Il ragazzo dei suoi sogni

Scritto da , il 2020-03-27, genere gay

Aldo stava fissando la televisione, annoiato a morte mentre stava uccidendo Stefano, distruggendo e saccheggiando il territorio nemico sul videogioco. I due ragazzi avevano gli occhi incollati al televisore ma ambedue stavano quasi per svenire per la mancanza di un cambio di rotta nel divertimento.

Stava per passare la notte in casa di Stefano, un evento comune dato che i due erano grandi amici da tre anni. Ad ambedue piaceva la compagnia dell'altro che li faceva divertire e passare il tempo come solo i veri amici possono condividere. Non c’era mai alcun secreto tra di loro a parte uno. Il segreto apparteneva a Stefano ed era uno che avrebbe potuto rovinare permanentemente l'amicizia: da un anno Stefano aveva scoperto un nuovo interesse per i ragazzi. Prima di allora non aveva mai approfondito i termini “gay” o “bisessuale” ma, più il tempo passava, senza rendersene conto, più stava rientrando in ambedue le etichette.
Stefano non si era mai considerato strano o diverso dagli altri ragazzi, aveva solo capito che c’era qualche cosa che gli piaceva nei ragazzi che non esisteva nelle ragazze e quella cosa poteva essere la chiave alla sua perdita di interesse nel sesso opposto.
Da adolescente intelligente ora era completamente consapevole di essere davvero gay.

Non sapeva se fosse perché lui ed Aldo erano così intimi o se fosse perché la faccia di Aldo era meravigliosamente bella, ma da quando si era reso conto della sua omosessualità, ogniqualvolta gli era vicino, ogniqualvolta pensava a lui, c'era sempre un desiderio per qualche cosa di più.
Più tardi questo sentimento si affermò come amore e gli fece volere di essere sempre più vicino all’amico, gli fece sentire sempre più come fosse qualche cosa che stava perdendo.
Diventando consapevole del proprio orientamento, aveva scoperto che questo sentimento era veramente amore e non c'era niente che potesse fare se non alimentare concupiscenza o desiderio in ogni modo possibile.

Lui aveva una buon ragione per avere tanta simpatia per Aldo; era una delle migliori scelte di ragazzo che un ragazzo potesse desiderare. Non solo era notevolmente bello, ma era arguto, aveva una personalità meravigliosa, un senso dell'umorismo divertente forse con un che di puerile. Tutta questa miscela che rendeva un ragazzo perfetto era racchiusa in un corpo ed una mente meravigliosi: Aldo era alto quasi un metro e ottanta. I capelli biondi erano lunghi, cadevano sugli occhi e sugli zigomi alti e dietro sul colletto. I suoi profondi occhi, zaffiri blu mare e con un bagliore invitante, facevano desiderare di guardarli e perdersi dentro. Aveva labbra meravigliosamente piene, rosse che imploravano di essere baciate e coccolate da labbra ugualmente perfette pigiate nel modo più amoroso. Tenendo una faccia ben rasata, nessuna parte di questa bellezza era nascosta da peli facciali o dalla più piccola macchia.
Come se questo non fosse sufficiente la parte sotto quella magnifica faccia era anche migliore; aveva la struttura di un runner: un sottile tono muscolare con un che di femminile ed una leggera tartaruga abbastanza visibile sull’addome apparenza sodo. Oltre a questo, delle gambe meravigliose, come costruite da un maestro intagliatore a creare uno spettacolo.
Solo una caratteristica superava tutte quelle ‘piccole cose’: l'attrazione principale del corpo di Aldo, il suo bel sedere, si distingueva dagli altri ragazzi del suo liceo per la bellezza pura e semplice del suo didietro. Contrariamente alla normalità di un ragazzo, Aldo aveva il sedere sagomato a cuore e perfetto con il contorno segnato da una rotondità invitante ed una strettezza che solamente una vergine avrebbe potuto avere. Era solo un po’ troppo grosso per la sua struttura, rendendolo anche più da acquolina in bocca quando il tocco della sua femminilità affiorava nel camminare, quando permetteva alle sue anche di ondeggiare da un lato all’altro in una maniera fanciullesca.

