Erotici Racconti

Come verità

Scritto da , il 2018-01-13, genere incesti

"Era una ragazza di sedici anni che non vedevo da tempo e che diventò la mia ossessione in quelle giornate. Ricordavo una ragazzetta ossuta e con i denti sporgenti e ora ritrovavo una leonessa dai capelli fiammanti, con delle lunghe gambe magre, dei seni sodi né piccoli né grandi, degli splendidi occhi verdi e una larga bocca sempre pronta al riso. Mi piaceva da morire. Un giorno uscimmo dalla casa del villaggio per andare sulla spiaggia che distava mezzo chilometro. Avevamo già percorso un bel tratto quando lei diede un piccolo urlo perché aveva dimenticato il reggiseno da mettersi in cabina. "Dove hai la testa" la rimproverò la madre. "Falle compagnia e raggiungeteci in spiaggia" mi disse la mia. Corremmo all'indietro, lei entrò a prendere l'indumento e poi raggiungemmo rapidamente l'ingresso del lido. Davanti alla cabina mi prese per mano e mi spinse dentro, dicendomi :"Forza, cambiamoci insieme per guadagnare tempo". Io dovevo spogliarmi completamente per mettermi il costume mentre lei doveva solo togliersi il prendisole e poi mettersi il reggiseno. "Aiutami ad agganciarlo" mi disse mentre ero ancora nudo. Vidi per un istante i suoi deliziosi seni, poi si voltò e mi avvicinai per inserire i ganci del reggiseno ma intanto mi era inevitabilmente venuta una bella erezione, per cui mi ritrovai con il pene che le sfiorava le cosce, un po’ sotto il suo slip (era più alta di me). Dopo che finalmente sistemammo le sue tette si voltò e mi vide l'erezione che cercavo goffamente di coprire con le mani. "Non ti devi vergognare" mi disse, "è una cosa naturale, mi hai visto praticamente nuda e sei un maschio, piuttosto ora dovresti calmarti perché non puoi uscire in questo stato". Aveva ragione ma ce l'avevo sempre dritto e non me la sentivo di toccarmi davanti a lei come facevo già da tempo per risolvere quei problemi. "Aspetta" disse, "ti aiuto io". Si mise alle mie spalle e cominciò a segarmi con una capacità che evidentemente aveva acquisito con una buona esperienza. "Forza, forza, fammi vedere che sei un maschio" mi disse per eccitarmi ancora di più e accelerare il mio sfogo. Ci vollero pochi minuti perché avessi un orgasmo eccezionale, certo il più prorompente che mi fosse venuto fino allora. Lei si affrettò a pulire i punti raggiunti dal mio sperma con uno straccio e con dei fazzoletti di carta mi asciugò il pene ridiventato piccolo. "Mettiti lo slip" mi ordinò "e mi raccomando, zitto con le nostre mamme se no succede chissà che cosa. Giuri ?" "Giuro" risposi. E finalmente uscimmo da quella rovente cabina."
"Ti ricordi ?" le chiedo, "Dovresti, visto che quella ragazza eri tu."
"Ne sei sicuro ?"
"Certo. Speravo che fosse solo l'inizio di grandi avventure erotiche con te ma rimasi deluso. Fingevi che non fosse successo nulla e se mi sdraiavo vicino a te mi ignoravi. Da allora mi hai sempre tenuto a distanza come se il ricordo di quella masturbazione ti desse fastidio."
"Se fosse accaduto sarebbe stato solo un gioco da ragazzi, uno scherzo: niente di più."
"Forse per te: per me è stato l'episodio più importante della mia adolescenza, non c'è stato giorno che non ci abbia ripensato: sei stata la mia ossessione in tutti questi anni."
"Mi dispiace ma non puoi prendertela con me perché io non esisto."
"Come sarebbe ?"
"Sono solo una proiezione delle tue fantasie erotiche, in realtà non hai mai vissuto un'esperienza simile. Non hai mai avuto una cugina come me e nemmeno mia madre, tua zia, è mai esistita: tua madre non ha sorelle. Ti sei inventato una zia e una cugina pronte a iniziarti sessualmente."
