Erotici Racconti

Orgia incrociata con le nostre sorelline

Scritto da , il 2017-01-07, genere incesti

[TRAMA: Due amici sono attratti dalle sorelle l'una dell'altro...solo che alle due ragazzine i maschietti sembrano interessare ben poco. E quando i due sorprendono le rispettive sorelle a soddisfarsi a vicenda, scatta una lussuria incontenibile...che ben presto oltrepassa (di molto) gli innocenti propositi iniziali.]

*****

Le presentazioni maschili sono presto fatte: io mi chiamo ANTONIO e il mio amico si chiama MAURIZIO, e come tutti i ragazzi della fase post-adolescenziale abbiamo in testa solo due cose: la FIGA e il CALCIO.

Cominciamo dall'argomento "FIGA".
Io ho un debole per la sorella minore di Maurizio, GRETA. Una fichetta dai capelli rossi piuttosto spigliata, che però mi ha sempre risposto picche (come del resto a tutti i maschietti che hanno provato a farle la corte, a detta del Mauri).

Dal canto suo, so che a Maurizio non dispiacerebbe provarci con mia sorella Barbara (detta "BARBI"), ma io ho sempre provato uno strano fastidio nel sentirglielo dire.
Che posso farci; la mia sarà una banale protettività da fratello maggiore...sta di fatto che non riesco a pensare alla Barbi come una preda di maschietti infoiati.
Inoltre lei si agghinda sempre con un look da lolita (con tanto di treccine bionde) che la fa sembrare molto più giovane di quella che è.
Insomma, la Barbi sarà pure una smorfiosetta, viziata, infantile, frivola e scassapalle...ma resta pur sempre la mia sorellina: giù le mani da lei!


E passiamo all'argomento "CALCIO".
Io e il Mauri giochiamo nella squadra giovanile locale. Oggi, come ogni sabato pomeriggio, vado a prendere Maurizio a casa sua per andare alla partita con la mia auto.
Mentre lui si prepara il borsone, io ne approfitto per rimirare Greta, che come al solito mostra indifferenza per i miei apprezzamenti.
Visto che non si batte chiodo, la butto sui convenevoli.
- «Che fai di bello, oggi?»
- «Mi vedo con un'amica per studiare. Beh, ciao e auguri per la vostra partita.»

Partiamo. Siamo in viaggio già da 10 minuti, quando Maurizio si accorge di aver dimenticato le scarpette da calcio. Il solito coglione. Va be', c'è abbastanza tempo per tornare a prenderle. Faccio inversione e poco dopo siamo di nuovo a casa sua.

Entro anch'io per aiutarlo a cercare le scarpe. Maurizio percorre il corridoio che porta alla sua camera, poi si blocca all'improvviso davanti alla porta della stanzetta di sua sorella.

Lo vedo che guarda in uno spiraglio della porta appena scostata, con gli occhi fuori dalle orbite.
Gli chiedo a bassa voce "Che c'è?", e lui mi indica l'apertura della porta senza distogliere lo sguardo.
Butto un'occhiata anch'io nello spiraglio e...

Oh porca vacca!...Non credo ai miei occhi: Greta e la mia Barbi sono lì sul letto che stanno limonando alla grande!
Sono entrambe in maglietta e mutandine, con Greta che sta sopra a mia sorella e le caccia mezzo metro di lingua in bocca.
Da parte sua la Barbi le succhia la lingua avanti e indietro, come se la stesse spompinando.

Io e il Mauri ci guardiamo interdetti senza dire niente. Hai capito, le nostre sorelline! Ecco perché facevano tanto le snob coi ragazzi...

Dentro, la Greta ha sollevato la maglietta della Barbi fin sopra le tette. È la prima volta che gliele vedo da quando eravamo bambini. Sono piccole ma ben fatte, con due capezzoli irti come chiodi.
La Greta si china a succhiarli, strappandole un gemito di piacere. Fa saettare la lingua da uno all'altro senza darle tregua. E intanto scendere con la mano sul ventre della Barbi, sino a infilargliela nelle mutandine.
A quel punto mia sorella si inarca e comincia ad ansimare. E ci credo! Tra lingua e dita, Greta la sta sparando in paradiso.

