Giovanna 5. La voglia cresce

Scritto da , il 2018-03-16, genere tradimenti

Devo tornare a visitare la madre di Giovanna, sulla porta mia moglie mi chiede, dove stessi andando, devo fare un paio di visite, "compra il pane allora, al supermarket lo sfornano anche di sera.
Mentre mi dirigo verso casa di Giovanna mi arriva un SMS: non suonare mandami un SMS quando sei qui sotto. Ho parcheggiato ed inviato il messaggio, sento il click del portone che si apre. Salgo rapidamente gli scalini e vedo la porta socchiusa, entro e Giovanna con un dito sulle labbra chiude piano la porta ei fa entrare nella prima stanza a sinistra del corridoio, mi fa di nuovo segno di restare in silenzio e scompare in direzione della camera della madre.
Torna dopo qualche minuto e mi mormora, le ho detto che devo finire di sistemare in cucina e che devo andare in bagno, abbiamo un po'di tempo, cerca di essere il più silenzioso possibile.
Siamo in salotto, si mette di n ginocchio su divano, solleva il vestitino leggero che indossa porgendomi il suo "sontuoso culo" e dicendo : toccami, ho fatto due clisteri, sono pulitissima dentro e fuori. La mia erezione è straordinaria, ma di fronte a quello spettacolo, crollo in ginocchio dietro di lei e cominciò a sfiorare con le guance quelle natiche straordinarie, e sebbene avessi fatto la barba al mattino, comincia già a ricrescermi. Mi sussurra grattarmi un pochino con la tua barba, mi fa impazzire. La gratto un pochino e poi cominciò con le labbra a baciarle le natiche dure ed elastiche, e con la lingua cominciò a leccarla tutta. Poi le prendo con le mani allargandole e scoprendo il buchino del sedere leggermente più scuro della sua carnagione. Lecco con la lingua appuntita anche quello come a volerlo penetrare. La sento gemere, mi fai impazzire dice. Non resisto più, mi porto l'indice in bocca insalivandolo per bene, poi cominciò a stimolarle l'entrata col dito. Si sporge indietro venendo incontro al dito contraendo e rilasciando lo sfintere. Entro, ho le mani grandi ed il dito sembra un piccolo cazzo.
Si, continua sospira, e spinge ancora indietro il culo. Il dito è dentro sino alla radice, lo estraggo tutto, lo lubrificai di nuovo e lo affondo ancora. Con l'altra mano vado in mezzo alle cosce ed è un lago, le accarezzo le grandi labbra e raggiungo il clitoride, è stranamente piccolo ma sensibilissimo, continua a grondare umori che le colano lungo l'interno delle cosce, si piega appoggiando il viso sulla spalliera e con le mani si allarga le natiche, continuo con il dito dentro e fuori si apre di più ed affondo e sempre più velocemente sino alla radice del dito. I gemiti per quanto trattenuti si coordinano con le spinte della mano, per almeno 5 minuti continuo a farla andare dentro e fuori, la sento mugolare e lei schiacciando la bocca sulla
spalliera del divano esplode, riesco a distinguere si suoi, godooo, godoo.
A questo punto, mi alzo, mi apro i pantaloni e il mio cazzo esplode in tutta la sua magnificenza, non sono un superdotato, ma quando giocavo al calcio da ragazzo, nelle docce no sfigurato davvero.
E umido e scivoloso per le secrezioni che sono fuoriuscite per l'eccitazione, lei nonostante sia appoggiata alla spalliera del divano è protesa indietro quasi a 90, mi accosto alle sue cosce, saggio l'umidità Delle grandi labbra e cominciò ad entrare piano piano per godermi il piacere della introduzione, continuo ad entrare sino a quando il mio pube viene a contatto con il suo culo, sono tutto dentro, sento il calore della sua fica ed i muscoli che mi stringono, arrivo alla fine, sento il suo utero a contatto con il mio membro. Mi fermo un attimo per godermi le contrazioni della sua vagina, poi cominciò ad uscire ed a rientrare con colpi sempre più decisi, diventa una scopata come non ne facevo da tempo. Geme per fortuna con la faccia schiacciata contro la spalliera del divano a soffocare i suoi gemiti e spinge indietro per avermi sempre più dentro.
Nonostante le mie capacità di resistenza, la mia eccitazione è tale che nel giro di un quarto d'ora, non credo di più, anche se ho perduto la nozione del tempo sto per esplodere e glielo dico, si divincola mi allontana, scivola in ginocchio davanti me, mi avvolge con le labbra, comincia a succhiare, anche se non riesce ad imboccarlo tutto e dovrò non più di 3/4 saliscendi esplodono nella sua bocca.
Non avevo mai schizzato tante volte ed ad ogni schizzo lei ingoia

Gli ultimi due o tre schizzi li trattiene in bocca e quando, placato mi stacco li assapora e finalmente ingoia anche quelli.
Hai un ottimo sapore, un misto di dolce e salato, non so come sia possibile ma è così.
Mi fai sentire un Ritz, dolce da un lato salato dall'altro.
Saranno passati circa 40 minuti da quando abbiamo cominciato è ora di concludere. Corre in bagno torna dopo solo qualche minuto e mi bacia sulla bocca, la sua lingua sa di dentifricio, si è lavata i denti o meglio la bocca.
Adesso esci e suona il campanello la mamma sa che saresti venuto.
Esco aspetto 2 minuti e suono al citofono, mi apre e mi accompagna da sua madre. Dottore temevo che non sarebbe venuto, mi sento molto meglio, ma ho bisogno di lei, la sua sola presenza mi fa bene.
La visito ed effettivamente sta molto meglio, mi congedo e sulla porta Giovanna mi dice: mi è piaciuto da morire, ho avuto almeno due orgasmi mentre mi scopavi, ma la prossima volta lo voglio dietro.

Continua


Questo racconto di è stato letto 5 3 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.