Beatrice schiava d 'amore

Scritto da , il 2019-02-18, genere dominazione

Mi chiamo Beatrice e sono sempre stata una donna romantica e un pò credulona ma mai avrei creduto che l'amore mi avrebbe portata a farmi mettere i piedi in testa in questo modo.
Mi innamorai di Stefano subito, non momento stesso in cui lo vidi.
Alto, bello, moro e soprattutto deciso. Mi piacciono gli uomini decisi...
Mi abbordò per strada senza tanti preamboli e un ora dopo stavamo facendo l'amore a casa mia.
Da lì era cominciata una storia importante ma che ben presto rivelo il suo lato " storto" se così si può dire.
Stefano da subito mi rivelo di essere un dominatore e che a letto la donna doveva essere "schiava e sottomessa" e io devo dire il vero lo assecondavo con un certo piacere.
Facevamo giochi divertenti e ad alto tasso erotico ma, da un giorno all'altro, capii che le cose sarebbero cambiate e che il gioco avrebbe coinvolto anche altre persone.
iniziò a farmi richieste esplicite del tipo: stasera usciamo, tu non metterai gli slip e dovrai chinarti in modo che altri lo notino.
Oppure: stasera usciamo e non indosserai il reggiseno in modo che altri lo notino.
Faccio presente che ho una sesta di seno e uscire senza reggiseno è un problema non di poco conto.
Ma lo assecondavo.
Lo amavo e lo assecondavo.
Ricordo ancora la prima volta che sono uscita senza reggiseno, l'imbarazzo, le occhiatine della gente, i capezzoli in vista e il fiatone, le risatine al ristorante.
Stefano poi, anche davanti alla gente, mi infilava le dita in fica facendo attenzione di essere visto o mi palpava il seno per far uscire i capezzoli.
Amava vedere l'eccitazione nella gente che ci guardava...ricordo una volta in un parco, eravamo seduti su una panchina, lui mi fece un ditalino e mi fece uscire un seno davanti a tutti e scoprimmo che, qualche metro più in là, dei ragazzini si stavano segando.
Lui andava pazzo per queste cose.
In fondo, pensavo, non c'è nulla di male, eccito il mio uomo e mi diverto.
Una sera però capii che il gioco non si sarebbe fermato.
Stefano mi chiamò e mi disse: la mia donna deve soddisfare anche i miei amici, è una regola.
Io allarmata dissi: ma come? dici di amarmi e vuoi che faccia sesso anche con altri?
e lui: si...dimostrerai il tuo amore facendo sesso con tutti coloro che fanno parte della mia squadra di calcetto.
Io ero allibita ma non seppi dire di no, ero troppo innamorata.
Stabilimmo la sera di mercoledì e già dal mattino mi venne detto da Stefano come avrei dovuto vestirmi.
Ti metterai il vestito nero, quello corto e scollato quello stretto che tiene le tettone salde anche senza reggiseno.
Sotto non metterai ne slip ne reggiseno.
io protestai ma Stefano fu irremovibile: se mi ami lo farai disse.
Metterai le decolletè nere tacco 12 e al posto degli slip metterai una cordicella di iuta in modo che ad ogni passo sfregherà sul clitoride provocandoti piacere.
Il gioco della cordicella lo avevamo già fatto ma fra noi due mai per piacere ad altri.
Ero spaventata ma ubbidii.
Alle 21 mi feci trovare al campetto abbigliata come concordato.
La cordicella, ad ogni mio passo, sfregava sulle grandi labbra e sul clitoride facendomi colare e arrossire.
Mi fecero camminare in lungo e in largo per il campetto godendosi la scena dei miei umori che colavano dalle cosce e dei miei capezzoli che si vedevano dal vestito.
Erano in 7 più Stefano
Stefano si avvicinò e mi disse: io stasera guarderò solo, se soddisferai i mie 7 amici io ti amerò per sempre.
Io camminavo e arrossivo e tremavo.
Ormai le gambe erano completamente bagnate dai miei umori e e tette stavano per saltare fuori dal vestito.
Il portiere della squadra, Marcello, un omone alto e grosso si avvicinò e disse: guarda questa puttana come cola.
Mentre lo diceva mi infilò due dita nella fica con forza, spostando la cordicella e inziò a frizionarmela con movimenti veloci e ritmati.
Io, d'istinto, aprii le gambe per agevolarlo e ansimavo da piacere.
Stefano, seduto, si godeva lo spettacolo.
Ad un simile spettacolo gli altri non resistettero e si avvicinarono.
Intravedevo i loro cazzi dai pantaloncini.
Si avvicinarono Franco e Roberto, i più cari amici di Stefano e senza tanti fronzoli tirarono giù il vestito liberando i seni mentre Marcello continuava lo stantuffamento con le dita.
