Ma anche sticazzi del poliamore

Scritto da , il 2020-01-19, genere etero

Ciao, sono Annalisa. Questa è la puntata di un racconto che ho pubblicato su ER, ma non per intero. Infatti questa parte non c’era. Così l’ho un po’ modificata per farla capire meglio. Il titolo originale era “Il riscatto”, anche se avrebbe potuto chiamarsi “Il mistero delle mutande scomparse”. Ma faceva un po’ troppo Agatha Christie e così ho lasciato perdere. E poi il mistero si risolve subito, capirai... Oggi però sono convinta che il titolo migliore per questa storia sia proprio questo: “Ma anche sticazzi del poliamore”. E niente, se vi va leggetela, ciao.

***********************


– In effetti mi sembra uno scherzo un po’ del cazzo.

La ragazza annuisce e abbassa un po’ la testa.

– Scusaci, hai ragione.

Mi appoggio sullo schienale e la osservo per qualche secondo. In silenzio, godendomi la sua ammissione e la mia vittoria. Che ci faccio qui, quasi dall’altra parte della città? Tanto che ho dovuto prendere un autobus e la metropolitana per arrivarci. Non sono nemmeno tanto incazzata, mi sembra una cosa stupida. E per dire la verità, non sono neanche venuta sin qui per recuperare il perizoma. Sì, ok, mi piace e mi seccava averlo perso. Potrei dire che mi seccava di più che me lo avessero fregato in quel modo, sfilato dalle gambe mentre dormivo strafatta su un letto alla festa di capodanno. Mi seccava essere stata vista nuda tra le cosce e che mi avessero sollevato il vestitino per mettere in mostra il mio sedere. Ma erano tutti avvenimenti che davo ormai per passati, pronti a cadere nel cesto delle cose dimenticate. E dunque? Dunque diciamo che sono qui anche per la curiosità di guardare in faccia chi mi ha fatto questo scherzo scemo. E a dirla tutta anche per il tipo di scherzo, per la sua morbosità.

Le cose sono andate così. Mi arriva un messaggio WhatsApp, numero sconosciuto. Lo apro e ci trovo una foto, la foto di un perizoma appunto, che assomiglia al mio. Non faccio nemmeno in tempo a riprendermi dallo stupore che mi arriva un video: quella ragazza che dorme sul letto con il vestitino sollevato e il sedere in bella mostra sono io. Non è che si veda molto di me, ma mi riconosco. Nel letto sono sola. Gregorio, un tipo conosciuto alla festa cui avevo appena fatto un pompino prima che svenisse, non c’è. Immediatamente dopo, un altro messaggio: “Volevamo restituirti le mutandine e scusarci, se ti va chiama a questo numero”.

Prima riflessione: io a quella festa non conoscevo nessuno a parte Stefania. Quindi è certo che il mio numero lei deve averlo dato a qualcuno. Quindi-bis, chiamo Stefania. La quale mi dice che in effetti sì, l’ha chiamata un suo amico per avere il mio numero, “quella ragazza bionda e mezza anoressica che stava con te”, le ha detto. Grazie della descrizione. Il motivo? Semplice: era stato contattato da una ragazza che gli diceva di avere avuto a sua volta il numero da un’altra ragazza e che insomma, con un giro tale che capisco benissimo non ne verrò mai a capo, c’era stata una catena telefonica per avere il mio numero di telefono perché una tipa doveva restituirmi una cosa che aveva preso per sbaglio.

– Sbaglio un cazzo – dico a Stefy – è quella che mi ha fregato le mutande.

– Ah – commenta Stefania con voce preoccupata – fammi sapere come procede.

Seconda riflessione: ok, c’è una tipa che dice che deve restituirmi il perizoma. Ma non è sola. Altrimenti perché scrivere “volevamo” e “scusarci”? Quindi sono perlomeno due. Chi cazzo sono? Meglio stare in campana.

Terza riflessione, un po’ a latere: quello stronzo cui avevo fatto il pompino non solo era svenuto facendomi prendere un colpo, ma quando si è svegliato ha preso e se n’è andato, senza nemmeno vedere come stavo. Spero che almeno si sia rimesso il cazzo nei pantaloni. Anzi, spero di no. Ma è improbabile.