Mi volgo verso Maurizio, e mi accorgo solo ora che sta riprendendo la scena col suo telefonino.
Buona idea; ero così sbigottito che non ci avevo pensato. Lo imito col mio. Non so ancora come si svilupperà questa strana situazione, ma un filmino-ricordo me lo faccio ben volentieri.

Intanto Greta ha sfilato le mutandine alla mia Barbi. A Maurizio sfugge un "WOW" sottovoce. Mi pare il minimo: sta vedendo la fica del suo sogno erotico messa a nudo dalla sua stessa sorella.
Greta ficca la lingua tra le gambe della Barbi, e inizia a picchiettarle le labbra vaginali con lievi lappatine. Ci sa fare, la piccola. Dalla perizia che dimostra, non è certo la prima volta che slinguazza una fregna.

Poi Greta le ficca dentro il dito medio, e inizia a farlo scorrere avanti e indietro, mentre scruta di sottecchi l'espressione goduriosa della mia sorellina.
Noi intanto continuiamo a riprenderle di nascosto. Io ho l'uccello che mi è diventato di marmo, e noto che anche il Mauri si sfrega il pacco ormai gonfio.

Ad un certo punto la Barbi allunga una mano verso la sua borsetta...e ne estrae un cazzo di gomma!
Dà un paio di sugose ciucciate al dildo e lo porge all'amica. La quale non si fa pregare a schiaffarglielo su per la figa. (Beh; non so se la Barbi abbia mai preso un cazzo vero, ma vergine non è di sicuro...)

Greta inizia a far scorrere il dildo dentro e fuori dalla fregna dell'amica, poi si ciuccia un indice e glielo ficca nel buchetto posteriore.
A quel punto la Barbi impazzisce, ed inizia a contorcersi e a mugolare come una cagnetta in calore.
Quando Greta le aggiunge anche una lappata di clitoride, mia sorella viene travolta da un orgasmo spettacolare.

Subito Greta le zompa sopra e soffoca le sue grida orgasmiche stampandole un bacio in bocca. Ci giungono i suoi gemiti strozzati, arrapantissimi.

- «MH!...MMMNNNHHH!...MH! MH! MH! MH!...»

Appena i singulti cessano, vediamo la Barbi che si solleva e sfila la maglietta alla sua amica, abbassandole poi il reggiseno. Madonna che tette la Greta! Una buona terza di ciccia soda e piena.
Anche la Barbi sembra apprezzare le grazie della sua "compagna di studi", omaggiandola di una gustosa ciucciata di capezzoli.

Poi la posiziona a pecorina e inizia a leccarle le chiappe, mentre le cala le mutandine.
Greta allarga bene le gambe, e la Barbi punta direttamente al buco del culo con la lingua. Evidentemente sa già molto bene cosa piace alla sua amichetta.
Le insaliva tutto il foro anale, alternando delicate lappatine ad affondi con tutta la lingua.

Io ho il cazzo che è sul punto di scoppiare. Devo strizzarmelo da sopra la tuta per evitare che esploda. (Noto che Maurizio invece si fa molti meno problemi, e se lo sta smalloppando con una mano dentro i calzoncini.)

Intanto le due ninfette proseguono il loro inconsapevole peep-show lesbico.
La Barbi ha ripreso in mano il cazzo di gomma, e dopo averlo schiaffato nella figa di Greta, estrae un altro dildo dalla borsetta. Questa volta si tratta di un VIBRATORE, composto da un cilindro liscio di plastica bianca.
Lo punta al foro anale e lo spinge dentro, molto lentamente, beandosi delle reazioni goduriose dell'amichetta.
Poi ruota la sommità esterna del dildo, che subito inizia a vibrare emettendo il caratteristico "BZZZT!".
A quel suono Greta freme. Ha entrambi i buchi riempiti da due cazzi finti, che la Barbi manovra avanti e indietro con le mani.
La Greta sbava come una cagna in calore, mentre nel contempo si vellica freneticamente il clitoride.

- «Stai per venire, piccola?», le dice languidamente la Barbi, «È vero che godi, tesoro?»
- «Oh!...Oh!...Sì, sto godendo...Non smettere...Ahhh!...»

