Il rivale II parte

Scritto da , il 2017-06-21, genere etero

Erano ormai passati due anni dall'incidente ed era riuscita finalmente ad ottenere un contratto di lavoro stabile in una struttura di assistenza psichiatrica. Per festeggiare questo traguardo organizzò una cena invitando una decina di persone a lei vicine. Tra queste vi era anche Massimo, un medico di base cinquantenne con cui era uscita qualche volta negli ultimi mesi. Fra me e lui fu subito reciproca antipatia. La cena, sobria ma deliziosa si era conclusa intorno alla mezzanotte ma io e Massimo ci eravamo soffermati per aiutare Annalisa a rimettere in ordine. Per me questo era un gesto assolutamente normale. Non riuscivo a comprendere, invece, la permanenza del dottore. Annalisa me ne aveva parlato come un discreto corteggiatore a cui lei non aveva concesso altro che una educata attenzione di cortesia. Dal canto suo Massimo non aveva fatto altro che alludere, ogni volta che Annalisa era fuori dalla portata d'ascolto delle nostre  conversazioni, ad un reciproco e profondo coinvolgimento affettivo e sessuale. Inoltre tendeva sempre a sottolineare una presunta inopportunità della mia presenza.
Quel tipo mi sapeva di viscido e mi ero fatto punto d'onore non andar via da quella casa prima di lui e quindi concedergli di restar solo con Annalisa. La nottata si trascinava quindi fra sigarette e giri di grappa e rum. La nostra ospite sembrava divertita da questa situazione e non sembrava avere intenzione di risolvere quel conflitto invitandoci ad un commiato contemporaneo. Mancava poco meno di un'ora all'alba. Io mi avvantaggiavo  nella mia più giovane età e dell'abitudine alle notti della movida. Il dottore invece arrancava soprattutto perché lo provocavo alla bevuta portandolo ben oltre le sue soglie di resistenza. Alla fine capitolò e cominciò beatamente a russare raggomitolato sulla poltrona. Anche Annalisa cominciava a sentire la stanchezza della giornata e si adagiò sul divano. Le proposi un massaggio rigenerante millantando grande esperienza. Lei sapeva che non era vero ma scelse di stare al gioco. Si assentò qualche minuto dalla stanza tornando vestita con uno short ed un top a canottiera e porgendomi un flacone di olio per il corpo. Si distese prona sul divano. La posizione non era molto agevole ma mi ci adattai. Più che un massaggio era una carezza delicata. Percorrevo il suo corpo rilassato con le mie mani unte. Toccavo ogni lembo di pelle con dolcezza ed un pizzico di malizia. Quel contatto non mi era indifferente, anzi sin da subito mi aveva provocato una violenta erezione. Di tanto in tanto guardavamo Massimo che appariva preso da un sonno pesante e profondo. Questo particolare la rassicurò e convinse a togliere il top, che sporcato dall'olio tendeva ad appiccicarsi sulla pelle. Non aveva indossato il reggiseno e la guardavo estasiato vestita solo da uno short. Era sempre distesa a pancia in giù e non potevo vederle i seni ma era ugualmente uno spettacolo altamente erotico. Ero passato intanto a "massaggiare" le gambe. Le percorrevo per l'intera lunghezza, le carezzevo i piedi sino alle dita e nel risalire osavo sino all'interno coscia sfiorandole l'inguine. Il suo respiro si era fatto roco, e ad ogni passaggio sulle cosce divaricava leggermente le gambe per consentirmi un contatto più deciso con le labbra vaginali. Ogni tanto trasalivamo per uno sbuffo o un lamento di Massimo, ma ormai il desiderio ci aveva preso ed era indubbio che buona parte della eccitazione traesse linfa proprio da quella insolita presenza. Alle mani avevo aggiunto le labbra che percorrevano la schiena fino al collo, le dita s'erano fatti audaci ed entravano nel suo sesso dischiuso e bagnato. La stavo masturbando e lei mi incitava  con ansimi e mugugni di piacere.
