Faccio cornuto mio marito

Scritto da , il 2020-05-25, genere tradimenti

Ottobre 2013

Ho scoperto che mio marito mi tradisce con una ragazza di 20 anni. Ho deciso di fargliela pagare.

L'occasione me l'ha creata Daniela, un'amica di mia madre di vecchia data.

Lei ha un negozio di abbigliamento in centro, con molti giovani commessi.

Daniela è vedova da vent'anni dall'età di 40 anni, e per sollazzarsi sessualmente si sceglie i commessi più prestanti e si fa sbattere "per bene come una vera troia" è proprio così che dice.

Mi organizza un incontro con due ragazzi che conosce che lavorano come trasportatori per una ditta di trasporti a cui affida alcune delle sue spedizioni.

"Sono un po' rozzi, sono di borgata Barbara, ma ti faranno un servizio che non te lo scordi più..."

Gli do il mio consenso ad organizzare l'incontro.

Mi telefona dopo un paio di giorni che l'incontro è organizzato per lunedì pomeriggio, quando il negozio rimane chiuso.

Daniela fa andare via i suoi commessi alle 12.00. Alle 12.30 arrivano Aldo e Marcello, e verso le 13.00 arrivo in negozio pochi minuti prima della chiusura, come concordato con Daniela.

Appena arrivata Daniela me li presenta e si avvia verso l'uscita "vabbe Daniè quanno avemo finito te chiamo che vieni a chiude bottega" gli dice Marcello prima che esca.

Marcello e Aldo appena rimaniamo soli mi sorridono maliziosamente...
Già pregustano la mia carne...

"Allora che si fa, si chiude questo negozio?..." dico maliziosa.

Senza farselo ripetere Marcello fa scendere la serranda elettrica mentre Aldo si getta su di me afferrandomi le tette "che bramosia Aldo... un po' di rispetto per una signora"

~A Signò e mo la sfonnamo, mica cazzi... c'hai vojia de fava fresca, e noi stamo qua pe' questo... te l'ha 'nfirzamo come 'nvortino la fregna...~ dice in gergo romano.

Mi prende per un braccio e mi porta nella stanzetta sul retro, nel frattempo arriva anche Marcello ~è tutto chiuso, adesso nun ce rompe er cazzo nisuno, se la potemo sfonnà senza problemi...~

~Mettete 'n ginocchio Signó che mo ce lo piji in bocca e ce lo ciucci...~

Sfoderano due cazzi già in tiro che sembrano marmorei, avere vent'anni ha i suoi indubbi vantaggi, se le ragazze a quell'età si godessero la potenza sessuale dei loro fidanzati invece di starci sempre a litigare, quanto ci guadagnerebbero...

~Famme 'na bella pompa Signó...~ e Marcello me lo infila in bocca. Glielo afferro con la mano alla radice e gli lecco la cappella grossa dura e violacea, poi lo pompo con vigore infilandomelo tutto in bocca...

~ahhh che bello Signó, li sai fa' li bocchini... tacci tua come ciucci...~

intanto avevo preso con la mano libera il cazzo di Aldo e lo stavo segando, ciucciavo Marcello e segavo Aldo...

~che troia che sei Signó, ma tu marito nun te scopa che stai così infoiata?... adesso ciuccia un po' er mio daje...~

e faccio a cambio, adesso spompino Aldo e sego Marcello.

Dopo una decina di minuti di sbocchinamenti i due giovanotti mi scaricano i loro coglioni in bocca, il primo è Aldo...

~sto a vení, apri bene sta bocca da trucida che mo te ce svoto li coijoni dentro... ahhhhh ahhhhh pija pijalo tutto in bocca ingoia Signó daje bevi bevi...~ e mi inonda la bocca e la faccia di sborra bollente.

~Daje che mo ariva pure la mia de sborata, ahhh uhhhhhh cosí, così... alla faccia de tu marito quel gran cornuto bevila tutta 'sta sbora...~ anche Marcello mi scarica il suo seme caldo in bocca e sulla faccia.

~Sei proprio 'na gran fica Signó... così ce fai schioppià le palle...~

continuo a succhiare i loro cazzi e in meno di un minuto sono più duri di prima.

~Adesso però Signó te spoiji e ce fai vedè le zizze e la sorca...~

mi spoglio completamente come vogliono loro e rimango nuda

~che gran sorca che sei, ce credo che   er cazzo de tu marito nun te basta... pe' soddisfà sta fregna ce ne vonno armeno tre de cazzi a botta...~

Anche loro si spogliano completamente mettendo in mostra due bei corpi asciutti e palestrati.