"Perché mi dici queste assurdità ? Ricordo bene cosa mi fece tua madre due anni dopo."
"Ricordamelo, su."
"Quell'estate tu non c'eri, avevi già la tua indipendenza, andavi in vacanza da sola e ti facevi scopare da chi volevi. La zia era imponente con dei seni che sembravano palloni, dei fianchi enormi e delle cosce che sembravano prosciutti. Il sederone poi era uno spettacolo a sé stante e quando usciva dall'acqua il costume era diventato una sottile linea scura che separava due pagnotte. Un giorno eravamo sulla spiaggia (era una spiaggia non proprio privata ma riservata ai proprietari delle case vicine e quindi non molto frequentata). Mia madre si era tolta il reggiseno e prendeva il sole con la schiena nuda; la zia era distesa poco lontano e dondolava il suo gran corpo con il viso nascosto dagli occhiali da sole. Io guardavo i giochetti che un gruppo di cinque ragazze sui diciotto anni faceva nell'acqua a qualche decina di metri di distanza. Non erano proprio giochi lesbici ma poco ci mancava: si toccavano sott'acqua, si tiravano i costumi, si davano grandi pacche sui sederini e alla fine la più robusta delle cinque sollevò quella che sembrava la più piccola e tra grandi risate se la issò su una spalla e le infilò una mano sotto lo slip. Anche le altre si avvicinarono e sempre ridendo diedero dei gran colpi sul sedere dell'amica che sembrava divertirsi un mondo. Poi la ragazza che se l'era tirata su la portò in un posto seminascosto tra gli scogli e qui scomparvero alla mia vista mentre le amiche ridevano e battevano le mani. Quello spettacolo mi mandò fuori giri: un'erezione mi gonfiò a dismisura il costume. Avrei potuto sperare di passare inosservato nell'attesa di calmarmi e tornare in condizioni normali ma proprio in quel momento mia madre mi chiamò e mi chiese di spalmarle dell'olio sulla schiena. Mi alzai, sempre col coso dritto, ma mia madre distesa in giù e con il viso rivolto all'altra parte non si accorse di nulla. Chi si accorse di tutto fu tua madre che si tolse gli occhiali per vedere meglio la protuberanza fra le mie gambe. Dopo che ebbi spalmato l'olio su mia madre, lei si avvicinò e mi porse un asciugamano dicendomi sottovoce: " Copriti con questo e vai in cabina". Mi nascosi il viso in fiamme dietro l'asciugamano fingendo di asciugarmi il viso e distendendolo sul corpo per coprire la mia vergogna e di corsa attraversai il centinaio di metri che ci separava dalle cabine. Entrato nella nostra mi sedetti sulla panca pensando alla figura fatta; dato però che ce l'avevo sempre duro mi tolsi lo slip e iniziai a masturbarmi furiosamente. Ero intento a questa attività quando la porta si aprì e apparve la zia che fece appena in tempo a dire: "Stai meglio ?" e mi vide con il coso in mano.
Chiuse la porta e si avvicinò. "Come mai sei così arrapato, piccolo ?". "Per te" risposi, mentendo abbastanza. Scoppiò a ridere. "Ma non ti vergogni, che direbbe la tua mamma ?" chiese e si sedette sulla panca. "Vieni qui" disse e non appena le fui vicino mi accarezzò proprio lì dicendomi: "Sei davvero cresciuto, sai ? Io me ne intendo."
Mi mise le mani sulle natiche, mi attirò a sé e mi diede diversi baci proprio sulla punta di quello che chiamava "il mio giocattolo". Mi fece sedere sulle sue coscione e cominciò a dimenarmelo senza indugio. "Non te l'ha mai fatto nessuno, eh?" chiese e non era il caso di contraddirla ricordando quello che mi avevi fatto tu, sua figlia.
