Erotici Racconti

Cartoline illustrate da una spiaggia di fine estate.

Scritto da , il 2018-05-23, genere esibizionismo


Prima cartolina. Spiaggia nudista pressoché vuota a fine stagione.

Loro erano una coppia, stavano a forse 15 metri da noi. Certo... la spiaggia era spopolata, ai margini, abbastanza distante c'erano due ragazzi nudi, lei stesa e lui in ginocchio che le spalmava della crema sulle natiche, va be'... nulla di straordinario.
Quindi loro... una donna e una ragazza anche loro logicamente nude, lei sui quaranta, fisico morbido, grosse tette e un grosso culo, la ragazza invece magra, filiforme... due tettine con dei capezzolini a punta di lapis e il culetto rotondo, un bellissimo viso.
Nulla di che... fino a quando la ragazza (forse 15enne?) si mette a urlare, si alza e scappa disperata, infatti sembra che sia stata punta da qualcosa, una vespa? Un tafano? Entra in acqua sperando di trovare sollievo al dolore. La 40enne la segue... la sostiene e cerca di confortarla, le spruzza dell'acqua salata sul punto dolente.
Osserviamo... e fra noi...
-Le do lo stick per le punture di insetti...?-
-Si... daglielo...-
Lo applicano assieme, io osservo, la donna adulta rimprovera la giovane, le dice di non fare la bambina, l'accarezza e la bacia, sul viso... sulla guancia... sulla bocca. Le asciuga con i baci i lacrimoni che le rigano il viso.
Trattengono lo stick... lo rimetteranno più volte.
Ora la ragazza è serena.
Vanno in acqua... si mette dietro la donna adulta, le si appoggia, porta le mani davanti e le passa sui grossi seni, li stringe, non lo vediamo ma si può immaginare che la tocchi anche fra le cosce.
Ci guardiamo...
Siamo sempre convinti... madre e figlia, ok?
Vero che... si? Che lo pensereste anche voi?
Forse un po' fuori le righe.
Giocano?
Ok... è piacevole guardarle.
Ora si baciano... si stringono.
Ritornano fuori, la donna adulta ha davvero un bel seno, grosso, voluminoso, due consistenti capezzoli, si stende sul bagnasciuga, la giovane le strizza un capezzolo, lei prima tiene la sua mano sopra quella della ragazza e poi le tira via la mano, se la porta sull'inguine.
Passa il tempo... noi ci facciamo gli affari nostri, loro sono abbracciate, si baciano, si accarezzano.
Più tardi si rivestono... la donna precede la ragazza, ci fa un cenno e lascia la spiaggia.
La ragazza invece viene verso di noi, passa perché deve ridarci lo stick.
Ringrazia...
Le diciamo di salutarci mamma.
Lei risponde... con un sorrisino che ci sembra più scaltro che divertito...
-Ma non è la mia mamma... è la mia prof...-

Giusto!
Perché presupporre sempre l'eventualità più banale?
Altra lezione, Tibet... prendi nota.


Seconda cartolina. Stessa spiaggia nudista... nel tardissimo pomeriggio, deserta, c'è solo un uomo a circa trenta metri...

