Erotici Racconti

To sink. Affondare. Seconda parte. (di Tibet e Flamerebel)

Scritto da , il 2018-09-17, genere pulp

La notte arriva silente come una dama ottocentesca vestita di nero tessuto. Le luci adornano a festa una città che non dorme mai. Passiamo quartieri, nei primi vediamo limousine sfrecciarci di fianco, strade larghe, palazzi eleganti, architetture futuristiche e non, guardo dal mio sporco finestrino cosa ho davanti, seppur mi piacerebbe poter rimanere qui, non posso, questo non è il nostro quartiere. Il nostro quartiere è un altro. È sporco, grigio, decorato da prostitute ai bordi della strada vestite con quattro stracci, qualcuna esibisce il culo quando le passiamo accanto, lui le guarda tutte, le spoglia con gli occhi, come ha fatto con me ma io, a differenza loro, mi sono spogliata sul serio. Provo vergogna e paura a rivivere quel momento. Lui fa sul serio, tuttavia qualcosa mi dice di non fidarmi, di non confidargli tutto. Budapest è piena di puttane, nei locali, per strada, gli uomini hanno una vasta scelta, non so se verrò mai calcolata, in fin dei conti fare la puttana mi fa schifo. Mi ha detto di vestirmi bene, di essere sexy. Io ci ho messo impegno nel scegliere l'abito, nero di quel tessuto che ti scivola addosso e che ti fa indurire i capezzoli, sembra si chiami raso, è stato una concessione dello stronzo pensando di poter usare la mia bellezza. Il porco ha un intero guardaroba femminile, ho l'impressione che siano delle donne che ha avuto e che sono passate da casa sua. Ho sandali alti ai piedi, sandali costosi, ho paura che potrebbero tagliarmi piedi per poter portarmeli via. Ho curato ogni minimo dettaglio, dai capelli lunghi e neri, al trucco, fino a finire alle unghie di mani e piedi. Mi sento bella. Il porco mi guarda spesso le gambe, le accavallo, ma non voglio che possa vedere il mio intimo. Non voglio dargli nessuna soddisfazione. Arriviamo al locale, sembra una villa abbandonata immersa nella vegetazione. Varchiamo il cancello e ci immettiamo nel lungo viale sterrato. Guardo fuori, gli alberi altissimi oscillano facendo frusciare le foglie, quando scendo dalla berlina mi ritrovo ad ammirare l'esterno di un edifico in decadenza: pittura che si sgretola dai muri decorati, finestre fatiscenti e balconate dove il cemento a tratti ha ceduto. È lugubre, desolata eppure in qualche modo la trovo bella, nella sua particolarità. Lui mi guarda, invitandomi ad entrare.
Un primo passo verso l'inferno?
La villa internamente è un harem dal sapore vittoriano, ha un'atmosfera tutta sua, dettata dal tempo, dalla gente che ha solcato questo suolo. Un salone enorme ci accoglie con il marmo lucido dal colore scuro, Riflette l'immagine di me stessa, delle mie gambe nude e del mio intimo. Il pensiero di poter essere oggetto di attenzioni mi fa trasalire, quel marmo è stato messo apposta per far si che le donne diventino oggetti, l'uomo lo sapeva, mi ha detto che già ci era stato, bastardo! E deve aver telefonato per preannunciare la nostra visita, siamo attesi.
