Erotici Racconti

Divisa in due 1. Gli inizi

Scritto da , il 2017-04-20, genere tradimenti

Quando conobbe Davide Gabriella aveva superato da poco i quarant’ anni e non avrebbe mai pensato di ritrovarsi per così tanto tempo in una situazione che le avrebbe creato soddisfazione, piacere, disinibizione ma anche sensi di colpa, dubbi, sofferenza.

Davide era arrivato in quell’ ufficio portando con sé l’ entusiasmo e la vitalità dei suoi ventotto anni ma anche i problemi e la crisi del suo matrimonio che dopo tre anni sembrava già stanco e consumato; cercava, è vero, qualche diversivo, ma non aveva lo spirito del conquistatore né la spavalderia di chi trova occasioni da consumare nel giro di una nottata di sesso senza problemi il giorno successivo a scaricare la puttanella di turno con un arrivederci e una pacca sul culo. Aveva però provato simpatia istintiva per quella donna carina, decisamente giovanile nel fisico e nell’ abbigliamento, al punto che si stupì non poco quando seppe la sua età, che gli raccontava, nei momenti di pausa sul lavoro, delle sue vicende casalinghe legate ad un marito violento e possessivo che da anni era pronto a criticare ogni suo gesto, ad offenderla in ogni circostanza, ma poi, dimenticandosi dei suoi gesti e delle sue parole, diventava improvvisamente complimentoso e gentile per ottenere, con frequenza notevole, rapporti sessuali che Gabriella a volte cercava di rifiutare, rimediando risposte offensive come: “Tanto basta che apri le gambe!”, a volte gli concedeva con disponibilità e sottomissione, convinta da quei gesti gentili e da quelle parole affettuose e dalla consapevolezza che quello era il suo ruolo e il suo dovere. Diventava così la gattina che lui voleva e cominciava a strusciarglisi contro sbaciucchiandolo sul collo e sulle orecchie e toccandogli con delicatezza il cazzo che non tardava a gonfiarsi dentro i pantaloni; gli sollevava la maglia e iniziava a leccargli il petto e i capezzoli facendo scorrere la lingua su e giù dalla bocca fino all’ ombelico. Basilio non sempre era disposto ad accettare questi giochini che considerava inutili perdite di tempo e solo rischi di venire troppo presto senza provare la vera soddisfazione che, per lui, era solo quella di scopare; così qualche volta lasciava che la moglie si divertisse con quei preamboli, ma molto spesso agguantava con irruenza Gabriella, la portava sul letto e lì cominciava a scoparla con intensità e irruenza: appoggiava le mani sul letto e cominciava a pompare, instancabile, andando avanti per un tempo a volte lungo, a volte breve ma attento esclusivamente al suo piacere; se le toccava i seni era per stringerli o schiacciarli tra le sue mani possenti, ma mai per una carezza e se l’ abbracciava era più con la violenza che con la delicatezza. Quando raggiungeva l’ orgasmo o veniva dentro la figa oppure estraeva il suo cazzo per esplodere in getti violenti sulla pancia o sulle tette di Gabriella che spesso restava inappagata, a volte avvilita, a volte in preda ad un desiderio violento; in quei casi provava a toccare il membro di Basilio, che stava afflosciandosi dopo la lunga cavalcata, per farlo rizzare nuovamente in modo da trovare anche lei un po’ di piacere. Basilio non esitava a reagire con la sua grossolanità: “Non ne hai mai abbastanza” le diceva, “Hai preso cazzo per più di mezz’ ora e sei di nuovo a cercarne; l’ ho sempre detto che voi donne siete sempre pronte a scopare e non siete contente se non prendete la vostra bella razione di cazzo tutti i giorni. Adesso però sono stanco e dovrai aspettare il prossimo giro: mi raccomando solo di non andare in giro con questa voglia, sai che l’ unico uccello che ti spetta è il mio, vero porcellina?” Gabriella sorrideva, sapeva che Basilio si divertiva a fare battutine spinte e a provocarla in quel modo, ma era un modo per mostrarsi soddisfatto, incassava la battuta, si teneva la voglia e ricominciava a fare le sue attività casalinghe.