Stefano guardava ad Aldo come ad un dio greco, un perfetto adolescente, una bellezza di uno su milione. Comunque anche Stefano non era male, anche lui era attraente, aveva capelli neri abbastanza lunghi che davanti raggiungevano quasi le sopracciglia e dietro arrivavano al colletto. Gli occhi smeraldo brillavano quando fissava, brillavano al sole e si fissavano in chi li guardava per la loro innocenza. Aveva poche lentiggini sparse sulla faccia che accentuavano la sua bellezza, insieme alle labbra rosa semipiene che, quando si allungavano in un sorriso, invitavano a fare altrettanto.
Anche il corpo non era male, come quello di Aldo non era troppo muscoloso, solo un suggerimento sotto la superficie. Era magro, ma non troppo, solo la perfetta media tra snello e macilento. Le gambe erano nella media ma il sedere, come quello di Aldo, era di rilievo fra la massa dei ragazzi. Aldo e Stefano avevano la stessa benedizione, un sedere stretto nei loro jeans.

Allora… i ragazzi erano nella camera di Stefano a giocare a quel videogioco, Stefano fissava bramosamente l’amico che ora aveva il joystick mentre pensava a tutte le volte che erano stati insieme.
Oh, come desiderò che avessero potuto starci di più, avrebbe ucciso per poter chiamare quel bel ragazzo il suo ragazzo, baciarlo ogni volta che voleva, amarlo in ogni momento, fare sesso ogni sera della settimana… Quello era il suo sogno: una solida relazione romantica con quel magnifico ragazzo.
Quando Aldo mise giù il joystick e girò lo sguardo, i loro occhi si incontrarono e Stefano li distolse rapidamente.
“Pensi sia ora di andare a letto?” Chiese Aldo.
“Sì, ci stavo pensando. Sono quasi le due.”
Aldo sbadigliò: “Posso lavarmi i capelli prima di andare a letto?”
“La doccia è sempre allo stesso posto.”
“Grazie.”

Il ragazzo si alzò dalla sedia ed uscì dalla stanza per andare nel bagno adiacente. Stefano cominciò a guardare assonnato la televisione e presto cominciò a sonnecchiare.
Poi sentì una vibrazione in tasca. Estrasse il telefono e guardò lo schermo. Era una chiamata da Aldo.
Stefano rispose: “Ti sei perso?”
“Ah, divertente. No, mi sono accorto di non avere un asciugamano e non ce ne sono nell'armadio. Puoi portarmene uno, per favore?”
“Subito, stai lì.”
Uscì dalla sua camera, andò in lavanderia e prese un asciugamano rosso, si diresse verso il bagno, girò la maniglia, spinse e vide Aldo, completamente nudo con la schiena girata verso di lui, gli occhi scesero immediatamente al sedere nudo di fronte a lui.
Stefano stava per annunciare la sua presenza ma le parole gli si smorzarono in gola a quella vista.
Aldo si voltò e accidentalmente mostrò il cazzo a Stefano che non l’aveva mai visto. Gli sembrava la cosa che più faceva venire l'acquolina in bocca fra quelle su cui aveva posato gli occhi. Aveva visto molti begli uccelli su siti porno ma Aldo era il migliore.
Era lungo, evidentemente si radeva i peli pubici, dato che aveva solo un cespuglio regolato sopra il membro succulento, che lo faceva sembrare più grosso ed a Stefano questo andava bene. L’asta era di un rosa uniforme in contrasto, quando era in erezione, col colore del glande che era di uno scarlatto acceso. Lo scroto pendente era di un bel rosa, anche lui raso ed i testicoli avevano un aspetto tale da invitare a succhiarli.

Stefano non ebbe molto tempo per gustare quel momento di delizia, quando si accorse di averlo eretto in tutta la sua gloria, le mani di Aldo volarono all’inguine per coprirlo.
Incapace di formulare una parola, Stefano era fermo e stupito.
“Puoi mettere l'asciugamano sul mobile. Grazie.” Disse timidamente l’amico.
“Pensavo che tu stessi solo lavandoti i capelli.”
“Non potevo farlo senza andare sotto la doccia.”
La doccia era piuttosto grande, con due porte in vetro a scivolo, era possibile aprire l’acqua solo entrando e quindi bagnandosi, la scusa di Aldo era giustificabile.
Stefano avrebbe voluto che quel momento non finisse mai, aveva sempre sognato il giorno in cui avrebbe visto il suo amico nudo, che avrebbe assaporato quel corpo nudo ed avrebbe avuto il piacere di soffermarsi su ogni centimetro di quel magnifico corpo; perciò esitò a parlare per prolungare la scena, appoggiò l'asciugamano e rimase a guardare il quel corpo.
“Grazie…” Disse Aldo, goffamente.
“Nessun problema.” Rispose Stefano realizzando che il momento era finito, aprì la porta dietro di sé e se ne andò.
Appena uscito si fermò pensando a quello che era appena accaduto. Aveva visto Aldo, il suo ragazzo dei sogni, completamente nudo. Abbassò lo sguardo verso i suoi piedi e, per la prima volta, notò che c’era una protuberanza gigante nella parte anteriore dei jeans.
Capì che doveva allontanarsi, avrebbe avuto altre opportunità di guardare quel corpo. Per esempio, quando Aldo dormiva indossava i boxer, durante la notte avrebbe potuto tirare indietro le coperte ed avrebbe potuto esaminarlo. Ma anche se pensava a questa possibilità, sapeva che era improbabile. Non avrebbe mai avuto il coraggio di farlo, la paura che Aldo si svegliasse sarebbe stata troppa. No, quella era la sua unica opportunità. Il desiderio prese il suo corpo, guardò la sua mano andare alla sua asta, torcerla e spingerla dentro.

