Una mamma speciale 4

Scritto da , il 2019-04-20, genere incesti

(Fatti e nomi dei personaggi delle mie storie sono puramente figli della mia fantasia. I personaggi di ogni mio racconto sono sempre e solo persone maggiorenni)

Ines è sempre stata una mamma premurosa ed attaccata ai suoi figli. Ha sempre cercato il meglio per loro e di farli felici.
Andrea, il penultimo dei ragazzi, all'età di 21 anni ebbe un grave incidente con lo scooter nel quale riportò gravissime fratture alle gambe dal ginocchio in giù. Era con un suo amico, Marco, coetaneo, al quale andò meglio. Da quel momento Andrea è rimasto su di una sedia a rotelle. In quei giorni Ines si faceva forza solamente per dar forza a suo figlio. Era distrutta. Per fortuna i suoi figli le furono accanto, come accanto furono al loro padre e ad Andrea. Quando giunse la notizia che suo figlio sarebbe rimasto su di una sedia a rotelle, ad Ines cadde il mondo addosso; ma l'amore della sua famiglia la spronava a combattere e ad andare avanti per i suoi figli.
In quei primi mesi Andrea non era molto loquace. Lui solitamente amava ridere, scherzare ed uscire, ma ora sembrava spento. Meno male che aveva tante persone, oltre alla famiglia, che gli volevano bene. I suoi amici lo venivano spesso a prendere in macchina per portarlo fuori paese con loro, o a fare passeggiate anche nel paese stesso. Erano sempre gli stessi.
Ines, da madre affettuosa e premurosa, dal terzo mese che Andrea era in quello stato, aveva iniziato a percepire un qualcosa di diverso dagli altri. Suo figlio aveva le sue esigenze fisiche, sessuali che, prima dell'incidente, sfogava con le sue amiche o ragazze saltuarie. Ora però faceva sa solo. Ma lei , che sapeva ciò, lo vedeva diverso, non come prima. Vedeva anche con quando usciva le sue amiche non erano più le stesse, ed il suo cuore di madre si intristì vedendo suo figlio cambiato.

Dopo altri mesi la situazione cambiò per Andrea; e in meglio.

Tutti quanti decisero di trascorrere le vacanze estive a Roma. Andrea amava la Capitale per la sua storia, e per i tanti film ambientati nella stessa; così decisero che quel mese di agosto l'avrebbero trascorso a Roma, tranne Louis e Marco. Il primo doveva andare ad un matrimonio importante, e Marco aveva prenotate le vacanze da molti mesi con quella che era al tempo la sua fidanzata.
Così i restanti componenti arrivarono a Roma il 9 di agosto, alloggiando nel rione Parione, in un appartamento in affitto al pian terreno. L'appartamento era molto spazioso. Alex e Francesco dormivano in una stanza, marito e moglie in un'altra e Andrea in una tutta per sé.
Fu proprio durante quella vacanza che ci fu un avvicinamento fisico fra Ines e suo figlio. I sintomi di quello che accadde erano nell'aria da alcune settimane, da quando mamma e figlio iniziarono ad affrontare il discorso della sessualità nelle condizioni di Andrea. Di come lo stesso si sentisse inadeguato e di come le sue amiche erano “scomparse”, in modo “ignorante e vigliacco”, come ebbe giustamente a sottolineare Ines.
Era nell'aria, e si sentiva. Come Ines sentiva in sé la premura di aiutare suo figlio. In un forte abbraccio del ragazzo alla madre, non poté la stessa non notare il soffermarsi di Andrea con il volto sul suo seno, e di come lo osservava.
Con il passare poi dei giorni, i discorsi di Andrea erano maggiormente improntati con un tono interrogativo, come se volesse chiedere a sua madre se si sentiva pronta per aiutarlo. O almeno lei percepì questo. E non si sbagliò.
In modo del tutto inatteso, sicuramente estraneo ad ogni idea e del ragazzo e di sua madre, il primissimo contatto avvenne in un ristorantino tipico del rione Regola di Roma, un giovedì:
avevano pranzato, Ines, marito e i tre figli, in un ristorante in pieno centro. Avevano mangiato roba locale, anche se un poco pesante, quando, dopo il dolce decisero di andar via. Pagato il conto, mentre erano intenti ad uscire Andrea disse che doveva recarsi in bagno, così Lucio e gli altri figli uscirono dicendo ad Ines e ad Andrea che l'avrebbero attesa in Piazza Campo de' fiori. Ines naturalmente andò con suo figlio per aiutarlo. L'aria era pregna di imbarazzo. Entrati in bagno, scomodo giacché non adibito per i disabili, Ines aiutò suo figlio a sedersi bene sulla tazza per poter urinare. Calati i fini pantaloni di seta, la donna vide che suo figlio aveva il pene eretto. Andrea era in imbarazzo, tanto da ripetere a sua madre più volte:
“scusa, scusa mamma non so veramente...”
“tranquillo tesoro, non è accaduto niente”
la scollatura di Ines sicuro non aiutava suo figlio, come non lo aiutavano di certo i forti rossetti che sua madre metteva, visto che facevano, e di molto, volare la fantasia del ragazzo
“è solo che ora non riesco a...e mi scappa”
Ines, che non era certo una stupida, capì la velata richiesta d'aiuto, o furbata di Andrea. Tolta quindi la sedia a rotelle, Ines chinò la schiena verso suo figlio, che ora aveva una più ampia visione dei seni materni, e iniziò a toccare il membro di suo figlio con dolcezza ma decisa, iniziando a fargli una sega. Iniziava a gemere Andrea, seppure in modo contenuto. Ines sapeva però che dovevano sbrigarsi quindi accelerò il ritmo della sega e per aiutare suo figlio ad eiaculare, tirò fuori i seni. Andrea ne prese prima uno, poi l'altro in bocca iniziando a leccarglieli e succhiarli. Ci sapeva fare Andrea, e la madre non se lo aspettava. Più i movimenti manuali di Ines aumentavano , più aumentava la foga di Andrea; fino a che, dopo qualche minuto:
“mamma vengo....mamma...mamma !!”
allora Ines si spostò per non farsi sporcare i vestiti, prese della carta igienica lì posta, pulita, ed avvolse il glande di suo figlio continuando a segarlo forte, fino a che Andrea non esplose in modo molto copioso e denso. Sette schizzi forti uscirono abbondanti dopo molto tempo che erano lì rinchiusi. Ines diminuì pian piano il ritmo della sua esperta mano che aveva appena dato piacere a suo figlio Andrea dopo molto tempo.
Pulito per bene, la donna attese un altro minuti che Andrea si riprendesse. Nel mentre Ines si lavò le mani e rimise i seni dentro la maglia
“lo volevi, vero?”
“mamma sì...sì, sono sincero”
“lo so tesoro”
disse sorridendo Ines.
Aiutato Andrea a sistemarsi nuovamente sulla sedia, uscirono dal bagno del ristorante raggiungendo gli altri famigliari a Campo de' fiori.
Ora Andrea era più leggero e quell'aria un po' scontrosa che questi mesi aveva avuto, pian piano stava scomparendo.

Questo racconto di è stato letto 9 5 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.