Erotici Racconti

Consolando mamma

Scritto da , il 2018-01-11, genere incesti

Abbiamo avuto un grave lutto in famiglia, mio padre purtroppo è venuto a mancare poco tempo fà, mia madre ha 45 anni e io 18, dovevamo andare avanti con le nostre vite, da soli.

Fortunatamente, mio ​​padre aveva una grande assicurazione sulla vita dal lavoro più la sua assicurazione personale quindi non dovevamo preoccuparci dei soldi. Anche la casa era stata totalmente pagata.

Nelle settimane successive, i vicini e gli amici venivano a trovarci e portarci da mangiare e per vedere come stavamo reagendo al lutto. Ma dopo un po', tutto questo venne sempre più meno.

Di notte, sentivo spesso mia mamma piangere nella sua camera da letto. Non sapevo cosa fare o come confortarla.

Dovevo andare all'università in autunno, ma ho rimandato di un semestre così da poter stare con mia madre.

Non importava cosa facessi per mia madre, sembrava proprio che non fosse d'aiuto.

Una sera ho fatto la doccia prima di andare a letto. Subito dopo la doccia, mi ancora con l'asciugamani attorno alla vita mi dirisi verso la mia camera, quando sentii mia madre singhiozzare.

Entrai nella sua camera da letto per cercare di confortarla. Era seduta sul bordo del letto in lacrime. Mi avvicinai a lei e mi sedetti sul suo letto, non rendendomi conto che il mio asciugamani si era aperto abbastanza da mostrare la mia giovane e grossa natura.

La strinsi tra le mie braccia e le promisi che sarebbe andato bene. Le ricordai che eravamo benestanti finanziariamente e che papà non voleva che lei lo piangasse costantemente o si sentisse male. Avrebbe voluto che continuasse con la sua vita.

Ci siamo trattenuti per un po' e per qualche strana ragione, ho iniziato ad avere un'erezione. Ho provato a nasconderlo ma mamma se ne accorse e mi suggerì di andare nella mia stanza e andare a letto.

Mentre mi alzavo, l'asciugamani cadeva sul pavimento ed ero nudo di fronte a mia madre. Ho guardato la mamma e lei mi ha guardato e ha ricominciato a piangere.

Non mi sono nemmeno preso la briga di coprirmi di nuovo quando ho chiesto alla mamma quale fosse il problema. Mi ha guardato e ha detto che una cosa di cui sentirà la mancanza è l'intimità che ha condiviso con mio padre e che vedendomi nudo le ha ricordato questo.

Mi sedetti di nuovo e la strinsi. All'improvviso, voltò la testa verso di me e mi baciò, non un bacio di ringraziamento, ma un bacio erotico.

Mi sono tirato indietro e le ho chiesto cosa stesse facendo. Mi guardò e disse che aveva bisogno di me. Mi ha baciato di nuovo e questa volta non mi sono tirato indietro.

La sua lingua entrò nella mia bocca e la mia incontrò la sua. Ho girato il mio corpo per affrontare la sua e i nostri baci diventarono più appassionati. Il mio cazzo era duro e potevo sentire la mano di mia madre che lo stringeva e cominciava ad accarezzarlo.

Mi sono chinato e poi mia madre ha abbassato la testa e la sua bocca ha inghiottito il mio cazzo. Ha iniziato a succhiarlo e ho potuto sentire la pressione crescere. Sapevo che era sbagliato ma come potevo tirarmi indietro.

Mentre lei muoveva la testa su e giù per la mia asta, le dissi che stavo per venire. Mi ha succhiato il cazzo più forte e mi ha stretto le palle e poi ho sparato il mio carico di sperma nella bocca di mia madre e ho osservato mentre lei inghiottiva tutto. Mi sdraiai qualche minuti sul suo letto per riprendere le forze.

Dopo essermi riposato un po', mi alzai, presi l'asciugamani e andai nella mia stanza e mi infilai nel mio letto, nudo.

A un certo momento nel mezzo della notte, ho sentito le coperte muoversi. Ho guardato verso di me e c'era mia madre, nuda, che entrava nel mio letto. Le ho fatto credere che stessi dormendo.

Mentre ero steso sul letto, potevo di nuovo sentire la mano di mia madre sul mio cazzo, strattonandolo piano. Si è fatto di nuovo duro e poi ha sollevato le coperte e mi ha messo a cavalcioni. In un istante ha spinto la sua fica sul mio cazzo fino a quando non è entrato tutto.

Mi sono svegliato e le ho chiesto cosa stava facendo. Mi guardò e disse che ne aveva bisogno e voleva essere la mia amante. Mi ha supplicato di farmi scopare.

Le dissi che sarei stato tutto suo, mia madre ha cavalcato forte il mio cazzo fino a quando non abbiamo avuto un orgasmo e sono venuto dentro mia madre.

La mattina dopo ci siamo svegliati e mia madre mi ha dato un grande bacio.

Le ho chiesto se stava bene, lei ha sorriso e mi ha detto che si sentiva benissimo, grazie a me.

Si alzò dal letto, fece una doccia e andò a fare colazione.

Mentre mangiavamo, le ho chiesto se stava bene con quello che è successo la sera prima tra noi. Lei sorrise e disse che era stata la migliore notte da un sacco di tempo. Poi mi ha chiesto come mi sentivo.

Ho guardato mia madre e ho detto: "Mamma, sei molto bella e non hai bisogno di me, puoi trovare qualcuno che possa soddisfarti, io sono tuo figlio e non dovremmo farlo".

Mia madre mi ha guardato "Figlio, mi ricordi così tanto tuo padre e ho bisogno di te in questo momento, per favore diciamo che possiamo essere amanti, farò tutto ciò che vuoi, qualsiasi cosa

Finimmo la colazione e le dissi che avrei fatto tutto ciò che voleva.

Sono andato di sopra e ho aspettato mia madre.

Questo racconto di è stato letto 9 7 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.