Il vapore aveva già riempito la stanza, gli spruzzatori di acqua calda erano già in funzione. Il rumore dell'acqua che colpiva il pavimento della doccia coprì il rumore dell’ingresso di Stefano, permettendogli non essere scoperto. Stefano non poteva credere a quello che stava per fare ma, dimenticando i suoi istinti di base, afferrò la porta scorrevole e piano piano la fece scivolare silenziosamente finché non gli fu possibile infilare la testa. Sbirciò dentro ed ebbe ancora una volta la visione gloriosa del didietro bagnato dell’amico.
Si stava insaponando l’addome col sapone profumato e Stefano si perse nel profumo e nella visione.
Un piccolo senso di colpa lo colpì e tolse la testa dalla doccia. Pensando che l’altro avesse finito, decise di aver fatto abbastanza.
Il rumore di un leggero lamento distrusse quel pensiero e tornò immediatamente a guardare dentro. Questa volta osservò i piccoli movimenti che Aldo stava facendo, la sua spalla sinistra si muoveva rapidamente, il braccio destro appoggiato alla vita, le ginocchia leggermente piegate… Aldo si stava sparando una sega nella sua doccia!
Stefano dovette trattenere un rantolo quando se ne rese conto e guardò dentro con maggiore curiosità. Il suo cervello cominciò a lavorare velocemente, mentre il cuore gli martellava nel petto.
“Aldo è arrapato!” Fu il suo pensiero: “Evidentemente è così… si sta masturbando. Vuole venire… se gli fosse offerto un pompino, non lo accetterebbe come alternativa alla sua mano sinistra? Potrei…”

Stefano aveva deciso, quella notte avrebbe fatto la sua mossa, chiuse la porta della doccia e bussò. Un breve rantolo uscì dall’interno.
“Sì?” la voce di Aldo era malsicura.
“Um, tutto bene?” Chiese il ragazzo stupidamente.
“Sì…”
“Mi spiace, um non è quello che volevo chiedere. Um… ti ho visto farti una sega.”
“Tu… mi hai visto? Come?”
“Beh… ti ho guardato…”
“Proprio nella doccia; mentre io ero dentro?”
“Sì…” Rispose Stefano dopo una breve esitazione.
“Perché?”
“Ma è ovvio,” Rispose Stefano ridendo nervosamente: “Tu mi piaci, Aldo! Oplà, l’ho dettolo. Mi piaci!”
“Ti piaccio…?” Aldo, era uscito dalla doccia, guardava Stefano negli occhi ed aveva un asciugamano intorno alla vita: “Come si piace ad un gay… così tu pensi che io sia…?”
“Sì. Mi piaci ed io sono gay, e sì, io penso che tu sia figo. Anzi bellissimo.”
Aldo ridacchiò, il suo ego cresceva: “Perché me lo stai dicendo?”
Stefano guardò l’erezione che tendeva l'asciugamano: “Volevo aiutarti con quello.”
Aldo abbassò lo sguardo ed un sorriso apparve sulla sua faccia.
“Come?”
Gli occhi di Stefano si allargarono.
“Cosa! Vuoi dire che me lo lasceresti fare!”
“Uh, bel tipo… tu sei il mio miglior amico. Se stessi per fare qualche cosa del genere e volessi tenerlo segreto, lo farei con te. Inoltre, sai, io provo qualche cosa per i ragazzi… io non sono gay, sono solo, come dire, interessato. Forse sono bi… curioso? Qualunque cosa sia, non importa, quello che sto dicendo è che, sì, lo farei.”
Stefano impiegò un po’ a comprendere quello che il suo amico stava dicendo.
“Quindi… a te va bene che io sia gay?”
Aldo ridacchiò: “Quello che ho detto è la risposta. Quindi… cosa vuoi farmi?”
Il cervello di Stefano era vuoto.
“Qualunque cosa tu voglia.”
Aldo ci pensò e poi rispose rapidamente.
“Beh, quando mi masturbo, sai, vengo sempre più velocemente quando sto guardando un pompino… la ragazza che succhia un cazzo. Forse è un feticcio per me ma io godrei veramente se tu mi succhiassi.”
Stefano rimase a bocca aperta, riuscì solo ad accennare col capo.
“Bene allora.” Disse Aldo portando la mano all’asciugamano e facendolo precipitare alle sue caviglie: “Togliti i vestiti e vieni qui.” Disse rientrando nella doccia.
Stefano si tolse rapidamente la t-shirt urtando il muro tanto si muoveva velocemente nell’aspettativa. Si slacciò la cintura e spinse giù jeans e boxer, liberando il suo uccello pulsante. Aprì di nuovo la porta della doccia ed entrò.
Aldo stava sorridendo.
Stefano non sapeva come cominciare e l’amico si offrì di guidarlo.
“Strofinalo un po’, poi mettiti in ginocchio e succhialo.”
Il ragazzo seguì alla perfezione le istruzioni, allungò una mano, l'avvolse intorno alla verga veramente calda e cominciò a menarla un po’. Poi usò anche l’altra mano per masturbarlo rapidamente.
Aldo disse che ne aveva abbastanza e gli chiese di cominciare il pompino.

