Il Grand Hotel

Scritto da , il 2020-01-05, genere pulp

E' un racconto molto lungo, siete avvisati.
-------------------------------------------

Sulla riva di lago in una amena località c'era il Grand Hotel. Era stato aperto all'incirca un centinaio d'anni prima, quando il vecchio proprietario (un barone caduto in disgrazia) aveva dovuto vendere per saldare i suoi debiti. I figli non erano molto contenti della cosa, perché la residenza era davvero magnifica ed era il vanto di quella antica famiglia. Ma i creditori bussavano incessantemente alla porta chiedendo soldi, ed allora si era deciso.
L'acquirente era un ricco commerciante che aveva fatto fortuna nel ramo delle vendite che, stufo della vita fino a quel momento vissuta, aveva pensato di ritirarsi in quel maniero. Quel ricco commerciante viveva nel sontuoso palazzo da circa sei mesi quando gli venne l'idea. Restaurare l'edificio per farne un albergo di lusso che avrebbe attratto il fior fiore della nobiltà e dei nuovi ricchi borghesi industriali e banchieri. I lavori continuarono di un paio d'anni, ma il risultato finale fu davvero strepitoso.
E così aveva aperto il Grand Hotel.
Subito circolarono le voci di quella sontuosa residenza, che già prima dell'apertura erano arrivate le prenotazioni.
Gli anni passarono, i ricchi vacanzieri non smisero mai di soggiornare lì. Negli anni, l'hotel aveva subito diversi lavori di restauro per adeguare l'immobile alle necessità dei tempi.
Ma veniamo ai giorni nostri.
I dirigenti erano sempre alla ricerca di personale, soprattutto di camerieri giovani e di bell'aspetto, di entrambi i sessi, per soddisfare al meglio le esigenze di coloro che ci soggiornavano.
Ogni due o tre mesi, su alcuni quotidiani venivano pubblicati degli annunci in tal senso. In genere si presentavano una ventina di persone, e non tutti venivano scelti.
Si presentò anche una coppia, fratello e sorella, che avevano voluto fuggire insieme dal villaggio dove abitavano e dal loro padre manesco. I ragazzi erano giovani. Imbrogliarono i selezionatori, aggiungendo tre anni sulla domanda che avevano compilato e furono scelti.
Felici della cosa, si trasferirono nelle camere a loro assegnate. Furono però divisi, perché maschi e femmine dormivano in ali separate. Poi si recarono nel magazzino, dove venne dato loro la divisa da indossare. Alla ragazza vennero dati tre abitini neri, tutti uguali, allacciati sul davanti con una fila di piccoli bottoncini. La responsabile del settore femminile gliene fece indossare uno immediatamente. Aveva una vistosa scollatura, da cui si intravedeva il corsetto che portava. Quando la responsabile la vide, le ordinò di toglierlo, e a malincuore la ragazza lo fece. Le faceva uno strano effetto però, perché non era abituata a stare senza. La stoffa le solleticava certe parti che la facevano arrossire facilmente.
Al ragazzo vennero dati tre camicie bianche e tre pantaloni, che una volta indossati, gli fasciavano con precisione le gambe, il sedere e i suoi attributi. Anche se, lì sul davanti, c'era un pochino più di stoffa che gli permetteva di gestire certe imbarazzanti situazioni.
I giovani lavoravano alacremente, non si facevano mai sorprendere a stare con le mani in mano, perché erano stati abituati fin da piccoli a lavorare fino allo sfinimento nei campi con il resto della famiglia. Ma sebbene il lavoro fosse infinito, potevano tuttavia mangiare quello che avanzava nelle cucine con gli altri camerieri.
Erano lì già da diversi mesi, quando vennero notati.
Il corpo minuto della ragazza e quello sodo del ragazzo, erano stati adocchiati dal dirigente. Subito pensò che quei due facessero proprio al suo caso. Era appena arrivata una coppia, un ricco nobile titolato con la moglie, e gli avevano chiesto di poter avere dei camerieri personali, che fossero giovani e che potesse soddisfarli.
Il dirigente sapeva cosa voleva dire. Erano già stati lì diverse volte, negli anni. Sapeva bene che i ragazzi sarebbero finiti nei loro letti. I due nobili si divertivano molto con i giovani che finivano nelle loro mani, che avrebbero dovuto soddisfarli carnalmente. Il dirigente non aveva nulla in contrario a ciò, perché gli veniva pagato un esorbitante extra, quando se ne sarebbero andati. In genere dopo quattro o cinque mesi.
E sapeva pure cosa doveva fare.
Telefonò ad un suo conoscente, che era già intervenuto diverse volte.
Quando arrivò, il giorno dopo, preparò la stanza che teneva sempre chiusa a chiave. Lì c'era immagazzinato tutto l'occorrente, sterilizzato e pronto all'uso.
Quando quella persona fu pronta, il dirigente chiamò nel suo ufficio i due giovani.
— Vi ho fatto chiamare perché il conte Milo e sua moglie vi hanno scelti come camerieri personali. Da domani vi trasferirete nella suite 11 e sarete ai loro ordini.
— Sì, signore — risposero insieme i giovani, felici di quella importante promozione.
Poi il dirigente diede loro un oggetto che dovevano portare sempre addosso.
— Questi li dovrete sempre indossare, vi faranno avere accesso alla suite senza necessità di chiavi.
In pratica era una chiave elettronica appesa ad una catenella, da portare come fosse una collana.
Come li presero in mano, ai due giovani iniziò a girare la testa ed in poco tempo si addormentarono.
Subito si fece avanti quel suo conoscente, che era un medico e scienziato, che aveva sviluppato un congegno particolare.
Insieme portarono i due giovani nella stanza segreta. Lo scienziato mise a ciascuno una flebo, diede loro una ulteriore dose di narcotico e si mise all'opera.
Iniziò con il ragazzo. Per prima cosa lo spogliarono.