Davide ascoltava questi racconti in uno stato d’ animo complesso: da un lato provava una velata eccitazione per quei modi rudi in cui il marito trattava Gabriella, dall’ altro sentiva crescere la rabbia per ciò che quella donna doveva subire e per il fatto che sembrava che lei non si rendesse conto di quelle umiliazioni: per lei era tutto normale, salvo quando Basilio esagerava e le discussioni degeneravano in botte e insulti: ma anche in quei casi subentrava la giustificazione e presto quegli episodi venivano prima ridimensionati e poi dimenticati. Così almeno sembrava a Davide: in realtà Gabriella aveva un aspetto del carattere così accondiscendente che si trasformava in sottomissione e talvolta in masochismo; era così sul lavoro, era stato così con il suo primo ragazzo, lo sarebbe stato tempo dopo con Davide, ma lo era soprattutto con Basilio: in fondo non avrebbe mai potuto fare a meno delle sue umiliazioni, dei suoi insulti, delle sue offese, ma nemmeno delle sue scopate violente, dei suoi ceffoni, dei suoi modi violenti. A Davide però non lo avrebbe detto mai per paura di spaventarlo, ma soprattutto di perderlo. Sì perché, mentre Davide si sentiva sempre più innamorato, anche Gabriella si stava affezionando a lui affascinata dai suoi modi gentili, dalle sue premure, dalle sue gentilezze e non per ultima dalla sua età.

Gabriella era ancora molto piacente e giovanile, dimostrava sicuramente una decina di anni di meno, magra, fisico ben fatto, alta poco più di un metro e sessanta, due tette non troppo grandi, ma ancora erette e in grado di soddisfare le mani che si riempivano di esse, un culo alto e sodo che sporgeva invitante al fondo della schiena, due gambe affusolate e un viso estremamente accattivante contornato da capelli castani tendenti al rosso che generalmente portava lunghi sulle spalle e liberi, spesso ingentiliti da una frangetta che non abbandonava neppure quando venivano tagliati a caschetto o quando li tirava su legati in modo elegante ed eccitante sulla nuca. Non era però così certa di risultare attraente nei confronti di un uomo ancora giovane, che avrebbe potuto avere chissà quante sue coetanee disposte a darsi da fare, e temeva per altro di diventare un suo sfizio del quale avrebbe potuto vantarsi con gli amici: ma se lui avesse fatto il primo passo sarebbe stata disposta a correre quei rischi, e soprattutto quelli con Basilio, per averlo.

