Erotici Racconti

Le ventiquattro sedie del diavolo.

Scritto da , il 2019-03-15, genere pulp


Amava gli oggetti particolari.
Magari strani.
Magari con storia.
Sua grande passione era circolare per i mercatini o per i negozi di antiquariato e lì spendere disinvoltamente tutte le proprie risorse e anche di più, salvo poi andare a chiedere aiuto al padre che ogni volta, seppur brontolando, sanava il rosso del suo bilancio.

Quel giorno...
Dicembre, nebbia e freddo a Venezia, ma lei girava di bancarella in bancarella senza sentirlo, era arrivata in Campo San Maurizio dalla stazione di Santa Lucia.
Amava Venezia, le sue calli, la sua atmosfera, il suo odore.
Si fermava incuriosita davanti alle vetrine dei negozi, osservava gli oggetti e proseguiva. Davanti ad una vetrina si fermò più a lungo, esponeva degli oggetti davvero particolari.
Era qualcosa che la interessava particolarmente.
Oggetti che raffiguravano organi sessuali e altro del genere.
Lingam, falli simbolici in pietra e in legno.
Statuette con gli organi riproduttivi in evidenza.
Tondeggianti figure femminili raffiguranti la fecondità.
Rappresentazioni di improbabili amplessi fra donne, uomini e ogni forma di vita animale.
Presa da improvvisa decisione aprì la porta ed entrò nel negozio.
La porta azionò una suoneria a carillon e apparve quello che doveva essere il proprietario.
Sui cinquanta... piuttosto di più che meno, con i capelli lunghi sul collo, dava l'impressione di una voluta trascuratezza con la sua giacca lisa di fustagno e pantaloni stazzonati.

La domanda... su cosa cercasse di preciso...
La risposta di lei... che non lo sa, se può curiosare...

Certo che si e mentre lei inizia a girovagare per il negozio lui la segue sollecito, pronto a spiegare, ad illustrare i vari e molteplici oggetti che suscitano il suo interesse.
Davanti ad un pene in terracotta molto realistico, una grossa verga scappellata e con un grosso scroto, gliene illustra la provenienza. Le dice che fa parte della collezione di oggetti erotici trovati a Pompei, collezione che è stata mantenuta riservata per lunghissimo tempo per l'ipocrisia della società. Le dice che è un oggetto votivo. Che il pene, simbolo augurale, era raffigurato in moltissimi oggetti di casa. E che le case erano affrescate da scene di amplessi molto espliciti.
Le dice che il sesso è vita. Da sempre.
Lei... senza accorgersene passa la mano sul fallo di Pompei.
Lo accarezza, è presa dalla particolare atmosfera del negozio e del suo proprietario.
La sua voce la stordisce. Sente una strana fragranza aleggiare, si sente diventare morbida, si... morbida e leggera.
Ora la voce dell'uomo dietro lei è bassa, calda. Lei gira leggermente la testa per poterlo sentire.
Le parla di peni votivi lunghi oltre un metro, dell'uso che ne facevano le donne di Pompei. Del culto del "fallo", di come a Pompei il sesso fosse fortemente presente nella vita di tutti i giorni, di come... peni di tutte le forme e dimensioni e nelle varie fasi di eccitazione fossero oggetti scaramantici e usati come amuleti.
Peni che ornavano bracciali, gioielli, oggetti, ambienti della casa e persino le porte esterne verso la strada.
Le racconta di come la collezione sia stata tenuta riservata e sotto chiave per circa duecento anni nella "camera segreta" del Museo Nazionale Archeologico di Napoli perché considerata shoccante e rivoltante.
Le dice che sensualità ed erotismo sono elementi costitutivi della nostra natura e parte integrante della nostra identità.
Le ricorda di Desmond Morris che definì l'uomo "il primate vivente più sexy", che la sua definizione non era né vellicante né provocatoria, ma faceva una formulazione scientifica accurata.
Di come nel corso della sua evoluzione l'animale uomo abbia sviluppato in vari modi la sua sessualità.
Di come abbia lasciato a parte la stagione riproduttiva limitata e che sia in grado di accoppiarsi in qualsiasi momento dell'anno.
Del corteggiamento prolungato, le diverse fasi, dall'incontro iniziale fino all'atto conclusivo.
Di come di fronte alla rapida copula del babbuino... otto secondi, l'atto per l'uomo sia molto elaborato e ricco di preliminari.
Lei mentre assapora le sue parole continua ad accarezzare il simbolo fallico, lunghe e lente carezze come fosse una prolungata masturbazione.
Subisce l'atmosfera... subisce l'uomo, subisce la particolare condizione ambientale.
L'uomo potrebbe averla.
Ora... piegarla in avanti, alzarle cappotto e gonna, liberarla da impicci intimi e possederla, goderla, penetrarla, lei pensa al suo di pene, di come potrebbe essere... lo vede enorme, lo sente quasi fra le cosce, lo immagina spingere, forzare a lungo per entrarle dentro, dentro fino in fondo.
Lei è disponibile.
Pronta, quasi speranzosa che accada.
Sente fluire il suo umore vaginale dalla sua conchiglia fino a bagnarle le cosce.
Clitoride e capezzoli inturgiditi, il respiro affannoso.
L'uomo l'ha soggiogata sessualmente in pochi minuti e sembra voler rimandare la cosa, le chiede se vuole vedere qualcosa di davvero particolare.
Lei come in trance dice... si.
La prende per un braccio conducendola.
Il contatto per lei è una scossa elettrica. Sente il suo odore di uomo. Si sente sciogliere.
La porta in una stanza al piano inferiore. Quando accende la luce lei vede che contiene solo un lungo tavolo scuro e delle sedie poste intorno.
Aspetta che l'uomo parli.
Lui ora la conduce al tavolo, allontana una delle sedie dal tavolo e gliela indica.

