Master Satisfaction - Capitolo II

Scritto da , il 2018-06-21, genere dominazione

Olivia scese dal treno e vide Anna che le faceva segno di avvicinarsi, mentre l’autista le andava incontro, prendeva il suo trolley e lo metteva nel bagagliaio. Anna indossava un tailleur grigio, molto professionale, gonna, giacca, camicetta, calze scure, scarpe con un bel tacco. La segretaria aprì la portiera di dietro e le disse – i vetri sono oscurati e c’è anche un divisorio con i sedili davanti. Quindi si metta tranquilla, ne avremo per mezzora. –
Olivia era elegante, un vestito lungo sotto il leggero soprabito primaverile e tacco dodici. Il tacco dodici lo portava raramente, solo per qualche evento speciale, ma lo indossava con disinvoltura. Era una di quelle donne naturalmente eleganti, che qualsiasi cosa si fossero messe addosso le cadeva comunque perfettamente.
Però era in apprensione, Lo desiderava e lo temeva. Si era chiesta cento volte quanto fosse pericoloso quello che stava facendo e per cento volte si era detta che non doveva cedere alla paranoia. Comoda sui sedili, ma impossibilitata a parlare, rifletteva ancora una volta su quella possibilità.
Poi sentì che la macchina iniziava a salire, sentì le curve e si distrasse pensando al paesaggio che non poteva vedere. Staremo andando in collina si disse. Era così. La macchina rallentò e poi si sentì la ghiaia. Il divisorio venne abbassato e lei vide davanti a sé un’enorme, immenso e bel palazzo. Stavano percorrendo un ampio viale alberato e sullo sfondo c’era un grande slargo ed oltre le scalinate che salivano verso l’ingresso.

Era un palazzo molto grande, la facciata era di almeno cento metri, c’era un piano terra di cui si vedevano, su quel lato, solo delle finestre, in effetti l’ingresso a quel piano stava sul retro. L’immensa scalinata portava direttamente al primo piano, poi, evidentemente da una scala interna, si andava al secondo piano ed infine alle mansarde. Sotto il piano terra c’erano cantine ed altre utilità.
Olivia era smarrita, quella non era una villa, poteva essere un grande albergo di lusso, i grandi finestroni della facciata indicavano un numero enorme di camere, In effetti tra primo e secondo piano, e considerando le due ali che dal davanti non si vedevano, il palazzo aveva un centinaio circa di camere. Più che camere erano delle suite, visto che ciascuna aveva oltre alla camera, il bagno ed un salottino.
Olivia si domandava chi viveva in quel posto, anche il parco era immenso, soprattutto sul retro che lei neanche vedeva. In quel momento, in giro, non si vedeva nessuno.
Anna fece strada sull’acciottolato che stava accanto alla scala, lì, tra la scala e il muro della facciata stava un ascensore che era invisibile fino a quando non arrivavi nei pressi. Salirono con quello: Olivia, Anna ed il bagaglio. Al primo piano c’era una donna, in un severo tailleur, simile a quello che indossava Anna, che le aspettava. Questa salutò chinando il capo verso Olivia e mormorando un buongiorno, poi prese la borsa e si diresse, attraverso un grande corridoio, alla suite destinata a Olivia. Questa donna taciturna, ma efficiente si chiamava Blu ed era la governante. Una mora un po’ più giovane di Anna, ma anche lei in vestiti attillati e severi. Blu aveva un corpo normale, ma tornito nei punti giusti, il viso era severo, poco truccato. Olivia quando fu nella stanza si affacciò alla finestra e diede un’occhiata fuori. Il palazzo sorgeva su una collina, tutto intorno un parco immenso, il gabbiotto che indicava l’ingresso con relativo cancello era ad alcune centinaia di metri. Il Parco su quel lato era chiuso in parte da un muro ed in gran parte da reti e siepi. Olivia ancora una volta non vedeva sul retro. Da quel lato la proprietà si estendeva molto di più. Vicino al palazzo c’erano piscine, altri luoghi ricreativi, e poi molti sentieri che portavano verso campi coltivati ed un grande bosco.
Olivia non sapeva che in quel Palazzo c’era un club super esclusivo, un club tanto esclusivo che solo pochissime persone, oltre ai soci, sapevano che esisteva.
Molti di quelli che ci lavoravano, non sapevano neanche di che razza di club si trattava. Ad esempio i contadini e i giardinieri che venivano per curare campi e giardini, arrivavano al mattino, andavano via all’imbrunire, non entravano nel palazzo e non sapevano assolutamente che attività si svolgevano all’interno e soprattutto non vedevano quasi nessuno. Anche nel parco c’erano molte aree che erano loro totalmente precluse ed in cui potevano andare a svolgere il loro lavoro solo su invito esplicito e nei tempi che venivano loro ordinati.
Gli stessi guardiani che presidiavano l’ingresso del parco e i suoi confini non sapevano precisamente a cosa facevano la guardia. Loro sapevano che lì dentro potevano entrare solo i soci in possesso di una tessera e qualche altra persona accompagnata da Anna, da Blu o dall’autista, oltre che dai due padroni del posto. Naturalmente c’erano anche molti fornitori e manutentori da far passare, ma questi erano conosciuti e stavano su una lista. Tutti gli altri erano intrusi da respingere. Se qualcuno non previsto arrivava al palazzo veniva fatto aspettare al cancello e fatto passare solo se una delle persone sopra citate andava a prenderlo.
Ovviamente circolavano molte voci e sia i guardiani che i giardinieri avevano visto diverse volte donne nude aggirarsi per il parco o intorno alla piscina e qualche volta anche atteggiamenti e scene inequivocabili, ma… era un club dove si andava per divertirsi.