— Wow… che magnifico attrezzo tiene tra le gambe! — sospirò il dirigente. — Misuralo, avanti…
“Già. È proprio un bell'attrezzo” pensò lo scienziato, prendendo un centimetro da sarto.
— Uhm… a riposo è già di buone dimensioni. 9 cm, però… E di circonferenza… è di 6 cm.
— Ehi, Karl, senti un po', si riesce a farglielo diventare duro, così addormentato?
Lo scienziato fece di no con la testa.
— No… dovrai aspettare che si svegli almeno un poco.
— Peccato! Volevo prendergli le misure! Bah… vorrà dire che aspetterò. Quanto ci vorrà?
— Almeno un'altra ora e mezza. Mi serve che sia profondamente addormentato per quello che dovrò fare. Mettilo su un fianco e piegagli le gambe, Viktor.
Il dirigente fece quello che gli chiese l'amico.
Lo scienziato prese dallo scaffale un oggetto di forma fallica, lo scartò e gli spalmò sopra un gel anestetico. Tornò al tavolo operatorio, si avvicinò al sedere del giovane, accostò l'oggetto all'ano e con delicatezza lo spinse dentro tutto. Era piuttosto grosso, del diametro di 4 cm, e per impedire che il suo corpo lo spingesse fuori, legò le cinghie di cui era provvisto alla vita del giovane.
Poi si dedicò all'intervento vero e proprio. Rasò un piccolo quadratino di cuoio capelluto, disinfettò adeguatamente e incise la pelle con un bisturi, prese un apposito piccolo trapano e iniziò il suo lavoro. Mise degli elettrodi in alcuni specifici punti del cervello, che avrebbero stimolato alcune aree e inibito altre. Non si trattava di un intervento particolarmente rischioso, perché negli anni aveva affinato la tecnica.
— Devo fargli anche l'altro intervento? — chiese lo scienziato, riferendosi alla vasectomia.
— No, Karl, non occorre. Lo vogliono integro.
Lo scienziato annuì.
— E ci scommetto nemmeno la ragazza, eh?
— Hai indovinato. Vogliono che sia fertile. Ma devi prepararla ugualmente.
— Allora è meglio metterglielo subito. Dovrà tenerlo per almeno un paio d'ore — disse interrompendo momentaneamente il suo intervento. Coprì la testa del giovane con un telo sterile.
Si tolse i guanti sporchi di sangue, si avvicinò alla ragazza, che giaceva addormentata su un lettino medico, e le sbottonò il vestito.
— Ma è ancora una ragazzina!
— Sì, ha 21 anni.
— Ma no… Ti dico che questa qui, a dir tanto, ne avrà al massimo 18.
Il dirigente ridacchiò. — Ancora meglio. Il conte Milo ne sarà contento.
— Bah… proprio non li capisco questi tizi. È da dieci anni che vengono qua e che vogliono una coppia. Che se ne faranno, poi? Se li porteranno via come gli altri?
— Credo proprio di sì. E a me non interessa cosa se ne fanno. Mi danno un sacco di soldi per loro due.
Lo scienziato scelse l'oggetto fallico dallo scaffale, che secondo il suo occhio esperto fosse di dimensioni adeguate. Lo tolse dall'involucro, ci spalmò sopra il gel anestetico e si avvicinò alla ragazza, che il dirigente aveva finito di spogliare.
“È proprio una ragazzina…” pensò l'uomo. Tuttavia non si perse d'animo e chiese all'amico di girare anche lei sul fianco. Le natiche della giovane erano bellissime alla vista. Morbide e sode al tocco. Il dirigente allargò i glutei della giovane e lo scienziato le infilò nell'ano quell'oggetto lungo una quindicina di centimetri e largo almeno tre.
Lo scienziato tornò allo scaffale e prese un altro oggetto. Lo scartò e tornò dalla giovane. Insieme la rivoltarono, poi le sollevarono le ginocchia sugli scalmi. Quando lo scienziato fece per infilarle un divaricatore vaginale, si bloccò.
— Ehi, Vicktor, la ragazza è vergine… Sei sicuro che devo procedere?
— No! Fermo! — urlò il dirigente e accorse a vedere. — Varrà di più se sarà ancora vergine! Non toccarla! Cavoli… non lo avrei mai creduto se non l'avessi visto coi miei occhi… Una verginella… E pensare che è già da otto mesi che sono qua. Pensavo che ormai qualche cliente se la fosse fatta…
— Forse è perché è ancora così giovane… — rispose lo scienziato. — Te l'ho detto… per me, questa qui non ha più di 18 anni.
— Penso che tu abbia ragione, ora che l'ho vista bene.
— E anche quell'altro, non mi sembra il fisico di uno che ha venticinque anni. Sono entrambi molto giovani…
— Meglio così. Senti, riesci a stabilire quanti anni hanno per davvero?
— No, non con le attrezzature che ci sono qui. Occorre fare delle radiografie, ci sono delle ossa che si saldano solo ad una data età.
— Cavoli… fa nulla… Ma faccio ugualmente delle foto ai loro corpi, così potrò contrattare con il conte Milo una cifra più alta. Se sono così giovani come dici penso che potrò spuntare un 30-40% in più.
Detto ciò prese la macchina fotografica digitale e scattò diverse foto. Si soffermò in particolare sul suo imene, mentre l'amico le teneva aperte le grandi e piccole labbra.
Andò dal ragazzo, accostò il centimetro al suo pene e scattò due foto. Poi lo avvolse attorno, misurandone la circonferenza, e scattò di nuovo due foto.
— Karl, riesci a tenerla seduta un attimo, la ragazza? Voglio farle delle foto del busto e del suo seno.
Lo scienziato la sollevò, l'amico scattò delle foto, e poi la rimisero giù, terminando di allacciare attorno alla vita il fallo che aveva nell'intestino.
Si rimise dei nuovi guanti e terminò l'operazione sul giovane.
