Il personal trainer di mia figlia – Capitolo 14

Scritto da , il 2020-09-13, genere dominazione

Marzio si sarebbe rivelato meno sadico dei suoi colleghi ma decisamente più perverso e bizzarro.
“Alzati in piedi Barbara! A me non me ne frega un cazzo di collari, guinzagli e quadrupedi…girati! ... uhh cazzo! ce l’hai bello infiammato! Ah, ah…certo che ti hanno trapanata per bene!”
Marzio aveva un aspetto trasandato e sudicio: più lo osservavo e più avevo un senso di disgusto. Mentre mi parlava si denudava, mostrando un corpo sovrappeso e peloso. Quindi mi prese per i capelli, mi trascinò sul letto e sdraiandosi supino sollevo le gambe:
“Leccami il culo troia! Oggi imparerai a lucidare con la lingua il buco del culo e ti insegnerò a fare altre porcherie che lasceranno il tuo uomo a bocca aperta e ti renderanno degna di essere la sua troia.”
L’odore era nauseante ma mi sforzai a fatica di fare quanto mi aveva ordinato. Sembrava che il tempo non scorresse mai.
“Più a fondo zoccola! Fammi sentire bene la lingua!”
Continuai fino a quanto bastava a soddisfarlo ma senza andare oltre.
“Scendi giù ora, leccami le piante dei piedi”
Scesi dal letto, mi misi in ginocchio e iniziai a leccare: erano lerci e maleodoranti! Avevo continui conati di vomito, finché presi iniziativa leccandolo e risalendo fino all’interno coscia e quindi alle palle.
Rimase stupito dalla mia intraprendenza, mi disse qualche parolaccia ma fu felice del trattamento. Sollevò il bacino svariate volte obbligandomi nuovamente a leccargli il sedere, quindi iniziò l’opera di soffocamento: mi sputava in bocca e mi ficcava dentro il suo uccello spingendolo fino in gola.
“Adesso voglio provare il tuo culo: forza mettiti a pecorina!”
Me lo ficcò dentro con un colpo secco senza nessuna delicatezza e con la sola lubrificazione della mia saliva colata abbondantemente sul suo membro.
“Una troia che si rispetti deve sempre avere il culo pronto e aperto per il suo padrone”
Oltre al doloroso impatto di penetrazione, il mio povero ano bruciava da impazzire. Dopo almeno 10 minuti continui di monta piangevo dal dolore. In quel momento si fermò e mi chiuse il sedere con un grosso plug anale.
“Teniamolo bello largo fino a che ci raggiungono alcuni miei amici: non vedono l’ora di conoscere una zoccola. Ma ti voglio premiare, visto che sei stata una brava cagnetta, ti riempio la fica con il mio cazzo.”
Distesa supina sul letto, mi sollevò le gambe e iniziò a scoparmi, finalmente un po’ di riposo per il mio povero sedere. Andò avanti per una decina di minuti fino a venire dentro di me, ma la speranza di potere avere un orgasmo compensatorio delle precedenti sofferenze anali si rivelò vana.
“Cazzo che sborrata! Tieni la mia sborra dentro, farà da lubrificante…prendi quel dildo a pompetta”.
Nel bordo del letto era presente un fallo gonfiabile, me lo fece inserire nella vagina e poi iniziò a pomparlo facendolo ingrossare a dismisura. Mi sentivo esplodere e Marzio non accennava a fermarsi. Probabilmente quando iniziai a gemere più forte e vide il terrore nei miei occhi si fermò.
Sgonfiò e rigonfiò altre due volte finché non si sentì il suono di un campanello: i suoi tre amici erano arrivati. Chissà quale schifo mi attendeva, se lui era così sudicio e sgradevole i suoi amici dovevano esserlo altrettanto, e invece, sorpresa: tre ragazzoni uno meglio dell’altro. Tutti bruni e ben piazzati si levarono la maglietta e a petto nudo erano uno spettacolo. Mi aveva spiazzato! Ero lì nuda e imbambolata, in piedi di fronte a loro. Sarà stata la stanchezza e la scarsa lucidità mentale del momento, ma non feci nulla di istintivo per coprire le mie nudità di fronte a quegli estranei: forse anche questa reazione faceva parte della mia trasformazione.