Olivia guardava il paesaggio e si stava dimenticando del motivo per cui era lì.
- Signora, dobbiamo andare – le disse Anna.
Olivia sussultò, poi si ricompose – dove? –
- Dove riceverà la prima parte della sua sessione – rispose impaziente Anna, non era la prima che traccheggiava e le faceva perdere tempo proprio nel momento in cui si doveva passare all’azione.
Ma Olivia non traccheggiò. – Faccia strada – rispose decisa, - la seguo. –
Olivia ormai voleva levarsi il pensiero, succedesse subito quello che doveva succedere.
Anna ripercosse il corridoio, scese a piedi per le scale interne al pianterreno, attraversò un salone deserto, poi scese ancora delle scale verso i sotterranei e qui percorse ancora qualche corridoio. C’erano cellette e sale sia sulla destra che sulla sinistra. Anna entrò in una celletta di neanche dieci metri quadri, c’era una sedia, un cavalletto, un mobiletto basso rivestito di cuoio, ed un armadietto chiuso, a terra c’era uno spesso e soffice tappeto.
Anna accese la luce. Olivia si guardò intorno, era tutto molto spartano ed asettico. Anna le ordinò – si spogli! –
Olivia la guardò, era stupido tirarsi indietro proprio in quel momento. Si levò il vestito. Anna la squadrò e le prese il vestito dalle mani. – Può tenere il resto. – Poi le disse di sollevare le braccia e fece entrare i polsi dentro un cappio che scendeva dal tetto. Anna tirò in alto, Olivia si tese, braccia e gambe andarono in su e Olivia fu lasciata sospesa a quel modo. Anna la bendò e fu buio. I nervi iniziavano a logorarsi, ma Olivia, ancora, non era veramente preoccupata.
Anna uscì senza prendersi la briga di chiudere la celletta o di salutare. Olivia non sentiva freddo, i muscoli erano tesi, ma lei non provava fastidio per quello, invece la tensione nervosa si stava facendo sentire, sentiva arrivare crampi allo stomaco. Non vedere la stressava parecchio, chi avrebbe usato il suo corpo inerme ed indifeso?
Era decisa a non cedere al panico, ma iniziava a preoccuparsi, non aveva una vera nozione del tempo. Aveva le braccia tese in alto, tirata in su per i polsi, l’unica cosa che riusciva a fare era spostare i piedi, stava quasi sulle punte, su quelle scarpe dal tacco altissimo il disagio iniziava a farsi sentire.
Poi, non era passato molto tempo, ma a lei era sembrato tantissimo, avvertì una presenza. Non aveva sentito niente, ma nella celletta era entrato qualcuno, ora ne sentiva anche il profumo. Un profumo muschiato, di uomo, un profumo mascolino, ma gradevole, un misto di fragranza speziata e sudore. Olivia fu allo stesso tempo allarmata e sollevata. Non lo vedeva, non sapeva come era e cosa voleva farle e questo la allarmava, ma era anche sollevata, finalmente stava per succedere qualcosa.
Lui non disse niente, ma lei sentì le sue mani.
La punta delle dita, leggere, sulle sue spalle e poi sulla schiena. Una lieve carezza che diventa sempre più decisa. Olivia sente le mani su di lei. Sono forti e decise, ma ancora delicate. E’ piacevole, non osa dire niente. Sentì allentarsi il reggiseno, venne levato, ma lo sconosciuto non toccò le mutandine.
Le mani accarezzano sulla schiena e poi passano davanti sul seno. Prima leggere, poi sempre più decise. Ora strizzano il seno, poi con le dita i capezzoli. Olivia ansima e trema, non sa chi ha preso possesso del suo corpo, non sa se è bello o brutto, cattivo o buono..., ma ci sa fare, sta usando il suo corpo come uno strumento musicale ed il quel momento lo sta accordando. E’ bravo e lei si sta bagnando, si morde le labbra per non parlare e per non muggire di piacere.
Lui la prende per i capelli tirandole la testa indietro e la bacia sul collo brutalmente, morde. Stavolta è troppo, Olivia sospira e geme.