Insomma, chiamo questa ragazza, senza inutili precauzioni, tanto il mio numero ce l’ha già. Si chiama Giulia, mi dice. E mi dice anche che lei e il suo ragazzo si sono pentiti di avermi fatto quello scherzo, di avermi fregato il perizoma. Che me lo vogliono restituire ma, soprattutto, incontrarmi per scusarsi. E’ chiaro che la prima cosa che faccio è insospettirmi. Non perché non creda nel prossimo, ma perché a tutto c’è un limite, no? Imboccare cazzi è ok, ma non è che devo per forza imboccare a tutto perché dall’altra parte del telefono c’è una ragazza. Lei però non se ne dà per intesa e mi invita a casa del suo fidanzato per riprendermi il maltolto. Al che io le rispondo se per caso non sia scema, che dovrebbero semmai essere loro a riportarmi le mutandine e che, comunque, sono disposta a incontrarli solo in un posto dove ci sia gente, parecchia gente. Possibilmente di fronte a una caserma dei carabinieri. No, dico, ma siamo proprio cretini? Non credo. Giulia ne conviene, si scusa, dice che non ci aveva pensato. Solo che mi prega lo stesso di vedersi dalle loro parti perché, dice, il suo ragazzo tornerà a casa solo verso le quattro del pomeriggio e noi potremmo vederci tranquillamente per le quattro e mezza-cinque in un bar sempre sotto casa del suo ragazzo per poi tornarcene ognuno a fare quello che dobbiamo fare prima che sia troppo tardi.

La spiegazione mi convince così così, ma accetto. Come vi ho detto, un po’ prevale la curiosità di vedere chi sono questi due che, avendo proprio l’impellente necessità di fare uno scherzo, decidono di fregarsi un paio di mutandine sfilandole di dosso alla legittima proprietaria. L’appuntamento è in un bar abbastanza anonimo a cinquanta metri dalla fermata della metro Garbatella.

Quando arrivo vedo Giulia da sola, seduta a uno dei tre tavolini del bar. Cioè, immagino che sia lei perché in effetti non la conosco. Potrebbe essere la ragazza che ho visto strusciarsi sopra al suo tipo in mezzo a un corridoio, la sera della festa. Ma non potrei giurarlo. Era un po’ buio e poi non l’ho vista bene in faccia. Nemmeno la voce mi aiuta molto, gemeva… Comunque sì, è Giulia, quella che dice di avere il mio perizoma. Anzi, ce l’ha, visto che la prima cosa che fa è riconsegnarmelo in una bustina. Finirebbe qui, ma poiché ho fatto questo viaggetto a sto punto mi faccio offrire una coca e le domando cosa sia saltato loro in mente quella sera alla festa. Lei mi dice che anche lei e il suo ragazzo erano abbastanza brilli, forse un po’ più di abbastanza, e che cercavano un posto per stare un po’ da soli. Solo che quando hanno aperto la porta, dice lei, mi hanno vista con quel ragazzo e se ne sono andati, un po’ indispettiti. Dopo un po’ sono tornati e mi hanno vista ancora lì, che dormivo.

– E’ stata una piccola vendetta – dice Giulia – te l’ho detto, avevamo bevuto e eravamo abbastanza su di giri dopo… ehm… averti vista all’opera…

– Puoi tranquillamente pronunciare la parola “pompino” – ribatto, e mi rendo conto che è la seconda volta che uso questa frase nel giro di due giorni – vi avevo sentiti entrare mentre lo facevo. Tu sei quella che ha detto “nooooo”.

In quel momento arriva il suo ragazzo. Si presenta, si chiama Marco. Si scusa del ritardo perché è appena tornato dopo avere accompagnato i suoi genitori in montagna. Lo riconosco, è quello del corridoio.

A guardarli l’uno accanto all’altra mi sembra sia stata solo la cazzata di due ragazzi assolutamente normali, anche bene educati, direi. Che sembrano dispiaciuti di quello che hanno fatto. Però c’è qualcosa che non mi torna, rifletto. Se una stronzata del genere l’avessi fatta io, penso, ok mi sarebbe dispiaciuto e me ne sarei pentita, ma difficilmente avrei fatto un casino per rintracciare la ragazza lasciata a culo scoperto (la ciliegina sulla torta). Al loro posto mi sarei tenuta le mutandine e per una mezzoretta anche un po’ di senso di colpa, poi stop. E’ questo che non mi quadra.

Anche perché ancora non so che Giulia, decisamente più chiacchierona del suo ragazzo, sta per dare un giro di volta al pomeriggio. Se volete, chiamatelo colpo di scena.

– Però non è per questo che abbiamo voluto incontrarti – dice.

Le lancio uno sguardo interrogativo. Siamo in due a fissarla, io e Marco. Che però evidentemente sa benissimo cosa lei sta per dire.

– Vedi Annalisa – continua Giulia abbassando un po’ la voce e lo sguardo – io e Marco stiamo insieme da due mesi… e non è che prima non abbiamo avuto le nostre esperienze. Ma c’è una cosa sulla quale ci siamo trovati. Non capirmi male, eh? Noi stiamo molto bene insieme ma, vedi, tutti e due abbiamo avuto l’impressione che quello che riusciremo a dare a una singola persona non sarà mai tutto noi stessi.

– Cioè? – chiedo io, mi sto un po’ perdendo.

– Cioè noi vorremmo provare ad aprirci anche ad altri… sia dal punto di vista sentimentale che da quello… ecco sì, insomma… del sesso.