Nervosamente si inginocchiò ed il cazzo era proprio davanti alla sua faccia. Allegramente Aldo lo usò per colpire la faccia dell’amico che ridacchiò ed avvolse una mano intorno alla base del pene per cominciare. Lentamente sporse la lingua e leccò il glande.
Il suo amico rabbrividì quando la lingua lo colpì per la prima volta, evidentemente non l’aveva mai provato prima.
Lui continuò a leccare lentamente, sotto la testa, sul lato, dappertutto; leccò l'asta su e giù, poi si mosse alle palle, usando la lingua per prenderne una in bocca e poi l'altra. Aldo non poteva attendere più a lungo e spinse in avanti per spingere l’uccello contro le labbra dell’amico che aprì la bocca e prese delicatamente la cappella tra i denti. La lingua ci stava turbinando intorno rapidamente ed ininterrottamente.
Scese ulteriormente sull'asta e permise alla cappella di colpire il palato.
Tentò un ‘gola profonda’, non avendo un riflesso faringeo riuscì a prendere in gola tutti i suoi centimetri. Poi cominciò a fare un movimento su e giù sull'asta, tenendo sempre in bocca la cappella colante pre eiaculazione ed avvolgendoci intorno febbrilmente la lingua.
Anche Aldo aveva preso un ritmo dentro e fuori della bocca.
Stefano aveva ancora la mano sulla base del cazzo dell’amico e lo masturbava lentamente mentre usava la bocca per mungergli tutto lo sperma nascosto nella profondità delle palle.
Aldo si stava lamentando mentre il suo respiro aumentava di volume, temperatura e velocità.

Stefano era ancora incredulo, anche mentre aveva la dolce carne della virilità di Aldo nella bocca, che attraversava i suoi denti e pulsava contro la sua lingua, non poteva credere che fosse vero, che lui stesse succhiando il suo ragazzo dei sogni.
Decise, in quel momento che c'era un Dio molto generoso che lo guardava dall’alto.
Ritornando al suo compito, far eiaculare Aldo, prese tutta la lunghezza nella sua bocca, sentì la cappella, colante pre eiaculazione, in fondo alla sua gola e gemette di puro piacere.
Aldo sorrise ma quando Stefano riprese, questa volta più rapidamente, il sorriso fu sostituito da un lamento e usò ambedue le mani per prendere la testa dell’amico, stringergli i capelli e cominciando a sentire un certo formicolio nelle palle.
Stefano vide la reazione e capì cosa voleva dire. Cominciò immediatamente ad andare ancora più velocemente sul cazzo, rimbalzandoci praticamente sopra con la bocca mentre dava piacere oralmente al suo ragazzo dei sogni.
Ancora una volta usò una mano per circondare la base dell’uccello e le palle meravigliosamente piene. Costringendo la lingua a muoversi più velocemente intorno alla cappella, succhiò con forza, usando il cazzo come una cannuccia e sentì un gusto di sperma, l'inizio dell'orgasmo dell’amico.
Aldo non ci poteva credere, stava già per venire! Con un forte lamento spinse in avanti le anche e si lasciò andare.

