Erotici Racconti

Il soldato

Scritto da , il 2018-01-03, genere pulp

Ci sono persone che hanno incontri predestinati, ineludibili.

La piaga è dolorosa, una ferita rimarginata a fatica all'avambraccio e parte della mano destra. Le componenti dell’aggressore chimico che l’hanno colpito sono ancora ignote nonostante i continui esami eseguiti dopo i prelievi di cute. Le cure sono difficili, gli apprendisti stregoni che si definiscono medici si mettono il loro bel camice bianco, lo visitano e provano sempre nuovi farmaci senza un gran successo. Degli incapaci, li ha etichettati fin dall'inizio. Macellai. Segaossa. Neppure un clistere come si deve saprebbero fare. Fottuti scalda sedie.
Deve imbottirsi di antidolorifici, psicofarmaci, droghe per combattere il dolore.
E l’esercito? Quello che era la sua famiglia? La sua vita? Il suo passato e che doveva essere il suo presente e futuro? Come sempre non mostra la minima considerazione, né umanità per chi l’ha servito per parte della sua esistenza. Dopo il lungo periodo di malattia passato negli ospedali lo hanno messo a riposo per inabilità fisica con una indennità mensile. Non sono pochi soldi, è vero, ma non è quello che lui desidera per se stesso.
Si sente solo. Perso come un bambino senza genitori. Inadatto ad inserirsi in una nuova vita.
Ha preso alloggio in un piccolo hotel economico, una stanza anonima con mobili consunti dal tempo, sempre meglio della asettica camera dell’ospedale dove ha passato lunghi mesi.
Parte del tempo lo passa disteso sul letto, occhi al soffitto, la mano sana sotto la testa, l’altra distesa e ascolta vecchia musica, adora Jimi e Morrison. Fuma, alterna sigarette alla cannabis. Beve dalla bottiglia lunghe sorsate di tequila. Quando sente battere la mano anticipa il dolore perché sa che diventerà presto lancinante e prende dosi di antidolorifico sempre più consistenti e sempre più ravvicinate.
Nel tardo pomeriggio come sempre esce.
Indossa degli jeans sdruciti e una t-shirt, usa volentieri quelle degli Hard Rock Cafè, ne ha decine, di ogni parte del mondo e lavate nelle lavanderie a gettone mille volte.
Se la giornata è fredda mette un giubbino liso quanto lui. Esce e per prima cosa combatte la sua depressione entrando nel bar più vicino per farsi un paio di birre.
Al solito trova un giovialone perditempo, sempre diverso, che non ha niente di meglio da fare che chiedergli cosa ha fatto alla mano, la risposta è la medesima da tempo ormai, risponde che se l’è rovinata a forza di farsi seghe. Condivide la risata del buontempone con un ghigno e non gli da corda. D’altra parte il suo aspetto non incoraggia certo a proseguire la discussione, la sua aria scostante non invita al dialogo e notano anche il suo sguardo cattivo. Il bontempone di turno rinuncia.
Più tardi mangia qualcosa, non gli importa cosa, basta che sia commestibile. E si mette alla ricerca dei suoi antidepressivi personali.
Fica… che cerca in qualche chiavatoio, gli piacciono le puttana un po’ sfatte, alla fine della carriera, vuole qualcosa di particolare ed è più facile che sia qualcuna in difficoltà che glielo conceda.
Lui vuole scopare con violenza, usare fica e culo e non usare nessun tipo di precauzione, perso come è in una sua personale sindrome di auto distruzione. Gli piace essere violento, mordere forte i capezzoli e percuotere i seni e le natiche non più tanto sode delle donne che scopa. Sfoga su di loro la rabbia che cova, il risentimento verso il destino. Le paga, in cambio di questo, molto di più della tariffa solita. Gli sembra uno scambio alla pari, denaro per un po’ della loro sofferenza.
Poi succede qualcosa che cambia tutto, la sua mente collassa.
Tutto sfuma in una moltitudine di scenari, dall’Eritrea, Somalia e via via fino ai Balcani, cacce solitarie in viaggi senza inizio né fine, paesaggi devastati, guerre che si confondono con altre guerre, gente con altra gente, morti con altri morti.
La sera, la donna che ha rimorchiato e portato in una stanza d’albergo, si rifiuta di fare sesso alla sua maniera, fa la difficile, non vuole scopare senza precauzioni, rifiuta anche se il soldato è disposto a moltiplicare due, tre… dieci volte il prezzo della marchetta. Il soldato s’infuria e la colpisce duramente sul viso con la mano segnata e se ne va. Prende a bere passando da un locale all'altro. Il suo risentimento cresce quanto la violenza repressa che non ha trovato sfogo. In un bar osserva un uomo, è quasi sicuro di averlo visto vestito da ufficiale in qualche caserma, lo ascolta e se ne convince. E scatena la sua rabbia come fosse una molla a lungo compressa e infine rilasciata, l’uomo diventa la sua vittima, su di lui il soldato riversa tutto l’odio che prima era generalizzato verso il mondo intero. Lo odia in una maniera irrazionale. Questi… l’ufficiale o presunto tale, diventerà la sua valvola di sfogo per questa notte. Quando l’uomo lascia il locale il soldato lo segue e appena ne ha l’occasione, in un passaggio in una strada deserta e buia, lo avvicina. Il soldato è stato addestrato ad uccidere, era il migliore nel suo genere, sa uccidere facilmente e rapidamente anche a mani nude. Lascia la sua vittima a terra e si sente stranamente sollevato, leggero. E’ quasi mattina quando rientra e si butta sul letto. Ingoia una manciata di antidolorifici e si annulla in un sonno pieno di sogni allucinati.

