Amsterdam – Terminal 1 Fco

Scritto da , il 2020-06-16, genere etero

E meno male che non ho dato retta a mia madre e alle sue ansie, altrimenti il messaggio mi sarebbe arrivato quando ero già sul treno per Fiumicino. “Vengo domattina Sletje”. Ovviamente il numero è quello di Debbie. Ci sono rimasta, che ne so, aiutatemi a dire quanto ci sono rimasta male. Era tutto pronto. Trolley, passaporto, biglietto. Avevo già controllato tutto e mi ero messa anche abbastanza carina. No, da viaggio no, non proprio. Perché il viaggio, quello vero, in realtà è dopodomani. Mi ero messa carina per andare a prendere Debbie all’aeroporto.

Ai miei ho raccontato una stronzata. Ho detto loro che sarei partita stasera, ma non è vero. L’idea era stata sua: “Senti, ma visto che devo dormire due notti a Roma perché non vieni a stare in albergo da me?”. Si può dire che abbia accettato ancora prima di finire di leggere il WhatsApp. Se poi volete sapere perché non potevo aspettarla in città, magari proprio in albergo, e risparmiarmi il viaggetto a Fiumicino… beh, fatevi gli affari vostri. Avevo voglia di farlo e basta.

Invece, manco per il cazzo. Ci sono restata malissimo, ve l’ho detto. E non solo perché non avrei visto Debbie. Lo racconto alla mia amica Giovanna, davanti a una pizza. Le racconto tutto, ma proprio tutto.

Con Giovanna ci sentiamo poco e ci vediamo anche meno, il più delle volte in palestra. Ed è proprio in palestra che l’ho incontrata. Ci sono andata per sfogarmi, sfondarmi, allontanare la delusione.
Con lei posso dire di avere una intimità tutta particolare.

Nonostante la nostra frequentazione sia ridotta, ho condiviso con lei alcune cose che per molto tempo sono rimaste un segreto con tutte le altre mie amiche. E che lo sarebbero rimaste se non avessi deciso io di spifferare tutto. Lei è una tomba. E’ stata la prima a sapere, anche perché ci ha praticamente beccati sul fatto, che mi facevo scopare da suo cognato. Edoardo, il Capo. E poi una sera ci siamo fatte portare in una camera di albergo da tre uomini. Io perché volevo vincere quella assurda gara con Serena a chi arrivava prima a prendere un metro di cazzo. Lei perché è intrippata con le gang bang. Adora farsi prendere da due-tre maschi contemporaneamente. Quella specie di massacro che ha subìto me lo ricordo ancora bene.

A lei racconto di Debbie proprio perché sono sicura che non dirà nulla a Serena. Le racconto della nostra amicizia, della mia voglia di lei. Di come è nata sin dalla prima volta che ci siamo viste a Londra. Di come sia, per me, un po’ la versione femminile di Giancarlo. Il desiderio di essere solo un giocattolino nelle sue mani è più o meno lo stesso che provo per lui. Del resto, a proposito di giocattolini, proprio come Giancarlo lei mi ha fatta morire una sera inducendomi a infilare un ovetto vibrante nella vagina. Solo che Giancarlo lo fece in un ristorante, Debbie mi convinse a farlo a casa mia, mentre guardavo la tv con i miei. Che deliziosa mente perversa che ha quella ragazza.

Racconto tutto questo a Giovanna e quasi piagnucolo mentre lo faccio. Non è solo dispiacere però, no. E’ anche timore, il mio. Anzi, diciamola tutta, è proprio una inquietudine che quasi sconfina nell’angoscia. Quando ho chiesto via WhatsApp a Debbie cosa fosse successo, perché avesse rinviato il suo arrivo a domani, non mi ha risposto per molto tempo. Poi lo ha fatto con uno sbrigativo “business”, senza aggiungere altro. L’ho sentita fredda, distante. E dietro a questa sensazione sono andata in para.

Rientro a casa e i miei mi chiedono la stessa cosa che ho chiesto io a Debbie: cosa è successo. Rispondo che mi hanno spostato il volo. Vado quasi subito a letto. Non mi va di condividere le mie paturnie con loro. Cosa volete che gli racconti? E poi sono stanca, perché in palestra ho davvero esagerato.

Allo stesso tempo però sono nervosa, non riesco ad addormentarmi. Dopo un po’ che mi rigiro prendo il telefono e guardo il video che mi ha mandato Debbie qualche giorno fa. La sera prima gliene avevo inviato uno in cui mi masturbavo a gambe spalancate sopra una poltrona, pensando a lei. La mattina seguente me ne ha mandato uno lei.

Nel video si vede Debbie. Deve essere in piedi davanti a uno specchio e, a occhio e croce, direi che si tratta dello specchio del bagno a giudicare dalle piastrelle alle sue spalle. E’ nuda, ma solo fino al seno. Si sfiora con una mano una tetta, ma si capisce benissimo che con l’altra si sta masturbando. Ha la bocca semiaperta e delle lenti affumicate sopra una montatura di Dior da 400 euro. Peccato non vederle gli occhi, ma forse proprio questo contribuisce a rendere tutto così dannatamente sofisticato e seducente, eccitante. Così diverso dalla scena esplicita ed indecorosa che le ho offerto io. Sospira piano e sembra tremare leggermente. Un fremito, più che altro. Nonostante gli occhiali da sole il suo volto ha l’evidenza della bellezza, incorniciato com’è dai capelli che le scendono fino all’attaccatura del seno. Ad un tratto sospira più forte e si irrigidisce, ha degli scatti quasi impercettibili ma in rapida successione.

