Arrotondare con la webcam (3/3)

Scritto da , il 2019-09-29, genere fisting

... continua da 2/3

"Sì, papà! Fottimi! Ne ho bisogno, ti voglio, ti desidero, ho bisogno di te! Fottimi, fottimi, fottimi!" urlava Natalie con le lacrime agli occhi mentre il padre la fotteva selvaggiamente sul divano.

Il cazzo di Carlo stava penetrando nel profondo di sua figlia. Sembrava così giusto e naturale. Le stava afferrando e torcendo i capezzoli attraverso la camicia da notte, gridando ogni volta che andava in profondità, allargando la sua bambina.

"Fottimi papà! Adoro il cazzo di mio padre!" gridò in estasi.

"Sì, piccola porca. Vedo che adori il mio cazzo!"

"Sì, papà. Cazzo! Sì! Dammi il tuo sperma papà! Riempi la mia piccola figa!"

"Ti riempirò! Sto per piantare il mio seme in te! Ti metterò incinta!" Ha grugnito Carlo, lasciandosi trasportare sentendo l'orgasmo aumentare.

"Sì! Sì! Voglio un bambino, voglio il tuo bambino! Mettimi incinta, papà!" urlò Natalie e poi la sua figa si serrò sul cazzo di suo padre mentre raggiungeva il culmine. Le parole di lei divennero un suono continuo mentre veniva forte.

Carlo ha continuato a fotterla e quando la pressione dell’orgasmo è diventata eccessiva ha spruzzato il suo seme contro la sua cervice di lei, inondando la sua vagina. La vagina di sua figlia adolescente.

Si abbracciarono profondamente mentre ambedue godevano dei loro orgasmi.

Le due bocche si incontrarono e si baciarono appassionatamente.

Natalie ritrovò di nuovo la voce e spezzò il bacio. "Oh, papà. Era proprio come l'ho sempre sognato. Grazie per avermi fottuta." ha detto Natalie, sazia del trattamento avuto.

Mentre si riprendeva Carlo si rese conto di ciò che aveva fatto e della linea che avevano attraversato. Stava per scusarsi, ma prima di poter articolare quelle parole, si è reso conto che non aveva rimpianti.
"Dovrei ringraziarti, tesoro" riuscì a dire …

Rimasero lì per un po' e poi sua figlia parlò di nuovo. "Sai, papà. Ogni volta che sono davanti alla telecamera, è sempre a te che penso. Ho sempre sperato che avresti guardato il mio filmato. Speravo che fossi uno dei miei abbonati"

Carlo ha riso "Penso che dovrò avere un abbonamento VIP d’ora in poi"

Natalie divenne improvvisamente seria "Beh, non lo stai pagando l’abbonamento. E in effetti dopo quello che è successo, penso di volerti scopare davanti alla camera" disse Natalie

"Aspetta! Ci stiamo mettendo in un casino tesoro. E se fossimo riconosciuti?" rispose Carlo

Lei agitò la mano con disprezzo. "Bene, allora puoi indossare una maschera o qualcosa del genere. Ma voglio condividerti con Tania e Gina con o senza la videocamera. Lo sai, mi fai impazzire con il tuo cazzo nella figa!"

Lei aveva ragione. Erano ancora intrecciati, con la sua virilità ancora dentro sua figlia.

"Papà, puoi scoparmi il culo adesso?" disse Natalie, sentendo il suo cazzo indurirsi dentro di lei. "Adoro la penetrazione anale."

Si sono sganciati e lei si è sfilata la camicia da notte, mentre lui si è tolto la maglia del pigiama. Carlo ha avuto modo di ammirare il corpo di sua figlia completamente nuda.

Poi Natalie lo ha spinto sul divano. "Ora è il mio turno di essere sopra" ha detto in modo autoritario.

Carlo non poteva amarla più che in quel momento. Vedeva la sua ragazza che era diventata una donna che sapeva cosa voleva.

Si è sdraiato sul divano e lei si è arrampicata su di lui. Il cazzo di Carlo era in tiro e lei usò le dita per allinearlo al suo piccolo buco. Poi scivolò giù e scomparve dentro di lei.

"Oh Dio! Adoro il tuo grosso cazzo." esclamò felicemente Natalie. E poi iniziò a rimbalzare lentamente su e giù. "Spero che manterrai la tua promessa, papà."

La mente di Carlo era stordita dal piacere per la sensazione del culo di sua figlia che accoglieva il suo cazzo esperto …. "Quale promessa?"

"Quando stavamo scopando hai detto che volevi avere figli da me"

"Era nel pieno dell’orgasmo, tesoro" ha risposto lui in tono sprezzante.

"Oh. Speravo lo intendessi sul serio." Natalie inarcò la schiena, spingendo la pancia in avanti in modo che sporgesse, come se fosse già incinta. Si massaggiò la pancia con entrambe le mani. "Ho solo diciotto anni, ma ne sento il bisogno. Voglio avere dei figli. E non conosco nessun uomo migliore di te."

"Veramente?" ha risposto il padre sorpreso.