In breve raggiunge un orgasmo esplosivo che la fa sobbalzare al ritmo delle sue contrazioni interne.

- «IIIIIHHH!!...Mhfh!...Mhfh!...O Barbi...Ti amo-o-o-O-OWWWAAHHH!!...»

Tra gemiti, contorcimenti lascivi e odore di passera sbrodolante, io credo di sentirmi male.
Mi volto verso Maurizio. Sembra essere messo anche peggio di me: ha il viso congestionato, pare sul punto di avere un infarto.

- «Tonio, non me ne frega un cazzo di quel che succede...ma io adesso entro!», mi susurra.

Non ho neanche il tempo di realizzare la sua intenzione, che il mio amico spalanca la porta tenendo davanti a sé il telefonino.

- «Ma guarda cosa abbiamo qui...Dite "CHEESE", signorine!»

A quella vista le nostre sorelline cacciano un urletto di sorpresa e si irrigidiscono. Sono così sbigottite che non cercano neanche di coprirsi o di assumere una posizione più pudica. Rimangono lì a bocca aperta, pallide come lenzuoli, una a pecorina coi due cazzi finti infilati, e l'altra sopra che li impugna.

Il bello è che nello spalancare la porta Maurizio ha fatto scoprire anche ME, quindi ormai tanto vale che mi faccia avanti pure io.
Mi sento ancora confuso, quindi lascio a lui l'iniziativa di gestire la situazione. Anche perché sembra avere le idee più chiare.

- «E brava la Greta», dice, «È così che "studi"? Anatomia, immagino...Chissà come reagirebbero gli amici a scuola, se vedessero questo bel filmatino...»

- «Non fare lo scemo, Mauri!», dice Greta sforzandosi di fare la voce dura, «Cancella subito tutto!»

- «Si può fare, sorellina, si può fare...Ma non si fa niente in cambio di niente, giusto?»

(Mentre i due negoziano, io e mia sorella ci guardiamo in silenzio. Lei abbassa subito gli occhi vergognosa, cercando di coprirsi seno e pube. Il suo colorito è passato dal bianco-lenzuolo al rosso-peperone.)

- «E sentiamo, allora; cosa vuoi per cancellare quel filmato?», riprende Greta, sfilandosi i dildi dai buchi.

Maurizio assume un tono fintamente compassionevole:
- «Io e Tonio ci accontentiamo di poco: dai, un bel pompino e fine di tutto in 5 minuti. Che sarà mai? In più, siete entrambe i nostri sogni erotici segreti, lo sapevate?»

Le nostre sorelline si guardano attonite per alcuni secondi. Poi Greta, che tra le due è quella un po' più scafata, prende l'iniziativa.
Prende per mano la Barbi e la conduce di fronte a Maurizio. La fa inginocchiare e le spinge la testa contro il batacchio del mio amico.
Orpo! In altre circostanze avrei tirato un cazzotto al Mauri...ma in questo momento la vista di mia sorella con un cazzo in bocca ha l'effetto di ipnotizzarmi.

Poi Greta si avvicina a me:
- «È vero quel che ha detto mio fratello, Tonio? Mi trovi attraente?»

- «Urca!...Ti sogno di notte, Greta...E adesso che ti vedo così, mi sto arrapando a morte!»

- «Vediamo subito», dice lei infilandomi una mano nella tuta, ed estraendomi il cazzo che non era mai stato così duro.
- «WOOOW!!», esclama compiaciuta. Si inginocchia e si strofina l'uccello sulle guance, poi lo bacia in punta e se lo infila in bocca.

Oh boia can...Quasi non ci credo: la ragazza dei miei desideri proibiti mi sta facendo un pompino! Se è un sogno non voglio svegliarmi...

Greta si impegna, anche se è evidente che non è un'esperta. Si volta verso la Barbi quasi come se volesse prendere esempio da lei...ma mia sorella è quasi più impacciata di lei (evidentemente hanno più esperienza nel leccare passere...)
Non so cosa sia passato per la sua bella testolina rossa, sta di fatto che Greta si avvicina al cazzo di suo fratello e lo strappa di bocca alla Barbi...e tra lo stupore di tutti quanti, inizia a succhiarselo lei!
Io e la Barbi ci fissiamo stralunati, senza sapere cosa fare.
Lei guarda me, poi guarda loro, poi ri-guarda me...

