Erotici Racconti

Giovanna11 rischio ed eccitazione

Scritto da , il 2018-09-14, genere tradimenti

Erano trascorse due settimane dal nostro incontro in ascensore, quando Giovanna mi chiama. Ho bisogno che vedi la mamma, quando puoi venire? A fine mattinata va bene? Si, ma siamo in campagna alla villa. Va bene ci vediamo domani. Giungo alla villa verso le 11, con un certo anticipo. Mentre mi accosto all'ingresso, la porta si apre ed il marito di Giovanna mi accoglie dicendomi, in fondo al corridoio, la porta a sinistra, sto scendendo in giardino a sistemare Delle piantine, Giovanna è con la mamma
Entro nella stanza in fondo, Giovanna con un vestitino leggero corto è piegata sulla madre a sistemarle il leggero lenzuolo che la copre, non si accorge di me, che mi godo lo spettacolo del suo culo attraversato dal filo bianco di un perizoma che sparisce fra le due natiche rotonde e sode. Mi avvicino sino a sfiorarla e lei avvertendo laia presenza si spinge indietro per sentire laia erezione prenderle contro il sedere

Questo racconto di è stato letto 1 7 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.