Una mamma speciale 5

Scritto da , il 2019-04-21, genere incesti

(Fatti e personaggi narrati nei miei racconti sono solamente frutto della mia immaginazione. Ogni riferimento è da considerarsi casuale. Inoltre i protagonisti e affini sono tutti maggiorenni)

Francesco era il terzogenito di Ines e Lucio. Con la passione per il calcio, spesso si fermava a mangiare al centro sportivo dove con gli amici giocavano a pallone e guardavano le partite altrui, nonché seguendo le partite delle pallavoliste che erano nel campo poco distante da quello che loro erano soliti affittare. Francesco era un ragazzo estroverso, sempre pronto ad aiutare gli amici e gli altri; come quando ci fu un avvenimento sinistro in quelle zone, dove la gente era rimasta senza casa e le acque di un fiume a 25 km di distanza dal paese era esondato, era in prima fila con due suoi amici per dare aiuti.
Ines era fiera di quel suo figlio. Forse il migliore di tutti? Non si chiede, non si dice, non si risponde a questa domanda. Potrebbe essere però. Potrebbe essere anche per l'inizio di certe accortezze ed attenzioni che Ines dava ai suoi figli; con Francesco nacquero in modo differente che con gli altri quattro.
Circa un anno prima, giù di lì, Ines e Lucio stavano trascorrendo un periodo poco stabile in seno alla loro unione. Quella volta Ines aveva prove tangibili che Lucio era stato con un'altra donna. I figli cresciuti e forti, quindi lei poteva anche prendere in mano la sua vita e andare via. Magari tornare in Brasile, o da un'altra parte. Forse l'avrebbe anche fatto se quel giorno non andò a prendere Francesco al campo dove aveva appena finito una partita di calcio. Il motorino del ragazzo aveva bucato, e per di più era domenica e i suoi amici erano già andati via. Così telefonò a sua madre chiedendole di andarlo a prendere a metà strada:
“ci mancava solo questo Francy”
“lo so mamma, difatti mi rode e non sai quanto. Penso dovrò anche cambiare la gomma. Insomma mamma sono vicino il chiosco, al bivio”
“dai, dammi una ventina di minuti e vengo”
così Ines si mise qualcosa di più presentabile delle vesti comode da casa, ed uscì a prendere Francesco. Arrivata dopo quasi mezz'ora al bivio, vide suo figlio in pantaloncini che era seduto su di un masso appena vicino alla strada, ed accostò una quindicina di metri dopo, ad una piccola insenatura, per farlo salire:
“oi mamma grazie”
“e il motorino Francy?”
“l'ho nascosto là dietro, se no ne trovo dieci”
“ma hai bucato insomma?”
“sì mamma, qualche coglione ha spaccato delle bottiglie e la gomma è andata”
“ma guarda te ! Ora devi anche pagare che lo vengano a prendere, oltre che a comperare una gomma nuova”
“non mi ci far pensare”
e così Ines mise in moto e partì.
Destino infausto su quella strada, poiché accade che dopo cinque minuti, uno schioppo ed Ines dovette accostare
“che diavolo...?”
“che è stato?”
madre e figlio ora avevano una cosa in comune: gomma del motorino e gomma della macchina bucate; anche se dell'auto ora erano due le ruote andate.
“oddiooo ma oggi che è?” disse Francesco alzando la voce
“o Signore !! Due non una” Ines si mise le mani ai capelli
“chiamiamo papà...”
“capirai ! Abbiamo una macchina a casa non due”
“chiamiamo Louis allora” disse Francesco
“Louis lavora oggi tesoro”
“Oddio e ora?”
“tesoro guarda: spostiamola e domani pagheremo due corse a chi verrà a prendere motorino e macchina
“ma...ed ora andiamo a piedi?”
“chiamiamo un taxi dai”
“mamma ma oggi fanno lo sciopero a Genova, tutti !”
“oddio ma cos'è oggi?” disse Ines sbottando.
Un attimo di silenzio...
“andiamo a piedi allora...incamminiamoci su” disse Ines.
Faceva caldo quel giorno, ma non era afoso: un leggero venticello soffiava e rinfrescava anche se il sole era quello delle 11:00
“mamma tagliamo per i boschi”
“io direi di rimanere su strada tesoro, così se passa qualcuno”
“di domenica?”