Stefano sentiva il succo inondare la sua bocca, immaginò il liquido cremoso sulla sua lingua. Praticamente poteva sentire la sensazione di formicolio che Aldo aveva nelle palle. Sentì il caldo sperma dell’amico fluire nella sua gola e l’ingoiò rapidamente.
Aldo non poteva credere a quanto stava schizzando! Erano almeno otto volte che il suo uccello si era contratto, sparando un grosso torrente nella bocca del ragazzo e non gli sembrava che stesse per smettere!
Stefano ingoiò di nuovo, era la seconda volta che Aldo gli allagava la bocca, ed era pronto a prenderne ancora, ma sembrava che ormai fosse asciutto. Continuò a succhiare, facendo venire i brividi all’altro quando la lingua corse sulla cappella ultra sensibile.

Aldo lo estrasse: “Ok, ok… wow… è sufficiente. Dannaz…”
Stefano sorrise leccandosi le labbra, cercando altro sperma, altro succo.
Aldo stava ansimando con forza, la faccia era rossa e le ginocchia tremavano; non era mai riuscito ad eiaculare così masturbandosi. L’amico era un esperto succhia cazzi, si appoggiò al muro della doccia e lasciò che il suo orgasmo finisse.
Stefano, ancora in ginocchio, leccò come un affamato la cappella che sussultò leggermente, poi sorrise, fece scivolare la lingua nella fessura e leccò lungo l’asta.
“Stefano, wow, è stato stupendo. Ora puoi smettere, non c'è più niente, posso assicurartelo.”
Il ragazzo si alzò, abbracciò l’amico e gli diede un duro bacio contro le labbra.
“Grazie.” bisbigliò.
Aldo rise.
“Tu mi ringrazi?”
“Naturalmente. Tu non sai da quanto tempo desideravo farlo.” Baciò il collo di Aldo e poi andò alle sue labbra.
“Stefano è stata la cosa migliore che mi sia mai accaduta… e non voglio che sia l’ultima.”
“Tu vuoi che lo faccia di nuovo?”
Aldo abbassò lo sguardo al suo cazzo duro. Grazie a gioventù ed ormoni, aveva recuperato quasi istantaneamente.
“Beh, forse più tardi, ma voglio fare qualche cosa d’altro…”
“Per esempio cosa?”
“Vieni con me.” Disse afferrandogli la mano e chiudendo l’acqua della doccia.