Subito fece il medesimo intervento alla ragazza.
Era passata circa un'ora da quando erano stati addormentati. Lo scienziato si avvicinò al giovane, slegò l'attrezzo dal suo corpo e glielo sfilò. Osservò con attenzione se ci fossero lesioni sospette, ma non ne trovò. Prima che lo sfintere si richiudesse, ne infilò uno ancora più grosso. Uno di 5 cm di diametro.
— Metti la ragazza sul fianco. È ora di cambiarlo anche a lei.
Prese il fallo che aveva tolto dal giovane e lo mise alla ragazza. Poi si misero a parlare amabilmente di vecchie conoscenze comuni.
Quando il ragazzo si mise a lamentarsi, capirono che si stava risvegliando.
E prima che si svegliasse del tutto, lo masturbarono, in modo che il pene gli si gonfiasse.
Restarono meravigliati dalle sue misure. Il suo pene in erezione era di ben 21,5 cm e con una circonferenza di quasi 16. Ed il giovane era ben lontano dalla completa maturità.
Il dirigente scattò ancora delle foto, sapendo bene che avrebbe spuntato un prezzo molto, molto più alto.
Poi si avvicinò alla ragazza, che si stava svegliando anche lei.
Per lei non c'era modo di provare le sue capacità senza rovinarla.
— Quanto vorrei che esistesse un metodo rapido per sapere quanto vale davvero… — sospirò il dirigente.
— Se lo desideri posso procurarmi un ecografo. Ora sono di dimensioni contenute e non costano troppo. Posso certamente sobbarcarmi la spesa per l'acquisto.
— Dici? E servirà davvero?
Ci pensò su un poco. — Sì potrebbe essere pratico averne uno.
— Ma quanto costerà?
— Uhm… direi 2.000 forelli d'argento.
— E riesci ad averlo in tempi brevi?
— Se vado nella capitale, sì. C'è un magazzino specializzato in apparecchiature mediche, dove mi servo di solito. Per fare in fretta dovrò prendere un treno. Se parto adesso, potrò essere di ritorno per domani verso mezzogiorno. Mi farò dare un carrello per trasportarlo senza fatica. Anche se è di piccole dimensioni, peserà comunque una ventina di chili. Loro devono restare sedati ancora per due giorni, per dare modo al loro cervello di recuperare. Ti posso preparare le dosi di narcotico che gli potrai somministrare tu, mentre io mi occupo della cosa. Dovrai solo iniettarlo nel serbatoio della flebo. Nulla di complicato.
— Sì, va bene, posso farlo.
— D'accordo. Ti preparo tutto e poi parto. Ah, un'altra cosa. Tra mezz'ora leva a loro il fallo e glielo rimetti domani mattina.
— Seguirò le tue istruzioni alla lettera. Non voglio certo rovinarli.
Così fecero. Lo scienziato preparò quattro dosi da iniettare ad orari precisi e poi partì. Il dirigente, agli orari stabiliti fece quello che doveva fare.
Non andò neppure nel suo appartamento. Rimase nel suo ufficio, di guardia accanto alla stanza chiusa a chiave.
Scaricò le foto sul palmare che poi avrebbe dato al conte Milo e per buona ragione se ne tenne una copia sul suo computer. Ogni tanto andava a guardare la foto con le misure del giovane, ancora strabiliato ed eccitato dalla faccenda. E poi la ragazza… ancora vergine…
Se fino all'anno precedente aveva ottenuto la somma di 30.000 forelli d'oro per una giovane coppia di domestici, con quei due pensò che potesse addirittura arrivare a 55.000 o 60.000 forelli d'oro. Doveva solo essere paziente ed aspettare che Karl ritornasse con l'ecografo.
Puntò una sveglia, in modo che se si fosse addormentato, si sarebbe svegliato al momento di somministrare loro la dose di anestetico.
La mattina dopo, di buon ora, rientrò nella stanza chiusa a chiave. Iniettò la seconda dose, prese dallo scaffale dei falli nuovi e li inserì nei corpi dei due giovani. Entrarono facilmente nei loro sfinteri già adeguatamente allargati.
Si soffermò più a lungo dalla ragazza. Avrebbe tanto voluto godere di lei, ma non voleva rovinarla. Lo avevano sempre attratto le ragazze giovani e ben conformate. Il suo seno era già abbastanza grande, la sua mano non riusciva nemmeo a contenerlo tutto. Era soffice e tondo, coi capezzoli rosei sporgenti.
Si sentì montare prepotentemente l'erezione. Ma non poteva godere della giovane. Ritornò nel suo studio, e ordinò ad una ragazza di raggiungerlo. Era sempre la stessa giovane che convocava, perché anche lei aveva subito lo stesso trattamento dei due giovani nella stanza accanto.
— Mi ha fatto chiamare, signore?
— Sì, Ingrid, ho bisogno delle tue grazie.
— Come dice, signore?
Il dirigente schiacciò un interruttore sulla scrivania e l'apparecchio del suo amico entrò in funzione. Trasmise un segnale elettrico nel cervello della ragazza. All'inizio rimase leggermente stordita, poi, come se nulla fosse, lo sguardo divenne estremamente vacuo e trasognante.
— Spogliati — le ordinò il dirigente.
La giovane, con lenti movimenti prese a spogliarsi, abbandonando i vestiti sul pavimento.
— Chiudi la porta col chiavistello e vieni qua.
La giovane era completamente in balia dell'uomo, totalmente sottomessa e docile.
La fece mettere in ginocchio tra le sue gambe, mentre lui rimase seduto.
— Avanti, spompinalo per bene… puttana…
La giovane gli aprì i pantaloni, spalancò la sua bocca e prese a fare quello che le veniva ordinato.
— Fermati. Alzati e appoggiati alla scrivania. Metti il culo in fuori… Ho voglia di chiavarti.