Sono in imbarazzo quando mi presento davanti ai proprietari, una coppia sui quarantacinque, che dimostrano perfettamente gli anni che hanno, ne più ne meno. Tuttavia anche se loro non sono proprio di bell'aspetto e avanti con l’età hanno un discreto fascino. La donna ha lunghi capelli castani, ondulati, lucidi, bellissimi. Ha occhi scuri e guance paffute per un corpo non più giovane ed abbondante. Il marito è bassino, con fisico tarchiato, ma lo sguardo è gradevole, ed ha un bel sorriso. La prima cosa che noto è come entrambi guardino in basso, conosco il motivo per cui lo fanno. La donna fissa i miei capelli, e li accarezza mentre fa le prime domande. È lui a parlare, spiega loro che sono una a cui piace il giocare fetish, tutto qui, vogliono provarmi? La donna mi studia, si complimenta con lui che mi guarda e mi stringe a se in segno di possesso premendo la mano sul mio fianco tanto da farmi male, come per affermare che sono cosa sua. Bastardo! Siamo attori su un palcoscenico di carta pesta. E io lo bacio, un bacio carnale, passionale, degno di una coppia affiatata, ma finto. I coniugi ci guardano estasiati, per poi spiegare di dovermi sottoporre a una prova prima di poter decidere. Lui acconsente, io non parlo almeno per ora. Mi guardo attorno mentre passiamo delle sale, c’è gente, qualcuno porta maschere sensuali sul viso. Ballano, ridono, bevono, si rincorrono nudi e soprattutto fanno sesso, sui tappeti, sui tavoli, sui divani. Dove mi volto trovo corpi nudi in posizioni oscene. Odore di effluvi mischiati al sesso, all'odore di orgasmi appena consumati. La donna mi incita a guardare. Mi dice " guarda bambina, ti piacerebbe partecipare?” annuisco. Possibile che dietro a qualche maschera ci sia Marc? Arriviamo in una camera da letto con un letto a baldacchino. I due non perdono tempo, lo reputano prezioso. Vogliono godermi. Mi fanno spogliare. La donna è eccitata quando scopro il mio sesso non depilato, un folto triangolo di peli scuri mi decora il monte di venere. Mi fa sedere accanto a lei e mi rivela all'orecchio che vuole sfregare la sua fica bagnata contro la mia. Lo dice mentre mi odora I capelli e li carezza. Il marito, invece, si tira fuori il cazzo floscio e inizia a strofinarlo sui miei piedi, mi dice di segarlo. Lui... Lev guarda, la donna... Madame lo invita a farsi succhiare da lei... da loro. Lui rifiuta con un gesto sbrigativo. La donna ci sa fare... libidamente lo invita simulando con la bocca un pompino, lui si nega. È un sottile piacere quello che provo, se proprio di piacere si vuol parlare... quello che lui si rifiuti dopo che ha goduto me, la mia bocca. Ora mi usano. Mi godono. Lei, la donna, viene sfregando la sua fica bagnata sul mio pelo pubico, il marito, lo sego fino a quando mi viene sui piedi. E' quello il suo godimento, sborrare sui miei piedi! Io vengo quando Madame mi lecca, non avevo mai provato il piacere saffico, non è bello, ma devo ammettere che lei ci sa fare nel sesso e semplicemente mi ha portato all'orgasmo in poco tempo per ben due volte. Appagati temporaneamente i sensi cade un silenzio tombale. Per la prima volta fin ora, provo un forte imbarazzo tanto da arrossire. Madame si accende una sigaretta, quelle lunghe con bocchino annesso. Sbuffa la prima boccata di fumo sul mio viso. Io mi volto disgustata, lei sorride perfidamente.
-Ora possiamo passare ad altro…-

Lascio correre il tempo, la guardo. Non voglio partecipare e godere nella bocca di questa Madame del cazzo, sto guardando Raissa... è lei che riesce a smuovere la mia libidine, quella sua algida sensualità, quel suo concedersi ma senza donarsi, quel suo bacio bagnato e falso. Sono eccitato ma la mia eccitazione è completamente rivolta a lei...
Ma la mia attenzione è sempre vigile, lei... Raissa è troppo pronta, troppo disponibile, troppo sveglia e fa sesso come una professionista.
Ha goduto nella breve kermesse sessuale con i due appartenenti al mondo notturno della Budapest dorata? Forse si... ma i suoi orgasmi li ha vissuto con solo una parte di lei o li ha simulati e anche bene.
