Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 16)

Scritto da , il 2019-07-20, genere dominazione

16 – Il branco



Sudata, umiliata, eccitata, frustrata. Mentre l’ascensore scendeva lentamente, Silvia si trovò a lottare con mille sensazioni. Il pomeriggio a casa di colui che aveva riconosciuto come suo Signore (anche solo a pensarlo, la S nella sua mente era maiuscola) aveva imboccato una direzione completamente diversa a quello che si era immaginata. Pensava che sarebbe stata scopata appena varcata la soglia e invece, se si escludevano il pompino e quegli strusciamenti sulla fica il cui unico effetto era stato solo quello di eccitarla ancor di più, lui non l’aveva praticamente toccata. E adesso era così infoiata che sarebbe stata disposta a saltare addosso al primo che si sarebbe trovata di fronte. L’umiliazione di essere stata usata come soprammobile, gli ordini ricevuti, le bacchettate sul culo e sui piedi, e infine la sua venuta sulle piante dei piedi con l’essere costretta a tornare a casa con i piedi sporchi di sperma e senza intimo, avevano poi contribuito ad accendere ancor più il suo desidero, la sua voglia. Stava entrando in una dimensione nuova, e la cosa non sembrava spiacerle affatto.

Quando aprì il portone del palazzo e affrontò il fresco della notte, in Silvia però subentrò la vergogna. Il vestito di lino che aveva indossato era praticamente trasparente e se già durante il giorno si era attirata gli sguardi maliziosi di chi l’aveva incrociata in ufficio o per metropolitana, adesso che sotto non indossava intimo sapeva che non avrebbe potuto nascondere davvero nulla. Il buio forse l’avrebbe protetta per strada, ma nella metro…

Con i piedi che scivolavano nei sandali pregni di sperma, si affrettò verso la fermata della metro. Raccolse qualche occhiata curiosa di chi passando poteva notare sotto il vestito il balletto dei seni liberi, ma per il resto fino al momento di scendere nel ventre di Milano tutto andò bene. Scelse la direzione più breve, una fermata fino al Duomo e poi da lì avrebbe potuto prendere la linea rossa fino alla sua macchina. Passò l’abbonamento sul lettore, ma mentre scendeva i gradini si trovò di fronte alcuni passeggeri che erano appena usciti dal vagone. Quando sbucò sulla pensilina, vide le luci rosse dell’ultimo vagone che sparivano nel tunnel.

“Merda” sbuffò Silvia. Qualche minuto dopo sul tabellone apparve la scritta “Maciacchini – 7 min”. “Poteva andarmi peggio - pensò -. E, in ogni caso almeno non c’è nessuno a squadrarmi da capo a piedi”.

Si sedette su uno dei sedili di marmo. Come quella notte. Stava per accavallare le gambe, ma si ricordò dell’ordine, così le sue estremità rimasero una a fianco dell’altro, leggermente discoste. I lembi del vestito si aprirono un po’, lasciando una parte delle cosce nude. Per proteggere la vista dei seni, appoggiò la borsetta sulle gambe e incrociò le braccia.

Arrivò una ragazza, si sedette all’altra estremità della panca. Poi alcuni ragazzi stranieri, li sentì parlare in spagnolo, impegnati a ridere e a messaggiare chissà cosa sui loro telefonini. Una coppia si sedette tra lei e la ragazza, di sfuggita notò che l’uomo baciando la moglie o fidanzata le lanciava un’occhiata interessata. Mancavano 2 minuti all’arrivo del treno, quando dalla scala mobile sbucò un gruppetto di ragazzi, ne contò cinque, jeans strappati su cosce e ginocchia, vita cadente a mostrare le mutande - un particolare che a Silvia faceva venire i nervi ogni volta -, camicie debordanti, orecchini e l’immancabile tatuaggio. Con loro due ragazze altrettanto calate nella parte. Parlavano ad alta voce, sguaiati, eccessivi, con quello slang giovanile che ormai stava degenerando ovunque.

Si fermarono davanti a lei, lungo la banchina, superando a più riprese la linea gialla, tanto che a un certo punto dall’altoparlante risuonò il classico avvertimento: “Attenzione, vietato oltrepassare la linea gialla, pericolo”. Ovviamente l’avvertimento ricevette il suo bel commento dal gruppetto.

Uno di loro, sistematosi di fronte a Silvia, notò le sue gambe semi nude e soprattutto leggermente aperte. Con un ghigno sprezzante fissò ancor più spudoratamente lo spettacolo, dando nel contempo una gomitata al ragazzo che gli stava vicino. Silvia stava per reagire ricomponendosi, ma in quel momento ripensò alle parole che erano risuonate nell’appartamento. Sapeva che quella era una situazione che sarebbe potuta accadere, solo sperava non così velocemente. Eppure, nonostante quello sguardo sprezzante, dentro di sé decise di resistere alla sfida e obbedire all’ordine ricevuto. Anche perché la borsetta sul grembo sicuramente non poteva permettere una visione completa di quello che si celava (o non si celava, sarebbe il caso di dire) tra le sue gambe. Che così restarono leggermente aperte, consentendo ai ragazzi, ormai erano in tre girati verso di lei, a gustarsi lo spettacolo.

