Cuck e mogliettina sottomessi - capitolo III

Scritto da , il 2018-05-09, genere dominazione

La chiamai nel primo pomeriggio quando sapevo che doveva essere libera da impegni. - Ti devo vedere! Quando? Da te o da me? –
- Sei pazzo - mi disse, forse era la prima volta che mi dava del tu, - chi ti ha dato il mio numero di telefono? –
- Tuo marito – risposi, - gli ho detto che volevo ringraziarti personalmente per la cena dell’altra sera. –
- Idiota. – Si riferiva al marito evidentemente.
La lasciai sbollire per un attimo. – Ti voglio e so che tu mi vuoi, inutile resistere. –
- No, sabato sera è stata una pazzia, per fortuna durata un attimo. Non è successo niente di serio e non si ripeterà. –
Stavo perdendo la pazienza. – Ascolta, so che ora sei sola, tra 20’ sono a casa tua. Suono e tu apri. –
Non le lasciai il tempo di rispondere e dopo 20’ stavo suonando al portone del suo condominio. Fu necessario suonare una seconda ed una terza volta. Poi aprì senza rispondere al citofono. Quando uscii dall’ascensore la trovai sulla porta che mi guardava furiosa, non era più timida, anzi. Ma mi aveva aperto, anche lei era combattuta e la sua furia si infranse rapidamente contro la mia. La mia era più forte perché la desideravo ed ero senza freni. In due passi raggiunsi la porta, la spinsi dentro senza darle la possibilità di dire una parola e la baciai lasciandola senza fiato. Indossava lo stesso vestitino del giorno prima e sotto doveva avere sempre collant e biancheria ordinaria. Solo ai piedi aveva, invece che gli stivaletti, delle ballerine. Con un calcio chiusi la porta alle mie spalle mentre continuavo a baciarla e toccarla. Le strizzai una tetta e la palpai sulle natiche. La resistenza fu breve. Le sbottonai diversi bottoni di quel vestitino e presto le mie mani furono a contatto con la sua pelle. La feci girare e la baciai sul collo da dietro. Le mie mani sul suo seno e poi sotto il reggiseno che le tirai in su liberando quelle tettine morbide ed eccitanti. Strizzai i capezzoli e la morsi su una spalla. Guaì. Poi una mano scese prepotentemente in giù ed un bottone che avevo dimenticato di sbottonare saltò. La mano s’intrufolò tra le sue cosce, gemeva e teneva le cosce strette. Tra collant e mutandine avevo qualche difficoltà, ma tirai in giù e guadagnai spazio. Lei però serrava sempre le cosce. Le tirai qualche pelo del cespuglietto che intuivo, perché non vedevo, che incorniciava la fica e la pizzicai tra le cosce. Muggì e provò a resistere, ma pizzicai più forte. Cedette e si aprì. La toccai sul clitoride, sussultò gemendo e si lasciò andare allargandosi di più. Dopo il morso la baciavo sul collo e sulle spalle con delicatezza ed altrettanto delicata era la mia mano sul seno che titillava amorevolmente i capezzoli ritti e puntuti. La mano sotto la vellicava sul clitoride. Poi le presi tutta la fica in mano e strinsi leggermente, lo feci per due o tre volte, era umida. La penetrai con un dito, era una cascata. Ora non si ribellava più. La presi in braccio e la portai sul divano. Non si ribellava, ma giocava a fare la passiva. Bene pensai, vedremo tra poco, ma intanto la dovetti spogliare senza essere aiutato. Le levai le ballerine, le sfilai collant e mutandine e le strappai il reggiseno. Rimase dentro il vestitino di lana grigio tutto aperto, ma impossibile da levare senza la sua collaborazione a meno di strapparglielo di dosso, cosa che non volevo, né avevo interesse a fare. Io non mi spogliai, mi levai solo le scarpe scalciandole senza slacciarle e mi sdraiai accanto a lei. La feci girare e la baciai e leccai su tutto il corpo. Le leccai i capezzoli, turgidi e duri, le mie mani non stavano ferme l’accarezzavano dovunque. Passiva, ma calda, arrossata e bollente. Poi mi chinai sul suo sesso e la leccai. Dal basso verso l’alto, quando arrivavo al clitoride mi soffermavo e lei vibrava. Ad un certo punto mi mise delicatamente le mani sulla testa. La leccai con vigore e mi soffermai sul clitoride, lo succhiai e lo morsi delicatamente. Venne sussultando, vibrando e gemendo. Guardai in su e la vidi con gli occhi chiusi, beata e sorridente. Mi stesi accanto a lei e lei si abbracciò al mio corpo addormentandosi.

