Erotici Racconti

Storie da spogliatoio - seconda parte

Scritto da , il 2017-12-06, genere bisex

Come ho accennato al racconto precedente, la vita si ripete per cicli.
Quello che vi ho raccontato è un episodio della mia vita di quasi 30 fa…di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia. Continuo a giocare a calcio, a frequentare i campi e gli spogliatoi e sono state numerose le volte che mi sono trovato in quella situazione, sia da vittima che da carnefice!
Nulla è cambiato in questi ambienti, sempre le solite battute sessiste, gli ammiccamenti, i paragoni tra maschi con i loro piselli…la ruota gira!
Ora gioco con una squadra di 40-50enni, stavolta nel club di Genova Oregina, sulle alture. Gioco insieme a Marco M., il mio vicino di casa con il quale ho una relazione sessuale, insieme anche con la moglie Anita.
Come un classico “déjà-vu”, nello spogliatoio si cambiano anche i ragazzetti più piccoli, adolescenti o poco più. Uno di loro, Luigi di 18 anni, ci sembra particolarmente curioso e guardone. Sappiamo già che è un gay dichiarato, ci prova con tutti i suoi coetanei, si struscia addosso nudo mentre passa vicino, entra nelle docce o nei cessi “per sbaglio”, si masturba rumorosamente nelle toilette…Insomma, il ragazzetto è in caccia!
Io e Marco siamo ovviamente attratti da questi comportamenti, dalla sua giovane carne, il suo fisico femmineo, le sue labbra carnose…ci siamo già confessati che mentre scopiamo noi due diverse volte abbiamo pensato a lui…
Memore di quella volta che, trent’anni prima, venni stuprato nelle docce da Giacomo e Luca al soccer-club ERG, proposi a Marco di fare lo stesso a Luigi, sicuri della sua “collaborazione”. Aspettammo il momento giusto per qualche giorno, poi una sera lasciammo uscire tutti dallo spogliatoio, ma nascondemmo le mutande di Luigi in un armadietto, così lui perse tempo a cercarle, rimanendo solo con noi. Marco chiuse lo spogliatoio a chiave, spense alcune luci principali, e facemmo finta di aiutare Luigi a cercare le mutande. Lui girava seminudo, col pisello ballonzolante, per tutto lo spogliatoio. Noi eravamo in accappatoio, lo aiutavamo simulando la ricerca, ma guardandoci l’uno con l’altro con sguardi ammiccanti, fissandoci i nostri piselli allo scoperto, i nostri corpi umidi appena docciati…sembravamo due squali intorno alla preda. Luigi non sembrava particolarmente affannato, anzi sembrava quasi avesse capito tutto vedendo Marco chiudere a chiave la porta. Ci avvicinammo lentamente a lui, chiudendolo in un angolo, addosso a delle panche…tirai fuori le sue mutandine bianche da ragazzetto, e dissi “…cerchi mica queste Luigi…?” poi mi impugnai il mio cazzo già duro e mi masturbai un po’ con le sue mutande, guardandolo con aria di sfida, quindi gliele tirai in faccia…lui le prese e arrossì…io e Marco ci avvicinammo ancora, minacciosi, con i nostri rispettivi uccelli ben stretti in mano…Il ragazzo ci fissava smarrito, come se fosse pentito di quelle sue provocazioni, mentre noi due ormai eravamo eccitati come tori e volevamo possederlo senza pietà!
Senza dire una parola, ci siamo messi di lato a Luigi, gli ho afferrato i capelli in modo violento e l’ho costretto ad inginocchiarsi tra noi due, mettendogli i cazzi davanti alla faccia…Luigi alzò lo sguardo spaventato e mormorò “…scusatemi…in due non so come fare…non l’ho mai fatto…mio dio…ma voi due…?” ma Marco rispose sarcastico “no ragazzino, non siamo finocchi come te, siamo sposati…ma ci piace anche il pisellino” e rise, sentito questo Luigi prese i nostri cazzi in mano e ci masturbò, stringendoli come un bambino stringe i suoi giocattoli preferiti, scappellandoci per bene, poi si volse verso Marco e gli prese il cazzo in bocca spompinandolo, poi prese fiato, si girò e lo succhiò a me e via così alternandosi…era delizioso vedere questo ragazzetto succhiarci i cazzi con tanta foga e impegno, diventare rosso in viso dallo sforzo…ci masturbava tenendoci i piselloni stretti tra le labbra, ogni tanto facendoci male con i denti, la lingua roteare alla rinfusa sulle nostre cappelle…poverino, era ancora inesperto!
Io e Marco ci guardavamo divertiti e smaliziati, due 45enni bisex arrapati come orchi con un ragazzino attaccato ai nostri cazzi, in uno spogliatoio deserto…da racconto porno!
