Tradisco mio marito in vacanza

Scritto da , il 2020-06-28, genere tradimenti

Agosto 2011

Siamo alla festa del paese che si svolge tutti gli anni la prima domenica di agosto. Già alle 7.00 siamo qui, a 1700 mt in mezzo a una Valle nel bel mezzo del niente nel centro dell'Abruzzo.

Prepariamo i tavolini e tutte le borse frigo sotto una grande quercia che dovrebbe darci un fresco riparo quando il sole sarà alto.

Verso le 9.00 il posto è già pieno di gente. Sono qui con con i miei parenti ed alcune amiche del posto, più precisamente con zia Nunzia, sorella di mia madre, zia Marta, sorella mi mio padre, le mie cugine Paola, Giovanna e Elisa con i figli e relativi mariti; tranne Paola che è divorziata. Poi ci sono Beatrice, Angela e Veronica, tre amiche del luogo. In tutto saremo una venticinquina di persone, e anche io sono sola con mio figlio perché mio marito è rimasto a Roma per lavoro.

Vicino a noi, nella "quercia accanto" si sono sistemati un gruppo di ragazzi, tutti sui 25/30 anni, senza donne al seguito. Le mie cugine e le amiche del posto conoscono molti di loro e ben presto entriamo in confidenza e le due comitive si mescolano.

Nel primo pomeriggio Paola mi si avvicina discretamente e mi dice che a Maurizio, un ragazzo di 23 anni piaccio molto e mi chiede se voglio conoscerlo meglio.

"Che intendi per conoscerlo meglio Paola?" ~Che vuole scoparti Barbara~.
"Sfacciato il ragazzo... io sono sposata, per chi mi ha preso, per una  troia di città? Lo so quello che pensano qua, che noi cittadine siamo tutte delle gran puttane..."
~Allora gli dico che non è il caso...~ "No, al contrario, voglio conoscerlo questo audace giovanotto..."

Dopo le presentazioni di rito, cominciamo a parlare, Maurizio è un gran pezzo di ragazzo, fisico asciutto e discretamente muscoloso, come piace a me, è fidanzato ma la ragazza non l'ha portata perché quello era un raduno tra amici maschi, gli dico che sono sposata e che non cerco guai, se vuole fare "una botta e via" si può fare, ma dopo deve dimenticare di avermi conosciuto.

Mio marito non lo vedo da 15 giorni e comincio a sentire un prurito fastidioso in mezzo alle gambe e Maurizio rappresenta un'ottima occasione per spegnerlo.

Ci accordiamo per non dare nell'occhio, io mi allontano con la scusa di fare una passeggiata verso le bancarelle e lui mi aspetta in fondo alla strada con la sua Jeep e ce ne andiamo in un bosco lì vicino che conosce lui che è riserva naturale dove è recintato e nessuno può entrare se non chi ha le chiavi, e lui ce l'ha, non so come, non glielo chiedo, ma ce l'ha.
Lascio mio figlio in custodia a Paola, che lo porta alle bancarelle a comprare qualche giocattolo.

Mentre Maurizio guida si parla del più e del meno ma sopratutto di cose intime, l'atmosfera si scalda e la
cosa mi fa andare su di giri e gli metto una mano sulla patta dei pantaloni tastandogli bene il cazzo, sorpresa delle sorprese sento un rigonfiamento notevole, e per scherzare gli dico. "Il freno a mano della Jeep ce l'hai tra le gambe?"

~Tiralo fuori che cominci a prenderci confidenza...~
Eseguo, gli slaccio i pantaloni infilo una mano dentro i boxer e glielo tiro fuori...  strabiliante! In vita mia non ho mai visto un cazzo così grande. È il doppio di quello di mio marito, sia in lunghezza che in larghezza, una bestia enorme, da fare invidia a un negro! Resto a fissarlo per un po’, e lui capito il mio stupore mi dice: ~Tuo marito non ce l'ha ha un cazzo cosi, vero?~

"Assolutamente no!" gli rispondo continuando a guardare il suo enorme attrezzo.

~È tutto tuo, divertiti TROIA!~

Non so che mi prende, ma nel sentirmi apostrofare così, mi eccito ancora di più. Glielo prendo tutto bene nella mano e comincio una sega, più continuo e più diventa grande, intanto in pochi minuti arriviamo alla riserva e con un telecomando apre il cancello elettrico che si richiude dietro di noi e ci appartiamo con la Jeep dietro un rifugio in mattoni, lontano da qualsiasi occhio indiscreto.