Vita dura, trovarsi a ventotto anni senza casa e senza lavoro. Deve muovere il culo quindi, darsi da fare.
Nulla di paragonabile a quando suo marito era in vita, quando arrivava puntuale il bonifico in banca. Non hanno risparmiato, sbagliando, ma tutto sembrava durare per l’eternità. I viaggi, i costosi bei vestiti acquistati senza problemi, la vita nel lusso. Poi? Il tragico incidente! E lei cade nella miseria.
E’ una bella donna, bruna, la cosa che più la contraddistingue è il seno. Un grosso florido seno che provoca in ogni uomo che lo ammira pensieri libidinosi.
Cerca lavoro. Deve. Fa molteplici domande d’assunzione e si presenta per i colloqui, ma le sue capacità non sono all’altezza del compito e non viene presa seriamente in considerazione.
Quando mostrano interesse le fanno delle proposte inequivocabili, vuole il lavoro? Si? Ebbene… deve farsi scopare, dimostrarsi disponibile. Tutto si riduce a questo, la cosa è tanto ripetitiva che sembra la normalità. Una ovvietà.
Alla fine cede.
Si presenta ad un ennesimo incontro, la fanno entrare nell’ufficio del principale.
Questi è dietro alla pesante scrivania, un uomo grosso, corpulento.
La guarda con attenzione, mostra visibilmente il suo gradimento per l’aspetto fisico di lei e tralascia ogni altro preliminare. Le dice crudamente…
-Vuoi il lavoro? Ti prendo come segretaria particolare, avrai un buon stipendio, basta che mi dimostri di valerlo, vieni qui, ti metti in ginocchio, me lo tiri fuori e mi fai un pompino senza far cadere neppure una goccia sui pantaloni…-
Le fa cenno di girare attorno e di raggiungerlo.
Lei ci pensa ma per poco, la prima cosa che desidererebbe fare è correre via, la seconda quella di mordergli il cazzo così forte da evirarlo, ma è stanca, stanca di lottare. Ormai vuole scegliere la via più facile, la meno faticosa e si adegua.
Si mette in ginocchio fra le gambe dell’uomo e glielo libera, lo tira fuori e prende ad accarezzarlo, sta maneggiando un grosso membro scuro con il glande quasi completamente coperto. Spera di riuscire a farlo venire presto e si impegna solo per questo. Lo accarezza, passa la mano sull’asta piena di grosse vene in rilievo, sente sotto la forte nervatura, gli stringe lo scroto. Avvicina la bocca e lo bagna con la propria saliva. Con le labbra spinge sull’asta la pelle del prepuzio e scopre la grossa cappella scura, bagna ancora e prende a lavorarlo con la bocca. Se lo introduce in bocca sempre più a fondo, si stacca e passa la lingua sul frenulo e lungo l’asta. Torna e baciarlo, lo bacia e lo bagna, se lo introduce fino a dove le è possibile e controlla lo stimolo del vomito.
Lui, il grosso uomo, è appoggiato allo schienale della poltrona, paonazzo in viso e le tiene la testa con ambedue le mani. La tira a sé per farle inghiottire tutta la sua sbarra di carne dura, le scopa così la bocca, tirandola e allontanandola. Lei lo fa ma senza molta partecipazione. Non è coinvolta.
-Come sai succhiare bene! Più di una troia di mestiere! Che bocca hai! Godi il mio cazzo, vero? Ora… fammi venire e bevi tutto! Bevi tutto…!!!-
Con rantolo gode e con vari ripetuti getti le riempie la bocca.
Le alza il viso verso di se tirandola per i capelli.
-Fammi vedere quanta ne ho fatta! Apri la bocca… e fammi vedere!-
Lei apre la bocca e gli mostra quanto è piena del suo sperma.
-E ora bevila… tutta… inghiotti puttana…-
Riceve il posto, inizia immediatamente.
Si sente puttana, ma non è una cattiva sensazione. Anzi, le sembra di aver trovato una nuova dimensione. Il suo compito, lo capisce subito, è di essere la troia a disposizione del principale.