Il quarto, Gianluca, tolse la cordicella dalla fica e la spezzo in due...
Con i due tronconi di corda mi legò ( si proprio legò) i capezzoli...in modo che rimanessero dritti e gonfi.
Mi fece molto male....
I capezzoli in questo modo rimanevano in evidenza...rossi, gonfi, duri...sempre pronti ad essere pizzicati ( provocandomi ancora più dolore) leccati o morsi.
Marco, Giorgio e Benedetto rimanevano un pò in disparte a menarsi l'uccello e a godersi la scena.
Ora ero in mezzo al campo, nuda, con la fica che colava e capezzoli gonfi stretti nello spago.
Ansimavo e attendevo la prossima mossa.
Marcello, il portierone, mi sollevò, mi caricò sulle spalle e disse: portiamola nello spogliatoio.
Mi fece sdraiare sul lettino del massaggiatore e...con delle manette giocattolo mi legarono alla grata dello spogliatoio con le braccia all'indietro.
Guardavo Stefano con aria di rimprovero come a dire: ma perché permetti che mi facciano questo?
Fatto sta che Stefano se ne era proprio andato, lasciandomi nelle mani di quei sette maiali.
Iniziarono a spruzzarmi addosso panna spray.
Me la spruzzarono sui capezzoli, sulla fica e nel culo e iniziarono a leccarla, tutti e 7.
Ero piena di mani e bocche dappertutto e devo ammettere che il mio animo da troia ci godeva.
Mi leccarono ovunque versandomi addosso anche del vino, vino che mi fecero anche bere, stordendomi, essendo io astemia.
Me lo fecero bere a forza e io non riuscii a sputarlo.
Mi fecero ubriacare e iniziava a girarmi la testa.
A questo punto mi slegarono, così conciata non avrei potuto scappare.
Mi slegarono e barcollando mi fecero sdraiare per terra dove, a turno iniziarono a scoparmi senza pietà.
vedevo tutta la stanza girare e sentivo le risate e i colpi forti fino a che, sempre Marcello disse...beh ora scopiamocela nella doccia in piedi...
Avevo ancora i capezzoli stretti dalla corda e ormai erano viola...
Puzzavo di vino e di sperma ma continuavano a torturare i capezzoli e la fica....infilandoci dentro anche il collo delle bottiglie vuote..
Mi trascinarono per i capelli nella doccia marcello, prendendomi di peso mi fece calare sul suo cazzo enorme iniziando a stantuffarmi da sotto sotto la doccia ...
Mi aggrappavo a LUi, semiincosciente, e lo lasciavo fare mentre sentivo che da dietro mi preparavano il buchino.
Li sentivo ridere....marco diceva...dai marcello lasciala anche a noi e che cavoli...
Marcello mi lascio andare e caddì per terrà...
Marco mi aiutò a tirarmi su e mi fece spostare più da un lato dove c'era una panca per addominali.
Mi fecero sdraiare li a pancia in giù...
Ero bagnata, sporca, ubriaca e incosciente...
iniziarono a prendermi uno alla volta e mentre mi scopavano a pecora ne avevo anche sempre uno in bocca....
Urlavano...li sentivo che godevano...chi mi veniva in bocca, chi addosso, che tirava le cordicelle dei capezzoli...ad un certo punto ho avuto paura che me li staccassero....
Più mi vedevano in difficoltà e più colpivano forte e tiravano con forza...
Ero frastornata e distrutta quando marcello disse, fatela alzare...
Mi fecero alzare ma non mi reggevo in piedi e caddi di nuovo per terra...carponi...
Non feci tempo a cercare di rialzarmi che zaaac....marco mi riprese da dietro...
Non ne potevo più ma loro ne avevano ancora...e ricomnciarono....
Ebbi la forza di chiedere che mi venissero liberati i capezzoli che erano viola e iniziavano a sanguinare e me lo concedettero.
Come vennero liberati Gianluca ci si avventò succhiandoli e leccandoli mentre gli altri, a turno, continuavano a fottermi...
Marcello si sedette per terra e fece cenno di salirgli sopra...
Disse: beh non hai ancora cavalcato....
Io ubbidii e , come in trance, iniziai a cavalcarlo, forte, dimenandomi come una pazza.
Lui si faceva cavalcare e mi teneva saldi i seni con quelle manone enormi accompagnando il movimento.
Si fecerò cavalcare tutti...e io saltavo da uno all'altro ubriaca persa.
Alla fine mi lasciarono stesa a terra...dolorante e gonfia e se ne andarono....
Fu a quel punto che tornò Stefano e disse: brava la mia vacca....ora andiamo a casa e lo prendi anche da me...
Da quel giorno queste serate divennero frequenti e io ormai ero la puttana della squadra...

Questo racconto di è stato letto 2 9 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.