Maurizio mi prende con una mano la testa dirigendomi verso il cazzo...
~adesso succhialo, fammi vedere come fai con tuo marito...~

Scendo con la testa fino all'altezza del suo ombelico e comincio a leccarlo in tondo spingendoci la lingua dentro, mentre con la mano continuo a segarlo, gradisce e comincia a godere, poi salgo, gli faccio sentire bene la mia lingua sulla pancia e sul petto e gli succhio avidamente i capezzoli, poi riscendo e stavolta mi infilo il suo cazzo dentro la bocca dando inizio ad un piacevolissimo pompino. Sono presa come non mai da quel che sto facendo, anche perchè mio marito, ma tutti gli uomini a cui li ho fatti, hanno sempre detto che sono bravissima nel farli. Quindi cerco di mettere in atto tutta la mia bravura al servizio di Maurizio, il suo cazzo merita davvero considerazione e rispetto con quelle dimensioni.

Lecco e succhio la sua cappella con avidità alternando pompate profonde fino ai coglioni, anche quelli enormi, sembrano i coglioni di un toro.

Cerco di farlo entrare tutto dentro la mia bocca, ma date le sue dimensioni una parte ne resta comunque fuori, dopo circa dieci minuti in cui glielo succhio a dovere Maurizio dice:

~Passiamo sui sedili posteriori... La Jepp dietro ha spazio in abbondanza.~

Ci spogliamo completamente e poi mi siedo sul suo cazzo di schiena e lo lascio scivolare dentro la figa... non finisce mai di entrare, me lo sento fino dentro la pancia, oltre che lungo è anche grosso e mi sento aprire in due... la sensazione che provo è la stessa di quando sono stata sverginata a 15 anni. Sento quel meraviglioso cazzo entrare e uscire dalla mia fica, allargandola sempre di più... ho un primo orgasmo dopo pochi minuti, molto violento, urlo di piacere, sono un lago di umori e il suo cazzo entra ormai tutto dentro urtando contro il collo dell’utero. Mi sta squassando la fica, va avanti così per una decina di minuti, poi continua la scopata alla missionaria, con le mie gambe bloccate sopra e sue spalle, tira colpi furiosi...

~Ti piace TROIA! Tuo marito non ti fa godere come faccio io...~

Ed ha ragione, con Massimo non ho mai provato sensazioni così forti, sarà per le dimensioni così diverse dei loro cazzi...

Mi scopa in questa posizione altri dieci minuti facendomi avere un altro orgasmo.

~Vuoi provarlo nel culo?~ mi chiede a bruciapelo. È come un pugno nello stomaco. Vorrei dire di no, è troppo grosso, ma non so resistere a quel trattamento da ZOCCOLA!

"Va bene, ma vacci piano intesi?"

Fa un mezzo sorrisetto furbo e mi dice: ~girati, mettiti a pecora...~ poi mi si piazza dietro scopandomi ancora per qualche minuto alla pecorina, finché dalla fica lo indirizza verso il buco posteriore.

Ci sputa sopra diverse volte, lo bagna quanto più può con la saliva e poi comincia a spingerlo dentro, con un paio di colpi fa entrare l'enorme cappella, sento le mie carni dilatarsi oscenamente per fare spazio al suo cazzo fuori misura. Appena la cappella è tutta dentro, con due colpi secchi fa entrare quel bastone di carne per quasi tutta la sua lunghezza nel mio culo, me lo sento dentro fino all'intestino, il dolore che provo mi fa emettere un paio di urli molto forti che Maurizio mi soffoca in gola coprendomi la bocca con una mano, mentre con l’altra prende le mie mutandine, le appallottola per bene e me le infila tutte in bocca...

~Così nessuno può sentire le tue grida da TROIA!~

Mi prende le mani e mi fa tenere aperte le chiappe per favorire l'inculata. Dopo qualche minuto il mio sfintere si è tutto dilatato e facilita l’ingresso del suo cazzo che è diventato duro come il marmo, il dolore adesso è diventato bruciore, e il bruciore lascia presto il posto al piacere, profondo, viscerale, ed ho un terzo orgasmo...

Continua ad incularmi con foga per altri dieci minuti buoni, assestando
colpi sempre più violenti, facendolo entrare tutto fino ai coglioni, che sbattono fragorosamente sul mio culo.