Lui le passa un dito sulle labbra, lei non le apre, ma Olivia è soggiogata, ed infine le socchiude. Sente il dito penetrare, le piace, lo lecca e lo succhia. Lui esce e l’accarezza su una guancia, le mani sono di nuovo sul suo seno, una mano per coppa, stringono e artigliano, sfiorano i capezzoli ritti e poi li strizzano. Olivia sussulta.
Lui allenta la corda che la tende in alto, ora Olivia è più comoda, poggia i piedi a terra e si distende. Meglio, decisamente. Le leva la benda, fa un po’ di fatica per mettere a fuoco, anche perché lui è vicino a lei, molto vicino, fino ad un attimo prima la stava toccando intimamente, anche se non l’aveva toccata tra le gambe sapeva benissimo che era più eccitata che mai, il seno, i capezzoli e la sua bocca avevano già manifestato quello che provavano.
Era un uomo bello, decisamente bello, alto, biondo, atletico, occhi azzurri, limpidi che la guardavano ironici e desiderosi. Lui era vestito completamente, mentre lei era nuda. Di lui vedeva pantaloni, camicia bianca e dei mocassini. Lei arrossì e timidamente sorrise. Lui non parlò, si limitò a baciarla, la sua lingua penetrò nella bocca di lei e ne prese possesso. Lei era ancora legata e si lasciò andare.
Lui non le aveva ancora parlato ed anche lei era rimasta zitta.
Senza neanche rendersene conto si trovò legata come un salame e stesa sul tappeto. Corde alle caviglie, sotto le ginocchia, sulle cosce in alto, sotto il seno e sopra e i polsi legati dietro la schiena. Aveva fatto in fretta ed era stato molto professionale. Ora lei era sdraiata su un fianco con le gambe ripiegate. Olivia stava guardando il suo lungo corpo finalmente legato. Era bello si disse, bello il seno evidenziato dalle corde che lo strizzavano di sopra e di sotto, belle le cosce, esaltate da tutte quelle corde.
Lui le aveva tolto le mutandine, ma ancora lì non l’aveva toccata. Lui si era seduto sul mobiletto e la osservava, la possedeva con lo sguardo. Lei sentiva le corde che strizzavano il suo corpo palpitante e si eccitava ogni istante di più, il seno si gonfiava, i capezzoli diventavano più duri e ritti, un languore la stava prendendo in basso, era calda e rossa in viso. Lui se la stava mangiando con gli occhi e questo la faceva impazzire, ormai smaniava. Lui prese un piccolo vibratore dal mobiletto e si stese accanto a lei, il piccolo fallo era scintillante e lui l’avvicinò alle sue labbra.
- Leccalo! – Era la prima volta che parlava, Olivia allargò le labbra e lui lo spinse gentilmente dentro, iniziò un vai e vieni, mentre lei usava anche la lingua. Il vibratore iniziò a vibrare e Olivia perse il controllo, non badava più a quello che lui faceva, lo accettava e basta. Lui passò il vibratore sul seno e sui capezzoli facendoli diventare sempre più duri. Olivia aveva capezzoli piccoli e rosa, ma che quando si eccitavano si ingrossavano, si indurivano e si appuntivano. Poi lui scese tra le gambe e si insinuò tra le cosce che per via della legatura erano belle strette. Ma lui trovò comunque lo spazio e forzò. Olivia gorgogliò, poi gemette, poi non si trattenne e spinse in avanti il bacino. Lui per un po’ glielo fece sentire, poi le strizzò un capezzolo e glielo negò. Lei gemette delusa ed esasperata.
Di nuovo la trattò come una bambola, rapido ed efficiente. La slegò e la rilegò al mobiletto basso rivestito di cuoio. Ginocchia fissate ai piedi di dietro, polsi fissati a quelli davanti. Olivia era aperta ed offerta. Lui la guardò mentre si spogliava, si levò la camicia, scalciò i mocassini, si levò i pantaloni. Olivia aveva girato la testa verso di lui, ma non vedeva bene. Era un corpo bianco, con muscoli lunghi e tonici, ventre piatto, guardò in mezzo alle gambe, ma vide poco. Poi lui si inginocchiò dietro di lei e lo sentì. Prima la mano che fece una rapida visita constatando che era fradicia e poi quell’affare che era lungo, affusolato e duro. Scivolò dentro di lei riempiendola e Olivia muggì.
Lui si mosse dapprima lentamente, poi più veloce, infine divenne una furia. Olivia stava impazzendo. Finalmente, era quello che voleva, un toro che la scopava con violenza, ardore e senza nessun riguardo. Lui le strizzò le tette e la fece mugolare e gemere sia di dolore che di piacere, poi la morse su una spalla. Olivia si inarcò fin dove poteva. Lo voleva e lui glielo stava dando. La fotteva senza remissione e lei iniziò a dire frasi senza senso. – Oh Dio… cazzo… finalmente… sìììì, fottimi così… - Venne, più volte, non seppe quante.
Lui la riempì di sborra e si accasciò su di lei. Anche lei si lasciò andare.

