Erotici Racconti

Storie da spogliatoio - prima parte

Scritto da , il 2017-12-06, genere bisex

Come delle volte la vita ti presenta il conto è impressionante…in un verso o nell’altro.
La mia sessualità ambivalente e morbosa mi ha messo di fronte a situazioni incredibili, in diversi ruoli a seconde dell’età, per esempio.
Da ragazzo, verso i 17 anni, mi ero iscritto come tutti a una scuola di calcio, la ERG a Genova Sampierdarena. Ovviamente, a quella età l’ormone era impazzito già da tempo, avevo fatto le mie esperienze sessuali sia con maschi che con femmine, quindi ero diventato insaziabile e oltremodo curioso di sempre nuove avventure.
Negli spogliatori era un continuo guardare e non guardare gli altri ragazzi, sia coetanei che più grandi. Alcune sere ero così eccitato che dovevo masturbarmi a casa prima di uscire e poi sfinirmi sul campo per sostenere l’atmosfera goliardica e ambigua che si era creata. Con noi si cambiavano i ragazzi più grandi di qualche anno, che giocavano in “promozione”, bellissimi ragazzi di 25-30 anni, con dei fisici perfetti e scolpiti dallo sport, ormai già maturi e completi, non come noi adolescenti ancora da sviluppare del tutto, la voce roca, la peluria in crescita, lo sguardo smarrito…
Mi ero documentato parecchio su riviste porno e dvd gay sull’ambiente degli spogliatoi sportivi ed ormai era assurto a luogo di incontri e accadimenti erotici per eccellenza, quindi ogni volta che entravo la mia fervida fantasia correva all’impazzata. Odore di sudore, maglie e pantaloncini sporchi, vestiti appesi o gettati alla rinfusa, asciugamani umidi in terra…ma soprattutto docce per tutti! Andare in doccia era diventato una tortura, sia i miei coetanei che i ragazzi più grandi mostravano con disinvoltura i loro membri baldanzosi e i loro testicoli ciondolanti, i loro culi sodi e muscolosi, le cosce pelose o glabre, i petti robusti e le braccia magre ma nervose…un delirio, anche per un bisex come già avevo capito di essere.
In particolare, due ragazzi Giacomo F. e Luca T.entrambi di 30 anni sembravano essere attirati dai miei sguardi e ricambiarli volentieri, ovvero gli sguardi mirati sui loro cazzi meravigliosi, solamente da mosci. Andare e venire dal bagno, pisciare insieme, entrare e uscire dalla doccia, sfiorarsi bagnati o sudati, scambiarsi gli asciugamani intrisi dei nostri effluvi da maschi…alcune volte mi trovavo il cazzo in erezione e dovevo fare i salti mortali per nasconderlo, entrare in un bagno e masturbarmi in silenzio e sborrare dentro la tazza, scappare un’altra volta in doccia e aspettare che si ammosci, o vestirmi di corsa e scappare via a casa a farmi una sega! Un inferno…
Ovviamente, ai due ragazzi questo atteggiamento non era sfuggito, e mi trovavo sempre i loro occhi addosso, come io avevo notato le due fidanzate che li aspettavano fuori alla fine dell’allenamento e portarli via i auto. La confusione aumentava, e quindi anche l’eccitazione!
L’allenamento della domenica pomeriggio, il più sfigato, non viene quasi nessuno. Solito scambio di sguardi con i due adulti, il cazzo quasi dritto nei pantaloncini di raso, entro in campo per scaricarmi, allenamento intenso…si rientra negli spogliatoi. Ci spogliamo, chi va via subito, chi si fala doccia e poi scappa, rimaniamo in pochi a chiacchierare e scherzare, di entrambe le squadre. Vado in doccia, loro due sono davanti alle porte di vetro e parlano, mi guardano e sorridono maliziosi, sono nudi con l’asciugamano buttato sulla spalla…entro e chiudo la porta di vetro. Mi insapono tutto, passo la mano sulle natiche più volte e non resisto a infilare dentro il mio piccolo culetto tutto il dito, che entra benissimo con la lubrificazione. Un brivido caldo mi percorre il corpo, insisto nell’infilarlo sempre più dentro con la scusa di lavare bene il retto…sento le voci di Luca e Giacomo appena oltre la porticina, sono in piedi e nudi a un metro da me, il mio uccello di drizza come un bastone, le palle si irrigidiscono…la mano insaponata lo impugna e scorre fluida lungo tutta la lunghezza, scappellandolo subito…altro brivido…ripasso con la mano sul cazzo, e ancora e poi ancora, il sapone amplifica l’effetto…ancora faccio scorrere la mano, stringendo le dita intorno al mio dignitoso cazzo da adolescente. In breve, mi accorgo che mi sto masturbando lentamente, mi giro verso il muro e continuo, vorrei smettere ma non ci riesco…sento ancora le loro voci e risatine maschie dietro di me, a un metro. Perdo ogni controllo, l’eccitazione sale, lentamente mi giro verso destra, mettendo in mostra quello che sto facendo dal vetro semitrasparente, la sega ormai è partita e evidente a chi guarda da fuori. Con la coda dell’occhio vedo i due che mi fissano attraverso la porticina e sghignazzano increduli e divertiti. Continuo la sega, nella speranza di un accadimento…!
