Troppo sbronzo

Scritto da , il 2019-08-20, genere pulp

L'aveva raccattata al solito pub, durante una serata Drag Queen.
Erano le 22:00 e Joe aveva già ingollato tre cocktail invisibili. Strafatto di alcool, si era messo a fare l'effeminato: ballava sculettando. Era il suo modo di attrarre l'attenzione delle donne che frequentavano il locale.
La tipa, appena ventenne, lo aveva notato e, intontita da 2 litri di birra a doppio malto, gli si era avvicinata e avevano cominciato a muoversi a ritmo. E a strusciarsi. Dopo si erano seduti al tavolino e avevano attaccato a fare discorsi senza senso. Fra di loro, probabilmente, i due ubriachi si capivano.
Si scolarono in 5 minuti un bicchierino di assenzio a testa, poi lui la invitò a casa sua. Le avrebbe fatto assaggiare un limoncello fatto in casa. Lei accettò.
In realtà era limoncello comprato al supermercato. Joe lo travasava in una bottiglia di terracotta e vi aggiungeva due dita di alcool per dolci a 95°. Infine lo spacciava per liquore genuino e lo offriva alle ospiti di turno.
Brindarono in camera da letto davanti alla tv accesa, poi Joe la spense e, al buio, cominciò a baciarle la bocca.
La ragazza era in uno stato di semi-veglia, teneva la bocca mezza aperta e accoglieva passivamente la lingua del suo estemporaneo principe azzurro. Non fu difficile per Joe denudarla e penetrarla a pecorina. Lei sembrava disponibile a tutto.
La stantuffava per 20 secondi circa e poi si piegava a leccargliela.
Le leccava le piante dei piedi, si rialzava e chiavava, quindi si chinava di nuovo, le ciucciava la figa e poi glielo rimetteva dentro.
Succhiava e aspirava, e sentiva la carne di lei entrargli in bocca, fino al punto in cui il palato lascia spazio all’ugola.
Doveva essere il clitoride, pensò Joe.
Eppure lei si lamentava e quasi piangeva, era come se sentisse dolore invece che piacere.
Andarono avanti così per tre quarti d'ora. L'alcool in circolo era un momentaneo toccasana per la eiaculazione precoce.
Poi lui le venne dentro da dietro, lo tirò fuori e si pulì sulla schiena di lei che intanto era caduta sfinita a pancia in giù.
Adesso bisognava ripulirsi. Joe premette l’interruttore della luce. Rimase per qualche secondo abbacinato, intorno tutto girava. Cercò di fermare lo sguardo su corpo di lei. Ci riuscì, con fatica. Allora notò che lei aveva qualcosa di strano nel culo.
Dall'ano le fuoriuscivano 2/3 vescichette oblunghe. Erano sporche di liquido rossastro e di frammenti solidi che avevano il colore della carne cotta.
Somigliavano a due clitoridi allungati e flosci.

Questo racconto di è stato letto 1 8 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.