“Loro sono tre miei amici…neanche te li presento, tanto sono interessati solo ai tuoi buchi che terranno tappati per un po’ di tempo, piangerai e godrai come probabilmente mai hai fatto.”
Ero sempre lì, in piedi e irrigidita, con i tre che mi giravano intorno a contemplarmi. Poi, silenziosi, non persero tempo e iniziarono a slinguarmi in bocca e a succhiare i miei capezzoli. Nel frattempo, Marzio si era seduto sulla poltrona di fronte al letto e si godeva tutta la scena. Mi lasciai andare e in poco tempo mi fecero colare come una cagna in calore. Nonostante il continuo bruciore al sedere ero eccitatissima, non ero mai stata con tre così bei ragazzi contemporaneamente. Non capivo più nulla: uno continuava a slinguarmi in bocca, l’altro mi martoriava i capezzoli e il terzo era sceso a mordicchiare il clitoride. La voglia di scopare era pazzesca, ma ero cosciente del fatto che non sarebbe stato tutto piacevole, qualche nuova sevizia mi aspettava e comunque, prima o poi mi avrebbero sodomizzato e allora sarebbero stati dolori.
Mi fecero distendere sul letto e uno dei tre, levato il fallo gonfiabile che ancora avevo nella passera, mi penetrò lentamente iniziando a scoparmi. Il ragazzo che mi baciava in bocca era sceso a lavorarmi i seni spartendoseli con il terzo ragazzo: continuavano a roteare la lingua intorno all’areola del capezzolo che poi succhiavano all’unisono. Cominciavo a godere sempre di più, finché il ragazzo che mi scopava tolse il suo uccello e lo inserì completamente nel culo. Oh cazzo! proprio mentre me lo stavo gustando era arrivata la solita interruzione dolorosa. Ad un certo punto, si bloccò quando tutto il suo membro era ben piantato all’interno, poi uno degli altri due prese il fallo gonfiabile e lo inserì nella mia passera, quindi cominciò a pompare fino a far dilatare le pareti vaginali che comprimevano il canale anale rendendolo più stretto e rendendo più difficoltoso il movimento dell’uccello che incontrava più resistenza. Terminato il gonfiaggio il ragazzo riprese a muoversi scopandomi il culo; l’attrito era moltiplicato e il dolore pure, l’infiammazione era alle stelle e il mio viso si era riempito di lacrime in poco tempo, tuttavia sopportavo e resistevo senza esternare lamenti. Dopo qualche minuto di pura sofferenza il ragazzo tolse l’uccello dal mio sedere sgonfiò il fallo, lo rimosse e iniziò a scoparmi in vagina. Il ritmo cresceva con il passare del tempo fino a che squirtai come una fontana inondandoli tutti quanti, infatti, gli altri due mi stavano sempre addosso e non abbandonavano i miei capezzoli. L’orgasmo fu travolgente e bellissimo, probabilmente il migliore che abbia mai avuto se non fosse stato per il bruciore al sedere che sentivo completamente aperto! Il primo ragazzo lasciò il posto all’amico che per prima cosa mi infilò due dita in vagina masturbandomi furiosamente fino a farmi schizzare di nuovo. Avevo perso il controllo di me stessa e venivo urlando come una bestia.
Gli altri due ragazzi mi scoparono e sodomizzarono con la stessa identica sequenza tra sofferenza e goduria.
Marzio ci tenne a fare una specifica richiesta:
“Ragazzi divertitevi come volete ma dovete riempirle il culo di sborra...che poi ho un giochetto da farle provare…!”
E così, mi sfondarono per tutta la mattina e alla fine mi ritrovai a 4 zampe con il sedere in alto e il foro anale spalancato a ricevere lo sperma di tutti e tre i ragazzi. Il liquido che colava all’interno dell’ano mi dava un po’ di sollievo perché bruciava da matti.
