Erotici Racconti

La nostra casa

Scritto da , il 2018-01-12, genere esibizionismo

La nostra casa è un po’ piccolina, ma sempre ordinata ed accogliente, anche perché mia moglie ci tiene tanto che sia sempre perfetta.
La caratteristica più bella però è la luce! C’è tantissima luce, è al secondo piano e in tutte le stanze c’è una grande porta finestra che da su un terrazzino, in qualsiasi ora del giorno c’è tantissima luce e anche di notte basterebbe la luce dei lampioni della strada per illuminare dentro.
Quando torno dal lavoro, parcheggio in strada davanti a casa e spesso mi fermo a guardare se dalle finestre riesco a vedere mia moglie che fa i lavori, cucina o stende i panni.
E soprattutto d’estate quando per il caldo teniamo le finestre aperte si vede bene dentro casa…
Il “problema” è che mia moglie in casa in estate si veste il minimo indispensabile… certo non gira nuda altrimenti avremmo la folla di gente in strada a guardare, ma si mette quelli che chiama i “vestiti da casa” che non sono altro che dei vestitini che compra al mercato per pochi soldi e sono leggerissimi, larghissimi, cortissimi e spesso semitrasparenti.
Dalla strada si vede questa donna bellissima e formosa aggirarsi per casa con questi straccetti svolazzanti… ma chi alza lo sguardo e la vede non sa che spesso e volentieri sotto quella stoffa leggera non c’è nulla, ma io si e il più delle volte entro in casa già bello in tiro!
Quando gli faccio notare che con le finestre aperte dalla strada si vede benissimo in casa lei alza le spalle e sorride ”non ci ho fatto caso” eppure quando sono sotto casa mi vede sempre e mi saluta… è perché mi aspetta? Oppure controlla la strada per eventuali spettatori ?
Vero è che una volta in casa neppure io faccio caso alle finestre e giro per casa solo con dei pantaloncini della tuta sformati e quando ho voglia non mi viene neppure in mente di tirare le tende prima di allungare le mani su di lei e scoprirla ancora di più.
Spesso ci ritroviamo a scopare senza pensare alle tende.
Il massimo però è la notte, se di giorno si vede bene dalla strada, la notte se in casa c’è la luce accesa è come guardare la televisione.
Mi viene in mente un volta in particolare.
Era estate, caldissimo tutte le finestre spalancate per fare girare un minimo d’aria, è sera siamo sul divano in sala, io leggo un libro mentre lei si lamenta che non c’è nulla in tv.
Io cerco di leggere il libro, ma lei non me lo lascia fare, si agita, si lamenta che la luce attira le zanzare (che tanto a lei non la pungono) continua a farmi domande su quello che sta guardando lei alla tv, non ha pace, continua a cambiare posizione sul divano, fino a quando in uno dei suoi mille movimenti con un piede mi lancia via il libro dalle mani!
“ma buona mai?! Adesso ci metto una vita a ritrovare il segno!”
Sono in ginocchio dopo aver recuperato il mio libro da sotto una sedia.
“e che sarà mai?!”
mi giro e la fulmino con lo sguardo.
Ma lei è stravaccata sul divano, un seno è mezzo fuori da quello straccetto che indossa, le gambe sono tutte scoperte, imperlate e luccicanti di sudore. La guardo negli occhi, mi sorride e lentamente allarga le gambe, distolgo lo sguardo dai suoi occhi e vedo che non indossa neppure le mutande, mi avvicino a gattoni e infilo la testa tra le sue gambe.
È già bagnata e subito inizia a mugolare sottovoce, le allargo ancora di più le cosce e inizio a giocare con le dita, una mano ha afferrato il suo seno e stringe un capezzolo con forza, l’altra mano è lì che gira sui suoi buchi, le dita sono bagnate dei suoi umori e della mia saliva, non le infilo dentro, le appoggio esattamente tra i due buchi e spingo appena come a dirgli “scegli”.
Lei sceglie, alza appena il sedere e il mio dito medio scivola dentro, emette un urletto mentre io continuo a leccare davanti, quando gli infilo il secondo dito nel culo esplode in un orgasmo che la scuote tutta e la lascia senza fiato.
Io mi alzo da terra e la guardo, è stupenda dopo essere venuta, con il viso rilassato e gli occhi ancora più luminosi, mi sorride, allunga una mano e mi abbassa i calzoncini, accarezza la mia verga e piano piano si avvicina, lo accarezza con le dita poi con le guance e le labbra chiuse, poi mi da delle piccole leccate dal basso verso l’alto, arrivata in cima apre la bocca e se lo infila dentro, è spettacolare, le ginocchia mi cedono, rischio di cadere, lei scoppia ridere “siediti va là che è meglio”
Io mi siedo sul divano e lei si alza, vedo che butta un occhio alla luce e alla finestra aperta, ma l’interruttore è distante e nessuno dei due a voglia di andare a spegnerlo.
Pensavo avrebbe continuato il suo pompino invece lancia via il suo vestito e mi monta sopra, se lo infila dentro lentamente, io ho la faccia esattamente tra i suoi seni e inizio a leccare a ciucciare ogni cosa mi capiti a tiro, mentre lei inizia a muovere il bacino in una danza fantastica. Io non capisco e vedo nulla mezzo soffocato dai suoi seni, ma ad un certo punto si ferma e si alza, io la guardo stupito “che è successo?” non risponde, si volta e torna a sedersi su di me, ma questa volta di schiena, strano è una posizione che non gli piace molto…
Io non ho più il suo seno davanti, ma la sua schiena perfetta e le sue chiappe fantastiche che subito agguanto forte!
Io guado il suo culo, ma lei… lei è proprio di fronte alla porta finestra!
Inizia ad andare su e giù sempre più forte fino a venire in un urlo liberatorio, mentre inarca la schiena verso di me, io non resisto e mi svuoto dentro di lei.
Sono distrutto sul divano “quasi quasi dormo qui!”, lei invece si alza subito, lancia un’occhiata in strada e va verso il bagno…
Io incuriosito mi tiro su e guardo dalla finestra, non vedo nulla solo una macchina grigia che si allontana lentamente... abbasso la serranda spengo la luce a vado a dormire nel letto.

Questo racconto di è stato letto 2 6 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.