“va bene, vada per i boschi almeno facciamo prima”
Parlando del più e del meno, della macchina, del motorino e della partita, Francesco notò che sua madre era un po' carente di sorrisi. Lei che di solito era sempre colma di energia e positività
“insomma mamma mi dici come va con papà o no?”
“e come vuoi che vada Francy?”
“dillo tu”
“va come va, va che purtroppo, avendo un poco di pancia, tuo papà guarda chi ne ha di meno”
“ma dai su”
“è vero tesoro, come Alice del bar al vicolo, quella con il seno rifatto”
“mamma penso tu ti stia sbagliando, anche perché papà ha occhi solo per te e lo sai”
“lo so, lo sapevo più che altro. Passa qualcuna più giovane ed ecco che i suoi occhi vanno altrove”
parlarono di questo argomento mamma e figlio per una ventina di minuti. Incomprensioni, parole dette e non dette, discorsi evasivi che Lucio le faceva. Il tutto facevano presagire ad un'altra donna
Ines stava parlando a Francesco come ad un prete confessore. Gli altri suoi figli erano sempre stati un poco più distanti di Francesco per le problematiche familiari, ma lui no. Mai.
“Io penso mamma che continui a vedere cose che non ci sono, anche perché , mettendomi nei panni di papà, non vedo nulla in te che non vada. Anzi”
“anzi cosa?”
“sei una bella donna, anche molto procace mamma...e scusa se lo dico”
“tranquillo dai, non c'è bisogno di scuse” disse sorridendo Ines
“io non ti tradirei mamma, mai”
“lo so. Ma tu sei buono e dolce, tu sacrifichi te stesso per gli altri”
“e così papà con il negozio”
“tesoro, fidati di mamma se ti dico che guarda Alice, e non solo. Fidati di me”.
Tutto tacque per un po' di minuti, mentre mamma e figlio continuavano a camminare. Conoscevano quei posti perché spesso si recavano là per fare dei pranzi in primavera con amici ed amici di famiglia. Il sudore colava sulla fronte del ragazzo, così come si notava nella scollatura di sua madre
“mamma..”
“dimmi tesoro”
si fermarono
“non voglio che tu stia così...sorridi mamma ti prego” Ines sorrise al figlio
“e cosa c'è da sorridere a mamma?”
“beh...guarda il lato positivo”
“e quale?” chiese la donna fra un sospiro ed una mezza risata di rassegnazione
“ci sono io, no?”
Ines rise alle parole di suo figlio
“e meno male tesoro. Veramente. Almeno tu”
Nessuno dei due si aspettava ciò che di lì ad un minuto sarebbe accaduto...e per la prima volta:
Francesco si avvicinò a sua madre, lentamente. Lei lo guardava. Il ragazzo prese i fianchi di sua madre fra le mani, carezzandoli dolcemente mentre dal suo metro e 75 la osservava negli occhi. Non parlavano. Ines era come rubata, in quel momento, dal momento stesso. Come se tutta la tensione e delusione in casa, causa il marito, l'avesse lasciata fuori da quel bosco. Si sentiva quieta ma anche in imbarazzo. Le inconsuete, forse uniche carezze di quel figlio, dai fianchi si erano spostati sui seni. Silenzio che veniva infranto solo dagli uccellini del bosco. Le mani di Ines andarono sulle mani di suo figlio, come a bloccarle. Francesco guardò sua madre che, lentamente abbandonò la presa delle mani del figlio, mettendo le sue una sul volto l'altra sul petto del ragazzo.
Francesco carezzava, come in una attenta ispezione, entrambi i seni di sua madre per poi finire sotto gli stessi soppesandoli
“pesi la frutta?”
chiese Ines ridendo di quel gesto
“sì direi...e pesa mamma”
“perché sono naturali...queste”
“a me così piacciono: naturali”
Ines sorrise e carezzò nuovamente i lineamenti del viso di suo figlio, mentre con l'altra mano carezzava il petto dello stesso. Intanto Francesco si era fatto spazio fra la scollatura di sua madre e la mano destra aveva preso ora possesso del materno seno sinistro, palpandolo con piacere, quando Ines d'un tratto cinse entrambe le mani attorno al corpo di suo figlio abbracciandolo
“ti voglio bene figlio mio”
“anche io mamma, tanto veramente”
stettero abbracciati per qualche minuto, ed in silenzio. Francesco cercò , pian piano, delicatamente per non rompere quell'incanto, il seno materno. Ines sorrise maternamente a quelle movenze del figlio e si scostò guardandolo negli occhi. Non essendo sciocca, e conscia che un ragazzo in quelle occasioni ha delle naturali erezioni e che il figlio era eccitato, prese a sbottonar i pantaloni del ragazzo che in quel momento aveva tirato fuori un sorriso al tatto delle mani materne con i bottoni dei pantaloncini, ma la fermò
“mamma...non sentirti costretta”
Ines sorrise calmando suo figlio
“sei mio figlio e darei la vita per te, come per i tuoi fratelli. Non mi sento costretta”
un uovo dolce abbraccio. La mano di Ines scomparve nei pantaloncini di suo figlio, tastando il suo pene gonfio. Il ragazzo iniziò un lento, quasi impercettibile ansimare. Ines mise la mano all'interno dei boxer, per poi guardare suo figlio
“ah ti...depili?”