Senza ribellarsi, la giovane posò il busto sulla scrivania ed il dirigente entrò dentro di lei. La scopò per un po' in quella posizione, poi la fece sdraiare sopra.
Rientrò dentro di lei e prese a martellare la sua fica con un ritmo veloce. Il dirigente vedeva il seno muoversi, sballonzolato su e giù dal suo rapido movimento.
Il dirigente quasi le urlava le più turpi e sconce parole, ma lei non si ribellava. Sentiva che stava godendo anche lei, perché si sentiva il membro venire stritolato dalle contrazioni dell'orgasmo della giovane. Anche il suo respiro affannato ed i gemiti che emetteva, gli indicava che il suo corpo gradiva le attenzioni che riceveva.
Quando arrivò al limite, si spinse in profondità nella giovane ed eiaculò una considerevole dose di sperma. Il dirigente non aveva timore di ingravidarla, perché il suo amico Karl l'aveva sterilizzata quando le aveva impiantato il dispositivo. La giovane ne era totalmente inconsapevole, sia di uno che dell'altro.
Si spostò solo quando il suo membro si sgonfiò.
Lasciò la giovane ancora sdraiata sulla sua scrivania, perché si stava godendo la vista del suo sperma che colava fuori dalla giovane.
— Ah… se tu sapessi, cara Ingrid… Questa magnifica vista mi soddisfa tanto quanto quello che non posso avere nella stanza accanto. Trovo che abbia la fica più bella del mondo quando ti vedo col mio seme che ti cola fuori. La ragazzina potrà anche essere vergine, ma niente è paragonabile a quello che sto vedendo ora… Perché lei non potrà mai essere mia…
Infilò due dita dentro la ragazza, impregnandole di sperma. Poi le avvicinò alle sue labbra.
— Succhia, puttana… succhia…
La giovane aprì la bocca e gli leccò le dita. Fece diverse volte quella operazione, poi, col membro ancora turgido le entrò dentro per un altro giro.
La scopò con risolutezza, osservò il suo seno ballonzolare al suo ritmo, e poi venne di nuovo dentro di lei.
Completamente soddisfatto, si sistemò i vestiti, pulì la giovane dal suo sperma e le ordinò di rivestirsi.
— Hai goduto Ingrid?
Domanda inutile. Primo perché non ne aveva consapevolezza, e secondo perché anche lui aveva avvertito le contrazioni dell'orgasmo sul suo membro.
— Sì, signore — rispose meccanicamente.
Le ordinò di sistemarsi i capelli, perché erano in disordine. La giovane si avvicinò allo specchio, tolse la cuffietta che indossava, si passò le dita tra i lunghi capelli e si rifece la treccia. Poi si rimise la cuffietta e si spostò di fronte alla scrivania.
Rimase lì ferma, in attesa di altri ordini. Immobile e assente.
Il dirigente spense l'apparecchio.
— Come ha detto, signore? — chiese la giovane ritornata in sé.
— Ho chiesto di portarmi la colazione, grazie.
— Sì, signore. Gliela porto subito.
La giovane si ritrovò la porta bloccata. Non riusciva a capire come fosse successo. Il dirigente si era dimenticato di fargliela aprire prima di svegliarla.
— Perdonami, è difettoso. Non mi ricordo mai di farlo aggiustare.
La giovane, rassicurata dalla risposta, andò nella sala da pranzo e fece allestire un carrellino per la colazione del dirigente. Era in piedi, aspettando che le preparassero tutto, quando una improvvisa fitta le attraversò il ventre e la testa. Era una conseguenza dell'apparecchio impiantato nel suo cervello. Quando veniva utilizzato, a volte provocava fitte brevi ma lancinanti. Ma la giovane non aveva idea di cosa avesse in testa. E non si era mai preoccupata di quelle fitte, perché anche sua madre aveva sofferto di terribili mal di testa.
E la fitta al ventre l'aveva scambiata per un comune crampo. Non aveva idea che il dirigente l'avesse scopata per un ora, liberando dentro di lei il suo seme.
Quando tutto fu pronto, ritornò nell'ufficio del dirigente e per poi tornare ai suoi compiti.
Poco prima dell'ora di pranzo, il dirigente tornò dai due giovani nella stanza chiusa a chiave. Constatò che dormivano profondamente, tolse loro i falli e ritornò nel suo ufficio, chiudendo a chiave la porta dietro di sé.
Il suo amico scienziato arrivò nel primo pomeriggio con la nuova attrezzatura.
Si spostarono immediatamente nella stanza chiusa a chiave. Disimballarono la macchina, la montarono, e la collegarono alla presa di corrente.
Subito lo scienziato, che sapeva come usarlo, lo provò sulla ragazza addormentata.
— Hai seguito le istruzioni che ti ho dato, vero?
— Sì. Ho dato loro l'anestetico ieri sera alle 20 e oggi alle 6,30.
— Ottimo. Dormiranno ancora fino a stasera. Però adesso proviamo questo gioiellino.
Spalmò di gel il ventre della fanciulla, le appoggiò la sonda, e l'immagine riempì lo schermo.
— Ecco qua, vedi? — indicando con la mano libera una massa scura. — Questo è il suo utero.
Maneggiò alcuni strumenti sulla tastiera e fece delle misure.
— Il suo utero misura 8 cm, l'endometrio, che è la parte che riveste l'interno dell'utero, è spesso 7 mm. Uhm… interessante… — spostando poi la sonda su di un lato della pancia della giovane. — Oh… ma tu guarda! Ha espulso l'ovulo. È fertile proprio in questo momento! Peccato non poterne approfittare, vero? Niente è meglio che sfondare una fica vergine e metterla incita lo stesso giorno! Lo sapevi che le donne godono di più quando sono nel loro periodo fertile?
— No, non ne avevo idea — rispose il dirigente.
— È così, ti dico. Gli ormoni che favoriscono una gravidanza, sono gli stessi che la fanno godere. E questo picco è proprio quando l'ovulo è in viaggio per l'utero.
