Il personal trainer di mia figlia – Capitolo 10

Scritto da , il 2020-07-24, genere dominazione

La sala era piena, c’erano ancora diversi tavoli liberi e quattro persone stavano in fila, con un vassoio ancora vuoto in mano, in attesa di procedere avanti dove gli addetti alla distribuzione servivano le varie portate. Il mio ingresso nella tavola calda fu seguito da un breve silenzio e un successivo vociferare. Mi sentivo tutti gli occhi addosso come se fossi nuda, e poco ci mancava…le persone presenti nell’ampia sala erano al 90% di sesso maschile, la maggior parte in divisa da lavoro, probabilmente dipendenti di alcune società dislocate nei dintorni e in quel momento in pausa pranzo.
Bruno si accorse del mio disagio e mi sussurrò all’orecchio:
“Sei una bomba sexy, ti stanno spogliando con gli occhi e chissà quanti di loro sarebbero pronti a fotterti qui al centro della sala! scommetto che hai la fica che cola…”
Che stronzo! Io che mi trovavo in forte imbarazzo e lui che ci sguazzava affondando il coltello, ma non era finita lì… Bruno diede una veloce occhiata alle portate e si avvicinò a me:
“Prendimi un piattino di riso, una fettina di pollo e dell’insalata verde. Mi raccomando prima porti il pranzo a me e poi ritorni a fare la fila per il tuo pasto!”
Quindi andò ad accomodarsi in un tavolino libero.
Non potevo crederci!!! dovevo fare la fila due volte con la vergogna di mostrarmi al pubblico come una schiava e il doppio imbarazzo di fare la fila due volte sfilando in abiti succinti davanti a tutti.
La prima fila trascorse liscia, portai il vassoio a Bruno sotto gli occhi sorpresi di chi mi osservava, praticamente tutti! Poi ritornai in fila. Davanti a me c’erano tre grossi uomini che mi guardarono con aria divertita. Quindi uno di loro mi rivolse la parola:
“Vuole passare avanti a noi?”
“Ma no, non fa nulla, attendo il mio turno, grazie comunque”
“No no, passi pure non si preoccupi, tanto noi abbiamo tempo…”
Passai avanti e ringraziai, quando quell’uomo continuò a dire sussurrando ai suoi amici:
“…e poi così potremo ammirare questo gran bel culo!”
Mi palpò il sedere con molta naturalezza come se fossi stata la sua compagna e fossimo stati in privato. Sicuramente il mio viso si colorò di un rosso acceso, mentre Bruno osservava e si godeva la scena, quindi risposi sempre sottovoce:
“Per cortesia, mi tolga le mani di dosso!”
Cazzo, che imbarazzo! Una situazione mai capitata e mai lontanamente pensata potesse accadere nella mia vita. Intanto, i tre uomini con la scusa di controllare i pasti per poi fare una scelta della portata mi circondarono divertendosi a turno a sollevare la minigonna. Trascorsi tutto il tempo che ero in fila ad abbassare il tessuto elastico della gonna sotto le natiche. Ad un certo punto sentii anche una mano esplorare sotto la gonna e infilarsi dentro il micro-perizoma per qualche secondo di troppo, necessario a tastare l’umido della mia passera: è vero morivo di vergogna, ma in fondo in fondo sapevo benissimo che alla maggior parte di quegli uomini stavano esplodendo le palle e non mi avrebbero avuto.
Finalmente arrivai da Bruno che stava finendo di mangiare il riso, mi sedetti e anch’io iniziai a pranzare.
“Ho visto che hai fatto amicizia con quegli omoni…!
“Signore, ho provato troppa vergogna e poi mi hanno toccato il sedere e non solo! ...e se qualcuno mi riconoscesse?”
“Non preoccuparti, Barbara! Siamo abbastanza lontani da casa! E comunque dillo che sei eccitata, pensa a quanti si masturberanno una volta ritornati a casa oppure anche nel bagno dell’ufficio pensando alla zoccola della mensa…! Allora? Sei bagnata?”
“Si…lo sono!”
Bruno era divertito ed eccitato da tutta quella situazione.
Terminato il pasto. Bruno mi ordinò di andare in bagno per levarmi il perizoma e portarglielo; ormai queste richieste oscene stavano diventando una routine. Feci quanto richiesto molto rapidamente per evitare di fare brutti incontri e fortunatamente in quel momento in bagno non trovai nessuno.
Ritornai al tavolino e mi sedetti per il caffè che nel frattempo Bruno aveva già preso al banco pagando il conto.
Strana galanteria dopo quello che mi aveva combinato poco prima alla distribuzione e infatti solo in un secondo momento mi accorsi che eravamo in bella vista e soprattutto non avevo le mutandine.
“Non accavallare le gambe troia!”
La sala era ancora affollata ed erano ancora in parecchi a tenermi gli occhi puntati addosso.
L’umiliazione era devastante fino a quando Bruno mi disse:
“Allarga le gambe!”
A quel punto l’umiliazione divenne esponenziale!
Considerato che la situazione poteva degenerare e sfuggirci di mano, bevuto il caffè, Bruno suggerì di andare:
“Andiamo via, veloci e dritti alla macchina, prima che qualcuno ti violenti.”
Saliti in macchina, non perdemmo tempo a ripartire.
“Sei stata stupefacente dentro il locale! Un po’ intimorita, ma ti sei comportata da vera zoccola! Hai fatto drizzare tutti i cazzi, compreso il mio…quindi adesso lo tiri fuori e mi seghi lentamente per tutto il viaggio di ritorno”.
“Grazie, signore! mi gratifica farti piacere anche se lì dentro ho avuto un po’ di paura … oltre al fatto che stavo morendo dalla vergogna”.