Ecco.
Sulla seduta della sedia si innalza un grosso fallo di legno.
Una verga e il suo scroto.
Realistica.
Un cazzo eretto. Leggermente curvo. L'asta venata. La corona e una grossa cappella a fungo. Il filetto e la piccola apertura dell'uretra.
Perfetto in ogni sua caratteristica.
Un'opera d'arte.
Le dice che è costruita in un legno particolare. Caldo. Sempre caldo. Il mogano di Cuba.
Le dice di toccarlo.
Lei lo fa.
E' davvero caldo...
Passa la mano dal grosso scroto all'asta, alla cappella, ne gusta ogni particolare, sente le vene in rilievo e la grossa nervatura sotto.
Lui... guardandola sposta un'altra sedia.
Un altro cazzo.
Più grosso e più lungo, coperto.
Lei si accosta e lo accarezza, immagina di forzare la pelle che copre la cappella, liberarla... ricoprirla...
Un'altra sedia.
Un altro cazzo.
Più corto ma grosso... largo.
Poi... altre sedie e altri cazzi, tutti diversi, tutti realistici, tutti perfetti nella loro similitudine con quelli veri.
Sono ventiquattro le sedie, le ultime differiscono dalle prime come un progredire verso il piacere.
Perché di cazzi ne hanno due.
Lo scopo lei lo immagina.
Ormai è solo l'idea e la voglia del piacere che la possiede.
Lei immagina i due cazzi.
Li sente...
Uno nella sua fica bagnata, fragrante di umori, larga, gonfia.
L'altro che la incula violentemente.
Ora se chiude le cosce... Gode!
Rimanda il piacere.
Aspetta...
Il gioco lo conduce l'uomo.
E sente la sua voce, il suo ordine, quello che agognava.
Spogliati... provale.
Tutte!
Fallo!
Lei non ne vede l'ora.
Butta cappotto, gonna e maglia, collant e slip.
Lui le dice di tenere il reggiseno di abbassarlo solo sotto il seno.
Lei obbedisce. A tutto.
Le sue tette spinte verso l'alto, costrette sono più grosse, più consistenti.
Bagnalo... le dice.
Lei si inginocchia davanti alla prima sedia, lascia cadere un filo di saliva sulla grossa cappella e lecca, la sparge, si alza e si siede lentamente, strofina il suo spacco sulla cappella a lungo, ci spinge contro il clitoride indurito, uscito dal suo fodero naturale, gonfio... lucido.
E si impala.
Lo prende.
Tutto.
Fino a sentire i grossi coglioni premere.
E gode... gode di un orgasmo assurdo!
Rapido! Squassante! E poi un altro mentre lei si strofina, mentre struscia, mentre si alza e ricade!
E altri orgasmi a catena.
Sarà la sua impressione?
Sente il cazzo muoversi dentro di lei, diventare vivo! Vero!
Guarda l'uomo e l'uomo guarda lei.
Le devi fare tutte... le comanda.
Appena riesce a farlo si alza e si avvicina alla sedia successiva, altra serie di orgasmi.
Ancora quella impressione che il cazzo prenda vita dentro lei.
Poi... il "largo", quello particolarmente grosso!
Si sente sventrare quando lo riceve e gode di conseguenza.

