Il personal trainer di mia figlia – Capitolo 12

Scritto da , il 2020-08-07, genere dominazione

Artemio mi condusse al guinzaglio fino ad una strana camera in cui spiccava la presenza di una vasca da bagno, un lettino per massaggi e degli strani oblò ciechi disposti a un metro di altezza su una parete che probabilmente comunicava con una camera adiacente.
Entrati all’interno, Artemio chiuse la porta e mi consentì di sollevarmi in piedi dando così finalmente riposo alle mie dolenti ginocchia.
“Ho visto che quelle mammelle avevano troppo libertà…per cui da adesso in poi indosserai uno speciale reggiseno fatto esclusivamente in fil di ferro modellabile; stringeremo l’elastico sufficientemente per far aderire bene il ferro alla pelle”
Mentre parlava sentivo il fil di ferro premere nella pelle: il risultato finale era quello della cordicella pressata nei salumi, la pelle dei seni era ritagliata in tanti quadretti che rimanevano in rilievo quasi nascondendo il metallo che li separava. I capezzoli invece erano liberi di spiccare in risalto rispetto alla speciale gabbia, ma anche per loro ci sarebbe stato qualcosa…
“Invece ai tuoi bei capezzoli applicheremo questi succhia-capezzoli che li faranno allungare per bene”
Uhm quanto tiravano quegli strumenti infernali…invece il fastidio del fil di ferro avrei cominciato a sentirlo con il passare del tempo, e chissà cosa avrei provato alla rimozione di entrambi…
“Sdraiati nel lettino a pancia in su, tenendo la testa fuori dal bordo”

Mi distesi come diceva, quindi, dopo aver avvicinato un recipiente di due litri sospeso a mezz’altezza su un supporto metallico mobile, solitamente impiegato in campo medico, infilò una cannula nel mio ano spiegandomi cosa sarebbe accaduto:
“Ora faremo una bella pulizia con 2-3 clisteri anali, nel frattempo che gonfiamo e sgonfiamo la pancia, ti metterò in comunicazione con la stanza adiacente attraverso quelle aperture. Li dietro ci sono tre signori, tre pervertiti di prim’ordine che vedranno attraverso un monitor il trattamento a cui ti stai sottoponendo…in realtà, sono lì già da un po’ di tempo e ti stanno spiando da quando sei entrata nella villa.”