Mi sono masturbata per giorni di fronte a questo orgasmo. E lo sto facendo anche adesso, interrompendomi un momento solo per osservare le mie dita inzaccherate e quasi incollate l’una all’altra dai filamenti del mio succo. Vorrei andare fino in fondo, dovrei andare fino in fondo. Se mi fottessi forte con due dita forse arriverei in fondo, forse questo mi calmerebbe. Ma mi ricordo proprio l’insegnamento di Debbie: toccati, ma non finirti, resta in tensione.

Mi fermo, pochi secondi dopo che il video è terminato. Mi rigiro nel letto, ho già capito che addormentarmi sarà un’impresa.
La mattina seguente sono in aeroporto, Terminal 1, arrivi. La riconosco appena spunta dalla vetrata. Indossa una camicetta bianca e una gonna nera di seta che le arriva poco sopra il ginocchio. Lagerfeld, giurerei. Scarpe nere con il tacco a stiletto e uno spolverino che tra un po’ si toglierà perché fa troppo caldo, anche qui dentro. In una mano un borsa rotonda e nell’altra il trolley con un’altra borsa sopra, per il computer e le carte, immagino. Mi cerca con lo sguardo e dai suoi movimenti traspare una certa agitazione. Sul viso ha gli stessi occhiali da sole del video. Crampo immediato.

Mi faccio vedere agitando la mano, mi vede, si dirige verso di me a passo spedito con un sorriso un po’ tirato. L’abbraccio che mi riserva lo posso definire affettuoso, non di più. Non è quello che mi aspettavo, che aspetto da giorni. Due bacetti, uno per guancia.

– Ciao Sletje, abbiamo fretta. E ho bisogno di te.

Mi aggrappo a quest’ultima frase, “ho bisogno di te”, come ad una zattera in mezzo all’oceano.

– Tutto quello che vuoi – sibilo mentre lei si dirige veloce verso un bar dicendo che l’aereo era in ritardo, che siamo in ritardo, che stamattina non ha nemmeno fatto colazione.

Si ferma, mi guarda. Mi dice “immaginavo che saresti venuta così” alludendo ai miei shorts di jeans e alla t-shirt bianca che indosso. Dà un’occhiata perplessa ai miei sandali di cuoio chiaro, con poco tacco, poi sentenzia “ok, quelli possono andare”. Si china e apre il trolley, tira fuori un vestitino azzurro-scuro di seta e mi dice “mettiti questo”. Prendo il vestitino in mano senza nemmeno guardarlo e obbedisco come un automa, vado a cercare i bagni mentre sento la sua voce che mi dice “fa’ in fretta per favore” e poi aggiunge “togliti il reggiseno”.

Eseguo. Mi chiudo dentro a un box, mi spoglio e mi rivesto. Esco per cercare uno specchio e aggiustarmi. La taglia, misteriosamente, è perfetta. Eppure lei ne avrà una in più. E’ un miniabito senza maniche, piuttosto corto e piuttosto scollato. Con la V che finisce un po’ sotto il seno. Non conosco la marca ma la seta è seta. E’ di una eleganza un po’ disinvolta, ma per niente volgare. Mi osservo rapidamente domandandomi cosa abbia in mente Debbie. E’ stato tutto così veloce e inaspettato. Mi sento stranita. E anche vagamente eccitata da questo ruolo di esecutrice dei suoi ordini.
Ritorno al bar e la trovo che sta finendo un tramezzino al salmone e un cappuccino. Rabbrividisco per l’accostamento di sapori. Non li capirò mai. Mi avvicino lamentandomi perché l’abitino è magnifico ma le scarpe non c’entrano un cazzo. Lei mi osserva e replica “va bene così, mi servi imperfetta e anche un po’ svampita”. Quello che non può assolutamente andare, però, è la borsa. Mi porge quella portacomputer dicendomi che faremo finta che ho solo questa. Io sono sempre più nel pallone.

Uscite dall’aerostazione si infila direttamente in un taxi, come se dietro di noi non ci fosse fila e non ci fosse gente che protesta. Il taxista neanche ci fa caso, dopo averle lanciato una lunga ed esplicita occhiata. Mette i nostri bagagli nel vano posteriore e partiamo. Debbie gli allunga un bigliettino con sopra l’indirizzo.

– Devo chiudere un contratto, è molto importante – mi dice guardando il telefono e aprendo le mail – è un applicativo per la gestione della clientela di un’azienda che vende pacchetti di welfare aziendale. Tu dovrai fare finta di essere la mia stagista.

– La tua stagista? Io non capisco un cazzo di queste cose… – protesto – che cosa è il welfare aziendale?