Dopo avercelo succhiato per bene, io venni per primo con una abbondante sborrata in bocca a Luigi, senza preavviso, senza ritegno, senza dignità…lo tenni fermo sul mio cazzo e gli scaricai le palle in bocca…Luigi avvampò di vergogna e soffocamento, glielo tolsi di bocca e gli schizzai un po’ in pieno viso…su quel viso angelico, dai tratti delicati, i capelli biondini e pettinati con la riga da bravo ragazzo…Marco venne subito dopo, con un grugnito animalesco come suo solito, gli sborrò sul viso, sui capelli, sul petto…Marco era proprio una fontana! Lo alzammo in piedi, il suo membro era bello dritto, la cappella quasi tutta fuori dal prepuzio…mi sedetti sulla panca, lo avvicinai e mi presi il suo pisello in bocca e gli feci un bel pompino…il ragazzetto tremava dall’eccitazione, aveva le braccia timidamente immobili, neanche gemeva per la vergogna…assaporai quel magnifico cazzo adolescente, saporito, turgido, bollente…lo masturbai guardandolo negli occhi sorridendo e poco dopo mi venne in faccia, a sorpresa…si inarcò, gemette appena e gli schizzi di sperma mi arrivarono improvvisi, caldi, vischiosi e subito mi imboccai il cazzo succhiandogli la rimanente sborra che sgorgava dal glande gonfio! Che bel pompino…
Marco si era di nuovo eccitato guardandoci, quindi lo aiutai e mettere Luigi sulla panca, in silenzio e d’autorità, con una gamba piegata e l’altra dritta, Marco si chinò sul culetto e iniziò a sputarci dentro allargandogli le natiche con le mani, poi si sputò pure sulla cappella e l’appoggiò in mezzo al culo di Luigi, iniziando a spingere deciso! Luigi lanciò un urlo di dolore, Marco si fermò un attimo ma poi riprese…spinse dentro il suo grosso cazzo senza remore e sfondò il retto del povero ragazzo! Sapevo bene quanto potesse fare male il cazzo di Marco, ma anche quanto potesse far godere una volta dentro il culo…invidiavo quel ragazzino! Mi godetti la scena di loro due che scopavano, il ragazzino sulla panca a pecora e Marco che lo inculava…entrambi gemevano e dicevano frasi sconce…io mi masturbavo seduto sulla panca vicino…l’aria era pesante e sapeva di umido sesso…Luigi mi guardava smarrito e assente, preso dal cazzo nello sfintere del mio amico, io gli sorridevo sardonico…mi avvicinai, lo accarezzai come un cagnolino sulla schiena, la sua pelle era liscia, morbida, il suo corpo scosso dai colpi in culo di Marco tremava. Gli misi la mano sotto la pancia e gli afferrai il cazzetto e lo masturbai, e lui mi guardò sorpreso…era eccitatissimo…lo munsi come una mucca, tirando su e giù il pisello sino a che non pisciò sborra sulla panca sotto di sé…fu bellissimo!
Marco, a quella scena, venne subito dopo “cazzo, eccomi...eccomi…gli sborro in culo a sto frocetto…” e si scaricò nello sfintere della povera vittima sacrificale…Luigi arrossì al sentire le vampate dentro di se, i colpi affondati dell’orgasmo di quell’uomo di 45 anni dentro di lui…Marco si sfilò lurido di umori anali e sperma, e si pulì con l’accappatoio. Io subito mi preparai dietro Luigi, che rimase immobile come una cavia…il suo culetto era rotondo e morbido, gli infilai un dito nel culo assaporando la lubrificazione ancora efficace…lo inculai come una lama calda nel burro…sentii perfettamente i suoi muscoli perianali cedere al passaggio della mia cappella…si lamentò un pochino, poi iniziò a godere come una troietta ormai squartata! Lo scopai senza remore e pietà, le tenevo fermo per i morbidi fianchi e lo inculavo a buon ritmo, vedere il mio bel cazzo entrare e uscire da quel buchino stretto era un vero godimento, lo spingevo dentro con sadica forza…avevo la cappella a fuoco…sentivo il suo retto stretto e nervoso…non ho resistito a lungo, un tremore anticipò la sborrata che non esitai a fargliela dentro…fu bellissimo! Luigi si girò quasi orgoglioso di aver fatto godere così due uomini adulti e esperti, ci guardò sorridente mentre mi sfilavo dal suo culetto…che impertinente!
Io e Marco gli demmo una pacca sul culo “belin Luigi, ci hai fatto proprio divertire…bravo!! Tieniti a portata di mano, che lo rifacciamo…” e andammo a farci la doccia tutti e tre.
Il prossimo che mi dice che il calcio è noioso, lo butto dalla finestra!

Questo racconto di è stato letto 1 5 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.