Erotici Racconti

Giovanna11 rischio ed eccitazione

Scritto da , il 2018-09-14, genere tradimenti

Erano trascorse due settimane dal nostro incontro in ascensore, quando Giovanna mi chiama. Ho bisogno che vedi la mamma, quando puoi venire? A fine mattinata va bene? Si, ma siamo in campagna alla villa. Va bene ci vediamo domani. Giungo alla villa verso le 11, con un certo anticipo. Mentre mi accosto all'ingresso, la porta si apre ed il marito di Giovanna mi accoglie dicendomi, in fondo al corridoio, la porta a sinistra, sto scendendo in giardino a sistemare Delle piantine, Giovanna è con la mamma
Entro nella stanza in fondo, Giovanna con un vestitino leggero corto è piegata sulla madre a sistemarle il leggero lenzuolo che la copre, non si accorge di me, che mi godo lo spettacolo del suo culo attraversato dal filo bianco di un perizoma che sparisce fra le natiche rotonde e sode. Mi avvicino sino a farle sentire il mio attrezzo fra le natiche, lei spinge indietro e lo fa aderire bene al centro.
La mamma ha bisogno di te dice, io devo guidare mio marito nel sistemare alcune piantine in giardino, sono alla finestra della stanza di fronte.
Dottore dice la madre, non è per me che voglio parlarle, è per Giovanna, sembra aver perso l'appetito ed è irrequieta. Ho l'impressione che il marito la trascuri, sa dopo tanti anni di matrimonio..., dovrebbe parlare con il marito e dargli dei suggerimenti, per cui vada, vada. Passo nell'altra stanza e Giovanna è piegata sul bordo della finestra, e una tenda trasparente, crea uno stato di vedo, non vedo molto eccitante, il filo del perizoma non si vede più, è affondato profondamente tra le sue deliziose rotonde colline. Mi accosto a lei e nuovamente le faccio sentire il mio desiderio. So bene come farle tornare l'appetito e calmare la sua irrequietezza. Le accarezzò le natiche tenendomi discosto in modo da non farmi vedere da chi guardi la finestra. Lei si piega ancora di più spingendo indietro il suo sontuoso culo, le infilo una mano tra le cosce scorrendo in avanti e sento quanto è già bagnata. Lei allarga ulteriormente le cosce per agevolarmi e io le infilo due dita nella fica. Ahh, geme e suo marito da sotto alza lo sguardo e le chiede, che hai? Non stai bene? No, no sto bene. Io Non resisto più, mi scopro ed infilo il mio cazzo tra le cosce facendolo scorrere lungo la fica, sempre nascosto dalla tenda, lo inumidisco bene e lo appoggio all'entrata della sua fica, lei con un improvviso movimento si spinge indietro e mi trovo immerso nella sua fica. Mi stringe con i muscoli interni ed ondeggia avanti ed indietro facendomi entrare sempre di più. Le sfioro l'ano con il pollice e comincio ad infilarlo dentro, geme di nuovo mimetizzando il gemito con un colpo di tosse, faccio scorrere sia il dito che il cazzo dentro e fuori ed ogni volta lei spinge contro il bacino ogni volta che spingo in avanti venendo incontro mi. La posizione non è ottimale per muoversi bene ma l'eccitazione è tale e lo strofinio così intenso che dopo una quindicina di affondi veniamo tutti e due meravigliosamente. Lei volta leggermente il capo come se parlasse alla madre, adesso inculami mi dice, sfondami, mi sfilo lentamente da lei, metto la mano a coppa e raccolgo le sue secrezioni ed il mio sperma che fuoriescono da lei, lo spalmo sul suo ano e la penetro, stavolta con due dita a cui dopo due o tre affondi ne aggiungo un terzo. Lei mi viene incontro col culo e ripete, sfondami. Tolgo le dita Appoggio la punta del cazzo alla sua rosellina ed ancora una volta mi chiedo, vista la sproporzione tra la mia cappella ed il suo ano come sia riuscito nelle occasioni precedenti ad entrare in quella porta strettissima. Comincio a forzare l'entrata e lei si piega ancora e spinge decisa all'indietro. Mi sembra impossibile che riesca ad introdurmi nel suo sedere, ma lei da improvvisamente un colpo indietro e la cappella riesce a superare lo sfintere. Aiahh le sfugge, e suo marito ma su può sapere che combini?
Niente mi sono schiacciata un lembo di pelle contro la finestra nello sporgermi per vedere dove stavi posizionando le piantine. Io do un colpo deciso ed affondo per metà nel suo retto, questa volta premendosi il fazzoletto sulla bocca soffoca del tutto ogni suo lamento. Rimaniamo fermi per qualche minuto, più in fondo quasi grida fino alla radice, che dici? Chiede il marito, devi scavare più a fondo con quella zappa, in maniera che poi il terriccio copra bene tutta la radice, ancora più a fondo mugugna girando leggermente il capo verso di me, la radice è ancora fuori dichiara, rivolgendosi al marito. Io la inculo più a fondo possibile e la sua smorfia di dolore mi fa capire che la sto sfondando come lei desidera. Sento il suo sfintere anale che si contrae ritmicamente sul mio uccello e capisco che sta per godere e non riesco più a trattenermi e la riempio con la mia sborra. Le cedono le gambe per il godimento e rimane impalata, sostenuta solo dal mio cazzo profondodamente inserito nel suo
culo. Do un'occhiata in basso e mi accorgo che il marito non c'è più, mi ricompongono rapidamente e mi fiondo in bagno per sistemarmi meglio,mentre sento la porta di ingresso aprirsi, nel ricompormi mi accorgo che ho del sangue sulla cappella, devo averle fatto davvero male. Esco dal bagno e la vedo ne corridoio che con andatura incerta, quasi barcollando, si dirige verso il marito, ma che hai come cammini, mi si è intorpidita una gamba, risponde pronta, nello sporgermi dalla finestra per guidare il tuo lavoro. Io la osservò da dietro e Spero che non le coli del sangue dalle cosce, visto il vestitino succinto che indossa. Passa dalla cucina a bere e poi tutti e due vengono in camera della madre dove sto riprendendo la mia borsa. La vedo che si agita un po' e, vado un momento in bagno dice. Do po' circa un quarto d'ora torna con una strana espressione sul viso anche se sembra camminare più spedita.
Adesso devo andare dico rivolto alla madre, dottore non dimentichi quanto le ho detto, non si preoccupi ho già in parte provveduto, rispondo
Giovanna mi accompagna alla porta, sei un porco mi dice con occhi languidi mi hai spaccato il culo, ho dovuto mettere un assorbente per non sporcare di sangue vestito e poltrone. Non era quello che volevi rispondo, si, si è quello che voglio ogni volta che mi scopi. Anche se la prossima volta dobbiamo trovare un sistema più comodo. Bene, ma a me non è dispiaciuto, anzi questo rapporto quasi rubato ed in presenza di altri con il rischio di essere scoperti è stato particolarmente eccitante ed intenso, comunque vedremo. Il tuo culo mi fa impazzire le dico stringendole una natica, il tuo cazzo che mi sfonda mi fa morire ed il dolore che provo si trasforma sempre in un orgasmo straordinario.
Continua

Questo racconto di è stato letto 1 4 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.