Erotici Racconti

Le foto di Aurora.

Scritto da , il 2018-09-13, genere saffico

Mescolo tra le foto ricordo, ho trovato un vero e proprio cimelio.
Una polaroid, molto particolare.
Aurora aveva la passione per la fotografia e infatti l'aveva scattata con la macchina che avevamo comprato al mercatino dell'usato quando eravamo studentesse a Roma.
Era l'ultima foto che conservavo di lei, prima che quel tarlo bestiale nella testa le desse da dubitare sulla sua bellezza fino a sciuparla.
Ve lo giuro era bellissima, quel pensiero era di tutti meno che suo. Lei non era come me o tante. Lei non era mai lì a "tirarsela" come facevo io o le altre, passatemi il termine.
Era malinconica, la rendeva felice fissare i momenti, bloccarli.
Non era come noi, lei voleva vivere e rivivere ma aveva desiderato talmente tanto la vita da rendersi conto che non poteva più bastarle.
Vivemmo insieme per qualche anno, il cibo le piaceva e amava la cucina mediterranea, adorava le vongole si fissava a guardarle e con la sua lingua rossa le tirava via.
Spesso dopo contemplava i gusci, aveva cura di solcare le loro righe. Ci leggeva delle storie, io sono sempre stata convinta che lei venisse dal mare. Non era umana.
Era una bambina coi suoi modi, i suoi gesti.
Ma non era ingenua, era astuta e raffinata.

Ho addirittuta trovato un'altra foto in cui mangia goffamente gli spaghetti.
Le labbra sporche di sugo, felice e divertita.
Quel giorno me lo ricordo, era stato particolare.
Lei si era accorta che io provavo interesse per lei, non era difficile capirlo.
L'aveva capito dal fatto che cercavo sempre di vederla nuda, di toccare il suo intimo.
Quando facevamo la lavatrice era una gara, cercavo sempre di prendere le sue mutandine delicate, di toccarle e di annusarle quando mi era possibile.
Era una gran seduttrice ma non ti permetteva di capire il momento in cui era in atto la sua seduzione, col suo sorriso semplice, i suoi lunghi ricci scuri ti faceva sua.
Io dovevo mettere in campo il mio estro di femmina per sedurre, dovevo provocare, dovevo solleticare appetiti.
Lei no, lei ce l'aveva nella pelle la seduzione.
Nella sua disarmante semplicità era erotica.
E poi il caldo, era un tormento.
Con i suoi pantaloncini di tuta e il culetto pieno sempre in vista, le sue lisce gambe affusolate e scure.
-La puoi toccare la mia biancheria, non è un fastidio per me, ho capito che ti piace-
Aveva ancora le labbra piene di sugo e qualche schizzo di olio sulla scollatura ma io assimilai quelle parole ad uno dei momenti più eccitanti nella mia vita di studentessa.
Non era lesbica, non aveva avuto rapporti con donne a memoria mia.
Con i suoi grandi occhi nocciola con un preciso taglio in cui rivedevo tutta la bellezza dell'Asia mi aveva detto, teneramente, una delle frasi più eccitanti della mia vita.
Ero imbarazzata, eppure lei mi voleva bene.
Già non ci pensava più ed io lì, ferma, a guardarla. Con i laghi nelle mutande.

Prese a scherzarci col tempo, ormai lo faceva di proposito. Qui c'è una polaroid con una foto molto stupida. Era Natale, mi regalò un completo intimo.
Ricordo tutto, le chiesi con le lacrime agli occhi se fosse stato usato.
-Che stupida!-
Questa era stata la sua affermazione, poi la sera rilessi i biglietti di auguri, sciagurata come sono mi fiondo sempre sui regali e dimentico gli auguri.
-Con affetto, buon Natale amica.
L'ho provato prima di regalartelo visto che abbiamo la stessa taglia, a me andava bene-
Era stato solo un simpatico regalo, non era così perversa da dirmi di averlo messo per farmi eccitare.
Proprio lei? No. Non erano questi i mezzi che usava per eccitare. La sua era un'eccitazione di sfumature. Ti lasciava in quello stato, in quella sottile insenatura tra il malizioso e il gesto fatto con primizia e ingenuità.
Era questo che ti eccitava di lei, il dubbio in cui ti lasciava.
Eppure quella notte, a casa dei miei, non riuscii a prendere sonno. Annusavo quel completino cercando i suoi odori, il suo mare e l'Asia.
Tra il sonno e la veglia mi parve di sentirli quei profumi di femmina, sguazzai in quella illusione sibilando il suo nome col cuscino tra le gambe e le mutandine tra le mani.

