Erotici Racconti

La prima volta con mia Madre

Scritto da , il 2018-01-13, genere incesti

Mi chiamo Federico, ho 18 anni e ho sempre pensato che mia madre fosse molto attraente. Ha divorziato da mio padre quando ero molto giovane. Dal momento che mi ha cresciuto da sola, non è mai uscita molto, ma sicuramente non perché non fosse attraente. Si è sempre presa molta cura del proprio corpo. Ha 39 anni, lunghi capelli biondi, gambe lunghe incredibili e almeno una sesta di seno.

Dato che vivevamo soli in casa, eravamo abbastanza aperti su tutto e non era un problema a volte passeggiare in mutande o camminare per casa nudi dopo aver fatto una doccia, quindi sapevo sicuramente quanto fosse bello il suo corpo.

Non ha mai portato a casa nessuno e non è mai passata la notte a casa di nessuno, che io ricordi. L'ho sentita ogni tanto usare un vibratore occasionalmente quando era nella sua camera da letto, quindi immaginavo fosse piuttosto eccitata.

Un giorno dopo essere rientrato da una passeggiata col cane, ero seduto in salotto a guardare la TV, ed ero molto annoiato. Mia madre si stava abbronzando sul terrazzino che si affaccia dalla cucina, indossava un bikini rosa e un perizoma, ed io cominciai a fissarla.

Dopo un po' si mise in topless, da lì i miei sguardi divennero diversi dal solito, mi sentii strano nonostante non fosse la prima volta che la vedevo in quello stato.

Dopo essere riuscito a distogliere gli occhi da lei, ho ripreso a guardare qualche altra TV. Passò circa mezz'ora quando sentii la porta sul retro apirsi, mi girai e mia madre stava camminando tutta nuda con indossando solo le infradito e il perizoma rosa.

Entrò in casa, indossò una magliettina quasi trasparente e si sedette su una sedia vicino al divano. "Allora come stai tesoro mio?" mi chiese. "Tutto bene, sto pensando di andare al cinema con un amico più tardi", ovviamente non riuscendo a non fissare i grandi seni di mia madre, a malapena trattenuti dalla sua piccola maglietta. "Sembra divertente" disse mia madre. "Beh, probabilmente dovrei andare a fare una doccia prima di andare al cinema, ci metterò solo 20 minuti", dissi alla mamma.

Corsi di sopra e saltai subito sotto la doccia. Feci una doccia molto veloce e scesi nel giro di 10 minuti, mi misi dei vestiti e andai al piano di sotto dove vidi qualcosa a cui non potevo credere.

Mia madre era seduta sul divano completamente nuda e parlava con qualcuno al telefono sul fare un pompino e nel mentre lei si penetrava con un dito nella figa. Non potevo credere a quella scena, mia madre che parlava di sesso esplicito a chissà chi e si masturbava.

Non riuscivo a pensare a nulla, rimasi immobile per qualche secondo con la bocca spalancata. Mia madre finalmente si girò e mi vede,ma continuò comunque a darsi piacere. "WOW.. è stata una doccia piuttosto veloce" disse lei mentre si toccava ancora. "Che diavolo stai facendo!" dissi io.

Mia madre si alzò in piedi e disse "Beh sai.. mi sento sola e stavamo parlando un pò con una persona conosciuta in chat".

Subito dopo io e mia madre ci sedemmo sul divano in silenzio per qualche minuto. Alla fine ruppe il silenzio dicendo "non avevo idea che stessi lì ad ascoltarmi", ridacchiando un pò mentre lo diceva. "Credi che mi piaccia l'idea di vederti in quei atteggiamnete con sconosciuti che vorrebbero solo uarti?" - "Be', sai che non sto con nessuno da molto tempo... L'unica cosa che ho avuto per anni è stato uno stupido vibratore", propabilmente sapeva che io sapevo del vibratore, pochè non si sforzava mai di nascondere i gemiti di piacere. "Quindi pensi che questo significhi che puoi fare un quello che ti pare con estranei mentre sono sotto la doccia?" - "Scusa, è successo, abbiamo tutti bisogno di certe cose, ti ho sentito nella tua stanza guardare film porno."

Il pensiero di immaginarla fare un pompino a chiunque e sentirle dire che mi sente guardare film porno stava iniziando a farmelo venire duro, e la cosa lei la notata.