Luca si avvicina alla porticina, la socchiude e vedo i suoi occhi celesti che mi scrutano il cazzo e ride esclamando “ma Andrea, ti stai mica masturbando ehh!??...belin ti sembra questo il posto…vabbè che hai 17 anni, ma certe cose falle a casa noo?!” io lo guardo come stupito che mi abbia scoperto, lascio il cazzo e arrossisco dalla vergogna, ma abbassando gli occhi sul suo pube vedo chiaramente che il suo uccello è spaventosamente dritto, come un fuso! Luca entra poi nella cabina doccia con modo prepotente “…lo sai che in questo club non ci si sega da soli nelle docce, il Mister vuole che facciamo tutto insieme…tu sai che il Mister ci ha svezzato a tutti vero??” e ghigna sardonico…in effetti giravano strane voci sull’allenatore, che gradiva le attenzioni dei ragazzi oltre che quelle della moglie ma mi sembravano leggende da soccer club!
Luca mi spinge nell’angolo della doccia, mi guarda eccitato e mi prende la mano mettendola sul suo enorme cazzo da trentenne “…allora, se proprio vuoi, mi puoi fare un servizietto a me e Giacomo…altrimenti belin ti sputtaniamo per tutta Sampierdarena che ti fai le pippette sotto la doccia…” preso dall’eccitazione e dalla vergogna, inizia a masturbarlo a occhi bassi e rosso in viso, facendolo diventare durissimo tra le mie dita. La cappella venne subito fuori ed era enorme, Giacomo poi si affacciò nella cabina e ci sorrise e provvide a mandare via con una scusa chiunque voleva farsi una doccia in quella zona dello spogliatoio, per poi riprendere a spiarci, toccandosi anche lui il suo cazzo drittissimo. Luca mi guardava bramoso, mi prese la testa e mi abbassò a forza in ginocchio, l’acqua bollente creava una cortina di vapore intorno a noi, l’atmosfera era magica! Aprii la bocca e inghiottii quel meraviglioso membro, durissimo, nerboruto, e comincia a spompinarlo come avevo fatto già alla mia età decine di volte…succhiare il cazzo di quel trentenne era un vero godimento, facevo avanti e indietro con foga e impegno, masturbandolo anche tra le labbra…Luca gemeva sempre di più, mi teneva la testa per i capelli con due mani, e mormorava “succhia…succhia…dai frocetto, succhiami il cazzo…cristo Andrea come sei bravo, che bravo frocetto…dai dai dai che sborro!!” aumentai il ritmo, scorrendo su quell’asta a labbra serrate, la mano che sosteneva i grossi coglioni e l’altra che lo segava…subito dopo si piegò sulle gambe, un fremito lo scosse e mi preparai…dei violenti fiotti grumosi e abbondanti di sborra mi invasero la bocca, resistetti a bocca chiusa ingoiando quello che potevo, poi la spalancai a Luca finì di schizzarmi in faccia, lo masturbai e ancora usciva sperma, colando sul piatto della doccia…lo ripresi in bocca succhiandolo sino alla fine. Feci per alzarmi, ma Luca mi costrinse a stare giù in ginocchio “che minchia vuoi fare Andrè…mica hai finito con noi…c’è anche Giacomo che ti vuole dare una cosa…” Luca uscì ridendo dalla cabina e entrò Giacomo, già con il cazzo dritto in mano…in quel momento mi sono sentito veramente sfruttato, come una donna da strada, una puttana…era quello che volevo? L’ho provocata io quella reazione? Giacomo si mise di fronte a me, il pisellone eretto davanti alla mia faccia e sorrise sarcastico “allora frocetto, che facciamo? Tra poco rientra pure il Mister dal secondo turno…belin succhiamelo dai!!” sorrisi e impugnai quello splendido cazzo ingoiandolo tutto e spompinando anche Giacomo, passando la lingua su quello grossa cappella bagnata dall’acqua bollente che ci inondava dall’alto, palpando anche a lui le palle pelose, carezzando le cosce muscolose da calciatori come una femmina qualsiasi…il suo cazzo mi pulsava in gola, facevo avanti e indietro ritmicamente, sino a sentirlo gemere