Mi fece arrivare e come te due anni prima si precipitò a eliminare le mie tracce; per pulirmi il pene adoperò la lingua con un gusto che credo derivasse da un lungo periodo in cui non aveva potuto fare un giochetto che con tutta evidenza le piaceva molto: ma con un ragazzo vergine poteva ingoiare il suo succo senza timore di malattie. "Usciamo adesso prima che tua madre si accorga di qualcosa". La notte non dormii pensando a quanto era successo e mi chiedevo se ci sarebbe stata un'altra occasione di intimità ma non sapevo come sarebbe potuto accadere. Ecco che due giorni dopo mia madre disse che sarebbe andata con l'auto alla città più vicina per degli acquisti; mi offrii di accompagnarla ma lei mi disse di restare con la zia per non perdere una giornata di mare. Restammo soli e non andammo nemmeno in spiaggia perché il cielo era diventato scuro e non c'era speranza di prendere il sole. "Che vuoi fare oggi, zucchero ?" mi chiese provocante. "Vuoi scopare ?" "Oh, sì, ti prego" "Non c'è bisogno di pregare. Vieni, ora giochiamo a zia e nipote : ti spoglio tutto e faccio il bagno."
Le bastò sfiorarmi e venni immediatamente sotto l'acqua scrosciante. Mi asciugò e iniziò a lavorare con le mani e la bocca.
Mi eccitai nuovamente e compresi che era stata una sua malizia quella di farmi arrivare subito per poi potermi scopare con calma fino al secondo orgasmo. Si mise sopra di me e se lo infilò dentro con un movimento sussultorio che sembrava scuotere tutto il letto. Per dieci minuti mi scopò ora con furia ora con dolcezza, inarcando il sedere al quale le mie mani si erano appiccicate e porgendomi ogni tanto le mammellone che baciavo e succhiavo avido. Alla fine raggiunse l'orgasmo ed emise dei gridi di piacere che aumentarono la mia eccitazione e mentre lei mi inondava con i suoi umori io le venivo dentro. "Ora riposiamoci" disse. Il suo concetto di riposo era molto relativo. Prima dell'arrivo di mia madre inventò delle cose incredibili, le posizioni più inimmaginabili; era impressionante come riuscisse di continuo a eccitarmi, tuttavia non era facile condurmi al terzo orgasmo in poche ore. Vuoi sapere cosa fece allora ?"
"No, tanto è una tua fantasia anche questa, come tutte le altre. Non capisci che non distingui più il sogno dalla realtà ? Sei sempre stato un ragazzo triste e solitario e ti sei creato una vita fantastica, piena di donne e ragazze che non fanno che saltarti addosso."
"Non è vero. Ricordo una notte con una menata furiosa e silenziosa dietro la casa, di sera, dal lato opposto in cui dormiva mia madre; in un'altra occasione mi portò al più vicino centro commerciale dove fingendo di essere mia madre entrò con me in un camerino di prova e scopammo in pochi minuti. Ricordo tanti altri episodi..."
"Inventati anche quelli..."
"Ma se tu non esisti come mai parli con me ?"
"Infatti stai parlando con te stesso. Guardati allo specchio, vedrai solo la tua faccia, non la mia che non c'è. Addio."
"Aspetta ! Sono un po' stanco e stordito, forse faccio confusione. Forse era solo un'amica di mia madre, non la sorella e tu la figlia della vicina di casa, quella che vidi allattare un bambino, tuo fratello, e fu la prima volta che vidi i seni di una donna, o forse li avevo già visti, era la maestra oppure la figlia del droghiere che si spogliò davanti a me.
La parrucchiera mi accarezzò fra le gambe.
La zingara mi portò nel bosco e si scoprì tutta.
Le due sorelle mi fecero dormire fra loro.
Mia sorella mi usò per insegnare alla sua amica come fare i pompini.
La ragazza sulla spiaggia mi saltò addosso.
La suora giovane perse la testa per me e mi venne a cercare.
Le più belle, dai quindici ai sessant'anni, le ho avute tutte.
Non è solo fantasia, ci deve essere qualcosa di reale.


In fondo, vorrei solo essere amato.

Questo racconto di è stato letto 5 7 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.