"Tesoro mio, ma che succede nei tuoi panataloni? E' a causa mia?", disse mamma. "Beh . tu che dici, si è così! E vederti nuda non aiuta di certo"- "Pensi che abbia un bel corpo?" Mi chiese. "Assolutamente, è uno dei migliori che abbia mai visto, spero che non sia strano o altro, ma ho sempre pensato che tu fossi davvero bella, e confesso che... mi sono masturbato pensando a te qualche volta" le dissi timidamente. "Bene, allora... c'è qualcosa che possiamo fare a riguardo?" disse guardando il mio rigonfiamento. "Um... cosa intendi esattamente?" - "Ecco, te lo mostrerò" disse mentre allungava la mano e mi sbottonava la patta dei jeans, tirando fuori il mio cazzo duro. "Wow, non mi ero reso conto che tu fossi così grande, è piuttosto impressionante" mi disse con una sorta di espressione stupita sul viso. "Grazie mamma, penso che siano quasi 23 cm. Sei sicuro che sia tutto a posto?" Ho chiesto.

Mi afferrò la base del mio cazzo e disse "Non preoccuparti, lo vogliamo entrambi, tesoro mio". Poi si mise in ginocchio davanti a me, si chinò e mise le sue labbra sulla punta del mio cazzo. Solleticò la punta di esso con la sua lingua prima di andare lentamente più in basso.

Iniziò lentamente ad andare su e giù per il mio cazzo, gradualmente diventava sempre più veloce, mentre mi massaggiava le palle con la mano sinistra. Non potevo credere a quello che stava succedendo. È stato incredibile, accarezzai dolcemente la parte posteriore della sua testa mentre lei mi prendeva il mio cazzo dentro e fuori dalla sua bocca, andando ancora più veloce.

Poi si portò tutta la lunghezza in bocca risucchiando tutto, emettendo un suono rumoroso mentre le sue labbra si spalancavano. "Mamma è incredibile, non avevo idea che tu potessi succhiare un cazzo così!" - "Non ho ancora finito", disse con un enorme sorriso sul viso. Poi scese e cominciò a succhiarmi le palle mentre mi accarezzava il cazzo su e giù con la mano destra.

Non avevo mai sentito niente di così bello nella mia vita. "Mamma, tu sei meglio di tutte le ragazze della mia età, non posso crederci!" Continuava a succhiare e leccare le palle mentre accarezzava il mio cazzo ancora più velocemente. A malapena riuscii a trattenere l'orgasmo, venni come non mai.

"Allora ti è piaciuto?" lei chiese. "E 'stato meglio di qualsiasi cosa abbia mai fatto nella mia vita. Ora è il mio turno." Sapeva esattamente cosa fare, slacciò la sua parte superiore del bikini e la lasciò cadere a terra, esponendo i suoi enormi seni. "Oh mio Dio! Le tue tette sono così grandi! Sono davvero stupendi e so esattamente cosa fare con loro." Dissi con un grande sorriso.

Si alzò dalle sue ginocchia e si sdraiò sul divano. Gentilmente mi portò suo capezzolo sinistro in bocca mentre le accarezzavo il seno destro. Mentre succhiavo, i suoi capezzoli si rizzarono immediatamente. Misi poi delicatamente un dito nella sua fessura che poi portai sulle mie labbra e assaporare le mia dolce mamma. Mentre continuavo a succhiare, iniziai a muovere il mio dito dentro e fuori dalla sua figa stretta. Emise un basso gemito che mi eccitò ancora di più. "Va bene, è ora di sbarazzarsi di quel perizoma così possiamo divertirci un po'. Portai il mio viso fino alla sua figa e ho cominciai a baciare con impazienza i suoi fluidi. Non potevo credere quanto fosse buono. Continuai a mangiarla mentre le accarezzavo il clitoride.

"Non ce la faccio più, ho bisogno di te dentro di me!" mi urlò. "Va bene, te lo darò, è tutto tuo." Dissi mentre mi alzavo e allargavo le gambe. Posizionai la sua gamba sinistra sopra la mia spalla mentre iniziai a mettere il mio cazzo nella sua figa stretta. Trasalì quando il mio cazzo scivolò dentro di lei; la sua figa era così stretta perchè non aveva ricevuto sesso per anni. "Oh mio Dio! Ho dimenticato come ci si sente un cazzo enorme!" Più lei gemeva e urlava più velocemente e io picchiavo. Sono andato sempre più veloce, le mie palle schiaffeggiavano contro di lei. Mi sono avvicinato e le ho massaggiato i seni mentre il mio cazzo le penetrava dentro.

Questo racconto di è stato letto 7 0 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.