Non durò neanche 10’, poi lei si svegliò e mi disse – sei un bastardo. –
La guardai – e non sai neanche quanto – le risposi.
- Ho tradito mio marito per la prima volta. – Era una constatazione che non mi sembrò che la sconvolgesse poi più di tanto. Infatti mi disse – ma quanto ho goduto, non pensavo potesse essere così bello. E non mi hai ancora neanche penetrata. -
Poi aggiunse sorpresa - cosa intendi dire quando ammetti che sei un bastardo? –
- Lo scoprirai presto – le risposi.
- E cioè? – disse lei.
La presi per i capelli, la tirai in piedi. Protestò, ma cedette. – Non mi resistere le dissi, - mettiti in ginocchio. Stavolta, sia pur lentamente, obbedì. Tirai giù lo zip dei pantaloni ed estrassi il mio cazzo che aveva urgente bisogno di lenimento. Lei era tornata pigra e passiva anche se non si opponeva. La presi per i capelli, le levai gli occhiali che ancora indossava e guardandola negli occhi spinsi il mio cazzo contro le sue labbra. Le socchiuse e la forzai. – Limitati a tenere le labbra socchiuse – le ordinai – e guardami mentre ti fotto in bocca. – Soggiogata, Valentina ubbidì ed io iniziai a fotterla, senza fretta, con calma e metodo. A lungo, ma senza forzarla sbattendoglielo in gola, volevo che pure lei lo apprezzasse. Solo la cappella che entrava ed usciva. Continuavo a guardarla negli occhi e non le permettevo di abbassare i suoi, quando lo faceva la prendevo per il mento e la riposizionavo. – Guardami – le dicevo accarezzandola su una gota. E lei mi guardava, lo sguardo miope un po’ annebbiato, ma fisso sul mio viso e nei mei occhi. Ogni tanto l’accarezzavo sulla gola per aiutarla a prenderlo.
Poi quando vidi che era spossata uscii da lei e le permisi di prendere fiato. Mi spogliai mentre lei si riprendeva. Poi le passai le mani sotto le ascelle e la tirai in piedi. La rimisi stesa sul divano, le allargai le gambe e finalmente mi distesi su di lei e la penetrai. Lei mi prese tutto e mugolò felice di accogliermi. La scopai con ferocia, senza nessuna delicatezza. Valentina apprezzava e godeva, un mugolio sommesso, continuo e crescente. Quando vidi che stava per venire mi fermai e lei continuò a spingere il bacino in su. Ma il mio peso la bloccò e fu costretta a rimanere ferma, solo la sua fica continuava a pulsare. Entro poco sarebbe venuta anche senza il contributo del mio stantuffo. Allora uscii da lei e la girai sulla schiena. Le diedi due sculacciate sul culo che accettò senza dire niente. Poi la presi da dietro, la morsi sulle spalle e le strizzai i capezzoli. Ripresi a fotterla e lei ritornò a godere. Ora continuava a mormorare parole senza senso, diceva che era bellissimo e che sarebbe morta se avessi smesso, mi incitava a fare più in fretta e che voleva durasse per sempre. L’accontentai, si inarcò e la baciai sul collo, le misi una mano sul clitoride e l’accarezzai. Venne stravolta e quando l’inondai quasi piangeva. Mi accasciai su di lei che continuò a sussultare mentre la sua fica continuava a contrarsi in spasmi di piacere ed intanto continuavo ad eiaculare dentro di lei. Fino a quando non mi prosciugò, fino all’ultima goccia.

Mai Valentina aveva goduto così tanto e così intensamente. Suo marito, l’unico che l’aveva scopata fino a quel momento si limitava a penetrarla ed a strofinarsi dentro di lei e per di più lo faceva sempre più raramente. Era entrata in un mondo nuovo. Ma bisognava procedere con cautela, perché Valentina neanche immaginava cosa altro c’era da scoprire. E c’era il rischio che, se l’avesse saputo, ritornasse nel suo guscio e si ritraesse spaventata. Mi spiegò quali erano i suoi orari di lavoro, aveva quasi tutti i pomeriggi liberi ed iniziai ad impartirgli i primi ordini che nella sua mente passarono come miei desideri. Le dissi che l’indomani alle 14,30 ci saremmo visti al centro commerciale, desideravo che si vestisse in modo più elegante. Per lei non volevo un look da troia, non era il tipo, ma neanche che vestisse in modo sciatto. Un look serio, da signora pudica e morigerata quale era, ma allo stesso tempo provocante e in qualche modo civettuolo. – E cosa penserà mio marito? Chiese. Le risposi che la sua trasformazione sarebbe stata lenta e graduale, che inizialmente neanche se ne sarebbe accorto… e che poi sarebbe stato contento. –




http://novelleerotiche.altervista.org/
Koss99@Hotmail.it

Questo racconto di è stato letto 5 0 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.