Iniziò a cambiare lo capii il giorno in cui trovai una lunga sigaretta consumata in un posacenare.
Non c'era mai stato un posacenere!
Le sue fotografie non erano più in ordine, iniziò ad uscire di sera.
Iniziava a contraddirsi perché mi aveva sempre detto che di sera le foto non le venivano bene come di giorno.
Non era amante del buio, ero stata sempre attenta a questo suo aspetto.
Se non ami il buio o non ci vuoi stare, oppure lo brami ed hai paura della sua forte attrazione.
Trovai la prova, quando sostituì l'edizione de 'Il Piccolo Principe' di Antoine de Saint-Exupéry con i testi di Oscar Wilde.
Iniziò a sporcarsi meno col cibo, mangiava poco, e si contemplava.
Ore davanti allo specchio.
Non era più eccitante ma diversamente iniziava ad arrapare.
L'arrapare è una forma di eccitazione voluta e prodotta da trasgressioni di modi e costumi, non era cosa sua.

Restò bella, aggiunse al tutto il potere della provocazione. Non chiudeva la porte del bagno. L'aveva sempre fatto, così era stata educata. A me la voglia di lei non certo era passata, un giorno aprendo la porta la trovai.
Era a tu per tu con la sua intimità.
Era un masturbarsi violento, a gambe divaricate con tutta una mano. Non si scompose, questo mi preoccupò, le chiesi scusa e lei mi fece cenno di uscire.
Obbedii, quasi scossa.
Mentre mi allontanavo sentii la porta aprirsi.
Era veramente arrapante (non userò più eccitante, non glielo posso attribuire in questa fase) aveva una canotta bianca ed era completamente nuda giù.
Le guardai la fica, era ancora usata.
Rossa e piena di succhi di sesso, la conoscevo bene. Ci pensavo spesso a come era fatta, pensavo a leccarla, a giocarci.
Ma in quel momento mi parve diversa, mi sembrò la fica di una puttana, di una che ne ha fatto di sesso e ne vuole ancora.
-Ti va insieme, sul letto?-
Non potevo dirle di no, ovvio che mi andasse.
Unimmo i nostri letti e ci stendemmo lì, le presi i ricci scuri tra le mani cercando di districarli, ma erano intrisi dei suoi cupi pensieri ormai.
Non aveva mai avuto le labbra così rosse, gliele sfiorai con un dito, volevo essere tenera, volevo farlo ma quella era l'Aurora di un tempo.
Iniziò a leccarlo, lo strinse tra le sue labbra.
Aveva una faccia da porca, mi faceva bagnare.
Mi afferrò la fica tra le mani come se stesse afferrando il pacco di un uomo, una presa stretta. Ci sentii una sua abitudinde, ne stava afferrando.
-Uno con la lingua, vuoi darmelo?-
Mi appoggiai sulla sua bocca e le spinsi la lingua dentro, prese a succhiarmela. Mi portò su di lei e mi afferò le natiche tra le mani, schiaffeggiandole, poi mi cercò la fica e il culo tra le mutande. Sentii le sue mani fresche bagnarsi della mia acqua di sesso.
Prese ad assaporarle.
-Dai,spogliati-
Mi alzai e presi a spogliarmi mentre lei continuava a toccarsi impaziente.
Mi stesi di nuovo sopra di lei, questa volta me lo allargò meglio il culo e inizio a toccarmi gli orifizi.
Prese in bocca le mie tette, aveva la voracità di un uomo, come se volesse mangiarle.
Mi stringeva i fianchi e cercava di farmi muovere su di lei per aiutarla a provare piacere.
-Muoviti, ho bisogno di sentire la tua fica sulla mia-