Il soldato esce come ogni giorno.
Ha voglia di scopare al solito, per annullarsi nell’orgasmo, ma si accorge di avere qualcosa d’altro nella mente. Dopo quanto accaduto nel vicolo buio ha un tarlo che lavora… lavora senza smettere mai, ma quanto successo è in una nebulosa nella quale non vede che contorni non precisi. Non sa definire veramente cosa è successo.
Comunque si comanda di non pensare, ha bisogno solo di bere e di una puttana che sappia fargli anche un massaggio. Ricorda una puttana grassa e vecchia, che dopo esser stata scopata alla sua maniera, pesante come era gli si era messa nuda a cavalcioni sulla schiena e aveva usato sapientemente le mani sui suoi muscoli intorpiditi, poi lo aveva fatto girare e si era impalata nuovamente dandogli sollievo.
Si ferma in un bar, beve, mangia e si mette alla sua ricerca, la trova, lei è contenta di rivederlo e lo porta a casa sua.
Rientra quasi all’alba.
Ascolta la sua musica.
Prende gli antidolorifici.
Dorme.

Per lei le disposizioni arrivano presto. Appena posa la borsa sulla scrivania, lui, il suo capo si fa vivo.
-Stasera serata speciale. Andremo nel mio appartamento in collina, voglio trovarti bagnata, pronta per essere usata!-
Serata speciale?
Pensare a cosa le farà, immaginare, la disgusta e nello stesso tempo la agita, la eccita, che vorrà farle il vecchio porco? Non può accontentarsi di una semplice scopata, di un pompino?
La giornata passa, non ha nulla di costruttivo da fare, si annoia.
Più volte le viene ricordato con frasi sconce cosa lui le farà più tardi. Perché prova questo strano piacere?

Il soldato passa la serata e la notte al suo solito. Beve, mangia qualcosa, cerca una donna, scopa per poi tornare all’alba nella sua stanza. A quella di questa sera le tiene forte mani sopra la testa mentre le percuote a mano aperta il seno, poi la possiede con foga. Come fosse una violenza. Gode, divide con lei del fumo, del liquore e poi ricomincia.
Torna in stanza, prende le sue medicine.
Dorme.