Caduta ogni residua remora si girò e ci intrecciammo in un lungo e vorace bacio. Letteralmente ci stavamo divorando, dimentichi ormai della presenza del dottore. Ci staccammo a fatica, ma io desideravo vederla nuda. Le sfilai lo short ed il perizoma e mi dedicai ad un appassionato cunnilingus mentre le mie mani stringevano con voluttà i suoi bellissimi seni sodi e sormontati da due grossi capezzoli. Leccavo con goduria le sue labbra aperte. Erano grandi e carnose, con un clitoride pronunciato e sensibile. Mi teneva la testa con le mani e ripeteva il mio nome come in trance. Mi fermai poco prima che il suo orgasmo esplodesse e, limitandomi ad abbassare i pantaloni giusto il necessario per liberare il mio cazzo, le entrai dentro con un affondo deciso e secco. Era così bagnata che sembrava m'avesse quasi risucchiato. La sua figa calda pulsava intorno al mio sesso. Bastarono poche spinte per esplodere in un orgasmo simultaneo. Spruzzai il mio sperma sulla sua pancia e sul seno. Alcuni schizzi le arrivarono sul viso. Eravamo sfatti da quell'amplesso che, per quanto breve, era stato torrido ed irruente. Restammo abbracciati a baciarci per qualche minuto, poi lei si allontanò per recuperare dei fazzoletti e ripulirsi un po'. Approfittai di questa sua assenza per avvicinarmi a Massimo. Sembrava sempre dormiente ma avevo la sensazione di un qualcosa di artificioso, come se si fosse svegliato e nell'imbarazzo avesse scelto di continuare a far finta di dormire.
Annalisa ritornò ancora nuda. Ne fui piacevolmente sorpreso. Ero quasi sicuro che sarebbe ritornata vestita e contrita per quel momento di follia erotica. Invece con uno sguardo mi chiese solo conferma del sonno del dottore. Mi limitai ad annuire senza esprimere i miei dubbi. Speravo, anzi volevo, che il tipo fosse sveglio e che assistesse al nostro erotismo. Desideravo umiliarlo e l'idea che tutto potesse avvenire senza che lui ne avesse coscienza mi infastidiva.
Nel frattempo Annalisa mi aveva ricondotto sul divano e mi stava sollazzando con un dolcissimo pompino. Leccava tutta la lunghezza dell'asta, vellicava il glande, ne suggeva la punta e poi ridiscendeva sullo scroto e fino al perineo. Ogni tanto abboccava oppure massaggiava l'asta facendola insinuare nel solco dei seni. Anche se stordito da un piacere intenso, guardavo di tanto in tanto il dottore e traevo conferma della mia sensazione. Non russava più e il suo viso non era disteso. Fra l'altro all'altezza del suo cavallo sembrava essersi abbozzata una discreta erezione. Annalisa invece sembrava completamente dimentica o incurante dell'ospite.
Il suo lavoro di bocca aveva avuto la capacità di restituirmi una nuova vigorosa erezione. Apparve molto soddisfatta della mia reattività. Mi spogliò completamente e mi spinse sul divano salendomi a cavalcioni. Sentii la sua figa dischiudersi intorno al glande e poi avvolgere il cazzo per la sua intera lunghezza. Abbracciata al mio collo si muoveva sinuosa, una danza sensuale che la faceva sussultare di piacere. Mi baciava voluttuosamente, i suoi seni sfregavano sul mio petto.
Come una litania ripeteva il mio nome. La sentivo presa da un piacere intenso, agognato. Le mie mani stringevano i suoi glutei pieni e sodi. Con la coda dell'occhio avevo colto Massimo con gli occhi socchiusi. Avevo la certezza che stesse guardando da un po. Questo pensiero mi galvanizzò. Fuori cominciava ad albeggiare e un riflesso di luce rossastra rendeva l'atmosfera intensamente erotica. L'orgasmo di Annalisa montò lento. Sentii il suo piacere crescere man mano d'intensità e il ritmo del suo bacino farsi via via più convulso. Il climax arrivò con un lungo guaito e convulsioni scomposte. Si accasciò su di me per qualche minuto mantenendo dentro la mia erezione non ancora soddisfatta. La baciavo sui capelli e sulla fronte. Ripreso fiato mi fece uscire e si inginocchiò a terra fra le mie gambe, ricominciando un delizioso lavoro di bocca. Trasudava una sensualità infinita ed il suo appagamento aveva sopito l'urgenza lasciando il posto ad una passionalità sapiente che mi faceva godere di un piacere raffinato, elegante. Accolse il mio sperma nella sua bocca. Tutto. Eravamo entrambi appagati e sereni. Guardammo il corpo dormiente di Massimo. Le sfuggì una risatina maliziosa. Il mio invece era un vero e proprio ghigno. Si allontanò per riassestarsi e mi chiese di metter su la macchinetta del caffè. Quando fu pronto riempimmo tre tazze ed una la portammo sul tavolino vicino alla poltrona occupata dal dottore. Lo svegliò scuotendolo leggermente. Non era un bravo attore e anche Annalisa prese consapevolezza del fatto che non avesse dormito per tutto il tempo, ma fece finta di nulla. Bevemmo il caffè recitando una surreale sceneggiata e poi noi due maschietti lasciammo la casa. Appena fuori la vista di Annalisa, Massimo mi rivolse uno sguardo feroce a cui con nonchalance risposi mostrandogli il mio dito medio.

Questo racconto di è stato letto 2 4 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.