“sì...mamma”
Ines sorrise
“se no con i peli sudo troppo”
“fai bene tesoro, benissimo”
stretta in un mezzo abbraccio con suo figlio, Ines toccava i testicoli del ragazzo stringendoli, soppesandoli, per poi passare all'asta: un palo di carne che stava prendendo la sua naturale erezione, e che giungendo all'apice raggiungeva i 20 cm. Prese il pene di suo figlio e lo strinse nella mano destra
“mamma...mmmhh che presa !” sorrise Francesco dopo un sussulto
“ti ho fatto male?”
“no no, anzi mamma”
la donna allora si scansò un poco dal figlio per poter tirare fuori il membro dello stesso
“eccoci qua...complimenti Francy, lo hai notevole. E' bello”
“davvero mamma?”
“una mamma non dice cavolate al proprio figlio”
posizionata avanti a suo figlio, leggermente di lato, Ines iniziò una vera a propria sega, coperta dalla vegetazione silvana, ponendosi con Francesco proprio dietro un albero dal largo tronco. Lenti i movimenti della mano di sua madre, il ragazzo la osservava con ogni sognanti, cercando come di parlare per una serie di innumerevoli ringraziamenti. Di rimando Ines sorrideva a suo figlio, cercando di masturbarlo in modo più materno e meno volgare possibile. Francesco ansimava, il respiro si stava facendo più affannoso ed il sudore colava ora in modo più pesante
“ti piace a mamma?”
“oh mamma me lo chiedi? Sei divina”
“dovresti dirglielo a papà , visto che...”
“no mamma non parliamo di lui”
“perdonami tesoro...hai ragione”
la mano aumentava piano il ritmo della masturbazione mentre l'altra ora giocava con i testicoli di Francesco
“oh mamma cavolo anche...due mani”
“non te lo aspettavi vero tesoro?”
“oddio mamma no di sicuro”
disse ansimante Francesco, ora in estasi
“spero di essere all'altezza delle ragazze”
“oh mamma meglio...molto meglio e con anni in più di esperienza”
“grazie a mamma”
“e poi veramente mamma sei bellissima..giuro”
“e tu un amore di figlio, e un ottimo cavaliere”
ora Ines aumentava la sega per permettere al suo amato figlio di poter eiaculare. Sentiva i testicoli gonfi e duri come sassi
“tesoro hai una gomma?”
“no...no mamma non ce l'ho”
“ok caro”
“oh mamma vengo...vengo vengo vengo mmmhhh...mam...maaaa !!!”
reggendosi a sua madre Francesco iniziò ad eiaculare abbondantemente, mentre Ines continuava a masturbarlo con molta foga per farlo svuotare completamente
“bravo...bravo tesoro mio ecco; così. Così bravo !”
“oohh mamma...ooooh diooo !”
la mano della donna era tutta bagnata e non avendo un fazzoletto Ines si asciugò all'albero a loro accanto.
Risistemati, madre e figlio si attardarono in un lungo abbraccio amorevole
“sarà il nostro segreto mamma”
“certo Francy, mi sembra giusto”
“mamma ma, scusa: perché mi avevi chiesto una gomma poco fa?”
Ines sorrise
“beh tesoro: avrei continuato non con la mano, ma senza una gomma dopo si sarebbe sentito no?”
“vuoi dire che mi avresti..cioè avresti continuato con...”
Ines rise
“pensi che mamma non sappia come si usi?”
“no no...non ho detto questo ma...eheheh”
“domani compra un pacchetto di gomme”
sorridendo, Francesco e sua madre si avviarono per il sentiero che li avrebbe riportati al paese e a casa loro.

Questo racconto di è stato letto 1 1 8 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.