa mattina!”
“È un complimento per il mio abbigliamento, signore!”
“Sei una gran troia Barbara! Adesso ti dico cosa faremo nelle prossime ore: sbrigo due cose in palestra e ce ne andiamo nel mio appartamento, ti lego come un salame e ti inculo per il resto del pomeriggio, ti piace l’idea?”
“Si Signore! Il mio culo è tuo”
“Ripeti come piace a me puttana!”
“Il culo di questa zoccola è tuo mio signore!”
“Si, brava! stai imparando in fretta…ma c’è solo una imperfezione in quanto hai detto: il tuo culo è mio e di chi deciderò debba incularti, perché arriverà un momento in cui ci sarà la fila di cazzi che vorrà alloggiare tra le tue chiappe. Ti piace l’idea di avere tanti uomini pronti a fotterti?”
“A me piace tutto ciò che piace a te signore. Certamente il mio desiderio è quello di essere solo tua.”
Volevo essere solo sua, anche se l’idea di essere circondata da tanti uomini mi eccitava.
“Già da stasera mi dovrai dare dimostrazione della tua obbedienza: ho invitato a cena Flavio, una mia conoscenza di vecchia data. Abbiamo un rapporto collaborativo di lavoro nell’ambito delle attrezzature da palestra, ma siamo anche buoni amici. Il tuo compito sarà quello di metterlo a suo agio, magari con un bel pompino!”
“Che tipo è? Ha preferenze sessuali particolari?
“Che io sappia no! In soldoni non si tratta del classico maiale. Lui è un tipo simpatico, di bassa statura e carnagione scura… ha una sessantina di anni ed è prossimo alla pensione. Voglio fargli una sorpresa per cui dovrai farti trovare ben oliata in ogni orifizio, pronta a qualsiasi sfizio sessuale di entrambi. Potrebbe essere che lo soddisfi durante la nostra chiacchierata d’affari, e chissà che gli si annebbi il cervello e faccia una pazzia...”
Sbrigate le sue faccende in palestra, Bruno lasciò la stessa nelle mani di un suo collaboratore che in serata avrebbe chiuso il locale. Quindi, ce ne andammo nel suo appartamento e Bruno fu di parola, perché mi bloccò le cosce alla schiena con una fascia elastica, e mi ammanettò le mani facendo passare le braccia sotto le ginocchia: il risultato fu quello di avere il sedere completamente aperto e disponibile ad ogni gioco perverso. Ma non era finita qui, grazie alla disponibilità di attrezzature ginniche, presenti nella sua sala giochi speciale, rimasi sollevata dal pavimento a mezza altezza tramite quattro fasci di corde fissate al soffitto e collegate alla fascia elastica che mi bloccava in quella posizione. Mi inculò per tutto il pomeriggio, fermandosi e riprendendo in modo sempre più energico: complice l’olio, il suo uccello entrava completamente. Sentire gli affondi sempre più forti e decisi con le sue palle che sbattevano sulle mie natiche faceva aumentare il livello di eccitazione; da un certo momento in poi, Bruno riusciva a farmi schizzare continuando con la sua opera di demolizione del mio culo e giocando contemporaneamente con il mio clitoride martoriato dalle sue dita. La giornata era caldissima e terminammo in un bagno di sudore. Bruno ebbe tre orgasmi successivi tutti all’interno del mio ano, che a fine serata, come diceva lui, appariva come l’estremità di un cannolo ricolmo di panna straripante. Inutile dire che il buco del mio sedere era oscenamente allargato e così rimase fino alla sera, ossia fino all’arrivo di Flavio. In effetti, sebbene avesse abusato del mio sedere, avevo goduto! …e lo avevo fatto ancora una volta con Bruno! ma quanto desideravo il suo uccello nella mia passera!
Verso le otto di sera arrivò Flavio, andai ad aprire la porta vestita in lingerie sexy da mozzare il fiato: un completino blu notte costituito da una mutandina in pizzo, aperta al centro per consentire un accesso facile al mio sesso, delle calze a rete, dei reggicalze e un paio di scarpe con il tacco da far venire le vertigini. Come se fosse stato necessario avevo indosso un reggiseno push-up che faceva scoppiare il seno fin sotto il mento. La mia pelle era lucida dall’olio che avevo cosparso prima del suo arrivo. Quanto mi sentivo troia! E probabilmente fu anche il pensiero di Flavio, quando aprì la porta e mi trovò davanti: immediatamente il suo viso assunse una colorazione rossa, fece un grosso sorriso e si presentò.
“Bruno! Così mi metti in imbarazzo…”
“Ciao Flavio! Ti piace la mia bambola?”
“Direi proprio di sì! È uno schianto!”
“Barbara per me è tante cose: la mia compagna, la mia troia, la mia schiava e la mia puttana! E stasera ci sarà una sorpresa anche per te…Ma prima mangiamo qualcosa e poi parliamo di lavoro…”
Sarà stato per il mio recente training, ma in quella circostanza, l’imbarazzo che provavo non era più quello di qualche tempo prima.