-Aprila...-
-Cosa...?-
-Stenditi sulla schiena... apri le cosce e mostramela...-
-Porco!-
-Mostramela bene... aprila con le dita... poi masturbati. Con un dito solo... lenti e larghi movimenti circolari sul clitoride, premi... e fai girare il dito...-
-Così...?-
-Così... si... brava! Voglio rubare l'attimo del tuo orgasmo, quando i tuoi occhi si annebbiano dal piacere, quando tu.. non sei più tu, quando ti annulli e diventi tutta fica, quando i tuoi terminali nervosi si concentrano lì in quell'unico punto del tuo corpo...-
-Mi fai morire... solo tu mi fai sentire cosi...-
-Ma va? Non è perché io so sempre cosa vuoi? Che sai che puoi pensare, desiderare, chiedermi ogni cosa? Ogni porca cosa? Sai quanto divento pazzo... mi basta poco e mi trasformo... anche a me il cervello sfuma e diventa inutile...-
-Si... che lo so... diventi un animale da sesso... sei porco... porco...!-
-Continua così... toccati, inarcati, ma non godere... NON GODERE! Fallo arrivare fino a lì... ma rimandalo... rimandalo fino al momento che ti dirò io... non prima, stai attenta...-
-Va bene...-
-Ora giochiamo. Sai? Per caso ho visto una foto di tua madre sul tuo profilo...-
-Mia mamma...?-
-Si... mamma tua... che bella è! Sembrate due sorelle... belle eguali! Era una foto di famiglia, ci sei tu e anche lei... ma quanti anni ha?-
-Porco... che vuoi? Ha quarantacinque anni...-
-Niente che non puoi fare, lo sai come sono, la mia libidine va a braccetto con la mia immaginazione, ambedue alimentano la mia mente che è come una fornace che ha un bisogno continuo di combustibile... pensieri, sensazioni... figure vere o virtuali...-
-Cosa vuoi? Porco... porco...-
-Voglio scoparla! Immaginare di scoparla! Da quando l'ho vista non penso ad altro... la sua figura si sovrappone alla tua... è come un gioco di specchi... una volta è lei... una volta sei tu...-
-Non credo proprio che sia porca come me... o forse si? Da qualcuno devo aver preso...-
-Dimmi di lei... -
-Spesso ci troviamo nude in bagno... lo sai come siamo noi donne...-
-Continua... i particolari...-
-Ho lo stesso suo seno... sostenuto e sodo, lei... ha il culo più largo e leggermente più tondo... molto più bello del mio...-
-Forse si... forse no! Il tuo non potrebbe essere più bello. E l'inguine...?-
-Tiene il pelo... tutto... non credo si sia mai depilata ma solo curata, vuoi che glielo chieda? Mi piace la curva del suo ventre... spero alla sua età di essere come lei...-
-Vorrei il suo di culo... ora.... sbattere forte contro quelle natiche superbe.. la tua descrizione mi eccita...-
-L'altro giorno... era caldo e lei riposava sul divano, indossava solo degli slip bianchi ed era coricata sul fianco... mostrava il culo, le mutandine le si erano infilate fra le natiche... sai? Era come se avesse avuto il culo nudo...! Bellissimo... -
-Sei una stronza! Dovevi fotografarlo... portarmelo... lo sapevi che mi sarebbe piaciuto vederlo!-
-Si... lo sapevo! Chissà perché l'ho immaginato? Prima ancora di sapere che l'avevi vista in foto? Va bene... cercherò l'occasione e lo farò... per te...-
-Su continua con quel dito... perché ti fermi? Continua... cazzo!-
-Sto per venire... sono proprio lì, un attimo e vengo. Non te la lascio scopare, porco... sono gelosa di lei... e se poi vuoi solo lei e non più me?-
-No... tu sei tu! Lei sarebbe per una sola volta. Uhmm... penso al suo culo ora. Dai... vieni... godi... immagina di stare ad osservarci mentre la scopo.. La scopo per ore... come faccio con te...-
-Porcoooo... vengooo... ora... ora... guardami...!-
-Vieni puttana...! Godi!! Volevi fotografare il culo di tua madre! Ma non ti rendi conto di quanto sei troia? Dai godi... godi e non smettere! Continua a toccarti... vieni ancora e poi... montami e fai godere me... fallo, fammi godere come sai fare solo tu...-
-Dai.. che bella sei quando godi! Sei magnifica..-
-Tua madre la scoperò nella mia immaginazione... tantissime volte... ma portami la sua foto... il culo... e nuda, le tette... tutto quello che riesci a fare... capito? Montami... impalati... qui adesso! Fammi godere... fammi urlare...-
-E quello?-
-Lascialo guardare...ti piace essere guardata...-
-Tu sei mio... non ti cedo a nessuna... sei mio...-

Terza cartolina. Spiaggia nudista. Domenica. Davanti al bar.

C'è uno che passa sulla battigia, abbronzatissimo con un costume bianco, richiamo la sua attenzione, ma non serve, già se lo sta lumando.
Io...
-Ma guarda che roba... quello! Ma che razza di cazzo ha? Enorme!! Secondo me ha una protesi nel costume o forse un tovagliolo arrotolato...-
Lei...
-Cazzo... quel costume bianco! Io quello della pubblicità D&G lo penso sempre.. uhhh... ha la faccia da porco questo... cazzo se me lo farei...-
Io...
-uhmm... e io mi farei lei, quella della barca...
Lei...
-Ahah... tu che c'entri? Parlavamo di lui... di questo cazzuto...-
Io...
-Lo so che te lo faresti e poi mi guarderesti con quell'aria da santarella... cazzo!-
Lei...
-Che porco sei... ora ne scelgo un paio di quelli forniti meglio e ti dico cosa ci farei, ti direi... guarda mi faccio fare questo e poi...-
Si interrompe...
-Guarda è al bar! Vado a vedere bene da vicino, magari a parlargli... posso? Uno con un cazzo così merita attenzione! Magari gli si rizza e la cappella gli esce dal costume!!-
Si alza, si muove, entra nel locale, ahahah...! Scusate... sto ridendo ancora, poco dopo lui esce ed è accompagnato da una ragazza, una con due tette al silicone che la deturpano. Orrende!
TROPPO GROSSE!
Due bocce tonde senza forma, ma che tette sono? Chi te le ha fatte?
Lei... esce delusa scrollando la testa.
-Uno... che va con una del genere? Ma come si fa? Mi ha ucciso la libido! Seppellita proprio!-
E si tocca le tette nude, se le soppesa, come per dire... ma vuoi mettere le mie...?

Ahahah.... una comica!

Questo racconto di è stato letto 2 8 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.