~mo gle famo er servizio completo a sta fregna pelosa... mettete sdraiata sur tavolo...~

Marcello comincia leccarmi il corpo, partendo dalla figa fino ad arrivare ai capezzoli. 

Respiro affannosamente quando mi succhia i capezzoli ormai duri, voluminosi, con la sua lingua assetata. 

Sono eccitatissima e lo avvinghio al corpo con le gambe, mentre mi infila la lingua in un orecchio.

~Adesso te sfonno Signó~ e con un colpo secco e deciso affonda tutto il suo cazzo durissimo profondamente dentro di me...

"ahhhh siii sfondami, sfondami..." ~te sfonno te sfonno sta tranquilla Signó che te la apro come 'na cozza sta sorca pelosa...~

Quindi inizia con una serie di colpi profondi, sento i coglioni sbattere sul mio culo.

Mi mette le mani sui fianchi e affonda il suo cazzo prepotentemente dentro di me, accelerando sempre di più il ritmo, mentre gli affondo le unghie sulla schiena dal piacere.

Emetto un grido acuto... ~te piace er cazzo eh Signó... oggi li stai a pija du' cazzi veri... tu marito a letto nun te soddisfa pe' questo vai a razzolà cazzi in giro...~

Mi martellava col suo membro, fotteva con forza e inarcavo il mio corpo verso di lui assecondando il suo ritmo e le mie gambe erano sempre più avvinghiate al suo sedere.

Ho la figa tutta bagnata e mi contorco in un orgasmo, sono inzuppata fino al culo.

~Me sa che stasera dar cornuto te fai fa l'impacchi co' la camomilla perché te la squarto Signó! E adesso girate che te 'nculo a pecora.~

Mi volta e mi fa mettere a pecora sul tavolo mentre struscia il cazzo sul mio culo e con le mani continua a torturarmi tette e capezzoli.

Poi si abbassa a leccarmi il culo, la sua lingua rotea sull'orifizio e poi la spinge dentro, cazzo non resisto ed ho un secondo orgasmo che gli arriva tutto sulla faccia...

~e che cazzo Signó sei peggio de 'na fontana rotta, m'hai fatto er bagno...~

Sono bagnata fradicia. Mi infila due dita in culo.

"Oh merda." Grido, mentre gli afferro la mano e la spingo più a fondo.

Ho un' urgenza quasi disperata di essere inculata, mentre continua a penetrarmi con la mano.

Poi si tira su e si accascia su di me, mi lecca dietro le orecchie, sto impazzendo, e da sotto mi strizza con forza i capezzoli mordendomi il collo dietro la nuca.

Ormai sono fuori di me e grido di piacere dicendo sconcezze di ogni tipo da vera troia...

"spaccami il culo... fammi sentire quel palo di carne fino alle palle... rompimi... daiiii... fammi male... mandami a casa da mio marito col culo tutto rotto..."

E afferro con forza i lati del tavolo dall'eccitazione.

~Mo te faccio male brutta troia... te spacco er culo 'n due come 'n cocomero maturo, vedrai poi come caghi bene cor culo tutto aperto..."

La sua cappella è già sul mio culo la sento pulsare, con un colpo secco mi apre completamente e mi penetra profondamente il culo, per fortuna ce l'ho già rotto dall'età di tredici anni, altrimenti con quel colpo finivo in ospedale.

Bastano non più di una decina di colpi, potenti e profondi, che il suo cazzo esplode dentro il mio culo inondandomi di sperma...

~ahhhh ahhhh prendi Signó, te sboro dentro ar culo, te lo farcisco co'  'sta crema...~

Sembrava non finire mai, era un clistere di sborra calda. Lo sfila e lo finisce di pulire sulle mie chiappe.

Mi tiro su e prendo un fazzoletto, mi accovaccio e ci scarico sopra lo sperma dal culo, non finisce mai, mi pulisco e come se nulla fosse vado a sedermi sul divano col sorriso da porca stampato sulle labbra, sono molto soddisfatta, mi sento molto TROIA!

~Adesso tocca a me Signó, sei pronta pe fa' er bisse...~ dice Aldo, che per tutto il tempo se l'era segato guardandoci scopare, ce l'ha così grosso e duro che un po' mi impressiona...

~Ce la fai ancora a fa' la troia oppure sei già tutta rotta e sderenata?...~

"Fammi vedere se sei bravo come il tuo amico..." gli dico provocandolo...

