Erotici Racconti

Amici fratelli

Scritto da , il 2017-12-05, genere incesti

AMICI FRATELLI

Tra i tanti amici che avevo c’era una coppia di gemelli. Erano un maschio e una femmina ed erano di una bellezza unica.
Andrea, il nome del ragazzo, era un biondino filiforme; i capelli portati lunghi gli davano una nota di femminilità. Aveva un fisico senza peli, con una muscolatura già formata anche se molto giovane.
Giocavamo entrambi a tennis e quando andavamo a fare la doccia dovevo sforzarmi per non tentare un qualsiasi approccio. Aveva un culetto sodo e un po’ sporgente ed un uccello di tutto rispetto.
La sorella, Angela, era molto simile a lui ed aveva un seno che prometteva bene.
Con questi gemelli ero praticamente di casa e considerato alla stregua di un fratello.
Loro venivano da me ed io da loro senza problemi e le porte di casa sempre aperte consentivano le visite senza chiedere permesso.
Spesso si parlava di sesso, ma le nostre esperienze erano molto limitate e scaturite dalla lettura di fumetti o, quando potevamo, alla lettura di riviste porno.
Parla oggi, parla domani mi sono trovato solo con Andrea e, sfogliando una rivista, ci è presa la voglia di farci una sega.
Ci siamo spogliati e le nostre mani hanno impugnato i cazzi altrui. Sfogliando abbiamo visto le foto di due gay che facevano un 69. In un attimo abbiamo fatto lo stesso e ci siamo ritrovati a farci un pompino da favola che ci ha fatto inghiottire un mare di sborra.
Calmati un poco gli animi abbiamo continuato a leggere fino a che non abbiamo trovato una scena di incesto tra fratelli e sorelle. Mai e poi mai pensavamo che fosse possibile farlo nella realtà e ci siamo salutati.
Il giorno successivo i miei e loro genitori si sono recati in una città vicina dicendoci che sarebbero rientrati a notte fonda.
Non ho dato peso alla cosa e mi sono recato a casa dei gemelli.
Non so per quale motivo avessi cercato di non fare rumore, ma il mio atteggia memento fu ripagato abbondantemente.
Dirigendomi verso la loro camera da letto, che era anche la nostra sala giochi, ho sentito dei gemiti venire dalla stanza, che aveva la porta socchiusa.
Andrea ed Angela erano stesi sul letto e si leccavano i rispettivi organi genitali.
Le loro bocche si infilavano in ogni buco possibile.
Andrea leccava fica e culo infilando prima uno e poi due diti in quel culo da sballo.
Angela faceva scorrere la sua lingua dalla cappella al buco del culo e mentre si infilava tutto il bastone in gola faceva un massaggio prostatico al fratello.
Non sapevo se entrare o rimanere ad osservare. Ad un certo punto Angela si è messa a pecorina, ha allargato le sue chiappe pregando il gemello di incularla.
La rosetta, abbondantemente lubrificata, si è dilatata per permettere l’ingresso di un cazzo duro come il marmo.
I miei pantaloncini non riuscivano più a contenere il mio uccello per cui mi sono spogliato e sono entrato.
Quando mi hanno visto hanno avuto un moto di sorpresa, ma mi hanno invitato a partecipare.
Mi sono fatto fare un pompino da Andrea e quando il mio cazzo era ben lubrificato, ho iniziato a leccargli il buco del culo e a spingere il mio attrezzo in quel pertugio. Il suo urlo di dolore si è presto trasformato in un rantolo di piacere.
Angela, sentendosi spingere con più vigore ha cercato di liberarsi e prima che il fratello esplodesse gli ha fatto un pompino ingollando l’uccello fino alle palle, accarezzando nel frattempo le mie palle.
In men che non si dica ho fatto un clistere di sborra ad Andrea, sborra che è andata ad unirsi a quella che Angela gli stava ingollando.
Ci siamo un momento riposati e mi hanno detto che erano stati colpiti dalle scene della rivista porno e che avevano voluto imitare le porno star.
Aprendo ancora il giornale, lo abbiamo sfogliato e abbiamo copiato le varie posizioni.
Angela sembrava un’ indemoniata; si è aperta completamente la fica e ci ha invitato a scoparla, ha voluto che la prendessimo in contemporanea in culo e fica e ci ha prosciugato le palle.
Sembrava finita, ma così non è stato. Angela e Andrea si son voluti mettere a pecora con il culo all’aria e mentre si baciavano mi hanno pregato di incularli.
Se non fosse stato perché da un culo si intravedeva la fica e dall’altro due palle, avrei giurato che era lo stesso culo.
Rosei, sodi, perfetti: con le rosette che si erano già richiuse e sembravano vergini.
Me li sono inculati per un tempo interminabile fino a che mi hanno fatto un pompino a due bocche e quattro mani.
E’ stata poi la volta di Andrea, che ha voluto mettermelo nel culo mentre la sorella si era messa in posizione di 69 offrendomi la sua fica e leccandomi le palle.
E’ stata una giornata memorabile.

Questo racconto di è stato letto 4 5 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.