I ragazzi si asciugarono con lo stesso asciugamano e si rimisero i boxer. Tornarono in camera da letto e si sedettero sul letto.
Stefano baciò di nuovo l’amico che ridacchiò.
“Allora, da quanto tempo ti piaccio? Hai detto che hai dovuto aspettare a lungo prima di succhiarmi.”
“Circa sei mesi o più.”
“Ti sei masturbato davanti alle mie foto sul PC?”
“Um, sì… qualche volta.”
Aldo rise.
“Veramente? Wow! Pensi veramente che io sia così eccitante?”
“Beh, guardati! Hai un corpo magnifico, un grosso cazzo, e sei assolutamente bello!”
Aldo lo guardò negli occhi.
“Così ti è piaciuto succhiarmi? E lo faresti di nuovo?”
Senza perdere tempo Stefano rispose.
“Sì, sempre!”
Aldo abbassò lo sguardo.
“Così tu faresti qualsiasi cosa con me?”
Stefano accennò di sì col capo quando l’amico alzò gli occhi e lo guardò.
Il ragazzo si chinò e baciò Stefano sulla guancia mentre si avvicinava per diminuire lo spazio fra di loro. Lo tirò vicino a sé con una mano, tirò la testa verso la sua con l'altra e lo baciò profondamente. Non appena le loro labbra si toccarono, Aldo fece scivolare la lingua nella bocca dell’altro. Stefano emise un leggero lamento mentre le loro lingue lottavano. Si inclinò ulteriormente in avanti facendolo sdraiare, salendo su di lui e baciandolo più forte.
Aldo rotolò portando tutti e due in mezzo al letto, pomiciando col bel ragazzo e prendendo piacere dai baci appassionati, poi improvvisamente si tirò via, fermandosi a quindici centimetri dalle labbra dell’amico che cercò di avvicinarsi per baciarlo di nuovo.
“No, aspetta… Voglio fare di più.”
“Per esempio?” Disse Stefano dopo una breve esitazione.
“Voglio che tu mi succhi di nuovo… che me lo bagni.”
“E poi?”
“Beh, il mio uccello sarà scivoloso… ed io potrò… lo sai… scoparti.”
Stefano esitò a lungo.
“Vuoi dire… anale?”
“Beh… sì. Se sei d’accordo.”
Stefano esitò.
“Io sono vergine… non l'ho mai preso nel sedere.”
“Ed io non l'ho mai dato … Impareremo uno dall'altro.”
I suoi boxer erano tesi sul davanti.
“Se vuoi…” Aldo tirò giù l’indumento e lo calciò di lato: “Puoi cominciare.”
Stefano si alzò dal letto e cadde ancora sulle ginocchia, l’amico lo colpì ancora una volta in faccia col grosso cazzo.
Il ragazzo sorrise e gli mordicchiò allegramente la cappella.
“Oh, oh, ok. Non lo farò più!” Disse Aldo ridendo.
Stefano si era assicurato di avere molta saliva in bocca e cominciò a succhiare rapidamente. In breve l’uccello stava gocciolando saliva lubrificante.
“Ok, piegati sul letto ed allarga le gambe.”
Stefano si posizionò sul bordo del letto.
Aldo pigiò il caldo, pulsante pene contro il buco stretto di Stefano.
“Vai piano. Fa male!” Disse questi.
Aldo spinse leggermente contro il buco vergine ma non accadde nulla. Spinse più forte finché la cappella non scivolò oltre ed entrò in Stefano che sussultò leggermente.
Spinse ancora e fece entrare altri centimetri nel culo dell’amico che piagnucolò ed afferrò le lenzuola.
“Pronto per avere di più?” Chiese Aldo.
“Quanto è entrato?”
“Un po’ più di metà.”
“Cazzo… ok… vai.”
Aldo spinse per altri cinque centimetri, prima che Stefano gemesse di nuovo.
“Mi spiace!”
“No, no… Vai avanti.”
Aldo spinse finché non fu completamente dentro.
“È tutto dentro.”
“Bene. Ora, prima fallo piano.”
Aldo lo estrasse finché solo la cappella rimase dentro e poi spinse lentamente di nuovo dentro. Quando diede altre spinte, Stefano smise di fremere e piagnucolare e cominciò a lamentarsi.
“Posso andare più veloce, ora?” Implorò Aldo.
“Mm… sì…”
Aldo iniziò un movimento regolare, muovendosi dentro e fuori del sedere dell’amico, scopandolo delicatamente ma rapidamente.
I lamenti di Stefano si mescolarono a quelli di Aldo quando il suo stretto buco vergine si strinse con forza intorno all’uccello dell’altro alla sua prima inculata.
Aldo ora andava più veloce e spingeva più forte, godendo come l’amico.
“Mmm! È grande!”
“Cambiamo posizioni; la mia gamba si sta addormentando.”
Aldo si estrasse dal sedere di Stefano che salì completamente sul letto. Accarezzò il posto accanto a sé per indicare all’amico di sedersi. Quando l’ebbe fatto, lo baciò con forza e lo spinse in posizione orizzontale.
Ora l’uccello di Aldo era diritto verso l’alto, Stefano si alzò sopra la vita dell’amico e con la mano guidò il pene pulsante nel suo buco.
Quando sentì la cappella dentro di sé, si sedette finché tutti i centimetri non furono dentro.

Aldo cominciò a spingere ma Stefano lo fermò subito: “No, no, ti cavalcherò io.”
Aldo sorrise e Stefano cominciò a rimbalzare su e giù sull’erezione. Aldo fu sorpreso da quanto facilmente lo facesse. Quando lui afferrò le anche di Stefano cominciò a muoversi verso il torso dell’amico, poi verso le sue gambe, in un movimento avanti ed indietro per dargli maggior piacere. Copiando quello che aveva visto nei film porno, si spostava da un movimento all’altro lasciando che il cazzo palpitante si muovesse nel suo buco stirandogli le strette pareti.