Marcello si è rivestito ~mentre te la spacchi io me ne vado ar bar a prendeme 'na bira, se vedemo dopo, me reccomanno finisci de sfonnalla come se deve che la rimannamo dar marito rovinata a 'sta zoccola...~

Aldo si siede vicino a me, mi prende la testa e mi bacia intensamente mentre continua a strofinarmi il suo cazzo durissimo sulla coscia.

Mi bacia labbra, collo, orecchie e tette, succhia i capezzoli con avidità e li morde, anche piuttosto forte.

Poi scivola sul pavimento di fronte a me  mi fa allargare le gambe ed esclama: ~cazzo questa si che è una vera fica! Sembra quella di mia madre...~

"Allora approfittane adesso e smetti di segarti spiando tua madre dal buco della serratura..."  a quelle parole diventa tutto rosso.

Mette la testa in mezzo alle mie gambe e mi lecca per bene la figa, poi lentamente risale fino all'ombelico e di nuovo fino le tette, succhia ancora più forte di prima i capezzoli "guarda che non ci esce  il latte, puoi strizzarli quanto vuoi..."

ha un ghigno perverso e sadico sul volto.

~Mo te la fotto 'sta bocca brutta PUTTANA... alla faccia de quer cornuto de tu marito...~

Mi sale sopra e spinge con forza tutto il suo cazzo dentro la mia bocca, fino in gola e comincia a pomparci dentro.

Continua a spingere con una violenza inaudita per qualche minuto, poi emette un gemito soffocato, so cosa sta succedendo...

~Sboro, sboro... te sboro in bocca brutta zoccola...~ E mi schizza il suo sperma caldo tutto in bocca e giù per la gola. Bevo avidamente tutto, mentre Aldo è quasi svenuto per l'intensità dell'orgasmo.

~Te piace 'na cifra er cazzo eh...~

"Farmi sfondare da un cazzo come il tuo è una goduria... e anche svuotarti le palle è una goduria..." e gli sorrido maliziosa.

~Non ho ancora finito co' te.~ Mi prende la mano e mi fa alzare. Mi fa inginocchiare sul divano ~mo te sfonno a pecora...~

Me lo struscia in mezzo allo spacco delle chiappe e gli è tornato subito duro. Lo punta all'inbocco della figa e con un colpo secco lo infila tutto dentro...

"Oh cazzo! Cazzo cazzo cazzo!" Urlo come una troia, sento le vampate di calore sul viso, mentre mi penetra furiosamente allargandomi con le mani le chiappe più che può.

Il suo cazzo si fa pulsante, geme, sbuffa, rantola, tenendomi ben ferma per i fianchi.

Mi mordo il labbro inferiore in preda ad un altro orgasmo.

Aldo si sta muovendo dentro di me furiosamente, mi afferra di nuovo i fianchi e piantati i piedi a terra spinge dentro di me il suo cazzo il più profondo possibile.

~Adesso girati troia che ti spacco davanti...~

Mi fa sdraiare di schiena sul divano e mi stantuffa con cattiveria alla missionaria, urlo e mi irrigidisco, ho un altro orgasmo.

Sono tutta sudata come una vacca in calore, i capelli sono tutti appiccicati.

"Ahhhh... mio Dio... accidenti... tu mi uccidi... questo è uno stupro..." riesco a dire tra una spinta e l'altra.

Riposiziona le ginocchia per ottenere una leva migliore, mi scopa con ancora più sadismo di prima. Grido di piacere, ma anche di dolore, ogni suo colpo è come una bastonata sulla figa...

Anche Aldo e tutto sudato fradicio, sento la sua pelle appiccicosa che mi preme contro. La mia figa è un lago di umori, affondo le mie unghie e gli lascio i segni sulla schiena.

~Non posso più resiste, sto pe' veni. Sto pe' veni~

"Dammelo, daiiiii dammello tuttoooo dammeloooo dammelo adessoooo" gli urlo mentre mi sfonda senza pietà... sento il suo cazzo sempre più in profondità, fino all'ultima spinta quando una bomba esplode dentro di me.

Riesco a sentire ogni goccia del suo sperma inondarmi tutta la vagina e l'utero, è letteralmente esploso dentro la mia figa. Si accascia su di me sfinito, come morto, con la mano gli accarezzo il viso...

~Signó, io t'ho voluto violentà, perché quello lo so fa bene...~

Comprendo che il suo mondo è fatto di violenza e niente più.

