Bella la quarantena

Scritto da , il 2020-04-28, genere trans

Entro mi aspetta dietro la porta, le luci sono soffuse e lei in intimo nero e tacchi. Mi avvicino al suo viso la bacio, ho voglia di sentirla, di sentire la sua lingua..mi abbasso e le sfilo il perizoma, rimango in ginocchio e mi inizio a leccare, prima le palle belle gonfie e poi tutto il cazzo, la cappella..gonfia e bagnata. Adoro tenerlo in bocca mi eccita sentirlo pulsare. Ho voglia di prenderlo, così mi dirigo verso la penisola della cucina, mi abbasso i pantaloni e mi appoggio al piano con il petto, tengo le gambe divaricate, inizio a sentire la sua lingua che mi lecca il culo, scende fino alle palle, poi si alza e inizia a scoparmi... in un attimo è dentro...mi sbatte con forza, sento le sue palle sul il mio culo mi tiene per i fianchi e mi scopa come un toro con il cazzo che diventa sempre più duro e gonfio...sento che sta per venire, mi giro e le dico di continuare a segarsi voglio che sborri sul piano della penisola..poco dopo il suo cazzo inizia a spruzzare.. ed inizio a leccare il piano e la sborra calda... mi eccita pulire la sborra...voglio di più..e non tarda ad arrivare..si tiene il cazzo con una mano e inizia a pisciare sul piano di lavoro ed io non aspettavo altro..mi metto a succhiare e leccare...pulisco bene anche il cazzo che inizia ad essere meno duro. Ci baciamo, doccia e poi di nuovo a casa in quarantena..

Questo racconto di è stato letto 4 9 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.