con vari grugniti “che bello…belin che pompa…vai Andrè vai che godooo…ti sborro in bocca, vai vai…” e senza nessun riguardo mi eiaculò in piena gola! Una raffica di schizzi di sperma mi riempì la bocca, già impastata della quella di Luca, ingoiai tutto e seguitai a succhiarlo avidamente, con l’intenzione di fare bene il mio compito! Con la coda dell’occhio vedevo Luca che ci spiava dalla porticina, masturbandosi, e il suo cazzo era di nuovo duro e grosso…Terminato il pompino, Giacomo uscì soddisfatto dalla cabina-doccia, facendo apprezzamenti pesanti sulle mie qualità di maschio pompinaro, allora entrò di nuovo Luca, in piena erezione, mi alzò e mi fece appoggiare contro il muro allargandomi le cosce “dai cazzo Andrea, mettiti bene a gambe larghe, mi hai fatto eccitare come una bestia…stasera ti voglio pure inculare…è parecchio che ci rompi i coglioni guardandoci, ti vediamo… hai voglia di noi maschi eh frocetto!?...” e con un fare prepotente e senza farmi replicare (non l’avrei fatto…) prese del bagno schiuma e me lo passò in mezzo alle piccole chiappe, infilandone un po’ nel buchino del culo con le sue belle dita, lubrificandolo…poi si masturbò lievemente con la mano insaponata, rendendo viscido anche il suo uccellone e senza tanti complimenti me lo mise sul bordo del culo e lo spinse dentro, dal basso verso l’alto, con foga e decisione, inculandomi veramente senza pietà…l’ho sentito entrare dentro di me, dentro il mio retto, ho sentito il calore e il turgore del suo membro spanarmi tutto d’un colpo…aprii la bocca per prendere respiro e urlare sordamente e l’acqua della doccia mi invase la gola…Luca appena mi impalò, arrivando con la cappella sino in fondo allo sfintere, iniziò a scoparmi come un indemoniato, dandomi dei colpi secchi e affondati, tenendomi ben bene per le spalle…sentivo il suo bacino scontrarsi col mio culo, il suo cazzo scorrermi nelle viscere…l’acqua bollente inondarci entrambi…che vigore! Io ero al settimo cielo, sentivo finalmente questo maschio giovane e violento possedermi senza remore, eccitato e d’istinto mi masturbai e sborrai quasi subito addosso al muro maiolicato della doccia…schizzi dopo schizzi mi svuotai tutto, provando un senso di liberazione e vergogna insieme. Mi godetti ancora un po’ la mia eccitazione, il mio pene fece fatica ad ammosciarsi, e Luca continuava a scoparmi con tanta foga.
Ma durò molto poco, perché eravamo veramente a rischio di essere scoperti da altri giocatori, quindi Luca affondò alcuni colpi velocemente, si lasciò andare a una serie di grugniti animaleschi come solo noi uomini sappiamo fare “ooohhh…belin che culo, manco Eleonora ce l’ha un culetto stretto così…cristo Andrèsborrooooo…eccolo eccolo eccolo…” e una vampata mi pervase dentro, percepivo col pensiero una colata di sperma dilagarmi nel retto…il suo membro fece ancora avanti e indietro qualche volta, poi uscì, lasciando la classica sensazione di vuoto e aria nel culo. Rimase dietro di me qualche secondo, si sciacquò il pisello mezzo moscio col sapone e poi uscì dalla cabina, lasciandomi senza fiato, senza parole, senza dignità, a fissare la parete bianca di fronte a me. Li sentii mormorare qualcosa di maligno sulla mia omosessualità, sulle loro prestazioni, sulle mie “grazie”…le solite cose dei maschi repressi.
Mi lavai per bene, anche dentro il culo ancora pieno di sperma, e mi sciacquai bene la bocca anch’essa ancora un po’ impastata della loro sborra…uscii dalla doccia che Luca e Giacomo erano già andati via, e li vidi in lontananza all’uscita sorridere e baciarsi con le loro fidanzate e andarsene via in auto.
Sorrisi anch’io, amaramente.

Questo racconto di è stato letto 1 9 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.