Intervista

Scritto da , il 2020-04-28, genere incesti


G: GIORNALISTA

I: INTERVISTATA

G: -Bene; iniziamo. Si presenti-
I: -Allora: sono Caterina, ho 55 anni e sono veneziana, però dammi del “Tu” ahah-
G: -Ah va benissimo; allora: cosa fai nella vita Caterina?-
I: -Nella vita lavoro in un negozio di abbigliamento femminile-
G: -Tuo?-
I: -Sì sì, mio-
G: -Sei sposata, hai dei figli?-
I: -Sì, sono sposata. Per quanto riguarda i figli beh...eheheh siamo qua per questo no?-
G: -Certo ahah. Quanti figli hai?-
I: -Uno, Luigi, ha 26 anni-
G: -Allora Caterina, il rapporto con tuo marito come lo definiresti?-
I: -Il rapporto con mio marito era ottimo un tempo. Era perché fino a quando facevo la mogliettina che lui poteva comandare andava bene. Poi quando ho iniziato a vedere nei miei documenti la data di nascita, e quindi l'età che avanzava ed espressi il desiderio di, diciamo “rinnovarmi” no? Come capita a molte donne; volersi rinnovare, farsi più affascinante anche per paura, diciamolo, dell'età che avanza...”
G: -Come una sorta di “esorcismo” contro il tempo?-
I: -Esatto, proprio come hai detto. Così andai a rifarmi il seno, da una 2° sono passata ad una 4°d soda, per poi recarmi in palestra e tutto ciò che concerne l'estetica, lo sport ecc-
G: -E tuo marito?-
I: -Pensavo gradisse, ma alla fine troppo bigotto, troppo geloso per capire. Che delusione !-
G: -E subentra a questo punto tuo figlio !-
I: -E subentra Luigi. Io e lui abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto. Ci si confidava e ci si confida tutto, mi parlava dei suoi amori, io dei problemi con il padre. Lui mi stava molto vicino per questi problemi familiari, anche perché oltre a noi in casa vi sono anche i miei suoceri, al piano di sotto... e...-
G: -E poi..?-
I: -Io il seno lo avevo rifatto e avevo speso molti ma molti soldi. Mio marito non apprezzava questo mio rinnovarmi che, a dirla tutta, era anche per farmi apprezzare nuovamente da lui. Ma nulla; ed alla fine, visto che Luigi iniziava a fare delle battute, un'estate decisi di fare un topless innanzi a lui. Eravamo soli-
G: -Dove eravate?-
I: -In una spiaggia a poca distanza da casa, ma di primo mattino, quindi non c'era gente-
G: -Cosa disse Luigi alla vista dei tuoi seni? Dei tuoi “nuovi” seni
I: -Diciamo che non riusciva a parlare? Ahahha. Dico sul serio-
G: -A beh, a giudicare da qua, anche se coperto, immagino; poi è un giovane ahahah-
I: -Povero tesoro di mamma, stava sudando, e facevano anche , penso sui 30° già di prima mattina-
G: -E si limitò a sudare?-
I: -Ebbe una potente erezione e ci ridemmo su-
G: -Finì lì?-
I: -Quel giorno sì, ma la volta dopo no-
G: -Stessa spiaggia, stessa situazione?-
I: -No no, niente spiaggia. Pochi giorni dopo fu il matrimonio di mia nipote, che dopo quattro anni si sposava con il fidanzato, ora marito. Eravamo andati al matrimonio e, complice il gran caldo, non andai certo coperta. Elegante certo, ma ovvio che la scollatura dava i suoi risultati-
G: -Immagino Caterina. Ma non lì...nel senso non penso che al matrimonio , davanti a tutti tuo figlio guardasse-
I: -No certo, non davanti a tutti, ma non sono una ragazzina e so quando qualcuno mi guarda. E così, anche se non si faceva notare, sbirciava eccome. Sapeva oramai com'era fatto il mio seno, per il topless dei giorni prima. La curiosità però gli imponeva di guardare; e non solo la curiosità-
G: -Quindi proprio al matrimonio di tua nipote ci fu il primo, diciamo approccio? Mi sbaglio?-