Stavo accettando qualsiasi cosa, senza alcun rifiuto e senza chiedere spiegazioni: non capivo il perché dei clisteri anali anche se immaginavo benissimo…prima o poi Bruno mi avrebbe chiesto il rapporto anale e probabilmente la preparazione allo scopo rientrava nel programma di rieducazione. Intanto, Artemio spingeva il lettino con le rotelle fino a far passare la mia testa attraverso l’oblò aperto.
“Devi sapere che questa villa si sostiene grazie alle laute somme di danaro, che questi ricchi signori versano nelle nostre casse. Quindi, la villa oltre ad essere impiegata per punire ed educare sessualmente partners di ogni genere, viene anche sfruttata per dare la possibilità a molti maniaci di soddisfare i propri vizi. Per tale ragione ti ritroverai così come sei, nuda e con un tubo nel culo davanti a questi signori; dapprima ti faranno una valanga di domande per capire che tipo di zoccola hanno davanti e poi infileranno a turno i loro cazzi nella tua bocca. È ovvio che, avendo solo la testa da quella parte, potrai solo parlare e succhiare. Questo fa parte del tuo iter educativo, così come richiesto dal tuo padrone, necessario per liberarti dai tuoi freni inibitori e da tutti i tuoi timori che ti impediscono di essere la vera vacca che in realtà sei”.
Oh cazzo, ma dove sono finita! Intanto, Artemio mi aveva fatto piegare le gambe e le aveva legate al lettino insieme alle braccia: ero praticamente immobilizzata! Sentivo il liquido entrare nelle mie viscere e il fastidio del fil di ferro nei seni aumentava gradualmente, mentre provavo la forte sensazione di tensione sui capezzoli che si stavano allungando. Intanto, dall’altra parte facevo conoscenza dei tre uomini che però non riuscivo a vedere in quanto posizionati dietro di me; sulla parete sopra la mia testa c’era la televisione di cui parlava Artemio, mentre l’arredamento che vedevo ai lati era quello tipico di un elegante salotto con mobili in noce scuro e carta da parati chiara. I tre erano probabilmente seduti su un divano.
“Come ti chiami puttana?”
“Barbara”
Pochi istanti dopo vidi il volto di uno di loro, un signore sui sessant’anni con i capelli bianchi e gli occhiali, che mi sputò in faccia e mi diede uno schiaffo.
“Puttana! Non ti hanno insegnato le buone maniere? Signore! Devi rispondere con il termine signore! Fai un altro errore e ti piscerò in bocca”
Merda! Un altro bastardo…!
“Mi scusi signore, non accadrà più! mi chiamo Barbara signore!”
“Quanti cazzo di anni hai puttana?”
“Quarantasei, signore”
“Quanti cazzi hai preso in vita tua?”
“Quattro, signore”
“Porca puttana, una baldracca come te solo 4 cazzi? Immagino ti riferisci a un rapporto completo…e a pompini come sei messa? Quanti ne hai succhiati finora?”
“Credo una decina signore”
Che vergogna, rispondevo a delle domande oscene senza neanche sapere chi ci fosse nella stanza; la situazione sembrava irreale, fino a quel momento non mi era mai capitato di ricevere e rispondere a domande così private, esplicite e volgari. Nel frattempo sentivo la mia pancia riempirsi.
“Allora, tra poco aumenteremo le tue pompe di tre…!”
Li sentii ridere…e poi continuò la raffica di domande: parlava sempre lo stesso uomo.
“Ti piace la sborra zoccola?”
Sapevo di non poter mentire, temevo che Bruno li avesse informati delle mie attitudini sessuali per cui dissi la verità:
“Non tanto signore!”
“Male, troia! Quindi non ti piace ingoiarla?”
“Ehm…no, signore”
“Bene faremo in modo di riempirti lo stomaco e…ci inventeremo qualcosa per fare in modo che non ti perda nemmeno una goccia!”
Depravati bastardi! Intanto, Artemio cominciava a svuotarmi, ma questa volta facendo anche qualche pressione sulla pancia e generando in me un po’ di dolore.
“...e il culo come ce l’hai puttana? È aperto?”
“No, signore, sono vergine”
“A quarant’anni non lo hai ancora preso in culo?”
“No, signore”
“Beh, direi che è proprio arrivato il momento di fartelo sfondare, zoccola! La verginità del tuo culo ha le ore contate!”
Poi ci fu un silenzio generale e subito dopo sentii il rumore di chi si spoglia, del fruscio dei vestiti e di cinture slacciate. Nel frattempo Artemio ricominciava a riempirmi; la sensazione era sgradevolissima, ma non più di quello che stava per accadere con i tre maiali che di punto in bianco mi ritrovai sopra la testa.
“Che faccia da troia!!!”
“Eh, sì Toni! ha proprio una faccia da troia! Strano che sia ancora vergine di culo, perché una con questa faccia dovrebbe averlo sfondato…”
Finalmente potevo vedere anche il volto e la voce degli altri due che fino a quel momento si erano limitati a fare da spettatori. Mi sputarono a turno in faccia ricoprendomi di saliva, li avevo tutti intorno con l’uccello in mano, si segavano e me lo sbattevano nelle guance.
“Apri la bocca zoccola, e tienila aperta così te la riempiamo di sputi!”
