Contessa - la Ponygirl - capitolo II

Scritto da , il 2018-05-04, genere dominazione

Le due schiave erano completamente nude, Chantelle con le mani legate dietro la schiena e Juliette sul davanti. Accanto a Sheila stava l’uomo grasso, ma per niente molle, Yussuff l’eunuco che le aveva prese in consegna. Yussuf mise le sue manone sulle spalle delle schiave e le spinse verso l’uscita della sala. Le due donne tremavano sulle gambe malferme e piangevano, ma sospinte da Yussuff attraversarono la folla e arrivarono all’uscita. Fuori splendeva il sole, l’aria era tiepida, ma prima di uscire cercarono di resistere, gridarono che volevano degli indumenti, ma Yussuff inflessibile le spinse fuori sulla strada. I passanti del piccolo villaggio non si meravigliarono di quelle nudità, ma tutto quell’agitarsi di tette, culi e cosce e lo strepito di urla e grida non potevano non destare l’attenzione di chi si trovava da quelle parti, anche perché le due donne erano abbastanza belle da meritare qualche occhiata e diversi apprezzamenti che suscitarono commenti e risate tra chi assisteva alla scena. Sheila diede degli ordini.
Sulla strada c’era il suo calesse, alle stanghe si trovavano due belle puledre, Chantelle e Juliette vedendole rimasero allibite. Chantelle osservò meglio i dintorni con rapide occhiate e vide che di puledre come quelle attaccate a calessi o a carri ve ne erano diverse altre e questo era ancora più incredibile. Sheila spinse Juliette sulla leggera carrozzella con due sedili: uno dietro ed uno avanti. Sheila si sedette dietro con Juliette e disse qualcosa a Yussuff. L’eunuco fece fermare Chantelle le mise due dita sotto il mento e diresse lo sguardo della schiava sulle due puledre. Erano due giovani donne, una mora ed una castana, come seppe dopo si chiamavano Kelly e Honey. La giovane mora, Honey, aveva i capelli corvini, un bel seno con i capezzoli all'insù ed un corpo invitante e sensuale. La castana, Kelly, era meno giovane, si sarebbe detto sui trenta, un seno grazioso, ma piccolo, in compenso due gambe forti e due robusti polpacci. Quello che però colpì Chantelle era la funzione a cui erano adibite, ed il loro strano abbigliamento. Erano praticamente nude, ma in verità non lo erano. Intanto avevano le braccia ricoperte da due lunghi guanti neri di pelle che arrivavano fin sopra il gomito, su ogni guanto c’erano diversi ganci che permettevano facilmente di legare un braccio all’altro semplicemente agganciandoli. Infatti entrambe le puledre avevano le braccia legate dietro la schiena, ogni polso era agganciato all’altro braccio all’altezza del gomito ed entrambe le braccia erano fissate strette strette e ben in alto alle cinghie che scendevano dalle spalle. Ciò le costringeva a stare diritte, pancia in dentro e petto in fuori. In vita una larga, pesante e robusta striscia di cuoio che copriva loro la pancia e parte della schiena, ma lasciava nuda in basso la vulva e le natiche, in alto si fermava molto sotto il seno.
Il pesante sottopancia era l’anima di quel particolare abbigliamento, sia dietro che davanti c’erano innumerevoli borchie ed anelli, da esso partivano diverse strisce di cuoio più o meno larghe e più o meno robuste. Due, sottili, scendevano in basso e passavano ai lati della vulva, quindi ritornavano indietro passando sulle natiche delle puledre, altre striscioline scendevano ancora in basso e si collegavano ai lunghi stivali che arrivavano fino alla sommità delle cosce.
Gli stivali erano molto particolari, pelle molto leggera e morbida in alto, tanto morbida da aderire perfettamente alle cosce delle puledre. Gli stivali diventavano sempre più pesanti sotto le ginocchia, verso i polpacci e le caviglie, la suola era molto alta e si alzava notevolmente verso il calcagno che era scoperto e non era sostenuto da nessun tacco.
Le puledre erano costrette a camminare e correre sulle punte modificando radicalmente la postura e l’andatura. Chantelle non ebbe modo di osservare bene come erano fatti. Infine altre strisce partivano dal robusto sottopancia ed andavano in alto passando sotto i seni delle puledre sostenendoli e quindi ritornando giù dopo essere passate sulle loro spalle, a queste stringhe erano legate le braccia delle puledre.