Quel suo parlare sporco, stava recitando.
Non era sua la parte della puttana ma recitava molto bene. Lo capii meglio quando strusciandomi su di lei con una mano mi prese il clitoride. Le sue belle mani lunghe sulla mia fica, ero in estasi.
La bloccai, avevo bisogno di scendere sul suo corpo, le accarezzai i capezzoli con la lingua e la leccai. Assaggiai ogni spazio della sua pelle bruna, di quel corpo sudato di sesso.
Bevvi tutto il suo corpo, assaporai le sue origini, e poi scesi giù... fino al suo sesso.
La vidi buttare la testa dietro, mi prese la testa e quasi graffiandomi mi spinse verso la sua intimità. Ne bevvi, ne prelevai tutto il sale.
E poi le baciai il clitoride. Mi fermavo a guardarlo pulsare sotto i miei colpi di lingua ma lei mi voleva dentro.
Cercai di esporarle l'intimo, le infilai per quanto possibile la lingua nella fica, aiutandomi con le mani ad allargare le sue labbra ruvide.
-Voglio farlo io a te ora, vieni su. Voglio imparare a leccare la fica proprio come fai tu-
Le diedi ascolto, mi alzai e gliala appoggiai sulla bocca, a gambe divaricate.
-Leccala ora che te l'ho sbattuta in bocca, puttana-
-Ooh sì, chiamami ancora puttana ti prego-
Prese a leccarmi e io mi girai appena per vederla portarsi piacere mentre eseguiva il primo cunnilingus a una donna nella sua vita.
Si masturbava, vorace.
Con tutta la mano.
Mi picchiettava sul clitoride e poi lo succhiava.
Con tutta la lingua fuori, come una cagna mi levigava le labbra carnose.
-È questo il sapore della tua fica, mi piaci, mi fai impazzire, dimmelo di nuovo-
-Sei la mia puttana, leccami la fica puttana-
-Sì, te la lecco tutta-
Provò a prendermela quasi tutta in bocca, poi mi fece flettere appena la schiena e iniziò a solleticarmi il culo con la punta della lingua.
-Ti piace quando ti lecco il culo?-
-Sì puttana, mi piace-
 Continuammo ancora, ci baciammo con lussuria. Sbavando e tirando le lingue fuori, intrecciandole all'unisono.
Poi cercammo l'ennesimo contatto.
Fica contro fica, come una forbice di goduria.
I nostri umori si mischiavano e ci tenevamo le mani per stare legate.
Le toccavo il culo, il suo bel culo scuro e sodo.
Portava lividi di rapporti e di morsi, Aurora stava cambiando.
Quel sesso mi sembrò durare così tanto, non ci stancavamo di venire. Alla fine ci prendemmo per le mani masturbandosi ognuna per conto proprio.
-Ti è piaciuta la mia fica?-
-È buona, davvero-
-Ora che ho fatto la puttana per te posso chiederti un favore-
-Certo-
Le dissi mentre mi levigava le areole dei seni gonfi col suo morbido indice.
-Posso fare una foto mentre ti bacio la fica, prendo solo me e lei, deve essere un regalo per una persona speciale-
-È la stessa che ti ha ridotto il culo in quello stato-
-Esatto, e mi ha chiesto di starci con te.
Mi è piaciuto, però, all'inizio l'ho fatto per lui ma poi mi ha fatto godere un sacco-
-Quindi cosa hai deciso di fare?-
-Nulla per ora-
-Sei sicura di quello che fai?-
-Per ora so solo che faccio bene a fare questo-
E così scese di nuovo tra le mie gambe, e prese a baciarmi di nuovo la fica.

Questo racconto di è stato letto 2 0 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.