Resto un attimo interdetta per l’evidente proposta che i due mi stanno facendo, ma prima che possa aprir bocca Marco interviene.

– Sì chiama poliamore, noi riteniamo di essere due soggetti poliamorosi – scandisce. E con ciò capisco che tra i due il teorico è lui.

– Non ho capito – dico – che differenza c’è con il farsi le corna a vicenda?

Marco ridacchia, Giulia invece fa una faccia un po’ risentita.

– Che brutta parola… No, Annalisa, non è così… due che si fanno le corna lo fanno di nascosto, all’insaputa dell’altro… questa è più una cosa come una coppia aperta… noi siamo la coppia principale, cioè vorremmo esserlo, ma senza escludere altri… e a differenza della coppia aperta mettiamo nel conto che ci possano essere anche esperienze sentimentali, legami intellettuali… non solo sesso…

– E quindi? – chiedo calcando con un po’ di ironia l’interrogativo, proprio permettere in chiaro la domanda reale, ossia “cosa cazzo volete da me?”

– E quindi… – ripete Giulia – beh, per la verità noi non abbiamo proprio nessuna esperienza… uhm… e c’è il fatto… sì insomma c’è il fatto che io penso queste cose ma non so assolutamente come potrei reagire a sapere che Marco fa sesso con un’altra…

- E quindi le esperienza sentimentali e le affinità intellettuali... – obietto lasciando in sospeso la frase.

- Beh, no... cioè in questo caso sarebbe solo quello – risponde Giulia.

- Quello – ripeto io.

Non ci posso credere. Ho capito perfettamente ma non ci posso credere lo stesso: questa vuole che io sia lo stress-test della loro poliamorosità o come cazzo si chiama. Mi sembra matta come un cavallo, ma allo stesso tempo un po’mi immedesimo in lei perché in fondo è un po’ la stessa cosa che stiamo passando io e Tommy, no? Cioè, voglio dire, né io né Tommy abbiamo mai pronunciato la parola “amore”, e men che meno ci faremmo tutte queste assurde seghe mentali… ma qualche analogia c’è, ne converrete. Mi viene in mente come avrei reagito io a saperlo con la svizzerotta o lui a sapermi in quel locale l’altra sera violata in un modo o nell’altro da tre maschi.

– Scusate una cosa – chiedo tanto per portare un po’ d’ordine – ma come mai lo dite a me? Non avete amici o qualcosa del genere con cui parlarne?

– No! E’ questo il punto – risponde Giulia – non sapremmo come potrebbero accettare una cosa del genere, i nostri amici. Abbiamo pensato a te proprio perché non ti conosciamo per nulla e…

– E perché quella sera alla festa – continua Marco per togliere la sua ragazza dall’imbarazzo – ti avevamo vista in quella stanza con quel ragazzo…

– Dice che per quanto la riguarda puoi tranquillamente usare la parola pompino– chiarisce Giulia.

– Ah, ok – ridacchia lui – sì, insomma, vi avevamo notati, ci eravamo accorti che con quel tipo vi eravate appena conosciuti… e sì, ecco, abbiamo pensato che tu devi essere una ragazza molto tranquilla, libera…

– Un po’ troia... – esplicito io.

– Ahah… no, non volevo… mi piace che non hai peli sulla lingua, però…

– E se li ho non sono i miei, sai come si dice… ma ripeto: e quindi?

– E quindi – dice Giulia tutto d’un fiato – vorremmo che tu facessi la stessa cosa a lui, davanti a me, voglio vedere se lo reggo a saperlo con un’altra, e a vederlo.

Beh, sarei ipocrita se dicessi che non me l’aspettavo una cosa del genere. Che lei però volesse assistere proprio no, non mi sarebbe mai venuto in mente. A questo punto, naturalmente, io dovrei alzarmi e, prima di mandarli affanculo, chiedere per chi mi hanno presa. Voglio dire, anche io che ho fatto pompini praticamente a chiunque me l’abbia chiesto (e anche a chi non me l’ha chiesto, a dire il vero) avrei una reputazione, no?

Mi fermo un attimo ad osservarli meglio. Avranno tutti e due qualche anno più di me, diciamo 23-24. Lui è un bel ragazzo, ha una faccia pulita, un po’ basso, non il tipo con cui mi darei da fare, lo ammetto. Ma ammetto anche che sono stata gentile con ragazzi peggiori. Lei ha dei bei capelli castani, lisci e lunghi, con la riga da una parte e delle meches più chiare che mi sembrano naturali. Sarà alta un po’ meno di lui ed è tutto quello che posso vedere infagottata com’è nel giaccone. Ha un viso carino, niente di più, naso un po’aquilino con delle ciglia truccate in modo un po’ troppo pesante per i miei gusti ma con un rossetto scuro che mi piace molto. E’ probabile che loro pensino, mentre li guardo, che io stia valutando la loro proposta. Ma non è così, li sto guardando e basta.