I: -No, assolutamente, non ti sbagli. I matrimoni, dopo la funzione, si spostano sempre in ristoranti con giardini enormi. Mentre ero al rinfresco con le altre mie sorelle a parlare del più e del meno, mi arrivò al cellulare un messaggio. Avevo il cellulare nella borsetta, quindi lo sentii. Era mio figlio che si complimentava con me per il vestito e per la mia scollatura
G: -Imbarazzata di questo suo osare? Di questo complimento non proprio da figlio diciamo-
I: -Beh, sincera: imbarazzata ma almeno qualcuno di cui mi potevo fidare, e che amavo, si accorgeva di me. Di quanto non fossi ancora da buttare, ecco, anche se passati i 50 anni-
G: -Rispondesti al messaggio?-
I: -Gli chiesi dove fosse e mi diede praticamente le coordinate di dove stesse. Capii al volo che era un invito ad andare da lui-
G: -Dov'era?-
I: -Praticamente dietro degli alberi, non so il nome ma di quei grandi alberi con rami cadenti-
G: -Ah non so neppure io di che alberi parli ahahah-
I: -Ahhaha va bene, fa nulla. Insomma lo raggiunsi. Era distante dagli altri ovviamente. Togliendo due frasi inutili che ci dicemmo sul matrimonio e cose così...il tutto non andò per le lunghe
G: -Spiegati per favore. Che vuol dire che “il tutto non andò per le lunghe”?-
I: -Che ci ritrovammo in un abbraccio, per poi ritrovarmi con la schiena all'albero mentre mio figlio mi succhiava i seni...e non in modo molto filiale-
G: -”Il dado è tratto” insomma-
I: -Sì. Terrorizzata però che qualcuno potesse vedere, mi ricoprii il seno e ci spostammo in macchina, sempre distante da dov'erano i parenti e amici-
G: -In macchina continuò a succhiarti il seno?-
I: -Sì, quel giorno fu solo quello-
G: -Così per quanto tempo dopo quel giorno?-
I: -Beh, ma intendi solo a succhiarmi il seno o cosa di preciso?-
G: -Sì, il seno-
I: -Allora molto poco. Nel senso che già le volte dopo eravamo andati avanti: baci anche in bocca, poi settimane dopo delle seghe. Ecco, con le seghe andammo avanti per dei mesi. Ovviamente giungendo a quei livelli si crea una sorta di stallo: retrocedere o continuare? E' già molto o poco?-
G: -Certo, capisco. E con tuo marito e i tuoi suoceri in casa come facevate? E come fate tutt'ora?
I: -Difatti spesso in auto. Ma quando si è in casa e proprio mi chiede e insiste; o in camera sua, ma una cosa veloce, o dietro i muri ma solo baci e palpeggi, niente di che ovviamene.-
G: -In camera sua cosa?-
I: -Anche sesso orale...insomma i pompini. Però una cosa fatta in fretta, almeno che mio marito non stia vedendo la sua partita di calcio; allora posso anche fargliene uno con calma, tanto non salirebbe mai-
G: -Insomma alla fine quando ci fu il passo più importante? Ovvero l'andare al letto?-
I: -Ci fu esattamente la sera di della Vigilia di Natale-
G: -Ah...una sorta di regalo?-
I: -Vogliamo metterla così? Diciamo dai-
G: -Ma eravate in casa vostra?-
I: -Sì. Noi a Natale ospitiamo sempre i parenti, avendo casa più grande. Quella sera quindi la stessa cosa. Eravamo circa in venti, avendo famiglie numerose da ambo i lati. Naturalmente suoceri ed altri facevano battute non proprio carine su di me, sul fatto che una moglie alla loro epoca non si sarebbe rifatta i seni e cose così...alla fine, a metà cena Luigi mi fa capire che sarebbe salito in camera. Togliendo le conversazioni con mia sorella, non è che quella fu una bella serata conviviale. Così con una scusa, telefonata di lavoro anche alla Vigilia, con tanto di mia finta rabbia per la rottura di scatole, salii in camera di mio figlio. Capii già la situazione. Difatti entrando non ci dicemmo chissà cosa...-
G: -Scusa se ti interrompo: quel pomeriggio avevate già avuto qualcosa?-