— Per quanto sarà ancora fertile?
— Solo oggi, amico mio… Solo oggi.
— È un vero peccato! Volevo prospettare la cosa al conte Milo, ma oggi non è proprio possibile, vero?
— No, infatti. Oggi è troppo presto. Fra quattro giorni sarà possibile accendere il dispositivo. Farlo prima sarebbe pericoloso. Rischia una emorragia cerebrale, che potrebbe lasciarla menomata.
— Non credo che al conte Milo faccia la benché minima differenza. Quello che vuole è solo una giovane fica da scopare senza ritegno. Dopotutto è per questo che impianti quegli aggeggi. Per impedire che si ribellino a lui ed alla moglie.
C'era una domanda che gli pungolava a quel punto l'angolo della mente.
— Senti, Karl. Oggi ho acceso il dispositivo nel mio ufficio per godere con Ingrid. Credi che abbia fatto interferenza con quelli di questi due.
— No, stai tranquillo. Finché non li configurerò con le chiavi elettroniche sono completamente inerti.
Fece un silenzioso sospiro di sollievo.
— Comunque, per tornare alla ragazza, mi pare che sia perfettamente in salute. Ha un utero ben conformato, e le sue ovaie sembrano funzionare. È una giovane e sana ragazza.
— Non si riesce proprio a sapere con precisione la sua età?
— No, te l'ho detto.
— Neanche barando un po'? Fare delle ecografie alle ossa che dicevi?
Ci pensò.
— Sì, potrei provare… Ma non ti garantisco il risultato.
Poggiò la sonda sulla mano della ragazza.
— Sì, qui si può fare qualcosa. Si notano bene i marcatori dell'età. È come ti dicevo: non ha 20 anni.
— Stampa… stampa… — sollecitò il dirigente enormemente sollevato. Forse riuscirà per davvero a strappare i 60.000 forelli d'oro. — Prova con lui adesso…
Lo scienziato spostò la macchina dall'altro lato della stanza. Appoggiò la sonda prima alla mano e poi alla spalla, e misurò.
— Sei fortunato, Viktor. Anche qui si vede bene. E ha diversi anni meno di 25. Quindi la stima che ti avevo fatto ieri è corretta. Lei circa 18 e lui meno di 20 anni.
— Fantastico! Sai quanto valgono, Karl? Potrò farci come minimo 60.000 forelli d'oro!!!
Lo scienziato fischiò strabiliato.
— Karl, amico mio, se mi danno più 55.000 te ne regalo 10! — disse entusiasta il dirigente.
— Ok — rispose lo scienziato, sapendo bene che non lo avrebbe mai imbrogliato su una cosa del genere.
— Sai una cosa? Te la pago io questa macchina! — disse contento. — E non accetto reclami da parte tua!
Lo scienziato era davvero contento. Gli era costata una piccola fortuna quella macchina.
— C'è qualcos'altro che puoi fare? — chiese il dirigente, indicando i due giovani addormentati.
— Potrei fare un'ecografia ai genitali del ragazzo, ma non servirebbe a granché.
— No, no, fallo. Chi sa mai che messo tutto insieme ne verrà qualcosa di buono!
Spostò la sonda sul pene del giovane e ne misurò gli interni. Fece lo stesso ai testicoli, e poi più su, dove c'erano altri apparati.
— È il caso di mettere ancora i falli? — gli chiese eccitato dal tutto.
— No. Però possiamo provare la penetrazione. Possiamo vedere se lo sfintere fa ancora resistenza oppure se cede facilmente.
Lo scienziato notò che l'amico si stava abbassando i pantaloni e lo fermò.
— No, fermo, non lo puoi fare — anche se vedeva benissimo che era eccitato. — Ti pagano perché siano vergini. Userò uno dei falli che abbiamo qui. Non rovinare tutto, Viktor.
— Non se ne accorgerebbero ugualmente, se non vengo dentro di loro!
— No, non farlo, ti ripeto. Chiama ancora Ingrid, piuttosto. Godi di lei.
Il dirigente si rassettò alla meglio i pantaloni ed uscì dalla stanza. Sentì che chiamava la sua giovane e inconsapevole amante.
— Mi ha fatto chiamare, signore? — sentì provenire dalla stanza accanto. La porta era socchiusa e poteva sentire tutto.
Poi udì il ronzio delle macchine in funzione.
— Spogliati… voglio godere ancora… vieni qua… appoggiati alla scrivania… Oh, sì… che bella fica umida che hai… uhm… sì… hai ancora la mia sborra dentro, eh? … sì… uhm… uhm… uhm… (il suono di uno sforzo compiuto) … sì… troia… ti riempio puttana… ah… ah… (ancora lo sforzo) … uhm… uhm… troia… sì… ti riempio… toh prendi… prendi il mio cazzo puttana… uhm… uhm… uhm… (ancora il suono di uno sforzo compiuto) … sì… troia… prendi puttana… ah… (finalmente un sospiro soddisfatto).
Poi sentì il cigolio della poltrona.
— Wow… che scopata, eh, Ingrid?
— Sì, signore. È stato piacevole — rispose la ragazza con voce piatta, priva di emozioni.
— Ehi, Karl, vuoi favorire? — sentì la voce dall'ufficio accanto.
Non ci pensava proprio a godere di una donna che non era la sua. Mettere poi il suo membro dentro una donna che aveva appena ricevuto lo sperma di un altro uomo, era un pensiero che lo faceva rabbrividire.
— No, fai tu — gli rispose.
Indossò un paio di guanti e si avvicinò al ragazzo. Premette un dito sullo sfintere e questi cedette subito, risucchiandolo all'interno. Fece la stessa cosa alla ragazza, trovando che anche lei era pronta.
Si sfilò il guanto, lo buttò nella spazzatura. Poi si avvicinò di nuovo alla ragazza e le fece una tenera carezza.