– Ma non vi siete posti il problema – chiedo – che per queste cose, sì insomma, bisogna che ci sia un po’ di attrazione, voglio dire… bisogna piacersi almeno un po’?

– Tu sei davvero una bellissima ragazza – dice Giulia un po’ rabbuiata – noi speriamo invece, come dici tu, di piacerti almeno un po’…

Non voglio rassicurarla su questo, non per ora almeno. Perché c’è una cosa che voglio sapere e che mi pare strana. Perché per ora si è parlato solo delle reazioni di lei.

– Ma, scusa Marco, tu come reagiresti se sapessi che Giulia sta con un altro?

– Non lo so – ammette lui – ma per il momento il problema non si pone. La prima che abbiamo trovato e fa al caso nostro sei tu… Abbiamo preso l’impegno di scegliere insieme i nostri primi partner, poi se la cosa andrà avanti si vedrà…

– Comodo però, no?, tu intanto fai la prova… – ironizzo.

– Se vuoi – dice Giulia arrossendo parecchio – puoi fare la prova anche con me…

Ecco un’altra cosa che mi aspettavo ancor meno della richiesta di fare un pompino al suo fidanzato davanti a lei. Come le sia venuto in mente proprio non lo so, avrà delle voglie, delle curiosità. Magari lo ha già fatto. Non lo so.

– Ma… dico… anche no! Io non… Tu sì? - mi rendo conto di balbettare per la sorpresa.

– No, io nemmeno – risponde Giulia – ma è una cosa che mi incuriosisce… non lo so, magari un giorno… solo curiosità a dire il vero. Non mi è mai capitato.

************

Una spiegazione, a sto punto, ve la devo. Il primo capitolo di questo racconto si apriva con la scena di me che leccavo la fica a Viola, una ragazza che prima di capire che era una stronza totale esercitava un certo fascino sulla sottoscritta. Fu proprio lei a portarmi a letto per la prima volta. Posso dire di avere dormito e fatto sesso con una ragazza prima che con un ragazzo. Cioè, più che altro fu lei a fare tutto, io assistevo imbambolata e confusa (sì, ok, con un certo gradimento, lo ammetto). Ma a parte il fatto che quella era, appunto, Viola mentre questi sono due tipi un po’ strambi e basta, dovete comunque tenere presente che quella che descrivevo in quel primo capitolo era la prima volta in assoluto che leccavo la fica di una ragazza. E che qui, mentre siedo al tavolino di un bar con Marco e Giulia, siamo in un flashback. Avete capito? Sicuri? Mah... Vabbè, ricominciamo a raccontare.

***********

– Insomma – dice Marco per superare l’impasse rappresentato dalla figura ragazza-che-lecca-la-fica-a-un’altra-ragazza – a noi piacerebbe magari andare fuori una sera con te e vedere cosa ne può uscire, sempre che a te vada…

Lo ammetto, c’è una cosa che mi attira. E non è la solita voglia di cazzo, no. Non ci crederete ma non mi sono particolarmente eccitata a parlare di queste cose. Loro due un po’ sì, lo vedo. Ci sperano parecchio, lo capiscono da come mi guardano e dal tono in cui parlano. Io invece ho solo una cosa che mi frulla per la testa: mi eccita l’idea di lei che mi guarda mentre faccio un pompino al suo ragazzo. Ecco, questo sì che mi sbrocca. Più mi fisso a pensarci più mi carico, a dire il vero. Sono fatta così, lo sapete, non è che tutte le volte devo mettermi a spiegare quanto sono troia.

– Perché non ora? – chiedo improvvisamente di fronte alle loro speranze.

– Eh? – fa Giulia trasalendo e arrossendo ancora.

– Davvero? – dice Marco, al quale probabilmente il cazzo ha già iniziato a farsi sentire nei pantaloni.

– I tuoi non ci stanno, hai detto. A casa tua c’è qualcun altro?

– N-no… no – risponde lui e guarda la sua ragazza. I loro occhi si incollano l’uno all’altro per diversi secondi. Sembrano spiazzati, non più così sicuri. E questo in fondo mi diverte.

Così come mi divertono le loro facce mentre saliamo su in casa. Quella imbarazzata in fondo dovrei essere io. Invece loro non fanno che guardarsi le scarpe, scambiarsi occhiate fuggevoli, alzare gli occhi per aria… Tutto ciò che si fa quando si vorrebbe essere altrove, insomma. Tutto pur di non guardare me, insomma.

– Voi siete proprio sicuri, eh? – domando in ascensore.

Giulia annuisce nervosamente, Marco risponde un “sì” più convinto. Ci credo. Mi chiedo se dentro di lui si combatta una battaglia tra l’eccitazione, la prospettiva di farsi fare una pompa dalla sottoscritta, una sconosciuta tutto sommato, e la preoccupazione per come la prenderà la sua ragazza.