L’annuncio dell’altoparlante e un getto di aria calda annunciarono l’arrivo del treno. Silvia rimase seduta fino a quando il treno si era quasi fermato. Voleva aspettare l’ultimo istante e scegliere la carrozza, ma evidentemente non era l’unica ad avere avuto la stessa idea. Anche i sette, su segnale di quello che probabilmente era il loro capetto, rimanevano ad aspettare.

“Non posso perdere anche questo treno, forza. Eppoi è solo una fermata” si fece coraggio Silvia, alla quale quegli sguardi non facevano presagire nulla di buono.

Provò una finta, puntando prima la porta del penultimo vagone, per poi cambiare strada e salire su quello successivo. La mossa trasse in inganno uno del gruppo, che una volta richiuse le porte cominciò a bussare violentemente sul finestrino urlando la sua rabbia, tra lo scorno dei suoi amici. I quali, tra una risata e un insulto, si erano sistemati attorno a una Silvia che in posizione di difesa si era quasi incastrata nell’angolo alla destra della porta, la borsetta a coprire il ventre e le braccia che vanamente provavano a nascondere i seni nudi sotto il vestito. Non si era mai sentita così vulnerabile e il vagone praticamente vuoto non migliorava la situazione. C’erano solo altre 4 persone all’interno, ma erano tutte dalla parte opposta e non sembravano essersi accorte di nulla.

“Che fai, avrai mica paura di noi?” la schernì quello che sembrava il capo.

“E perché dovrei?” ribatté con lo stesso tono Silvia, sperando che la fermata arrivasse il prima possibile.

“Forse non ti siamo simpatici? Anche se da come i tuoi capezzoli stanno reagendo direi proprio il contrario. Non ti hanno insegnato che non si gira così vestita, o forse sarebbe meglio dire svestita, di notte e da sola in metropolitana? E se poi facessi dei brutti incontri?” sghignazzò il bullo.

“No, non mi siete simpatici, spiacente di deludervi” rispose Silvia, che senza guardare in basso sentiva i capezzoli duri come ciliegie ancora acerbe.

“Oh oh, ragazzi, sentito? Alla signora che va in giro mezza nuda non siamo simpatici – il ragazzo si rivolse ai suoi compagni -. Sicuramente lei sarà abituata a gente più snob, firmata, che la accompagna a casa su macchine di lusso, e magari tra una cambiata e l’altra allunga la mano tra le sue cosce per vedere se indossa le mutandine. Vero puttana?” le piantò gli occhi nei suoi.

Il treno iniziò a rallentare.

“Forse, ma non sarai certo tu quello a cui lo andrò a raccontare” lo sfidò a sua volta, mentre il convoglio si arrestava con un cigolio di freni. Non appena le porte si aprirono, Silvià saltò fuori, seguita però dal gruppo. Il capo le si affiancò minaccioso. In giro non c’era quasi nessuno.

“Puttana” sibilò.

“Stronzo” replicò, accelerando il passo.

“Ehi, questa zoccola non porta neanche le mutande” sghignazzò qualcuno alle sue spalle.

Stava per svoltare a sinistra verso la linea rossa, ma la mano del ragazzo le afferrò il braccio destro e la trascinò nella direzione opposta.

“Dove pensi di andare, puttana?”.

“Lasciami”.

“Oh, no, non ci penso per nulla al mondo. Abbiamo tanto da dirci noi due” replicò lui, tirandola verso la porta dei bagni.

Silvia era nel panico. Ancora pochi metri e per lei non ci sarebbe stata via di fuga.

“Ho detto di lasciarmi” tentò ancora una volta di convincerlo.

“Stai zitta o sarà peggio per te”.

“Ora o mai più” si sforzò di mantenere la calma Silvia, mentre con la mano sinistra, le nocche divaricate, gli piazzò un pugno andando a colpire gli occhi.

“Aaah maledetta” urlò il ragazzo, lasciando però istintivamente la mano.

Silvia aveva già iniziato a correre, per quanto i sandali glielo permettessero. Aveva guadagnato una decina di metri, ma il gruppo che si era ripreso subito dalla sorpresa era già sulle sue tracce.

Sette metri. E Silvia correva.

Cinque metri. I polmoni pompavano.

Tre metri. Non ce l’avrebbe mai fatta.

Un metro….

“Ehi, cosa succede?”

L’angelo custode si era materializzato dietro l’angolo in una divisa da poliziotto. Silvia gli piombò quasi tra le braccia, mentre i ragazzi acceleravano la loro corsa verso l’uscita.

“Gra…grazie” boccheggiò Silvia tra un colpo di tosse e l’altro. Era salva.

Questo racconto di è stato letto 3 3 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.