I: -No no, due giorni prima gli avevo fatto un pompino in macchina dopo che ero andata a prenderlo alla sua partita di calcetto settimanale. Comunque dicevo: non ci dicemmo chissà cosa. Gli feci un pompino, tranquillo; come se non mi importasse che la parentela stesse sotto, ed alla fine lo facemmo. Come prima volta non fu una cosa dolce, ma come uno sfogo da parte di entrambi. Infatti lo facemmo quasi in piedi, vestiti posso dire vista la situazione: io piegata sulla sua scrivania e lui dietro che mi prendeva...-
G: -Ti piacque?-
I: -Sì, e molto direi. Fu come una liberazione posso dire. Lui poi...è attento con me, ci sa fare e nell'intimità, se proprio vogliamo usare un termine poco carino, ma ironico: è un torello ahaha-
G: -ahahah...senti Caterina...ma gli dai via libera anche per il lato b?-
-I:- Sì: ho un bel lato b e a lui piace molto penetrarmi analmente-
G: Capito. Ora domande molto tecniche: la vostra posizione preferita al letto?-
I: -La mia star sopra, la sua a pecorina...o quattro zampe, cagnolino...ognuno la chiama come vuole ahaha-
G: -Beh si certo ahaha. Ora l'altra: Il sesso orale, fellatio o pompino; anche qua ognuno li chiama come vuole...ti piace farglieli lenta o come? E a lui come piacciono?-
I: -I pompini amo farglieli lenta, se posso. Anche lui ama con lentezza, anche se spesso dirige il gioco dettando lui il ritmo che vuole...ed alle volte è molto irruento. Ma non mi dispiace-
G: -Reputi la vostra intimità più un fare l'amore o far sesso?-
I: -Dipende molto dal momento: eravamo in montagna in vacanza, e una mattina andai a svegliarlo mentre mio marito dormiva. Abbiamo fatta colazione assieme sul balcone. Davanti non c'era nessuno, solo le montagne, e gli ho fatto un pompino in balcone molto dolce, lento...molto lento. Mi ha lasciata fare, mi carezzava i capelli. Fu molto dolce. D'inverso un'altra volta eravamo al ristorante, in un paesino di mare, e lo facemmo dentro il bagno. Il ristorante era affollato e nessuno sentì niente. Lì il tutto fu solo sesso-
G: -Un rapporto movimentato ahaah-
I: -ahaha direi che non ci si stanca mai ahah-
G: -Certo, immagino. Ho ancora due domande-
I: - si, dimmi pure-
G: Ti ha mai chiesto di fare qualcosa assieme ai suoi amici o tuoi nipoti, figli di tua sorella?-
I: -No no, su queste cose è geloso. Dovresti vedere come li tiene d'occhio quando ci sono incontri di cene o pranzi, compleanni di famiglia ahah-
G: -ahah capisco. L'ultima domanda: ad oggi il posto più...diciamo inusuale dove è accaduta qualcosa?-
I: - Allora: per il sesso completo direi che il posto più inusuale fu sotto i piloni di un molo fuori Venezia. I piloni vanno completamente sotto la sappia ed è accaduto lì al compleanno di mia sorella perché si era in un ristorantino là vicino. Siamo andati a fare una passeggiata e l'abbiamo fatto in piedi. Mi ha penetrata solo analmente. Poi per quanto riguarda un posto inusuale ma solo qualcosa, penso che fu un pompino due settimane fa in un negozio mentre si provava dei pantaloni. Ovviamente non c'erano le telecamere ahaha-
G: -ahaha beh direi. Allora Caterina, io ti ringrazio per questa intervista che hai concessa alla rubrica del nostro seguitissimo giornale, “Amori di casa”. Ovviamente manterremo il tuo anonimato-
I: - Certamente; grazie a voi di tutto, è stato un piacere-
G: -Buona giornata Caterina e belle cose per la vita. Salutaci tuo figlio-
I: - ahah ma certo, appena andrò a casa-
G: -non ne dubitiamo-

FINE

Questo racconto di è stato letto 5 7 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.