Il seno era scoperto e due anellini d’acciaio pinzavano i capezzoli delle puledre e particolare interessante, dai due anellini pendevano due campanelle miniaturizzate. Anche dalle grandi labbra delle loro vulve pendevano degli anellini. Chantelle non se ne accorse, ma anche il clitoride delle puledre era ornato con un anellino dello stesso tipo. Le puledre sostenevano e trainavano il calesse attraverso due corte, ma robuste cinghie legate da un lato ad una borchia del sottopancia e dall’altro ad analoga borchia infissa nelle aste. Quel particolare calesse aveva tre aste, una nel mezzo e due laterali. Come le vere puledre, il capo delle due schiave era ornato di tutto quello che serviva allo scopo: cavezza, museruola, frontale ed infine un morso ricoperto di cuoio.
Non erano stati risparmiati loro neanche gli ultimi ed avvilenti accessori: un pennacchio di piume rosso, la coda che pendeva dal retro della larga stringa di cuoio, i paraocchi ed infine un anello al naso. Il cuore di Chantelle era in tumulto, si domandò cosa l’aspettasse. Lei però pensò di essere troppo bella ed importante perché quello fosse il suo destino, nella peggiore delle ipotesi, fino a quel momento, si era immaginata nell’harem di un ricco sceicco, ma d’altra parte erano state acquistate da una donna.
Era pur vero che lei e Juliette erano state fino a quel momento risparmiate, mentre molte delle disgraziate sue compagne erano state ripetutamente violentate dai pirati, segno che a lei si attribuiva un gran valore. Il dubbio le venne però nel momento in cui Yussuff invece di farla montare sul calesse la portò di dietro e la legò con un guinzaglio allo stesso. Un attimo dopo la frusta schioccò, le due puledre partivano e lei correva dietro a loro. Nessuno si girò per vedere cosa faceva. Chantelle non ebbe tempo per pensare, ora galoppava al ritmo delle puledre, non aveva scelta se non voleva rovinare a terra. Appena Chantelle fu in grado di correre e realizzare quello che succedeva si accorse del suono delle campanelle e di come questo richiamava lo sguardo dei passanti, che però, si rese conto, erano più interessati a guardare lei delle stesse puledre, evidentemente quelle per loro non erano una novità. Chantelle era rossa di rabbia e vergogna, mentre correva guardava con aria di sfida la gente, quasi tutti indigeni, che la fissavano e ridevano, qualcuno le rivolgeva gesti sconci e parole che non capiva, ma dal significato inequivocabile.
Usciti dal villaggio sul bordo della strada non c’era più nessuno a distrarla e si concentrò sulla corsa, le due puledre trottavano veloci ed ogni tanto venivano spinti al galoppo. Chantelle era in buona salute, ed ora che in quei giorni si era ripresa, era anche in discreta forma, ma sicuramente non aveva mai corso tanto in vita sua. Corse per più di un’ora. Attraversarono campi e boschetti senza mai incontrare nessuno. Chantelle era provata, sudata e scarmigliata, quando ormai pensava di lasciarsi andare le puledre attraversarono un cancello e rallentarono, erano ormai sul sentiero di casa. Chantelle si sentiva svenire, ma ebbe il tempo di guardare che in fondo al viale sorgeva una grande casa. A circa cento metri c’era una grande stalla e di fronte ad essa una pista molto lunga che disegnava un bell’ovale. Su di essa e nei prati adiacenti poté vedere altre puledre simili a quelle che trainavano il calesse e le sembrò di scorgere anche due stalloni.
Non era sicura di quello che vedeva, aveva la vista annebbiata. Di fronte alla casa il calesse si fermò. La sua padrona scese e si trainò dietro, tirandola per un guinzaglio, Juliette. Poi le puledre proseguirono verso la stalla. Qui si fermarono e due serve corsero verso di loro. Una, poi seppe che si chiamava Tanya, aveva gli occhi neri ed i capelli neri, ondulati e lunghi fino alle spalle, il corpo maturo e calmo, la pelle era bruna, ma nelle parti più delicate, che Chantelle riuscì ad intravedere, era di un bianco pallido. L’altra era un’araba, dalle labbra grosse e tumide, non era proprio una bellezza, si chiamava Miriam. Tanya si prese cura delle due puledre conducendole alle stalle. Miriam si prese cura di lei portandola verso un capanno vicino.

La serva di stalla la fece bere avvicinandole una scodella alle labbra, poi legò il guinzaglio ad un gancio della parete e l’abbandonò. Chantelle riuscì a rannicchiarsi per terra, nuda com’era e pianse. Era pomeriggio, ma nessuno si fece vedere fino al mattino successivo.





koss99@hotmail.it
http://novelleerotiche.altervista.org/

Questo racconto di è stato letto 3 8 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.