Ventiquattro sedie?
Si.
Non realizza più.
Sente solo il godimento.
E' presa da raptus.
Ha goduto come non mai.
Come numero e come intensità e ancora non ne ha abbastanza, è stanca, stanchissima, sfinita ma non sazia.

Le sedie con i due cazzi.
Si.
Vuole sentirli nel suo intimo, vuole sentirsi piena.
Ne bagna la punta con il suo miele e si siede, spinge e lo sente entrare, aprire il garofano del suo sfintere ed entrare!
Un cazzo nella fica!
Un cazzo nel culo!
Fino a sedersi completamente!
A fondo!
Poi... inizia muoversi, ad alzarsi, a riabbassarsi, dapprima piano per aumentare poi sempre di più il ritmo fino a godere nuovamente e ad abbandonarsi esausta, penetrata, riempita.
E sempre la sensazione che i cazzi prendano vita.

Manca l'ultima sedia, quella a capotavola.
Si avvicina.
Lui la ferma.
Quella è mia... le dice.
Quella è la mia sedia, tu bagnamela solo, bagna bene la cappella perché mi ci siedo io e poi leccami il culo, bagnami bene, spingi dentro la tua lingua nel mio buco.
Lei lo fa, sapere che sarà lui a impalarsi la eccita, strofina e lascia il suo succo sulla verga.
Si alza e gli lascia il posto.

Se potesse vedersi!
Stravolta! Scarmigliata! I grossi capezzoli turgidi, gli occhi lucidi e resi languidi dal piacere.
Guarda lui che si apre la cintola e lascia cadere a terra i pantaloni.
Non ha nulla sotto.
Invece ha un cazzo eccezionale! Enorme! Spropositato, duro!
Si gira e si appoggia alla sedia e le offre il culo da leccare. Lei si avvicina, palpa il grosso culo peloso, apre le natiche e incolla la sua lingua al buco, gode del suo odore forte, aspro da animale selvatico. Lo lecca a lungo, le piace infinitamente cosa sta facendo.

Lui si stacca, si gira... si siede.
Si muove un poco e si impala.
La chiama.
Lei si avvicina, si gira e si abbassa.
E si sente morire quando lui le entra dentro, le sta sforzando tutto!
Dolore e piacere si mescolano.
E' il più largo, grosso, lungo di tutti quelli delle sedie.
Lui la alza lentamente e poi la tira a se, sempre più profondamente! Fino ad esserle dentro tutto.
Godimento assurdo.
Dura una eternità.
Glielo mette anche nel culo ormai ricettivo.

Si sente spaccare.
Gode ancora.
Poi?
Il suo urlo, di lui che la riempie letteralmente.
Le ha penetrato alternativamente fica e culo scambiando più volte ma ha curato di venirle in fica.
La tiene forte a sé, mentre avvicina la bocca al suo orecchio...

"Un gran giorno per te... un grande onore!
Sei stata per queste ore la donna dei diavoli dell'intero inferno!
Non hai notato i nomi sulle sedie? Ti hanno posseduta tutti i Principi degli Inferi: Abbadon... Asmodeo... Eshmadai... Behemott... Memnoch... Beliah... Belfagor... Astaroth... Azazel e tutti gli altri, anche due alla volta ma solo io ho il privilegio di renderti gravida. Io solo ti ho sborrato dentro! Porterai nel tuo ventre una mia creatura..."

Brividi!
Solo una fantasia dell'uomo? Vanteria? Millanteria?
Forse si! Ma perché è in preda all'angoscia ora?
Si riveste e scappa, lui la guarda ridendo, lei si sente sfinita, affranta, piena del seme di quell'uomo.
Assurdamente non può lavarsi.
Lo DEVE tenere dentro.
Vorrebbe usare la pillola del giorno dopo, per poter tacitare quel senso di orrore che l'ha presa.
Non può farlo!
LUI... glielo impedisce.



Tibet

Questo racconto di è stato letto 8 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.