Riempito il sedere Marzio, che mi aveva intimato di non muovermi, si avvicinò e mi fece vedere uno spazzolino da denti:
“Questo lo infiliamo tutto dentro e rimescoliamo bene tutta la bontà accumulata!”
Che merda di uomo! …e ora che cosa intendeva fare…? ”…uno spazzolino da denti”? forse immaginavo quale porcheria avesse in mente…
“Poi mettiamo un bel plug così che rimanga all’interno e le setole possano ammorbidirsi bene nel succo”
Mi infilò un plug anale e poi mi fece sollevare in piedi. A stento riuscivo a stare dritta, un po’ per la stanchezza, un po’ per l’infiammazione e un po’ per quello schifo con cui mi avevano riempito il sedere.
I tre ragazzi e Marzio ridevano dandomi forti manate sulle natiche già abbondantemente arrossate da tutto il trattamento ricevuto.
“Adesso andiamo tutti e cinque a fare un bel pranzo”
Ci recammo nella sala adiacente dove c’era una tavola imbandita.
“Siediti troia! Avrai sicuramente fame!”
Rimanere seduta per tutto il pranzo con uno spazzolino nel sedere e il tappo che lo conteneva, fu uno strazio.
Finalmente quando terminammo di pranzare, Marzio mi portò in bagno, mi fece levare il plug anale e mi fece colare sperma e spazzolino sopra un piattino. Quindi mi fece lavare i denti con lo spazzolino ricolmo del mix di sperma che si era aggrumato sopra; inutile dire che i risciacqui me li fece fare con lo sperma restante che si era accumulato sul piattino: non mi consentì di sputare nulla, dovetti ingoiare tutto!
Marzio evidentemente soddisfatto di quello che era riuscito a farmi fare, mi concesse di darmi una lavata e mi lasciò riposare per l’intero pomeriggio al temine del quale fui prelevata da Artemio che si prese cura nuovamente delle mie povere natiche.
“Sveglia zoccola! E’ arrivato il momento di ridare colore alle tue chiappone”
“La prego signore il sedere mi brucia ancora da ieri sera!”
“Ok ridurrò il numero di sculacciate ma dovremo trovare altro per compensare…e ho già qualcosa in mente.”
Artemio prese quattro morsetti a molla seghettati: ne applicò uno su ciascun capezzolo e due sulle labbra vaginali; i denti metallici penetravano nella carne lacerandola e facendomi lanciare qualche gridolino di dolore. Su ciascuno di essi appese delle campanelle che dopo il primo giro di scale sostituì con dei piccoli pesi.
Artemio mi riportò verso quelle terribili scale che avrei fatto dolorosamente gradino dopo gradino, ma questa volta a scendere e a salire per ben due volte. Nell’ampio atrio tra le due rampe di scale c’era una donna completamente nuda, seduta su una sedia, immobilizzata da una serie di corde e con la bocca tappata da una ball gag. Aveva un grosso vibratore tra le cosce il cui suono, insieme ai suoi gemiti, rimbombava in tutto il vano.
“Quella troia si chiama Virginia ed è qui per godersi lo spettacolo…in realtà suo marito l’ha portata in questa casa di correzione perché lei si rifiutava di partecipare ad orge con lui. Qui viene masturbata ad oltranza e in qualsiasi momento della giornata è costretta a vedere sesso in ogni salsa.”
Rispetto al giorno prima Artemio mi diede tre colpi di paletta per ogni gradino, venendo incontro alla mia richiesta, ma già dai primi gradini si capiva che l’intensità e la forza che ci metteva erano maggiori. Mi bastò la prima rampa di scale perché ne avessi abbastanza ma ero solo ad un quarto del cammino. E mentre gridavo di dolore, Virginia veniva ripetutamente e mugolava in preda agli spasmi. L’immagine di Virginia che schizzava furiosamente mi faceva eccitare e bagnare incredibilmente, nonostante ogni gradino fosse un nuovo supplizio.
Continua….
(Per eventuali commenti o suggerimenti contattatemi su dukeduke1069@yahoo.com)

Questo racconto di è stato letto 6 3 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.