— Forse quello da cui sei scappata non era poi così terribile in confronto a quello che dovrai sopportare, figliola. Chissà quale sarà il tuo futuro e quello di tuo fratello… Mi dispiace che sia così, ma sono perlomeno contento che ne sarai completamente incosciente — sussurrò prima di lasciare la stanza.
Trovò l'amico con il volto infilato in mezzo alle cosce della giovane.
L'uomo sollevò un momento lo sguardo. Aveva il volto completamente imbrattato di umori e sperma.
— Non sai cosa ti perdi, Karl. Ha una fica davvero saporita.
“Sì, che lo so. Mi perdo il sapore del tuo sperma, il che è tutto dire” pensò.
— No, te la lascio volentieri! — gli rispose con finta allegria. — Anzi, se permetti, io non ho ancora pranzato e sto morendo di fame. Loro due sono a posto, e fino a stasera non c'è altro da fare — indicando la stanza di nuovo chiusa a chiave. Per sicurezza se la tenne in tasca, non fidandosi dell'attacco di libidine che aveva preso il sopravvento nell'amico.
Il dirigente annuì e tornò a dedicarsi alla giovane sdraiata sulla sua scrivania.
Quando lo scienziato ritornò dal pranzo, il dirigente si stava riordinando soddisfatto. La cameriera, invece, era ancora stesa sulla sua scrivania con le cosce aperte.
— Oh, Karl… ce l'hai tu la chiave della stanza? Non riesco a trovarla.
L'amico fece finta di cercare nelle tasche.
— Sì, hai ragione. L'ho tenuta io senza accorgermene.
Il dirigente ordinò alla cameriera di andare in bagno a pulirsi e a rivestirsi. Non poteva certo lasciarla andare così com'era…
Quando la ragazza ritornò, spense l'apparecchiatura e le ordinò di portare il tè con biscotti e pasticcini.
Passarono le ore chiacchierando e agli orari stabiliti somministrò il narcotico ai due giovani, diminuendo di volta in volta la dose. Dovevano per forza dormire, altrimenti avrebbero potuto subire danni permanenti ai loro cervelli.
Una settimana dopo, lo scienziato programmò le chiavi che i due giovani dovevano tenere sempre addosso e accesero per la prima volta il dispositivo, osservarono le reazioni dei due ragazzi e lo spensero dopo pochi minuti. Somministrò ancora una dose di anestetico, ed i due ragazzi si addormentarono ancora.
Passavano i giorni.
Ad intervalli regolari accendevano il dispositivo, lasciandolo acceso ogni volta sempre di più. Quando arrivarono a tenerlo acceso per tutto il giorno, poterono finalmente presentare i due giovani alla nobile coppia.
Il dirigente ed il conte Milo avevano già trattato il prezzo. Visto la giovane età dei soggetti, il fatto che la fanciulla fosse vergine, ed il ragazzo estremamente dotato e per di più fratello e sorella, gli valsero l'esorbitante cifra di 80.000 forelli d'oro.
Il conte Milo, quando aveva saputo come stavano esattamente le cose, si era entusiasmato molto. L'idea di infrangere quella fica vergine lo ingroppava maledettamente, e non vedeva l'ora di osservare la moglie venire sfondata dall'attrezzo del giovane.
Ma i due giovani erano all'oscuro di tutto. L'unica cosa che sapevano davvero era che dovevano fare i domestici di quella nobile coppia.
I due giovani erano nello studio privato del dirigente, del tutto svegli e coscienti. Il dirigente recitò la sua parte, comunicando ai due giovani che da quel momento erano al servizio del conte e di sua moglie.
— Bene, possiamo andare. Vi presenterò ai conti e poi sarete ai loro ordini — disse il dirigente.
— Sì, signore — rispose il ragazzo. — Saremo all'altezza del buon nome dell'albergo.
I tre si diressero alla suite, il dirigente davanti e i due ragazzi dietro di qualche passo. Bussò alla porta, ed attendendo che il conte gli aprisse, si voltò a guardare i due giovani per l'ultima volta. Indossavano entrambi una divisa nuova e pulita. La ragazza, poi, con quell'abitino nero e quella crestina sulla testa, sembrava ancora più giovane di quello che era.
Il conte aprì la porta e li fece entrare.
All'insaputa di tutti (tranne il conte e sua moglie che soggiornavano sempre in quella suite) il dirigente aveva fatto installare un ripetitore del segnale emesso dall'attrezzatura situata nella stanza chiusa a chiave.
Il dirigente presentò formalmente i due giovani fratelli alla coppia. La moglie guardò deliziata il fratello, pensando già a quanto avrebbe goduto del suo cazzo. Il conte, poi, non riusciva a staccare gli occhi dalla fanciulla.
Il suo insaziabile appetito sessuale stava già facendo capolino dalle sue parti basse, rimescolando il suo sangue e facendo inturgidire il suo membro.
Il conte si sedette sul divano accanto alla moglie. Poi si rivolse al dirigente.
— Mi assicurate che sono pronti? Non voglio dover aspettare ancora.
— Sì, certo, eccellenza. Sono pronti per tutto quello di cui avete bisogno — gli rispose con un ossequioso inchino. — Avete sborsato una cospicua cifra per averli, e non avrete problemi di sorta.
I due giovani non riuscivano a capire il loro discorso, ma loro non dovevano occuparsi dei problemi dei signori. L'unica cosa che capivano era che loro adesso erano i loro domestici, per tutto il tempo che si sarebbero trattenuti all'hotel.
Il dirigente continuò.
— Ed ora se me ne date il consenso, ve lo dimostrerò.
— Avete il mio permesso.
— Fanciulla, tu ora devi spogliarti.
La ragazza guardò atterrita il fratello. “Ma dove siamo finiti?” sembrava chiedergli scuotendo la testa.
Poi il dirigente si tolse dalla tasca le due chiavi e le attivò.
Immediatamente lo sguardo dei giovani divenne vacuo. Ed allora ripeté l'ordine.