Stefano mise le mani sul torace di Aldo e si abbassò per baciarlo. Le labbra si unirono, Lui ora usava le ginocchia per muoversi sull’asta dell’amico, costringendolo ad entrare ed uscire dal suo sedere ad alta velocità, facendosi scopare alla grande dal suo ragazzo dei sogno.
Aldo non poteva resistergli più a lungo. Stefano stava facendo una grande cavalcata, ma lui aveva bisogno di eiaculare e velocemente. Strinse la presa sulle anche dell’amico e cominciò a spingere la sua carne dura profondamente dentro di lui, più di quanto Stefano potesse fare da solo.
Il ragazzo, lamentandosi forte, glielo lasciò fare e lo baciò con forza sulle labbra, pieno di passione, le sue mani cominciarono ad esplorare il corpo dell’amico, muovendosi su torace e capezzoli mentre aveva la sua virilità dura profondamente dentro di sé. La sensazione d'estasi era come una droga, una droga pesante. Stefano afferrò i capelli di Aldo ed emise un forte lamento, estremamente forte quando l’uccello dell’amico spinse contro la sua prostata, colpendo il punto giusto.
“Fottimi Aldo! Mmm! Proprio così!” Praticamente urlò.
Aldo ridacchiò e sentì di avvicinarsi all’orgasmo; smise di spingere
“Fermati Stefano, voglio cambiare di nuovo posizione prima di sborrare.”
Stefano si alzò dall’amico che gli disse di sdraiarsi sullo stomaco. Aldo si mise su di lui e spinse il pene nel buco da dietro. Si sdraiò completamente su di lui mettendo la testa sul letto accanto a quella di Stefano e cominciò a lentamente a scopare il suo partner.
Facendo scivolare il suo membro duro dentro e fuori del sedere di Stefano, sentì l’orgasmo avvicinarsi sempre più, sentì il formicolio nelle sue palle diventare più forte ma non gliene importava. Stefano spostò la testa verso Aldo e lo baciò sulla guancia.
“Vuoi che venga dentro di te?” Chiese egotisticamente Aldo, come se fosse Stefano che doveva implorarlo di sparare nel suo buco.
“Mmm… sì, per favore!”
Lo baciò e si alzò dalla sua posizione. In ginocchio, curvato lievemente in avanti, mise le mani sulle natiche di Stefano e cominciò a spingere rapidamente.
Stefano seppellì la faccia nelle lenzuola con un lamento di passione mentre le palle di Aldo formicolavano ad un nuovo livello di piacere.
“Sto quasi per venire! Oh merda, Stefano sborro!”
“Mmm!” Fu la sola replica del ragazzo.
Aldo spinse con una spinta finale immergendo tutti i suoi centimetri del suo ben dotato cazzo completamente duro nel culo perfettamente rotondo di Stefano e sentì le sue palle vuotare un carico gagliardo di sperma dentro il buco.
Mentre lui sparava il suo carico, ambedue i ragazzi si lamentavano. Stefano stava trovando il suo sogno trasformato in realtà, il seme del suo ragazzo perfetto nel suo sedere, ed Aldo stava trovando il suo sogno: far perdere la verginità a qualcuno meritevole del suo sperma.
Dopo che il terzo fiotto aveva lasciato il cazzo di Aldo, lui lo estrasse e spruzzò un altro geyser sopra il sedere ed un quinto sopra la sua schiena, continuò a vuotarsi ed alla fine cominciò ad ansimare sentendosi vuoto come gli era successo dopo il pompino. Precipitò in avanti sentendo il suo sperma sullo stomaco e la vita quando si sdraiò sopra Stefano ed il suo orgasmo continuava a diminuire mentre riprendeva fiato.