– Siete imbarazzati? – chiedo.

– Non è facilissimo – risponde Giulia con un sospiro.

– Mica ce l’ha ordinato il dottore…

– Ma a te va? – chiede all’improvviso Marco mentre entriamo in casa.

La sua voce mi scuote. Mi rendo conto di colpo che lui in realtà ci ha già un po’ fatto la bocca (perdonatemi il latente doppio senso…) e che quella davvero in difficoltà, forse pentita, è Giulia. C’è sempre da capire, però, se sia in difficoltà per il fatto di essere destinata a essere solo spettatrice o se piuttosto questa storia del poliamore non stia diventando, anche ai suoi occhi oltre che ai miei, una solenne stronzata.

– Mi incuriosisce – ammetto – mi va. Non sarei qui sennò…

– Ma tu non ti tiri mai indietro? – chiede Giulia, che forse spera che a questo punto sia io a dire ok ragazzi, lasciamo perdere.

Il fatto è che ormai mi va, mi sono intrippata anche io con questi due deficienti. Non saprei spiegare bene il perché, non è che senta tutto questo bisogno di inginocchiarmi tra le cosce dell’ennesimo maschietto. E’ più la situazione che la voglia di cazzo, se capite cosa voglio dire. Cioè sì, anche la voglia di cazzo, io ho molto spesso voglia di cazzo ma mi rendo conto che insomma… mi avete capito, no? Non si può sempre avere tutto. Ma non è solo quella. Voglio l’insieme delle cose, voglio vedere come va a finire, quali saranno le loro reazioni, e anche le mie. Sperando naturalmente che a un certo punto Giulia non sbrocchi e che non gli venga in mente di menarmi. Metto nel conto anche questo, sapete?

Mi sembra però un po’ complicato spiegare tutto questo alla ragazza, a meno di non rifugiarmi dietro un banale “voglio vedere come va a finire”. Anche perché più o meno un’idea di come andrà a finire ce l’ho già… Ma se la sua domanda resta senza risposta non è solo a causa della mia indecisione. E’ soprattutto perché Marco la prende e la bacia. Cioè, la bacia… Diciamo pure che cominciano a pomiciare di fronte ai miei occhi e poi proseguono per un bel po’ di fronte al mio, come chiamarlo? disagio? Lui mette le mani addosso a lei e lei mette le mani addosso a lui e a me non sembra proprio un bacio di quelli che sigillano una promessa del tipo: mi faccio fare un pompino da questa ma in realtà è te che amo. No no, mi sembra proprio un bacio che dice “adesso ti scopo”. Per fortuna si slacciano prima che io sia costretta a dare un paio di colpetti di tosse per far notare la mia presenza, ma dal modo in cui si guardano direi che la voglia che hanno l’uno per l’altra non ha bisogno di me.

E invece mi sbaglio, perché Marco mi si avventa addosso e dopo avere infilato la lingua in bocca alla sua ragazza infila la lingua in bocca a me. E quasi subito comincia a smanacciarmi il sedere, a tirarmi il ventre verso il suo bozzo già duro. Complimenti Giulia, gli fai proprio un bell’effetto… Vengo trascinata nel salone, sempre abbracciata a lui, sempre con la sua lingua che rotea insieme alla mia. Si schianta a sedere su un divano e mi tiene a cavalcioni su di lui. Abbiamo entrambi i jeans e il grezzo della tela dovrebbe diminuire almeno un po’ la mia sensibilità, ma anche in questo caso vengo smentita. Il bozzo della sua nerchia che cresce lo sento benissimo anche così. Ora sì che sono eccitata, umida. Lo percepisco benissimo. Dovrei preoccuparmi delle reazioni di Giulia, è vero. Ma anche chissenefrega delle reazioni di Giulia! Almeno per una ventina di secondi mi assaporo questo maschio che sembra volermi più di ogni altra cosa al mondo. Anzi, togliamo pure il sembra, mi vuole, lo capisco perfettamente da come mi bacia e da come mi polipeggia.

La sua ragazza è vicinissima, seduta per terra, quasi inginocchiata, sembra quasi che il pompino glielo debba fare lei, per come si è messa. Ma sinceramente a questo punto proprio non mi interessa dei suoi diritti su Marco, facciamo quello per cui sono salita qui con loro, facciamolo perché a sto punto ne ho proprio voglia. Mi inginocchio pure io. Solo che lo faccio direttamente tra le gambe di Marco e gli slaccio la cinghia, sembra quasi un combattimento con quella maledetta cinghia per quanto sono affannata. Quando però il combattimento lo vinco io gli tiro giù tutto, fino alle caviglie, e poi è la volta delle mutande.