Cenarono in una saletta del piano terra, Olivia intuì che in quei saloni c’era altra gente che cenava o chiacchierava o faceva altro, ma non vide nessuno, lui la condusse per lunghi corridoi fiocamente illuminati a quella saletta con un tavolo rotondo riccamente addobbato dove si accomodò. Venne direttamente la cuoca a prendere le ordinazioni, si chiamava Bianca. Una bionda snella e con un bel seno, palesemente una schiava. Olivia seppe poi che era anche la moglie dell’autista. Il Master ordinò per tutti e due. Olivia era un po’ imbarazzata, lui l’aveva scopata in modo travolgente e lei aveva iniziato a dire un sacco di sciocchezze. Pensò che doveva dire qualcosa e iniziò da lì. Ridendo disse – chi sa cosa hai pensato delle sciocchezze che ho detto mentre… -
Lui le sorrise, - hai detto che ce l’ho duro e che ti stavo sfondando divinamente. E’ un gran complimento. –
Olivia arrossì. – Sì, ho detto proprio così, era quello che volevo e che voglio. –
- Abbiamo tutta la notte, ti fotterò fino a quando non dirai basta. –





koss99@hotmail.it
https://www.amazon.it/Koss/e/B06WVH29MD
https://www.kobo.com/it/it/search?Query=koss

Questo racconto di è stato letto 2 2 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.