Lei invece… all'ora giusta si prepara, si veste da puttana e aspetta.
Non ha mai goduto di lui, quale è il piacere che prova allora? E’ davvero strana la sua mente. Si sente malata, sente di vivere un piacere insano.
Quando suona scende senza paura né apprensione.
Sale in macchina, lui l’abbranca come un orso e le ruba la bocca baciandola, mordendole le labbra, le mani brancicano brevemente il suo corpo e la cercano fra le cosce. Sente le grosse dita penetrarla e spingersi dentro fino al palmo.
Poi la sua voce resa roca dal desiderio.
-Stasera ti lego… puttana. Ti lego sul tavolo che ho in cucina e ti scopo così… ti scopo fino a sfasciarti…!-
Mentre raggiungono la casa in collina, lui muove la mano fra le sue cosce, strofina e penetra, strizza forte il suo clitoride diventato turgido e lei per la prima volta gode fisicamente con lui. Gode di una serie di orgasmi sempre più forti e ravvicinati.
Raggiungono intanto la casa, scendono ed entrano sempre con lui che la tiene stretta.
Dentro la spoglia, le dice che ora la legherà, lei fa resistenza, non vuole essere legata, non vuole essere in balia della libidine del grosso uomo, ma presto deve arrendersi e viene legata polsi e caviglie alle gambe di un tavolo. Ora è inerme, il suo corpo oscenamente offerto alle voglie di lui.
Lui passa le sue mani avide sul culo sodo e liscio, lo stringe, divide le opulenti natiche e scruta il buchino, passa le dita sul garofano chiuso.
-Stasera ti faccio il culo… puttana! Te lo spacco! Te lo violento! Non ti potrai sedere per giorni!-
-No… no… non farmi male!-
-Zitta! Ora ti metto un bavaglio!-
Svelto cerca qualcosa che serva al bisogno e la imbavaglia, ora lei può solo emettere dei sordi suoni gutturali.
E prende a colpirla con la grossa e dura mano, forti colpi che risuonano come schioppettate, deve subire una lunga e dolorosa sculacciata, poi l’uomo libera la cinta e la colpisce con quella.
Il dolore è atroce, ma perché le sta sorgendo questo bisogno di soffrire fisicamente? Ora le dita stanno impegnando il suo culo, sforzano, allargano, entrano. Lei sente affiorare il piacere dal fondo della sua mente.
L’uomo velocemente si spoglia, prende a masturbarsi la grossa verga per renderla ancora più dura, lei con lo sguardo lo vede approssimarsi, intuisce che sta per puntare la grossa cappella al suo ano, lo sente premere.
E contro la sua volontà sente montare l’orgasmo!
Gode dell’uomo malvagio che la sevizia.
Per la prima volta gode di un coito con lui.
L’orgasmo parte dal cervello e la prende. Poi lo sente entrare, profanarle violentemente il culo, inserirsi a forza e poi possederla senza nessun riguardo. Si è appoggiato al suo dorso, le ha preso la testa e la tira verso di se, le sta dicendo che gode, che ha un culo favoloso che lo sta contenendo come un guanto, si alza e riprende a montarla da animale tenendola forte per i fianchi. Dura un eternità prima di godere e quando viene emette dei forti versi gutturali, lei… subisce provando un ulteriore forte orgasmo.
Sente l’epidermide dei glutei infiammata dai colpi, sente il dolore dell’ano violentemente posseduto ma con sua enorme sorpresa vuole di più. L’uomo non è soddisfatto e la libera dalle corde ma solo per portarla in camera da letto e qui nuovamente legarla. Ora sono le grosse tette ad essere torturate, usa delle mollette che le martirizzano i capezzoli e la grossa mano la cerca fra le cosce. Spinge le dita dentro, lei si sente allargare provando spasmi di dolore e piacere, spinge e lei si sente assurdamente sfasciare, la mano spinge ed entra e lei, contro il suo volere, gode ancora.
Ora le libera le gambe e se le pone sulle spalle, è nuovamente turgido e la prende, cerca direttamente il suo culo, entra subito e prende a scoparla forte, lo spinge fino ad entrare tutto, lei è ancora imbavagliata e può solo emettere dei ripetuti gemiti.
Si libera nuovamente nel suo intestino, gode con urla belluine. Lei gode ancora.
Ora la libera, le fa fretta. La riporta sotto casa e la lascia. Senza una parola.
Lei sale. Si lava lungamente ma non basta per levarle di dosso il senso di squallore che le inquina la mente. Ha male dappertutto.