Mi svetta davanti un cazzo che, in quella forma, non ho mai visto prima. Cioè sì, un po’ arcuati, un po’ a gancio, ne ho visti, ma questo li batte tutti! Disegna proprio una curva verso l’alto, netta. Ed è pure storto, verso la mia sinistra. E di un bel po’. Decisamente brutto, a vederlo. Ma a suo modo curioso, affascinante, forse proprio perché è brutto. E ha un odore forte, intenso, che non è provocato solo dall’umido che si fa strada sulla sua cappella. I coglioni invece sono regolari, grandi e gonfi, come piacciono a me. Sento la fica che si scioglie al solo guardarli. E’ da lì che inizio a baciare e a leccare, a lungo, per poi risalire. Non so che cosa stia facendo Giulia o cosa stia pensando, ma il suo ragazzo si sta sicuramente godendo la mia abilità, sospira forte due o tre volte. E rantola di brutto quando glielo imbocco dopo averci sparso sopra un bel po’ di saliva. Devo fare una torsione con il collo per infilarmi in bocca quel coso così storto, ma in quanto a pompini lo sapete, non mi spaventa nulla.

Sento una mano che mi si intrufola sotto il mento e capisco che è Giulia che si sta prendendo cura dei testicoli del suo amore. Volto lo sguardo verso di lei e vorrei tanto dirle che – se proprio deve essere un esperimento – questo non contempla la sua presenza e men che meno il suo intervento. Ma la sua espressione quasi mi impietosisce.

– Tu non ti fermi, eh? – mi chiede.

Cinque minuti fa le avrei chiesto se davvero avrei dovuto fermarmi. Ora no, sorry. E sinceramente anche sticazzi delle loro fisime sul poliamore, cavoli loro. Sono qui e me la voglio godere. Sperando pure di non dovermi limitare a un pompino, se vogliamo dirla tutta. Perché non mi scopi, vorrei dire a Marco, così vediamo se l’esperimento riesce davvero? Ma ovviamente non glielo dico, perché mentre sto succhiando il suo cazzo i miei occhi continuano a essere fissi su quelli di Giulia, storditi e eccitati da ciò che vede. In questo momento mi sembra addirittura bella.

– Non hai mai baciato una ragazza, eh? – chiedo ansimando mentre mi tiro su per un momento. Lei ha quasi un moto di paura.

Mi avvento sulla sua bocca e ci infilo la lingua dentro mentre lei spalanca gli occhi per la sorpresa. E un po’ sorpresa, lo riconosco, sono pure io, perché in fin dei conti, se parliamo di ragazze, fino ad oggi ho baciato solo Viola, se escludiamo un impulso lesbico con Stefania, poi abortito, quando eravamo a scuola. I nostri sguardi ravvicinati si sostengono a vicenda mentre ci scambiamo un lunghissimo e mugolante lingua a lingua. Lei mi passa il sapore del suo rossetto, io quello del cazzo di Marco. Che, detto per inciso, mica se ne sta fermo a guardarci, tra l’altro, ma mi alza maglione e canottiera, prova a slacciarmi il reggiseno senza riuscirci bene. Si impossessa delle mie tettine e di quegli sfacciati dei miei capezzoli solo quando Giulia lo aiuta, anche qui con un certo stupore da parte mia. Mugolo di voglia e di piacere nella bocca della ragazza.

Ma la mia sorpresa è ancora maggiore quando lui mi prende la testa e se la ripiazza in mezzo alle gambe, tornando a infilarmi il suo cazzo fino alle tonsille. Mi dà fastidio, storto com’è, ma lo adoro come un totem. La sorpresa però, dicevo, non è questa. La sorpresa sono le mani di Giulia che prendono il posto di quelle di Marco sulle mie mammelle. Le sfiorano e le carezzano, urtano il duro dei miei capezzoli facendomi rabbrividire ovunque e facendomi pulsare là sotto. “Cosa cazzo stai facendo”, vorrei dire, ma allo stesso tempo anche “qualsiasi cosa tu stia facendo non smettere, è troppo bella”. Sono messa a quattro zampe, con le ginocchia e i palmi delle mani per terra. Ho un bisogno assoluto di toccarmi. “Sei proprio una troia, lo sapevo”, mi sussurra avvicinando la testa al mio orecchio. Sì, ok, vorrei risponderle, ma non ce n’è bisogno perché immediatamente mi rendo conto che non c’è nulla di animoso nella sua voce. E anche perché mi rendo conto che mi ha sbottonato i jeans e cerca di calarmeli giù. No, anzi, ci riesce, me li abbassa completamente, seguiti dalle mie mutandine ormai fradice. Ecco, sarebbe ora il momento di chiedere “cosa cazzo stai facendo?”. Oppure: “Sei la stessa che qualche minuto fa arrossiva o c’è stato uno scambio di persona?”.