Stefano sorrise ed ancora una volta baciò il suo ragazzo sulla guancia.
I due si alzarono lasciando lo sperma dove stava e si baciarono con forza. Stefano avvolse le braccia intorno al corpo dell’amico, stringendosi insieme ancora una volta, lasciando che la miscela appiccicosa si spargesse sulla loro giovane pelle. La lingua di Stefano invase la bocca di Aldo e viceversa ed i ragazzi si baciarono per almeno dieci minuti.
Fu Stefano ad interrompere il bacio, solo per indicare la sua erezione.
“Io sono ancora pronto, non mi hai fatto venire.”
Aldo, sentendosi coraggioso, gli disse di prepararsi ad una dolce sorpresa. Spinse indietro Stefano sul letto e si sdraiò sullo stomaco, posizionando la testa sul suo grembo, i loro corpi formavano una L. Aldo sporse la lingua e leccò l’asta indolenzita dell’amico.
“Mi farai un pompino?”
“Finché non sparerai il tuo carico.”
Non sapendo cosa fare precisamente, non avendone mai fatti, Aldo tentò di prendere tutto l’uccello di Stefano in bocca, soffocando.
“Prendine un poco per volta.” Lo guidò l’amico.
Aldo decise di mettersi più vicino assumendo una posizione di 69 col suo compagno, afferrò il cazzo di Stefano con una mano e prese in bocca la cappella facendola andare a colpire il cielo della sua bocca.
Non vedendo un’opportunità migliore, Stefano fece scivolare fuori la lingua e leccò il fondo dello scroto. Stava quasi per prendere il cazzo semi duro in bocca ma poi quando Aldo, per mettersi più comodo allargò le gambe, vide il buco dell’amico, mai scopato e mai leccato prima di allora.
Sorrise, si avvicinò e fece scivolare la sua calda lingua bagnata sul buco.
Scioccato dalla stimolazione anale, Aldo scivolò sul cazzo di Stefano e lo percorse leggermente coi denti contro l'asta; si scusò immediatamente ed i ragazzi ritornarono a darsi piacere l'un l'altro: Aldo teneva metà dell’uccello duro di Stefano in bocca senza soffocare e muoveva la testa per copiare quello che aveva visto nel porno.
Stefano ora aveva le mani sul sedere dell’amico e stava leccandogli impazientemente il buco. La rosellina di Aldo si era allentata un po' e Stefano ora riusciva a far scivolare dentro la lingua, godendone.
Aldo ora stava succhiando come un professionista… beh, un semiprofessionista. In quel territorio ancora poco familiare, aveva circa tre quarti del membro di Stefano in bocca e lo stava leccando abbondantemente mentre si muoveva rapidamente su e giù sul cazzo duro.
Stefano era pronto ad andare più avanti, il sedere di Aldo era bagnato a sufficienza ed ora riusciva a penetrarlo con un dito. Usando il medio della sinistra, spinse sul buco e l'inserì lentamente, quando l’ebbe inserito completamente ricevette un morso sul pene dall’amico molto sorpreso.
Già preso dalla novità del pompino, era difficile per Aldo essere concentrato quando Stefano giocò col suo sedere vergine.
“Ok, Aldo, mi hai eccitato a sufficienza. Perché non mi fai finire la sega?”
Lui fu d'accordo e cambiarono posizione. Aldo ora era sdraiato sul letto e Stefano era seduto sul suo torace a masturbarsi il cazzo bagnato della saliva dell’altro.
“Lascialo fare a me. Voglio ripagarti.” Disse Aldo pensierosamente.
Avvolse la mano con forza, la sinistra, intorno all’uccello di Stefano e cominciò a menarglielo rapidamente, spostando la mano velocemente su e giù sulla verga dura, facendo piegare l’amico in avanti per il piacere. Non gli avevano mai fatto una sega così forte!
Aldo, che si masturbava anche più volte al giorno, ora era in una zona a lui più familiare ed era determinato a farlo sborrare.
Muovendosi rapidamente la mano di Aldo volava sul cazzo, andando rapidamente su e giù sull’intera asta, circondando la cappella e spingendo contro le palle. Stefano non ci poteva credere che riuscisse a muoversi così velocemente.
“Oh cazzo, sto per ven…!” Disse gemendo senza terminare la frase.
“Di già?”
“Aldo, sei veramente bravo a farlo… cazzo… come fai ad andare così veloce?” Chiese Stefano mentre la sua schiena si inarcava per il piacere.
“Mi masturbo molto.” Disse Aldo ridendo: “Un bel po’ e sono abituato a farlo così velocemente.”
Stefano tacque e continuò a godere del movimento. Il suo uccello scivoloso scivolava tra le calde dita di Aldo che creavano un attrito piacevole che il ragazzo amava.
Si lamentò forte ed il suo carico volò sulla faccia di Aldo. Il caldo sperma finì sulle sue labbra, sui suoi capelli, sulla gola e soprattutto sul torace oltre che sulla lingua. Aldo assaggiò il sapore unico della crema dell’amico e sorrise mentre l’altro gocciolava sul suo torace.
“Mmmm… niente male… penso di essere un po’ più che curioso ora!” Disse Aldo soffocando una risata.
Ansimando Stefano rispose: “Ogni volta che vorrai sperimentare… conta su di me.”
L’amico rise e si leccò le dita per pulirle dello sperma. I due si alzarono dal letto e si pulirono dopo la fine dell’orgasmo di Stefano.
Erano le 4,45 di notte, i ragazzi andarono insieme sotto le coperte senza perder tempo a mettersi qualche cosa addosso e si accoccolarono uno contro l'altro. Dividendo lo stesso cuscino, Stefano baciò con forza l’amico sulle labbra e sentì il cazzo di Aldo spingere contro di lui.
“Duro di nuovo?” Disse afferrandoglielo.
Aldo ridacchiò e lo baciò sulla fronte. Gli posizionò il pene tra le gambe e gli mise una mano sul sedere per tirarlo più vicino al suo corpo.
“Non prima di domani.” Disse sonnolento.
Chiudendo gli occhi Stefano sospirò felice, era stato uno dei giorni più avventurosi e più felici della sua vita e sognò le avventure future insieme ad Aldo.

Questo racconto di è stato letto 1 7 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.