Il soldato uccide per la seconda volta.
La donna che ha preso non l’ha soddisfatto. Ora è seduto al banco di un bar e beve, il suo sguardo livido scorre sugli avventori. All’altro lato del bancone c’è un tipo che sembra tenere una conferenza da tanto è pieno di sé. Subito monta la sua antipatia. Lo odia irrazionalmente, immagina che sia uno di quelli che non hanno mai rischiato la vita per il proprio paese al contrario di lui. Quando l’uomo esce lui lo segue, camminano a distanza per un po’ fino a che il soldato non lo raggiunge. Lo colpisce duramente alla nuca e poi lo gira, lo tiene forte per i capelli, gli scopre la gola indifesa e ancora lo colpisce due volte al pomo d’Adamo. Gli rompe la trachea e si ferma a guardarlo agonizzare.
Poi rientra e lo dimentica.
Prende le sue medicine.
Dorme, sogna passati momenti, vecchie vicende di guerra che sono ancora scorie nella sua mente.

Non le va male. Auto e carta di credito aziendale.
Le costa cedere alla sua libidine? Ok, certo che si!
Ma alla fine cosa lui le fa che davvero lei non desidera? Lei urla un po’ quando lui le fa del male ma lo fa più per soddisfare il sadismo di lui che per il vero dolore. Le usa più il culo che la figa? Bene e allora? Questo non le dispiace, prova degli orgasmi talmente forti che la lasciano stordita.
Stamattina il principale la chiama. Davvero non bada al suo orario, lei può venire ed andare quando vuole, gli basta che lei sia disponibile quando gli monta la voglia.
-Stasera usciamo. Gente importante… fatti bella. Parrucchiera, manicure, visagista e depilazione. Comprati qualcosa di fine. Di elegante. Non vestirti da puttana. Hai carta bianca sulle spese, basta che il risultato valga il conto. Sei libera tutto il giorno, ti vengo a prendere alle nove.-
Lei esegue fedelmente le disposizioni, alla fine cosa desidera di più una donna bella e vanesia? I soldi! Compra un vestito nero aderente di Balenciaga, elegante e non vistoso, scarpe Gucci, dell’intimo talmente trasparente che sembra fatto di rugiada. E passa ore allo Spa.
Alle nove è pronta e ottiene la piena approvazione del suo capo. Questi la conduce ad un ristorante di lusso dove sono attesi da una piccola compagnia. Tre uomini e una donna. La presenta, loro sono persone molto importanti, capitani d’industria e manager. I tre uomini sono maturi, robusti, la donna un tipo magro e taciturno.
Gli uomini passano presto da discussioni di affari a roba di sesso. Il suo principale sta raccontando con dovizia di particolari come l’ha posseduta legata sul tavolo. Usa parole molto volgari e ottiene il loro massimo interesse.
La guardano, stanno immaginando come è nuda? Aperta? Disponibile ad ogni loro capriccio libidinoso? Ebbene si!
Uno dei tre chiede.
-Possiamo averla stasera?-
-L’ho portata apposta…-
Le passa la mano sulla coscia.
-Non è vero, mia cara…?-
Lei capisce che in questo momento, in questa situazione, è solo un oggetto, lei o un’altra per loro, per gli uomini, non avrebbe importanza. Vogliono avere una fica, delle tette e un culo da seviziare. E si eccita, anche se ha paura di cosa vogliono farle. Si eccita di essere vittima, immagina mille cose ed è bagnata in una maniera incredibile.
Lasciano il locale senza fretta. Ma prima la donna le chiede di accompagnarla alla toilette. Qui… prima di rifarsi il trucco e ripassare il rossetto sulle labbra, la donna la costringe contro la parete e la bacia.
La cerca sotto e trova un lago. Le comanda di togliersi le mutandine che sono bagnate e la tocca…
La bocca crudele le morde le labbra a sangue, la mano è esperta e implacabile! Ora si stacca, prende dalla borsa un oggetto metallico e glielo infila, è grosso e pesante. Le impone di tenerlo dentro e di stare attenta a non lasciarlo uscire mentre percorrono il percorso fino all’uscita. Le ricorda che figura farebbe… lì in mezzo alla gente, a farsi scivolare fuori quell’oggetto a forma di cazzo! E il rumore contro il pavimento? Non solo… se succederà lei le frusterà così forte il culo da farla sanguinare! Si sistemano ed escono nel locale. Cerca di camminare tenendo le cosce chiuse il più possibile, ha l’andatura di una papera. Le sembra che gli avventori l’osservino, ma non le importa… trova che essere la puttana di questi crudeli padroni sia il massimo della eccitazione. L’oggetto le da continui stimoli, sente che il suo umore vaginale le sta scivolando lungo le cosce! Spera che questo non dispiacerà agli uomini! Riesce ad arrivare alla macchina e sedendosi riesce ad far penetrare a fondo l’aggeggio che ha in figa. Partono… quattro macchine che si seguono, il suo capo la tocca, le strizza ferocemente il clito facendola godere di un orgasmo per troppo tempo trattenuto.
Arrivano, scendono, entrano in una casa che pare una residenza di campagna. Gli uomini e la donna bevono. Deve bere anche lei, la costringono a farlo. Poi… tirano lunghe strisce di coca sul tavolo e la sniffano. Lo fanno fare anche a lei.
L’alcol e la droga la stordiscono. Sa che la legano, che le torturano il seno martirizzandole i capezzoli, che la penetrano con oggetti vari. Che le scopano il culo e le sborrano dentro. La donna… nuda e con i capelli scarmigliati è la più crudele, è femmina e sa dove ha più sensibilità al dolore. Ma… nonostante tutto sente montare orgasmi mentali pazzeschi! Non le basta il dolore e vorrebbe di più! La legano con una corda talmente stretta che i seni diventano bluastri e i capezzoli hanno la misura di una mora matura. L’appendono al soffitto. La fica è talmente allargata che la sente proprio sfasciata! Hanno usato un divaricatore ginecologico per farlo e dentro si sente bruciare! Alla fine la usano come orinatoio. Beve la pioggia calda e dorata.
Finisce e la riportano a casa. Non ha la forza di lavarsi e precipita in un sonno che le fa dimenticare i dolori che sente per tutto il corpo.