— Il vostro signore desidera che vi spogliate. Obbedite.
— Sì, signore — risposero, mentre pian piano iniziarono a togliersi i vestiti.
— Vedete eccellenza? Docili ed obbedienti come tutti gli altri giovani che vi ho già fornito.
Il conte sorrise.
— Sì, lo vedo… E mi assicurate che è ancora vergine?
— Certamente, eccellenza. Non ha mai dato confidenza a nessuno. Ve ne ho fornito le prove, dopotutto.
— Sì, è vero. Ma potrebbero essere di una ragazza qualsiasi.
— Mi offendete, eccellenza! Non potrei mai ingannarvi a questo modo — disse indignato il dirigente. — E comunque potete chiederlo a lei. Vi risponderà senza mentire.
— Fanciulla… sei ancora vergine?
— Sì, signore. Non sono mai stata presa — rispose la giovane senza turbarsi.
I due ragazzi rimasero immobili, in mezzo alla stanza, completamente nudi.
— Come potete vedere, il medico si è preoccupato anche dell'estetica. Ha provveduto a rimuovere con un elettrobisturi ogni traccia di peli superflui.
— Sì, sì, lo vedo… — disse interessata la contessa. — Quali sono i loro nomi?
— Lo ignoro. Quando si sono presentati per l'annuncio che l'hotel ha fatto pubblicare, hanno fornito delle false identità. Ed io non ho mai indagato a tal proposito. — Si volse verso i ragazzi. — Dite i vostri veri nomi e la vostra età.
— Io sono Helmut Swartz ed ho 19 anni, e lei è mia sorella Karolina ed ha compiuto 18 anni due mesi fa.
— E come mai siete venuti qua? Dove sono i vostri genitori?
— Siamo fuggiti da nostro padre e nostra madre è morta due anni fa. Proveniamo da un villaggio nella Foresta Nera, a circa 30 miglia da qui.
— Per quale motivo siete fuggiti?
— Perché nostro padre voleva prendere Karolina come si prende una moglie, anche se è sua figlia. Appena ho compreso le sue intenzioni, sono fuggito con lei.
— Quindi la volevi proteggere.
— Sì, signore. Voglio molto bene a mia sorella.
— Ottima cosa, ragazzo — disse il conte. — Dimmi una cosa, Helmut, sei già stato con qualche ragazza? Ci hai mai fatto sesso? In modo completo, intendo dire.
— No, signore. Solo una volta, qualche mese fa, una giovane donna ospite di questo hotel ha voluto succhiarmi l'uccello.
— E ti è piaciuto?
— Sì e no. Sono rimasto soddisfatto fisicamente. Ma solo quello. Non provavo alcun sentimento per la donna ed è capitato solo una volta.
— Avvicinati a mia moglie. Voglio vedere come diventa il tuo uccello.
Il ragazzo si avvicinò al divano. La contessa gli prese in mano il membro e cominciò a menarlo lentamente. E più muoveva la mano, più l'organo si inturgidiva e cresceva di misura.
Dopo poco, la donna si fermò, contemplando l'erezione del ragazzo.
— Oh, marito… guarda! Guarda che meraviglia che possiede! E pensare che è ancora così giovane! Uhm… quanto godrò… ad averlo dentro di me… Mi sento già eccitata alla sola idea! Santi i numi… mi sento già tutta umida in mezzo alle gambe… Posso, tesoro? Posso prenderlo ora dentro di me?
Il sorriso sul volto del conte si allargò a dismisura.
— Tra poco, moglie mia… tra pochissimo potrai averlo! Egregio direttore, sono soddisfatto da loro. Ed ora consegnatemi le chiavi ed io provvederò a versarvi la somma pattuita. 80.000 forelli d'oro. E secondo me li valgono tutti.
— Ehm… riguardo a questo… ho una proposta da farvi… La cifra non cambierà… ma sarei dell'idea che voi versaste la solita cifra sul conto dell'hotel al termine del vostro soggiorno, e che diate a me la differenza. In contanti.
— Ah… — disse il conte sogghignando, — vi volete arricchire anche voi! D'accordo. Telefonerò al mio contabile e gli dirò di venire con i soldi.
Il dirigente gli sorrise di rimando. — C'è un'altra cosa di cui vorrei informarvi, eccellenza. La ragazza ha appena terminato il suo ciclo mensile. Quindi nei prossimi giorni sarà nel periodo giusto per capire se è fertile oppure no.
Poi, fece un ossequioso inchino, gli consegnò le chiavi e lasciò la stanza.
Il conte guardò in viso sua moglie ed annuì.
— Andate in camera da letto — ordinò.
I due giovani fecero un breve inchino con la testa e si avviarono. I vestiti rimasero sul pavimento al centro del salotto.
Subito i conti li seguirono. La contessa prese a spogliarsi, dimostrando di non avere troppi vestiti da togliere. Infatti le fu sufficiente sbottonarsi il corpetto che il vestito scivolò via, dimostrando di non avere altri indumenti sotto.
— Ragazza, tu d'ora in poi osserverai bene quello che la tua signora fa. Imparerai a farmi godere, col tempo. Ma ora voglio solo prenderti e romperti quella fica vergine che tieni tra le gambe. Sdraiati sul letto e tira su le gambe. E tu, ragazzo, guarda quello che faccio io. Perché poi dovrai ripeterlo.
La fanciulla fece quello che il conte le disse, mentre lui si stava già massaggiando il membro. Quando ritenne che fosse sufficientemente rigido, si avvicinò alla fanciulla, e senza neanche prepararla, entrò in lei con forza.
La giovane urlò di dolore, mentre il conte godeva nel sentire che la fanciulla veniva violata.
Il fratello nemmeno reagì, tanto erano sottomessi.
Il conte si mosse sempre più rapidamente ed alla fine godette nelle profondità della fanciulla. La ragazza non pianse, non reagì, e nemmeno godette dell'azione del membro del conte dentro di lei.