Sento che sta per esplodere, non può reggere ancora molto, e infatti con due colpi finali molto profondi arriva a conclusione... lo tira fuori e mi schizza una decina di fiotti di sborra calda tutti sulla schiena, fino alla spalle... poi crolla su di me.

Rimaniamo alcuni minuti senza parlare, ho ancora le mutandine tutte infilate nella bocca, poi dice: ~sarà meglio tornare sennò qualcuno potrebbe cominciare a insospettirsi della nostra assenza.~

Libero la mia bocca dall'intimo di seta e gli rispondo: "devo andare in bagno, mi hai squassato tutto l'intestino..."

Si alza da sopra di me torna sul sedile anteriore e prende dal cruscotto delle chiavi,~Tieni vai nel bagno del rifugio, questa è la chiave per aprire.~

Raccolgo i miei vestiti ed entro nel rifugio, trovo il bagno e libero sia la vescica che l'intestino.

Mi pulisco e tiro la catena, sono ancora con le mutandine calate alle ginocchia quando vedo Maurizio entrare in bagno.

~Non ho ancora finito con te TROIA!~

Mi prende con forza per un braccio e mi tiene bloccata sul water, se lo tira di nuovo fuori e me lo infila tutto in gola.

~Adesso ti scopo in bocca come una lurida PUTTANA!...~

Sfilo il suo cazzo dalla bocca e dico: "ma non dovevamo tornare per non insospettire la comitiva?..."

~In meno di dieci minuti avremo finito, stai tranquilla VACCA!....~

I suoi insulti mi eccitano da morire, sembra averlo capito perché si fa sempre più volgare e scurrile.

Mi tappa il naso con due dita e appena apro la bocca me lo caccia tutto dentro con forza e comincia a pompare con prepotenza.

Mi tiene ferma la testa e spinge forte come se mi stesse fottendo. Cerco di assecondare quelle spinte, ad ogni colpo sento le sue palle sbattermi sulla bocca, ma non posso liberarmi da quella presa, Maurizio non molla, anzi raddoppia, me lo spinge ovunque, sulle mucose interne delle guance a destra e a sinistra in alto sul palato in basso sulla lingua e tutto in fondo alla gola... è assatanato, sono diventata la sua bambola personale buona per soddisfare tutte le sue voglie recondite...

~Ti piace TROIA, dillo che ti piace... non le fai queste cose con tuo marito vero... che ZOCCOLA che sei!~

È bellissimo sentire quel cazzo enorme ovunque dentro la mia bocca e in fondo alla gola... è caldo e pulsante e mi riempie completamente l'orifizio orale col quel suo enorme cannolo...

Mi scopa furiosamente in bocca per circa cinque minuti, ormai sono rassegnata, ma anche eccitata da quel trattamento...

~Ti piace il biscotto eh... TROIA, che grande ZOCCOLA... lo sa il cornuto quanto sei PUTTANA? Non lo immagina nemmeno quando è VACCA sua moglie che raccatta cazzi in giro per i boschi in sua assenza... sei proprio una grande MIGNOTTA, una moglie PUTTANA, PORCA e TROIA!~

Lo sfila e mi sbatte con forza il suo manganello di carne sulla faccia, sulla bocca, sulle guance, sul collo, sugli occhi, sulla fronte, mi bastona ovunque, poi me lo ricaccia tutto in gola per un nuovo round.

Ho le mascelle tutte indolenzite da quel trattamento. Poi Maurizio ordina: ~girati e mettiti a pecora sul cesso!~

Obbedisco, lui mi si piazza dietro e lo punta all'entrata del culo e con un colpo secco l'enorme cappella è dentro, altri due colpi ben assestati e ce l'ho tutto dentro il culo fino ai coglioni.

~T'inculo di nuovo grande VACCA! Alla faccia di quel cornuto di tuo marito!~

Sta in punta di piedi e stantuffa profondamente il mio culo ormai dilatato al massimo per contenere la bestia che ha tra le gambe.

~Come una PUTTANA, come una PUTTANA...~ e così dicendo mi infila quattro dita in bocca e mi tira la bocca dai lati facendola dilatare ed aprire come se dovessi ospitare un nuovo cazzo che però non c'è... peccato...

~Adesso con tutta la testa nel cesso TROIA!~ mi spinge la testa dentro il water, chiudendo anche la tavoletta con la mia testa sotto... tira la catena due volte mentre continua ad incularmi ed ho tutta la testa e la faccia fradicia d'acqua...