"Aldo, quante ne hai stuprate di donne?"

~Bho 'na trentina, forse de più...~

"E l'ultima volta quando è stato..." chiedo curiosa.

L' urtima du' giorni fa, co' Marcello avemo deciso de schioppasse la mojie de quer gran fjio de 'na mignotta del capo reparto 'ndo lavoramo... la mojie c'ha 50 anni ma c'ha 'na sorca da paura, l'avemo aspettata ar garage der palazzo 'ndo vivono, erano le sette de sera e stava a rientrà da fa la spesa, l'avemo presa e trascinata dentro 'na cantina e javemo fatto de tutto... jelavemo rimmannata a casa dopo tre ore tutta sfonnata... er cornuto mo se preso le ferie pe' ricuci la sorca e er culo della mojie... STRONZO!~

Sono basita, esterrefatta, sono ragazzi di una violenza inaudita, senza pietà per le loro vittime. Figli delle periferie più degradate.

Appoggia la testa sul mio seno e parliamo ancora un po' mentre lui allunga la mano e ricomincia a giocare con la mia figa tutta sporca di sperma fino al culo.

~Signó pure te sei 'na gran zoccola... ma perché hai fatto le corna a tu marito?...~

"se le meritava, ma non sono problemi tuoi, non ci pensare."

~Io ce penso invece perché nun me sposerò mai, perché voi donne sete tutte troie, mi madre compresa, che fa cornuto da anni quer poraccio de mi padre co' tutti l'omini der quartiere... 'sta gran zoccola...~

Non gli rispondo, non so cosa dire, con il mio comportamento non ho fatto altro che aumentare la sua confusione nei confronti delle donne, o forse è già perduto e irrecuperabile da tempo. Non è comunque un mio problema.

Mi abbasso e con la lingua gli lecco la grossa cappella, gli si rifà subito duro, allora mi metto a cavalcioni su di lui dandogli la schiena.

La mia figa è ancora calda e tutta bagnata di sperma e umori. Sono insaziabile oggi e mi infilo di nuovo tutto il suo cazzo dentro di me.

Geme forte e spinge da sotto colpi furiosi. Aumenta il ritmo. Geme sempre più forte ad ogni colpo.

Sfilo il cazzo dalla figa e me lo infilo nel culo, tanto ad aprire la strada ci ha pensato prima Marcello...

Il mio culo rotola avanti e indietro mentre il suo cazzo ci scompare dentro.

Continua a cavalcarmi spingendo sempre più forte il cazzo dentro di me.

A questo punto non si trattiene più e mi sborra anche dentro il culo.

~ahhhh ahhhh anche ner culo Signó, la sbora te la metto anche ner culo, t'ho farcita davanti e de dietro...~

Ormai sono distrutta, mi sento tutta indolenzita, ho fatto più scopate in un pomeriggio che in un mese intero con mio marito.

Mi ritrovo il suo palo ancora completamente infilato dentro il culo e come per magia è rimasto duro. Bastano una ventina di colpi ben assestati e una seconda sborrata viene scaricata nel mio intestino...

~ahhhh ahhhhh ancora Signó, ancora...~

"Ma sei un toro insaziabile... adesso però facciamo basta perché sono sfinita..."

Mi sfilo il cazzo dal culo e sento un brivido caldo fra le cosce, è il suo sperma che sta colando sporcandomi fino alle ginocchia.

Vado in bagno a lavarmi, non posso uscire in quello stato, poi mi rivesto lo saluto.

"Saluta anche Marcello" gli dico, non è più ritornato dal bar.

~Ci rivediamo Signó?~ mi chiede "no Aldo, non ci rivedremo più" gli rispondo.

Mentre torno alla macchina mi arriva un SMS di Daniela 'come è andata?... "benissimo Daniela, sono tori scatenati come avevi detto..." gli rispondo.

Massimo è stato ripagato... del doppio! Lui una figa, io due cazzi.

Adesso siamo pari. Chi di spada ferisce, di spada perisce. Chi mi fa le corna, cornuto lo faccio girare per il mondo.

Anche se io le corna a Massimo gliele ho sempre fatte, sia da fidanzata che da sposata.

In realtà io le corna le ho fatte a tutti gli uomini con cui sono stata.

Questi purtroppo sono gli inconvenienti di sposare una donna che ha il vizio marcato a fare la TROIA.

Questo racconto di è stato letto 1 5 5 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.