– Senti come sei bagnata – sussurra ancora passandomi un dito lungo il mio spacco. E di colpo mi rendo conto che ogni mia domanda, adesso, non avrebbe proprio alcun senso. Marco comincia a dare lui il ritmo del pompino mentre lei mi appoggia la mano aperta su una natica e mi penetra con il dito, mentre io divento una contrazione calda, un mugolio soffocato dalla carne del ragazzo che mi occupa la bocca e mi fa tossire e sbavare.

– Che bel sederino che hai – mi sussurra ancora questa zoccola mentre continua a fottermi – lo sai che Marco dopo la festa mi ha fatto il culo? Gli piace ma secondo me questo porco pensava al tuo… E scommetto che piace anche a te.

E detto questo mi infila il ditino bagnato dei miei umori dritto nel buchetto, proprio mentre a me viene in mente che dovrei dirle no, guarda, non solo sono terrorizzata da quella cosa, ma ho proprio scopato solo due volte in vita mai, e la seconda è stata l’altra sera con un mio amico… Non ho nemmeno il tempo di finire il pensiero, lei scivola e mi arriva in fondo, mi allarga, mi sento gonfiata. Istintivamente stacco la bocca dal cazzo per guaire come un cucciolo. La guardo ancora una volta e i miei occhi le dicono sei una gran puttana, ma solo per farle provare il piacere di essere chiamata puttana in un momento così. Per ricambiare il piacere che sta dando lei a me. Si sfila e torna a scoparmi la fica, stavolta con due dita. E le sento, cavolo se le sento. Cioè, sono ditini, ma io sono semi-vergine... Mi ritrovo di nuovo il cazzo di Marco in bocca, non so nemmeno bene come, e decido che ok, è il momento di impazzire. Non me ne frega più niente di niente. Ho l’impressione che la storia del poliamore, dell’insicurezza, dell’esperimento, sia tutta una stronzata e che questi due si siano solo messi d’accordo per attirarmi da loro e divertirsi con me. Ma se anche fosse, siano benedetti! Sto davvero godendo come una cagna in calore. Se potessi, se avessi la bocca libera, direi loro fottetemi, fatemi quello che cazzo vi pare, ma invece accade per l’ennesima volta una cosa che non mi aspetto.

– Il suo cazzo è mio – dice Giulia con una voce che mi fa rabbrividire per quanto è arrapata – la sua sborra è mia…

E immediatamente dopo Marco mi toglie il pisello dalla bocca, mi lascia vuota, inizia a segarsi. No, cazzo, no, che modo di fare? Guardo quella cappella grossa e congestionata che mi appare e scompare davanti e penso che no, porcatroia, sono stata io a… è merito mio se… Ma vaffanculo!

Giulia si inginocchia con le natiche sui talloni, carezza sempre la mia fica ma la sua attenzione ormai è su Marco che si sega sempre più velocemente. Sono delusa, esausta, infoiata, sull’orlo di un orgasmo che questi due stronzi mi hanno appena negato. Dovrei gridare e protestare, fare a botte per avere quel cazzo che ho coccolato e succhiato come la più spudorata delle troiette e che, ragazzi, non è proprio possibile né giusto che mi venga reso off limits proprio ora.

Mi giro e mi siedo sconvolta sul divano, sul bordo del cuscino, ma mi rendo conto quasi con rassegnazione che arrivati a questo punto anche io non smetto di guardare il cazzo di Marco e la sua mano che ci corre sopra. Puntato proprio sulla faccia di Giulia. I getti numero 2 e 3 sono normali, la raggiungono su una gota e sul naso. Quello numero 4 è un po’ così, debole, si adagia a malapena sul mento. Ma è il getto numero 1 a essere stato devastante, davvero. Si è spiaccicato sulla fronte della fanciulla, ci è rimbalzato, si è spalmato sui capelli e le è colato giù lungo tutto il viso. Quando l’ha raggiunta, la testa le è scattata all’indietro, per la potenza e per la sorpresa. E anche io, osservandola, sono scattata, per la sorpresa e per il ruggito di Marco. Uaooo…che cazzo c’hai al posto del pisello, un estintore? Giulia ha gli occhi chiusi e ansima a bocca aperta, sulle sue labbra si è disegnato un leggero sorriso di soddisfazione. Ha una mano per aria come se non sapesse cosa farci, l’altra è sempre sulla mia fica ma ha smesso di muoversi. Ok, lo ammetto, sono invidiosa. Avrei voluto io essere al posto suo, avrei voluto io essere investita da quello schizzo megagalattico, avrei voluto ingoiarlo, esserne annegata. Ma anche così la scena mi eccita da morire, mi porta al limite estremo. Ho bisogno di cazzo, ho bisogno di fare un pompino, oppure di essere scopata e riempita perché in questo momento mi sento irrimediabilmente vuota e il calore della mia eccitazione mi brucia il ventre e tutto il resto.