Davide la invitò una sera a cena e con suo grande stupore Gabriella accettò subito: fu una serata dove soprattutto parlò lei, ma nella quale con naturalezza si scambiarono i primi baci appassionati sentendosi attratti l’ uno verso l’ altra in un modo intenso che per anni ( ma loro non potevano saperlo ) li avrebbe tenuti legati ed inscindibili. Nelle settimane successive la loro intimità crebbe e il loro rapporto clandestino si andò fortificando sempre di più: i baci si fecero più audaci, gli incontri fuori dall’ ufficio si intensificarono, sempre nei tempi adatti a non creare sospetti, e poco alla volta non poterono più fare a meno di quei momenti; l’ inverno fu loro amico perché nelle sere presto buie riuscivano a rubare qualche momento di passione e di sesso in macchina prima di ritornare a casa: Davide sapeva eccitare Gabriella con facilità e maestria, le accarezzava i seni, glieli sfiorava con le dita e con il palmo della mano aperta interrompendo quando sentiva crescere l’ eccitazione di lei, le sfiorava le labbra facendoci scorrere le dita sopra per poi avventurarsi con esse dentro la sua bocca; lei le succhiava prima una, poi due, poi tre facendo scorrere le labbra su di esse, succhiandole e poi leccandole dopo averle tolte dalla bocca. Poi però ritornava a succhiarle gemendo e gustandosele. “Baciami, toccami, ti desidero, ho voglia di te, ho voglia di baciarti tutto, ho voglia di sentire la tua pelle.” gli diceva; Davide a quelle parole provava sensazioni magnifiche e sentiva quasi gli stessi brividi che gli procuravano le mani di lei quando lo accarezzavano o le labbra quando lo sfioravano; allora iniziava ad accarezzarle la figa che spesso trovava già bagnata e grondante di umori: le sfiorava il clitoride e piano piano infilava le sue dita dentro facendole scorrere senza difficoltà; la penetrava con le dita e con il pollice la stuzzicava nel punto più sensibile, poi toglieva la mano da dentro le sue mutandine e gliela riportava alla bocca: lei con naturalezza ricominciava a leccarla e a succhiarla ripulendola dei suoi umori mentre Davide cercava con gli stessi di impiastricciarle il viso. “Mi piace quello che mi fai” gli diceva, “mi fai sentire donna e ho voglia di farti tutto quello che vuoi! Sono tutta tua, fammi godere che io faccio godere te nel modo che ti piace di più”. Davide era estasiato da quelle parole e sentiva crescere la sua eccitazione nell’ ascoltare quelle parole; non gli era mai capitato e si godeva quei momenti in modo totale ed assoluto. Quasi sempre era lei in quelle circostanze che raggiungeva per prima l’ orgasmo per poi dedicarsi a lui: cominciava ad accarezzargli il membro da sopra i pantaloni, poi glieli sbottonava, slacciava la cintura e a quel punto affondava il viso sul suo basso ventre, da sopra gli slip cominciava ad annusare il suo odore che la faceva impazzire; lì con il naso affondato nelle sue mutande le sembrava di impazzire dal piacere, quell’ odore le avrebbe fatto fare qualunque cosa, si sentiva porca e da porca voleva comportarsi; così tirava fuori la lingua leccandogli il cazzo da sopra gli slip ma, sentendo il gusto del liquido seminale che, uscito, lì si era depositato; con i denti afferrava l’ elastico e tirandolo verso di sé dava libero sfogo a quel membro di uscire dalla sua gabbia, con le mani gli abbassava le mutande e per prima cosa andava a leccare il liquido che si era fermato al loro interno; poi guardando Davide negli occhi gli chiedeva: “Posso baciartelo? Ne ho una grande voglia”. Lui la guardava e le rispondeva: “Certo, è tutto tuo”. Allora Gabriella iniziava il suo pompino con delicatezza ed attenzione. Gli leccava tutto il glande facendo scorrere la lingua dalla punta fino all’ attaccamento con i coglioni, poi risaliva e con la lingua gli leccava la punta e provava ad infilarla nel buchetto. Davide fremeva, tremava, a volte sentiva avvicinarsi il momento dell’ eiaculazione e cercava di fermarla: “ Aspetta” le diceva, “Aspetta un momento” ma lei sorridendogli gli rispondeva: “Lasciami lavorare, sto facendo un lavoro importante e difficile” e così ricominciava a succhiare e a leccare: il cazzo di Davide le riempiva la bocca, le toccava il palato e lei lo avvolgeva con le labbra e la lingua; tenendolo in mano lo succhiava muovendo su e giù la testa con un movimento dolce e non troppo affrettato; ogni tanto interrompeva per dirgli: “Che cannone che hai! Che grosso che è il tuo cazzo! Mi piace il tuo cazzo, da morire, sono più innamorata di lui che di te” e detto questo riprendeva a succhiare fino a che Davide non esplodeva nella sua bocca. Allora aspettava che lui finisse di sborrare, teneva il suo sperma in bocca gustandone il sapore e poi aperta la portiera lo sputava: era più forte di lei, le dispiaceva, sapeva di non fare cosa gradita al suo dolce amore ma a mandare giù lo sperma non ci riusciva proprio. Davide non se la prendeva, era già felice così e di come lei ci sapeva fare con il sesso; Gabriella, a sua volta, era ormai in uno stato di assoluta dipendenza nei confronti di Davide che anche sessualmente la soddisfaceva pienamente, ma non avrebbe mai fatto menzione di lui con Basilio: era oramai completamente divisa in due.

Questo racconto di è stato letto 1 7 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.