— Oh, moglie mia… Ti è piaciuto? Ti è piaciuto guardarmi mentre la prendevo?
— Marito mio… sei insuperabile! Come al solito mi hai eccitato tantissimo. Sono tutta un fuoco! Ma ora tocca a me godere, vero?
— Sì, moglie mia. Tocca a te. Tu, ragazzina! Guarda e impara come si fa.
La fanciulla si mise a sedere sul letto.
La contessa si inginocchiò sul pavimento di fronte al ragazzo. Prese tra le labbra il membro e cominciò a muovere la testa, facendo affondare il pene del giovane nel profondo della bocca. Quando si ritenne soddisfatta, la donna si sdraiò sul letto con le gambe spalancate.
— Vieni dentro di me, ragazzo… Fai come ha fatto mio marito!
La donna era estremamente eccitata. Sentiva un fuoco ardente attraversarle l'addome.
Il giovane si stese sopra la donna, infilando il suo lungo e grosso uccello dentro di lei. Si mosse dentro e fuori per un po'.
Poi, il conte eccitato dalla vista della moglie scopata da un altro, si avvicinò al giovane. Gli ordinò di fermarsi un momento, gli fece mettere uno spesso cuscino sotto il sedere della donna. Poi, l'uomo si appoggiò al ragazzo con il suo uccello eretto e lo penetrò nell'intestino.
— Adesso riprendi a scoparla, stronzo! Che ti inculo! — gli ordinò rabbioso.
— Fanciulla… ragazza vieni da me! — le ordinò la contessa, mentre si godeva l'azione del membro del fratello dentro di lei. — Metti la tua fica sul mio viso… che voglio succhiartela…
— Sì, signora, arrivo…
— Mettiti in modo che puoi guardare tuo fratello — le ordinò il conte. — E tu, ragazzo, adesso bacerai tua sorella e le toccherai le tette… mentre io ti inculo e tu ti fotti mia moglie!
I ragazzi, incoscienti, fecero come gli era stato ordinato.
Il conte era talmente eccitato che impiegò davvero poco a godere nell'intestino del ragazzo.
Momentaneamente soddisfatto, si tolse dal giovane, mentre lo sperma gli colava fuori dall'ano dilatato.
Il ragazzo continuò imperterrito a muoversi dentro la donna, mentre baciava sua sorella e le solleticava le tette, coi capezzoli eretti. La contessa leccava e succhiava soddisfatta e, finalmente la fanciulla godeva anche lei, nel sentirsi torturata dolcemente a quel modo. La contessa ricevette in dono gli umori della fanciulla, mischiati con lo sperma del marito e dal sangue verginale residuo. Poco dopo il ragazzo venne dentro una contessa estremamente soddisfatta.
I conti ordinarono ai due di sedersi sul fondo del letto e di attendere.
La contessa si lanciò tra le braccia del marito.
— Oh… marito mio… hai visto! Che prestazioni! Che prestazioni che hanno questi due! Non voglio più lasciarli! Li terremo con noi, vero? Vero che li terremo sempre con noi? Non voglio rinunciare ad un cazzo così magnifico! Ho goduto tantissimo…
— Certo, moglie mia, tutto quello che vuoi. Se ti piacciono così tanto, li terremo. Saranno i nostri giocattolini. Faremo installare quel fantastico dispositivo anche nel nostro castello e li terremo per sempre.
In un momento di pausa, nel tempo che tutti si riposassero, il conte telefonò al suo contabile, ordinandogli di portare il denaro contante pattuito con il dirigente e anche qualcosa in più per le spese quotidiane.
Sborsò volentieri tutti quei soldi. I due giovani li valevano proprio.
Prima che scendesse la sera, i conti godettero ancora dei due giovani. In più, l'uomo obbligò il ragazzo di prendere sua sorella, di infilarle dentro il suo uccello e di godere dentro di lei. Non ancora totalmente soddisfatto, gli ordinò di rifarlo ancora mentre lui avrebbe goduto nell'intestino della fanciulla.

+++++++++++++

Il conte, di tanto in tanto, si dilettava a spegnere il dispositivo mentre stava godendo con la fanciulla, in modo che fosse cosciente di quello che stava effettivamente avvenendo in quella suite.
Le prime volte si spaventava, perché non aveva ricordi di come fosse finita in quel pasticcio, ma più il tempo passava più si rassegnava al suo nuovo ruolo. Alcune volte lo aveva persino fatto quando era con il fratello.
Passarono solo poche settimane e nessuno si stupì che la fanciulla fosse incinta per la prima volta. Prima che i conti lasciassero l'hotel, alla ragazza si notava già il profilo del ventre gonfio.
Al termine della stagione, il conte versò un ulteriore extra nelle mani del dirigente. Era completamente soddisfatto che gli avesse fornito una giovane fattrice.
La ragazza restò incinta innumerevoli volte. Principalmente lo fu del conte stesso oppure del fratello, di cui il conte godeva nell'osservarli fare sesso. Ma ci fu anche qualche rara occasione in cui il conte cedeva la fanciulla a qualche amico in visita. E così rimase incinta.
Il giovane, invece, montò ripetutamente la contessa, che mostrava di apprezzare il suo gigantesco cazzo. Ma dato che la donna era sterile non restò mai incinta.
Le altre coppie che aveva acquistato al Grand Hotel, lavoravano nel bordello gestito dal conte, ma quella giovane coppia di fratelli non entrò mai a far parte di quella marmaglia. Rimasero per sempre nel suo castello, a deliziare il cazzo e la fica dei conti.
I figli maschi che la fanciulla partorì vennero venduti all'asta degli schiavisti al di là del mare, e le femmine, invece, crebbero al bordello. Queste non vennero mai istruite e conobbero soltanto il loro mestiere di prostitute.

Questo racconto di è stato letto 2 5 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.