Il perché si sia venuti qui è presto detto, definisco il mondo sommerso della città in due parti, questa... dei locali per gente danarosa e poi l'altra... quella dei reietti, noi ora stiamo provando a cercare questo Marc in questa parte della fogna che è Budapest.
Ora tocca a me.
La donna, la proprietaria guarda Raissa con interesse sempre vivido, sempre nuda si avvicina al tavolino con il ripiano di vetro e tira una lunga striscia di coca, l'aspira usando una cannuccia, ne offre...
Da un pezzo ho abbandonato quel modo subdolo di suicidarsi, anche Raissa rifiuta.
Madame mi guarda...
-Bene, ci piace molto la ragazza... parliamo d'affari? La vuoi vendere quindi? Vale un giusto prezzo... è bellissima, è sensuale... diventerà una troia perfetta.-
-Non adesso... ma lo terrò in considerazione e forse te la venderò fra qualche giorno se certe cose non andranno come previsto, intanto serve a me... voglio sapere una cosa... avete contatti con un certo Marc? O li avete avuti? Se si... dove lo trovo? Un uomo sui trentacinque, bruno... molto bello...-
Sciocchi!
Cos'è quello sguardo rivelatore fra loro? Dura un attimo ma è significativo per un cacciatore d'uomini come me. Odio che mi concedano tutto questo vantaggio.
Dicono che non ne sanno nulla. Mai sentito e visto un uomo così.
Sono contento... posso sfogare un po' la mia irritazione, la mia violenza sotto controllo.
Raissa mi innervosisce, la sento complessa, difficile da gestire e non riesco a prevederne le mosse.
Non voglio colpire Madame ma il suo compagno, lo investo con tutto il mio peso, lo costringo alla parete, lo colpisco più e più volte, pugni al corpo, schiaffi sul viso.
Basterà?
Guardo Madame... è intelligente, fortuna sua. Cede subito.
-E' uno che ha messo su un giro di ragazze nel XII distretto, nella zona delle ambasciate, è arrivato con un mucchio di denaro e si è inserito alla grande... ha belle ragazze, tante non ungheresi...-
Quasi mi spiace che abbiano ceduto così facilmente, qualche schiaffo? Dei pugni? Io che volevo rompere qualche osso con il martello, frantumare qualche nocca delle dita con il mio schiaccianoci.
Faccio segno alla ragazza che ce ne andiamo. Si riveste. Usciamo.
Fuori la spingo al muro.
-Si può sapere la verità da te? E' anche nel tuo interesse darmi più informazioni possibili, questo uomo sarà protetto... cazzo... non sarà facile arrivare a lui... con quanto soldi è arrivato? Rispondi piccola troia bugiarda!-
-Esattamente non lo so! Quanti? Tutto il denaro liquido che mamma teneva in casa!! Ma non lo so!-
-Cazzo... cazzo. Ne dobbiamo sapere di più. La cosa si complica. Andiamo nel ghetto ebraico... devo vedere uno...-
Il locale è il solito schifo, magnaccia e puttane, borsaioli che ruberebbero il borsellino alla madre, finocchi e laidi pervertiti, lei? Raissa?
Lei... è una lampada al neon lampeggiante. Entra e attira l'attenzione, è bella... cristo! E' bella forte questa Raissa.
Vedo il mio uomo seduto al suo tavolo solito, solo... con davanti un boccale vuoto.
Ci avviciniamo, sediamo. Lui ci guarda.
-Lev... -
-Goran...-
-Lei chi è?-
-Lei è Raissa... una cliente...-
-E' molto bella...-
Bravo!
Difficile accorgersene... vero?
-Che ti serve...?