Ripresero a sputare, questa volta centrando la bocca. Trattenevo a stento i conati di vomito, mentre nel frattempo Artemio, che procedeva al secondo svuotamento, aveva iniziato a masturbarmi infilando alcune dita nella passera. Mi sentivo come un giocattolo fragile nelle mani di quattro pazzi.
Intanto, i tre porci si masturbavano tutt’intorno al mio viso: l’odore che emanavano era vomitevole e non vedevo l’ora che tutto finisse presto.
Tutti e tre raggiunsero l’orgasmo in successione rapida, probabilmente condizionandosi a vicenda, e riversando tutto lo sperma sul mio viso e sulla mia bocca. Rimasi a sentirli respirare in affanno finché dopo qualche minuto si riavvicinarono.
“Ma che bella maschera di bellezza! Ma adesso vediamo di completare l’opera…”
A parlare era sempre lo stesso uomo che, dopo una breve pausa, ritornò vicino per mostrarmi un cucchiaino da caffè.
“E adesso completiamo l’opera della troia farcita, perché non va sprecato nulla…!”
Scoppiarono tutti a ridere e subito dopo il tale di nome Toni iniziò a raccogliere meticolosamente, e dietro suggerimento dei suoi amici, tutto lo sperma e la saliva sparsi nella faccia e nel collo mettendolo poi tra le mie labbra:
“Apri la bocca e tienila aperta finché non finiamo di riempirla zoccola! Visto che stai sdraiata conserverai il prezioso cocktail di sborra e sputi in quella fogna: penserà l’amico Artemio a chiederti se e quando ingoiare.”
Nel frattempo, Artemio mi stava riempiendo per la terza e ultima volta; mi sentivo fastidiosamente più gonfia rispetto ai precedenti lavaggi, forse Artemio stava forzando la mano perché successivamente infilò qualcosa di più grosso nel mio sedere a sostituire la cannula. Io non mi sentivo più i capezzoli, sotto vuoto e stirati, e cominciavo a patire il lavoro continuo di quel dannato fil di ferro che premeva sui miei seni; oltretutto il fuoco nelle natiche non mi abbandonava: la punizione stava diventando insopportabile.
Finito il lavoro dei tre, la bocca era ricolma… che schifo!
Subito dopo, i tre si riaccomodarono sul divano e Artemio tirò dentro il lettino chiudendo l’oblò, liberò gambe e braccia dai lacci, quindi mi fece sollevare in piedi. Ebbi una strana sensazione, avevo la pancia gonfia e un tappo sul sedere che impediva al liquido di uscire.
“Ingoia Barbara!”
Mandai giù e ancora non mi capacito di come fossi riuscita a non vomitare tutto…sicuramente i tre maiali dall’altra parte stavano continuando a godersi la mia umiliazione.
“Questa sessione è stata dura e ti sarà molto utile Barbara: innanzitutto devi tollerare il linguaggio scurrile e farlo tuo, non farti problemi se agli altri appari volgare. Devi imparare a lasciarti andare e a soddisfare le voglie di chi ti desidera, indipendentemente da chi sia, vecchio o giovane, grasso o magro, maschio o femmina. È tutto chiaro?”
“Si signore!”
“Bene, ora immagino abbia qualche crampetto allo stomaco, ma prima di levarti il tappo dal culo, le nostre inservienti Irma e Luce si dedicheranno alla pulizia del tuo corpo.”
Nel momento in cui stava parlando due signore robuste di mezza età, con indosso un camice bianco e dei guanti verdi, entrarono nella stanza e mi fecero immediatamente posizionare nella vasca da bagno. Mi trattarono come se fossi stato un oggetto, senza proferire alcuna parola. Entrambe munite di spugnette iniziarono a strofinare tutto il mio corpo producendo l’arrossamento della pelle: la ruvidità delle spugne era fastidiosissima. Ma il dolore che provai quando una delle due si concentrò sulle mie povere natiche già infiammate dalle precedenti cinghiate fu indescrivibile. Andarono avanti per una ventina interminabile di minuti durante i quali tirai fuori più di una lacrima, perché oltre allo sfregamento a cui ero sottoposta era aumentato il dolore derivante dai crampi alla pancia. Finalmente poi mi tolsero il tappo anale e potei evacuare tutto! Ma non era finita lì, perché subito dopo si dedicarono al mio secondo canale effettuando una ulteriore pulizia anale con dita e scovolini. Fortunatamente durò poco. Mi sentivo umiliata esponenzialmente!
Fino a quel momento, e quindi per la durata di tutta la pulizia corporea, Artemio non mi consentì di levare il reggiseno di fil di ferro e consapevole del mio continuo dolore, ribadì che non era arrivato ancora il momento di toglierlo:
“No, il reggiseno lo devi tenere, devi anche imparare a convivere con la sofferenza: è fondamentale per una completa sottomissione al tuo padrone”.
Avevo sperato fortemente che mi liberasse da quella irritante tortura, ma così non fu’.
“Il mio compito è per il momento terminato! Ora ti condurrò da Martina, per te Signora Martina e …non farla irritare perché sa essere molto crudele, in particolare evita di guardarla in volto, tieni sempre lo sguardo abbassato.”

Continua….
(Per eventuali commenti o suggerimenti contattatemi su dukeduke1069@yahoo.com)

Questo racconto di è stato letto 6 6 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.