– Ora voglio che tu… – inizia a dire.

Beh, sai che c’è? La tua “erba voglio” mi ha un po’ frantumato i coglioni, amica mia, da adesso in poi faccio un po’ io.

– Ora te lo dico io cosa vuoi – le ringhio afferrandola per i capelli e portandomela davanti al viso, sono inebriata dall’odore di sperma che ricopre la sua faccia, da quella roba bianca che scivola.

La bacio un’altra volta, in modo molto più cattivo stavolta. Mi impiastriccio pure io dello sperma di Marco. Esco dalla sua bocca e inizio a leccarla, a gustarmi il sapore del seme maschile. Lei fa delle risatine brevi, smozzicate. Non so se è perché le faccio il solletico o perché la faccio godere. No, a pensarci bene deve essere godimento, perché quando lei inizia a leccare me le stesse risate smozzicate e piene di piacere le faccio anch’io. Quando torniamo a baciarci le nostre lingue sanno di sperma, i nostri denti sanno di sperma. Giulia torna a infilarmi un dito dentro e mi strappa un gemito fortissimo che si spegne nel suo cavo orale. Il mio corpo schizza e quasi cado dal divano, apro ancora di più le cosce non perché ce ne sia reale bisogno ma per implorarla di continuare. Non ce la faccio più a stare in quella posizione, mi getto all’indietro sullo schienale e istintivamente mi copro gli occhi. Seduto al mio fianco, Marco si sta ancora riprendendo dalla sborrata e ci dice con il fiato un po’ grosso che siamo “due fantastiche troie”. Per ringraziarlo faccio lo sforzo di piegarmi sul suo cazzo e imboccarlo e pulirglielo per bene, ma in breve torno ad abbandonarmi sullo schienale per consentire a Giulia di continuare a fottermi con il dito. Lui invece si inchina sul mio seno e letteralmente ingoia una delle mie tettine mentre inizia a pizzicare e torcere il capezzolo dell’altra. E’ ingestibile, non so come spiegarvelo ma è semplicemente ingestibile, è troppo. Non capisco più un cazzo e combatto per recuperare un controllo che non trovo. Poi lascio perdere. Ma non perché voglia abbandonarmi al piacere, come direbbe qualcuno che non c’è mai passato per una situazione del genere. No, proprio non ce la faccio. E lo dico, lo strillo.

– Non ce la faccio! NON CE LA FACCIO!

Dopo di che, comincio a gemere ad alta voce e poco dopo a gridare.

Per essere una che non ha mai toccato la fica di un’altra, Giulia sa fin troppo bene come comportarsi, mi perquisisce dentro come se sapesse perfettamente quali sono i miei punti più sensibili. O forse sensibili lo sono tutti, in questo momento. Chissà che super ditalini che si fa questa, penso. Ed è, credo, l’ultima cosa che penso prima di sentire il suo trafelato ed eccitato “adesso ti faccio godere, puttana”. Poi comincia a fare tutto in modo velocissimo, scopandomi e frullandomi dentro con il suo ditino. Lancio uno strillo animale e sento una contrazione fortissima, che parte dalla fica ma istantaneamente mi prende tutto il corpo.

E poi non so bene che cazzo succede, non è che non so raccontarvelo, proprio non so bene che succede. Arriva una botta fortissima e si fa presto a dire “vengo”. Nemmeno la più travolgente delle mie venute – peraltro sempre auto-procurate – è stata così. E’ una cosa completamente differente.

E’ come se abbia trattenuto quell’orgasmo per tutta la vita. Non vedo più nulla. Tremo. E mentre tremo, dalla vagina schizzo. Urlo. Poi mi fermo. E poi schizzo e tremo ancora. Ho una vaga sensazione di paura. No, cazzo, dico sul serio, vorrei controllare il mio corpo che scatta da una parte all’altra, ma non ce la faccio, va dove gli pare. Il mio cervello non sa più dare ordini. E poi tutte quelle contrazioni e quegli schizzi, porca troia! Urlo ancora. Inzacchero della mia acqua i cuscini del divano e il pavimento. Sento una voce maschile e lontana che commenta “cazzo…”. Mi fermo. Riprendo a tremare e a schizzare. Riprendo a urlare, le mie urla coprono tutto. E’ una liberazione. Ci metto dieci, quindici, forse venti minuti buoni a riprendermi, anche se è una parola grossa. Mi sembra di non riuscire a respirare, o forse di respirare troppo, non lo so. Mi gira tutto. E nel frattempo assisto, completamente ovattata, al ritorno di fiamma di Marco, che stavolta la festa a Giulia gliela fa davvero. Sul pavimento e a pancia in sotto. Poliamore, eh? Ma anche sticazzi del poliamore, ma chiamatele orge, maiali che non siete altro, che queste sì che vi vengono benissimo.

Questo racconto di è stato letto 3 1 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.