Pensami

Scritto da , il 2019-08-28, genere pulp

Lo so che sai. Hai letto amico mio. Ricordi l 'atmosfera. E solo chi l ha vissuta lo sa. Ero uno squalo, ricordi? Poi mi avete attaccato tutti, non potevo resistere. Ma avete sbagliato. Mi avete lasciato vivere. Ricordo tutto. Fidati amico mio. Tutto. Sono qua. Guardami, pensa a chi posso essere. Non ho piu niente da perdere, e comunque i tempi delle p38 sono passati. Te li ricordi?. Ora ho una 9mm, la userò alla fine di tutto su di me. Ma prima vi renderò il favore. Dai scherzo amico. Ti parlo di sesso. Va bene? Di quando organizzavamo quei festini. Ricordi. Io si cazzo. Si inculavano le nostre mogliettine davanti a noi. Ricordi i neri? Io si. Ero strafatto e l ho offerta a loro, e l hanno aperta davanti a me. Ricordo quando uno di noi ha portato la figlia ormai sposata. Uno importante. Mi ricordo che ero in ginocchio e la guardava aperta. La volevo cosi. Mi serviva. Squali che la sera giocano a fare i sottomessi. Però in ufficio ricordo come per mesi ho inculato una mia impiegata, e il marito la aspettava in sala d'attesa. Ma non divaghiamo. Pensami. Buona notte amico mio.

Questo racconto di è stato letto 9 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.