Il soldato.
Le sue crisi sono sempre più ravvicinate. Uccide per la terza volta. Altro quartiere, un bar nel quale non è mai stato. Non ha neanche cercato una puttana stavolta. Vuole soddisfare il suo bisogno primario e, questa sera, il sesso non lo attira. Trova la sua vittima, la ragione per la quale la sceglie è molto superficiale, non serve più che sia o che sembri un ufficiale, basta che monti quella particolare antipatia che glielo fa odiare.
Lo segue.
Lo uccide. Una cosa troppo facile.
Ma sarà il suo ultimo omicidio.

Una notte, è quasi mattina, lei sta rientrando con la sua macchina da una riunione di sesso alla quale ha partecipato con il suo principale. E’ sfatta… piena di alcol e droga, ha la mente intorpidita anche dai troppi orgasmi che l’hanno sfinita, Il suo corpo mostra tutti i segni delle depravazioni che ha subito. Stavolta coloro che hanno goduto di lei erano davvero tanti, forse troppi.
Corre ad altissima velocità percorrendo le strade periferiche della città, stordita come è non si accorge che una figura sta attraversando la strada e la investe in pieno trascinandola per qualche decina di metri. Infine urta con violenza contro un palo della luce e non avendo la cintura sbatte violentemente il capo contro il parabrezza nonostante la protezione dell‘airbag.

L’ultimo pensiero del soldato è di essere incappato in una maledettissima mina antiuomo lungo la strada per Vukovar, si chiede… ma perché non l’hanno sminata?
Maledetti lecca palle!

Ecco cosa unisce le loro vite, ma è solo un attimo quello che condividono, l’attimo della loro morte.
Nessuno sentirà la loro mancanza, ambedue sono pedine facilmente sostituibili nel grande gioco della vita.



Tibet

Questo racconto di è stato letto 1 3 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.