“Apri quel cruscotto, ho messo un fallo di silicone, masturbati anche tu con quello, te lo sei meritata!”
Così mentre procedevamo in macchina a bassa velocità segavo Bruno con la mano sinistra e mi masturbavo con la mano destra spingendo il dildo all’interno della mia passera.
“A parte il disagio che provavi, di che cosa avevi paura alla tavola calda? Troppi uomini? L’idea che potessero perdere il controllo e abusare di te?”
“Si, non ho mai avuto attenzioni da più di un uomo contemporaneamente, trovarmeli così eccitati tutt’intorno mi turbava parecchio e mi metteva ansia!”
“Ma te li saresti scopati quei tre energumeni della mensa?”
“Uhm…no”
“SLAP!!!” una forte sberla mi arrivò in viso, Bruno sapeva che non dicevo la verità.
“Non mentirmi troia altrimenti accosto e ti faccio il culo nero a cinghiate!”
“Si, signore! Chiedo scusa, ma mi vergognavo a dirlo …è vero, mi sarei fatta scopare!”
“Bene! Ricordati che ormai sei una mia proprietà, quindi scopi con chi voglio e quando voglio io! Ohm.. continua a segare, mi stai facendo riempire i coglioni. Tra un po’ lo prendi in bocca, te la voglio farcire per bene! Ti piace la mia sborra, zoccola?”
“Si signore!”
“E ti piace ingoiarla?”
“Beh…non tanto, quando ero più giovane mi faceva schifo! Poi col tempo mi sono abituata e a dir la verità da quando ti ho conosciuto ho cambiato idea”
“Ottimo! Ne avrai anche stasera… e adesso spompinami! Forza… tutto in gola come piace a me!”
Ripresi a pompare con la bocca in modo lento e continuo affondando sempre più che potevo. Il viaggio in macchina era interminabile e cominciava a dolermi la mandibola.
Quando proprio cominciavo a non farcela più e i conati erano un susseguirsi di colpi di tosse con fiumi di saliva che si depositavano tra i pantaloni di Bruno e il sedile, accostò l’auto per venire nella mia bocca.
“Sto per venire zoccola! voglio che non ingoi subito, devi assaporarla per cui la terrai in bocca per tutto il tempo che riterrò opportuno.”
Dopo qualche minuto mi riempì la bocca e quando dico riempire intendo che facevo fatica a contenerla all’interno: inevitabilmente qualche rivolo colava lungo la gola e alleggeriva il carico tenuto dentro dalle labbra chiuse.
“OHHH Che sborrata!!! E sono sempre più intense…che maiala che stai diventando Barbara!”
Dovetti resistere altri dieci minuti prima di avere il permesso di ingoiare.
Arrivammo a casa e fortunatamente Monica non era ancora rientrata, avrei avuto non poche difficoltà a giustificare il mio abbigliamento sconcio.
Intanto, dopo esserci docciati e rifocillati Bruno mi fece un discorsetto su quello che si aspettava da me dal giorno successivo:
“Da domani, ogni lunedì, mercoledì e venerdì dovrai venire in palestra alle 16.00. C’è un giovane ragazzo di nome Giorgio, ha 19 anni, è molto timido, il classico nerd ma con un bel fisico che frequenta la palestra da più di un anno. Lui arriva alle 15.00 e finisce la sua attività interamente svolta in sala pesi dopo circa un’ora. Voglio che tu lo svezzi, ti devi prendere cura di lui e del suo cazzo”.
“Ma io non credo di riuscire a farlo! E poi io…voglio te!”
“Certo che lo farai e ci riuscirai bene! Vedrai, questo passaggio è fondamentale per liberarti dalle tue inibizioni e abbattere il senso di vergogna che ti pervade”
“…ma neanche lo conosco!”
“Questo non è essenziale, tu ti devi concentrare sul suo cazzo, devi masturbarlo, farglielo ingrossare a dismisura eccitandolo e facendogli riempire per bene le palle: il tuo compito termina quando lo svuoti completamente. Userai mani, bocca e ciò che ritieni opportuno per raggiungere lo scopo, ma non puoi scopartelo, questo non ti è permesso, perché solo lui dovrà godere! Andrete nella saletta sauna, solitamente libera e quando finisci vieni da me con la sborra in bocca per darmi prova del servizio fatto. Voglio che durante la masturbazione ci parli, ai suoi occhi devi apparire come una troia ninfomane che ha bisogno della sua sborra. E’ tutto chiaro ciò che ho detto?”
“Si signore”.
“Domani vi presenterò per cui vieni in anticipo. Se farai un buon lavoro sabato ti sbatto come ancora non ho fatto! Cosa mi dici, troia?”.
“Grazie signore, se la finalità è poter essere scopata dal mio signore, mi impegnerò al massimo per avere il mio premio”.
“…e allora Barbara, chiama il tuo premio con il suo nome…”
“La tua sborra signore!”
“Alza la voce zoccola!”
“LA TUA SBORRA, SIGNORE!”
La sera Bruno rientrò al suo appartamento, mentre io cercai invano di rilassarmi aspettando Monica per la cena: inutile dire che feci fatica ad addormentarmi, non solo mi ritornavano in mente tutte le immagini della tavola calda ma continuavo a pensare a quel ragazzo, Giorgio, che forse avevo già incontrato in palestra. Ormai qualsiasi cosa mi veniva proposta da Bruno, la accettavo senza troppi indugi. Ero proprio cotta!
Il giorno dopo mi recai in palestra con largo anticipo e con il chiaro intento di farmi un giro in sala pesi al fine di scoprire chi fosse Giorgio prima di fare la sua intima conoscenza.

Continua….
(Per eventuali commenti o suggerimenti contattatemi su dukeduke1069@yahoo.com)

Questo racconto di è stato letto 5 4 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.