Consumammo un pasto veloce e poi Bruno e Flavio parlarono d’affari, accomodandosi Bruno sulla poltrona e Flavio sul divano di fronte a lui. Durante la loro conversazione, in cui si scambiarono più volte dei dépliant, io rimasi in piedi immobile affianco alla poltrona di Bruno, così come mi aveva ordinato. Di tanto in tanto passava la sua mano nel mio sedere insinuando le dita nella fessura aperta delle mutandine e incontrando così le grandi labbra inevitabilmente già bagnate. Flavio, che osservava queste situazioni, si eccitava visibilmente facendo aumentare gradualmente il suo imbarazzo; contemporaneamente, su ordine di Bruno, fissavo Flavio mordendomi delicatamente il labbro superiore. Dopo una mezzora di tortura psicologica in cui Bruno e io ci comportavamo come se tutto fosse naturale, sulla fronte di Flavio si evidenziavano alcune gocce di sudore. A quel punto Bruno mi diede un energico schiaffo sulla natica invitandomi così ad avvicinarmi a Flavio. Salii sul divano mettendomi a quattro zampe, inarcai la schiena e avvicinai il viso sulla patta di Flavio:
“Uh… che buon odore di cazzo! Posso aprire?”
“Oh santo cielo! In tutta la mia vita non mi era mai capitata una situazione simile…! Certo!!! apri pure…”
Flavio si abbandonò nello schienale come in segno di resa, mentre Bruno rideva e si godeva la scena. Intanto, lo slacciai, tirai fuori l’uccello segandolo e guardandolo in faccia mentre chiudeva gli occhi e pronunciava qualche imprecazione:
“Oh cazzo!! Che serata, uhm e che maiala!!!”
“…allora Flavio che sconto potresti farmi per tutto il pacchetto?”
La domanda di Bruno rappresentava il segnale per l’inizio di un lento e profondo pompino, che aveva bloccato la lingua di Flavio, in quel momento incapace di parlare.
“Barbara è proprio una gran troia, vero Flavio?...ma ricorda che noi dobbiamo concludere la trattativa e per tale ragione penso tu abbia bisogno di un ulteriore incentivo…”
Bruno si sollevò dalla poltrona e si posizionò di fianco al divano dietro di me; quindi iniziò a battermi il sedere schiaffeggiandolo violentemente e rendendolo rosso in pochi minuti. Contemporaneamente aumentai l’intensità con cui muovevo la bocca andando più veloce e ingoiando il membro di Flavio che sbatteva a fine corsa nella mia gola. Il culmine e quindi l’orgasmo lo raggiunse nella mia bocca subito dopo essermi staccata per dirgli: “Ti prego dammi tutta la tua sborra perché il mio culo sta prendendo fuoco a furia di prendere schiaffi!”.
Subito dopo essere venuto, rimasi sul divano nella stessa posizione, mentre Bruno, calatosi i pantaloni, iniziò a scoparmi, come premio per avere fatto un lavoro egregio e avergli sicuramente fatto guadagnare un bello sconto. Godevo come una ninfomane, incalzando Bruno davanti a Flavio con frasi urlate tipo “Scopa la tua puttana!”.
La serata si concluse con la solita venuta di Bruno nella mia bocca e con il comando di ingoiare dopo aver mostrato a Flavio quanto fosse ricolma di sperma. Flavio non faceva altro che ridere per nascondere il suo imbarazzo che durante la serata era stato altalenante come in una montagna russa; quindi se ne andò via esausto e soddisfatto.
Io e Bruno andammo poi a riposare: ma prima di dormire mi diede un lungo e profondo bacio in bocca.
Il mattino successivo e il resto della settimana mi concentrai su Giorgio prendendo il comando della situazione e sfinendolo in ogni modo. Con il trascorrere del tempo stavo acquisendo più sicurezza per cui sapevo come far eccitare Giorgio, come portarlo al limite e smettere, e come e quando farlo venire.
Il sabato successivo mentre stavo pranzando con Bruno a casa mia ricevetti la telefonata di Monica.
“Ciao tesoro come stai?”
Nel frattempo che Monica raccontava delle novità relative al suo lavoro e alla sua nuova vita, Bruno da gran bastardo, approfittò della situazione: prese due mollette e le applicò ai miei capezzoli, quindi mi levò la sedia da sotto il sedere e mi costrinse a restare in piedi. Mi trovavo in biancheria intima e tacchi a spillo così come voleva Bruno, perché quello doveva essere il mio abbigliamento quando mi ritrovavo a casa in sua presenza.
“…io niente, nessuna novità Monica, le solite cose, le amiche, la biblioteca…”
Bruno, che mi aveva fatto piegare in avanti sul tavolo ancora apparecchiato, si era bagnato le dita nell’olio e allargava il mio sfintere preparandolo a ben altro: infilò il suo uccello nel mio ano in un colpo solo togliendomi il fiato e quindi anche la parola per qualche secondo.
“OHI...sì Monica, ora mi senti?... e che la linea è un po’ disturbata …uh…forse troppo traffico…”
Bruno ci stava andando pesante e mi inculava con una energia più forte rispetto al solito, come se si fosse trattato dell’ultima inculata della sua vita.
“Domani? Ma che sorpresa!!! Ah…, si si tutto bene Monica, stavo inciampando…hanno suonato alla porta… tesoro ti devo lasciare, tanto ci riabbracciamo domani”.
Bruno non aveva smesso un secondo, mi stava letteralmente sfondando!
“GRIDALO CHE SEI UNA CAGNA!”
“SONO LA TUA CAGNA!!!”
“Ti sto fottendo bene? Fammelo sentire!”
“OH SIII CAZZO!!! Mi stai sbattendo da matti!
“E allora ringraziami come sai TROIA!”
“GRAZIE SIGNORE!! TI PREGO CONTINUA A SFONDARE IL CULO DI QUESTA CAGNA!”
Continua….
(Per eventuali commenti o suggerimenti contattatemi su dukeduke1069@yahoo.com)

Questo racconto di è stato letto 4 6 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.