-Informazioni... assistenza...-
-Una cosa complessa? Durata?-
-Uno... due giorni... -
-ok... partiamo con duemila euro, adesso sull'unghia...-
-Non li abbiamo... li avrai a lavoro finito... i duemila e il resto-
-Non se ne parla...-
-Mi offendo... e se mi offendo divento cattivo, mi conosci Goran, potrei costringerti a seguirmi fuori nel vicolo e convincerti con altre maniere, i soldi li avrai... intanto per suggellare il nostro accordo... puoi scoparla... vero Raissa? E' così diventi una specie di nostro socio... un socio di minoranza ma socio...-
-Posso avere tutte le puttane di Buda...-
-Ma lei non è una puttana qualunque... lei è una principessa... guardala...-
-Andiamo di là...-

Goran fa schifo.
Sa di viscido, ha uno sguardo sottile e lascivo, una risata diabolica con denti putridi, l'alito che sa di whiskey e I capelli grigi appiattiti sul cranio. Vestito di stracci. Odio entrambi, ma Lev di più, vuole pensare di fregarmi ma non ha capito con chi ha a che fare! Lo lascio crogiolare nella sua stupida ottusità, nel suo pensiero di fottermi. Povero sciocco! Entro in una stanza schifosa tanto quanto l'uomo che vuole scoparmi. L'arredamento è misero, comprendo a cosa serva questo tugurio. Mi viene da vomitare c’è puzza di chiuso e muffa, quel vecchio mi guarda grugnendo. È vizioso vuole che mi tocchi davanti a lui, vuole guardarmi la fica. No, non glielo permetto. Si lamenta e non ammette repliche. Non lo reputo necessario. Lev è fuori che ci aspetta. Bene posso agire da sola. Mi spoglio e il porco mi guarda sbavando. Non faccio nulla, mi volto, viso al muro, appoggio le mani e mi piego, apro le gambe e lascio che mi prenda da dietro. Mi entra dentro con violenza, sento il suo cazzo ingrossarsi, senza il minimo riguardo o contegno, si mantiene sui miei fianchi. Mi fotte lentamente, affanna, annaspa, grugnisce come un maiale. Mi fa schifo! È ripugnante! Non godo, penso a come fottere Lev. Simulo del godimento, voglio che il porco si agiti e perda la testa, gli faccio domande su Marc, il depravato lo conosce... sa poco ma quel poco è pericoloso, non voglio che ne informi Lev. Bene, non mi rimane nient'altro, devo agire… questo uomo non mi serve, può diventare un qualcosa di non previsto...
… le mie urla di spavento arrivano fin fuori, nel locale, Lev si precipita dentro e ciò che vede è me nuda in un angolo, Goran invece, disteso sul divano con ancra il cazzo assurdamente dritto, il suo viso è pallido e gli occhi sbarrati privi vita. Infarto? Mi fingo frastornata quando Lev mi alza e mi imprigiona al muro.
-Che cazzo è successo qui?- urla, è incazzato.
Io mi dibatto, faccio resistenza.
-Che cazzo ne so! Stava godendo ed ha iniziato a stare male, io ho avuto paura… lasciami mi fai male!- urlo.
Mi lascia dopo poco.
-Vestiti, ce ne andiamo prima che arrivi la polizia.-
In macchina gli dico che mi sento sporca e devo farmi una doccia e che conosco una tizia, una veggente, una che ci sa fare. Marc ci andava spesso per farsi predire il futuro e roba simile. È una viziosa.
Ho passato una giornata d'inferno, dormendo poco e piena di emozioni contrastanti. Ripenso a tutto, ho bisogno di sentirmi protetta. È un sentimento forte che viene da dentro, lo sento strisciare fino ad uscire fuori.
Ho gli occhi gonfi di lacrime quando mi presento da Lev e gli chiedo se vuole fare una doccia con me. È titubante ma alla fine accetta. Siamo nudi sotto il getto d'acqua calda. Sono io a fare dei passi verso di lui benché la doccia sia stretta. Gli dono carezze e dopo poco lui si lascia andare e fa lo stesso. Alla fine mi appoggia alla parete, mi alza con le sue forti braccia e mi prende così. Godiamo del sesso che ha un sapore dolce amaro.

Questo racconto di è stato letto 6 7 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.