"Sì, sei stato un grande padre per me. Non abbiamo mai avuto tanti soldi ma tu hai fatto funzionare tutto e non ho mai desiderato altro che il tuo amore e il tuo affetto. Inoltre, hai persino liberato la mia sessualità con questa idea della webcam. Sono una persona completa grazie a te" sentenziò Natalie

Si chinò e si baciarono con solo un tocco romantico delle labbra, poi lei si raddrizzò di nuovo.

"Ma adesso ho bisogno del tuo sperma nel culo, papà" ha detto sua figlia, facendo un grande sforzo per cavalcarlo più forte che potesse. Una delle sue mani era sul suo petto, l'altra si stava massaggiando il clitoride.

È stato stupefacente. Concentrandosi, anche con l'uso dei suoi muscoli anali stringeva il suo cazzo muovendosi ritmicamente e stringendo il suo cazzo mentre lo cavalcava. L’orgasmo di Carlo non tardò, ed arrivò all'improvviso mentre lui le afferrava i fianchi e la tirava giù per penetrarla più in profondità.

Questo la fece gridare "Papà! Sei così profondamente dentro di me! Ahh! Sento il tuo sperma dentro di me! Lo adoro!"

Poi Carlo ha allungato la mano e l'ha tirata contro di sé per stringerla. Il suo cazzo, ora molle le è saltato fuori dal culo e lei ha detto "ooh!"
La baciò sulla testa mentre la sua si posava sul petto.

"Natalie, devo assolutamente ringraziarti" ha detto Carlo.

"Prego, amante mio." Ha risposto mia figlia facendo l’occhiolino.

"Sei venuta?" ha chiesto il papà.

"No, ma va bene così" rispose lei.

"No, per la mia bambina non lo è …" ha obiettato il padre.

Così ha stretto la sua mano tra le gambe di lei e ha trovato il suo sesso gocciolante. Ha inserito quattro dita nella figa allagata prendendo il suo succo per lubrificare per bene l’ano di lei. Poi ha unito tre dita ed è penetrato nel culo della sua bambina trovandolo ancora ben aperto.

"Si papà, proprio quello volevo! Cazzo!" lei si mise a piangere e urlò "Fistami in culo, papà!"

L'ha lavorata con le dita girando e rigirando con movimenti ritmici. Il suo culo stava aprendosi come lo sbocciare di un fiore. Sicuramente non era la sola volta che era stata fistata in culo, quella vista nel video.

Uscii dal suo culo e ritornò a prendere parte dei copiosi umori che uscivano dalla figa per usarli in qualità di lubrificante. Ritornò a lavorarle il culo e adagio adagio riuscì ad inserire tutta la sua mano che venne risucchiata all’interno dell’intestino di lei.

Intanto Natalie si agitava parecchio e urlava dal godimento.

"Sto venendo!" esclamò Natalie, mentre il suo culo si restringeva sulle dita di suo padre e l’umidità ce fuoriusciva dalla figa inondava tutto.

Poi fece un urlo da far accapponare la pelle e fu presa dalle contrazioni. I suoi occhi erano sbarrati e le pupille erano girate all’insù.

Carlo estrasse la mano e offrì le sue dita a lei. Natalie le portò in bocca e le succhiò con avidità.

"Mmm, papà è il succo del mio orgasmo" sospirò lei.

Con le dita ben ripulite, le ha ritirate dalla sua bocca e l'ha tirata a sé e avvolta tra le sue braccia.

"Ora è venuto il mio turno, per ringraziarti, papà." disse Natalie.
"Adoro il sesso. Ma con te è anche meglio." Poi alzò lo sguardo, i loro occhi si incontrarono.

"Dì di sì; dimmi che verrai e fisterai anche le mie amiche, oltre a me?"

Carlo rise "Non credo di poter rifiutare quell'offerta, tesoro."

"Ti esibirai con noi?" chiese lei speranzosa.

Si è fermato per un secondo a pensarci, poi ha deciso. "Se riesci a trovare un modo per rendermi irriconoscibile, allora sì. Voglio mostrare al mondo quanto amo la mia bambina, anche se non sapranno che siamo noi."

"Fan- fucking- tastico!" esclamò Natalie e si baciarono di nuovo.

Poi Carlo si alzò "Dai, è ora di andare a letto" Disse, prendendole la mano e aiutandola a rimettersi in piedi.

"Il tuo o il mio letto?" rispose timidamente lei.

Le sorrise. "Il mio, ovviamente. In qualche modo, non credo che userai molto il tuo letto da ora in poi ..."

Salirono insieme le scale, si alternarono nel bagno e poi Carlo mise a letto sua figlia adolescente accanto a lui.

Si abbracciarono senza forze e il sonno li travolse.

----

Qualunque dubbio avesse potuto avere Carlo è stato definitivamente allontanato la mattina successiva. Svegliarsi e vedere la faccia beata di sua figlia di fronte alla sua gli illuminò il viso.

Poco dopo anche lei si svegliò. Guardandosi in faccia hanno letto l'amore reciproco che li univa e ora sapevano cosa dovevano fare.

FINE

Questo racconto di è stato letto 3 1 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.