– Lascia perdere, tanto tu non devi fare nulla – replica – devi solo aprire il computer e scrivere qualcosa sul blocco degli appunti. E soprattutto devi cercare di distrarli. Già vestita così sei una bella distrazione, soprattutto se ti pieghi un po’ in avanti e lasci vedere qualcosa. Non troppo, mi raccomando. Poi magari mi servirà che tu faccia un po’ di più, ma nel caso te lo dirò io.

– Ma Debbie, io non so un cazzo! Cosa devo essere? Inglese, olandese… io non so nemmeno una parola di olandese… – le dico quasi piagnucolando. Inizio a essere un po’ intimorita dall’avventura nella quale Debbie mi sta ficcando.

– No, tu sei italiana – risponde – sei italiana e fai uno stage ad Amsterdam. Certo, non hai venti anni. Diciamo che ne hai… ventidue-ventitré, speriamo che ci credano. Hai una laurea in economia e stai facendo un master. A Milano, non a Roma. Come si chiama quella università?

– Bocconi?

– Quella. E’ meglio se sembri inesperta, airhead. Ma non cretina. Ammiccante semmai – dice prendendo i trucchi dalla borsa – tieni il telefono a portata di mano e silenziato perché comunicheremo via WhatsApp.

Controlla con lo specchietto che non le sia rimasto nulla tra i denti, poi si ritocca un po’ il rossetto. La osservo, si è proprio truccata “da donna”, nonostante tra noi ci siano solo sei anni di differenza mi sembra enormemente più grande di me. E’ bellissima. Mi dice “tieni, truccati un po’, almeno il mascara… e poi fatti una bella coda alta” e mi passa la piccola trousse e un elastico per capelli dello stesso colore del vestito. Per tutto il resto del viaggio non fa che scambiare mail e messaggi. E anche una telefonata del cui contenuto non capisco nulla ma che dal tono me la sembrare abbastanza incazzata e anche un po’ acida con qualcuno. Io intanto sento una sottile ansia crescermi dentro. Mentre ero sul treno per Fiumicino pensavo che la prima cosa che avremmo fatto sarebbe stata scambiarci un lungo bacio. Anche lì, anche di fronte a tutti. Adesso quel momento mi appare lontanissimo, quasi irraggiungibile. E anche Debbie mi pare irraggiungibile, viaggia dentro una dimensione che non è la mia. Ma mi attrae. Mi attrae e mi mette sempre più ansia.

Se ne accorge, mi dice di stare calma. Le rispondo che non è facile. Non voglio assolutamente deluderla e farò tutto ciò che mi dirà, ma stare calma è un’altra cosa.
¬
- Allora ti insegno un trucco – dice all’improvviso – togliti le mutandine, subito. Così penserai e dovrai preoccuparti per quello, non perché sei nervosa. Io lo faccio spesso.

La guardo sconcertata. E, magari è solo un caso, ho anche l’impressione che il taxista mastichi qualche cosa di inglese, perché vedo il suo sguardo insistere per qualche attimo nello specchietto.

– Ma… qui? – le domando.

– Lo vuoi fare in mezzo alla strada quando arriviamo?

– Non ho nemmeno il reggiseno, rimango senza nulla sotto… – sibilo.

– Meglio… e poi il vestito non è così trasparente.

Ho una botta di calore assoluto. Che Debbie mi chiedesse di togliermi le mutandine lo avrei immaginato, desiderato addirittura. Ma certo non in questo momento. Eseguo il suo ordine come un robot. Mi tolgo velocemente le mutandine e gliele consegno affinché le metta nella borsa. Forse è un’impressione, forse ho le mani sudate. Ma giurerei di averle sentite già un po’ umide. Incrocio lo sguardo costernato del taxista nello specchietto. Ha visto tutto, ha capito tutto, ne sono certa. Vorrei sprofondare. Debbie invece ha ripreso a consultare serafica il suo iPhone.

– Tu perché non lo fai? – le domando.

– Perché due sletje sarebbero troppe – risponde senza staccare gli occhi dal display.

Quando arriviamo al luogo del meeting, esattamente dalla parte opposta della città rispetto all’aeroporto, capisco che si tratta della sede italiana di una multinazionale. Lasciamo i nostri trolley alla guardiania e veniamo annunciate. O meglio, lei viene annunciata. A me tocca spiegare al portiere, in italiano, che non ero prevista e che sono stata mandata all’ultimo momento.

Mentre saliamo in ascensore, forse per la prima volta, ci guardiamo negli occhi con una certa intensità. Debbie ha per un momento un’espressione un po’ meno tesa. Mi sorride.

– Sei nervosa? – domanda.

– Tanto…

– Sei bellissima – dice accarezzandomi una guancia.

E’ un contatto che mi fa squagliare, sono parole che mi fanno squagliare. Ma non riesco ad offrirle altro che un silenzio imbarazzato, abbasso un po’ gli occhi. Santo Iddio, sono completamente nuda sotto il vestito, lo realizzo completamente solo adesso. E quella carezza mi ha bagnata. Forse è vero che finirò per preoccuparmi solo di questo.


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 2 8 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.