Nel parcheggio autostradale

Scritto da , il 2018-09-07, genere gay

Percorrendo l'autostrada una sera mi fermo in un parcheggio autostradale erano già le ore ventitré scendo dalla machina poco dopo arriva un tir il camionista scende dal camion tiro' fuori il suo cazzò e cominciò a pisciare io restai ha guardare lui mi disse ti piace io mi avvicino piano piano l'o prendo in mano le dico che bello all'ora lui mi disse prendilo in bocca 💋 poco dopo si rilevò un cazzò enorme sui venticinque cm lui avrà avuto trentacinque anni era italiano del sud lui mi disse vuoi salire sul mio camion saremmo più commadi lui mi aprì la porta lui mi disse dai spogliati mettiti mi sono spogliato restando nudo anche lui si spogliò restando nudo aveva un bel corpo il suo peso sui cento kg lui si sdraiò accanto a me mi abbracciava tenendomi stretto a lui poi mi bacciandomi in bocca 💋 poi mi disse alza bene le gambe con una mano guidò il suo cazzò sul bucò del culo e spinge dentro il suo cazzò dentro nella mia pancia poco dopo lo avevo dentro di me mi bruciava un po' ma era molto bello prenderlo nel culo il cazzò duro ebbi anche un orgasmo anale godevo come un maiale porcone lui cominciò a pompare molto forte poi lui mi disse troia ti piace il mio cazzò nel culo ma poco dopo mi disse sto' per sborrare ma voglio sborrare in bocca 💋 poi tiro' fuori dal culo il suo cazzò io mi sono girato lo prendo in bocca 💋 lui cominciò a sborrare in bocca 💋 mi diete cinque grandi spruzzi di sbora era molto buona dolce leccai fino all'ultima goccia poi mi disse mi lecchi il bucò del culo io ero disteso lui mi viene sopra lo leccai per un quarto d'ora

Questo racconto di è stato letto 3 7 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.