Sento che sta per venire, esce dal mio  culo e mi fa sedere sulla tazza, me lo appoggia sulle labbra facendomi aprire al massimo la bocca e ci scarica dentro una quantità infinita di sborra calda.

Bevo tutto avidamente, ha un buon sapore, dolce, come di vaniglia. Maurizio è l'esatto contrario di mio marito, che invece sa di mandorle amare ed ha un cazzo ridotto della metà... Magari ad avere un marito come Maurizio...

Poi indirizza il suo cazzo che si sta lentamente smosciando sulla mia pancia e fa una lunghissima pisciata oscena sul mio ombelico e sulla mia fica...

~Te la lavo tutta... guarda come è bella con tutto il pelo grondante di piscio...~

Sono stata maltrattata come una vera TROIA, e mi è piaciuto da morire, mai mi sarei aspettata di fare certe cose con un’uomo che non fosse mio marito.

Stavolta ci rivestiamo veramente e torniamo alla comitiva, lui mi lascia dove mi aveva preso, all'inizio della strada di sotto, dove iniziano le bancarelle.

Ci metto dieci minuti a risalire fino al nostro gruppo. Maurizio è già arrivato e parla con Paola come se niente fosse successo. Mia zia Marta mi chiede dove fossi finita, gli dico che ho fatto su e giù per le bancarelle diverse volte e che poi mi sono inoltrata nel bosco per espletare alcuni bisogni fisiologici. Ci crede e non domanda più niente. Anche mio figlio è tranquillo, gioca con i cugini e nemmeno si è accorto della mia assenza, in fondo sono mancata solo poco più di un'ora.

Poi Paola si avvicina e gli racconto tutto sottovoce nei minimi particolari. Lei conosce la ragazza di Maurizio e non gli è per niente simpatica. Quindi è soddisfatta che adesso sia stata fatta cornuta, anche se comprendo che avrebbe voluto farla lei cornuta con Maurizio.

Verso le 18.30 viene cotta la carne sulla brace e per la prima volta da quando siamo tornati Maurizio mi si avvicina. Mi porta un piatto con dentro due salsicce e un pezzo di pancetta con una fetta di pane.

~Tutto bene Barbara?~

"Tutto a posto Maurizio, grazie per il pensiero" e prendo il piatto con la carne.

~Possiamo scambiarci i numeri di telefono se vuoi, quando vieni qua al paese possiamo vederci.~

"E diventare la tua troia cittadina da scopazzare a tuo piacimento ogni estate? No grazie... so cosa pensate voi uomini del paese di noi donne di città... ti avevo detto che sarebbe stata una botta e via e così deve rimanere... mi è piaciuto molto, davvero, ma io ho un marito e un figlio e una reputazione da salvagurdare, quindi la questione finisce qua; tra noi ci sono diciassette anni di differenza e potresti persino essere mio figlio, lo capisci vero... adesso torna dai tuoi amici e sii discreto nel non raccontare a chiunque della nostra avventura."

~Stai tranquilla Barbara, non racconterò a nessuno di quello che c'è stato tra noi, a parte Paola non lo saprà nessuno.~

"Grazie Maurizio, apprezzo molto la tua discrezione."

Poi mi fa un ultimo sorriso affettuoso e torna dai suoi amici.

Verso le 21.00 lasciamo la montagna e ritorniamo al paese. Appena giunti nelle vicinanze del paese la rete telefonica torna attiva e subito mi giunge la telefonata di mio marito.

~Ciao è da oggi pomeriggio che provo a chiamare ma non sei mai raggiungibile, come state?~

"Eravamo sull'Eremo e lì la rete telefonica non prende, comunque stiamo bene..." e mentre lo dico sento ancora un po' di bruciore al culo per il trattamento subito nel pomeriggio.

"Ti passo E....... (nostro figlio) così lo saluti, si è divertito molto in montagna con i cugini. Tu quando vieni?"

~Parto venerdì pomeriggio e rimango due settimane con voi.~

"Va bene ciao ci sentiamo domani..." e gli passo nostro figlio.

Devo aspettare ancora cinque giorni per scopare nuovamente con Massimo, ma in fondo il trattamento che mi ha riservato oggi Maurizio mi terrà buona e tranquilla (effetto camomilla) fino a venerdì.

Questo racconto di è stato letto 7 7 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.