...e a quel punto succede un fatto incredibile: camminando sulle ginocchia, la Barbi mi si avvicina e mi afferra il cazzo, ammirandolo come in trance.
Lentamente gli avvicina le labbra aprendo piano la bocca. Oh, gesù...Non può fare sul serio!
E invece SÌ: serra le labbra sulla punta e inizia a farselo scorrere in bocca.
Madonna santa...MIA SORELLA MI STA FACENDO UN POMPINO! La sola idea mi manda in tilt il cervello.

Lei non sembra farsi di questi pensieri; pare più preoccupata della perizia della propria succhiata.
- «Vado bene?», dice sollevando gli occhi fino a incrociare il mio sguardo.
- «U-R-C-A!...Sei b-bravissima...», rispondo con voce tremula, «Ma aspetta...Prova a fare così...»
Le afferro la testa e le impongo il ritmo degli affondi di bocca. Dopo qualche secondo lei prosegue in modo autonomo, alzando gli occhi come a chiedermi "Va bene, così?". E io le faccio segno "OK" con le dita, mentre con l'altra mano continuo a puntarle il telefonino.
Mi appare chiaro che la presenza della telecamera la imbarazza un po', ma non mi chiede di spegnerla (sarà perché non vuole contrariarmi...o perché sta scoprendo di avere un lato esibizionista nascosto?)

Sull'altro fronte vedo che il Mauri si è portato alle spalle di mia sorella e la invita a mettersi a quattro zampe.
Le infilza la figa da tergo, strappandole un lungo gemito di piacere.
La Barbi mugola mentre sincronizza le spinte di Maurizio con gli affondi di bocca sul mio uccello. Per essere una che non ha mai preso due cazzi in una volta, impara in fretta la tecnica!

Mia sorella sta godendo come una pazza, con un randello nella fica e un altro che le scovola le tonsille.
Greta non intende restare solo a guardare: le si mette di fianco e le massaggia le tettine da sopra.
Ormai il ghiaccio è rotto: la libidine sta prendendo la testa a tutti quanti, scacciando i pudori iniziali.

Maurizio esce da mia sorella e inforna la fica della Greta, senza pensarci due volte.
A quel punto la Barbi sospende il mio pompino per contemplare quell'incredibile scena. L'idea che Greta si stia facendo scopare dal proprio fratello ha l'effetto di spazzarle via le inibizioni residue.

La sollevo e la adagio di schiena sul letto, allargandole le gambe in modo da avere ben in vista la sua fichetta sugosa.
Lei mi guarda con una espressione indecifrabile; non riesco a capire se il messaggio è "Una fica è sempre una fica" oppure "Non puoi farlo, sono la tua sorellina!"
In un attimo il mio corpo decide da solo: appoggio l'uccello sulla passerina della Barbi e do un affondo.
Cazzo...STO PENETRANDO MIA SORELLA!! Eppure, per insano che sia il concetto, in questo momento mi sembra la cosa più normale del mondo.
Lei pare incredula quanto me, ma non fa nulla per opporsi. A questo punto quel che è fatto è fatto; tanto vale andare avanti.

La fica della Barbi è stretta, e la cosa si fa sentire eccome. Questo fatto, unito al suo viso da bambolina, mi gasa tantissimo.
La pompo come un indemoniato, e lei chiude gli occhi beandosi delle sensazioni che le sto procurando.
D'improvviso si contorce in modo violento, e viene travolta da un orgasmo che la fa fremere dalla testa ai piedi.

- «Oh!...OOHH!...Oh dio, Tonio...g-godo...oh-oh-oh-O-O-O-OOOOWWAAAHHH!!!...»

Madonna, ho appena fatto godere mia sorella!! Quasi non riesco a capacitarmi di quell'idea, assurda solo a pensarci.

In quel momento i miei pensieri vengono distratti da un altro grido di piacere. È la Greta, che viene anche lei mentre il fratello la monta selvaggiamente a pecorina.

- «Ti è piaciuto, maialina? Beh, non pensare che sia finita qui!», dice Maurizio facendola rialzare da terra.
Credo che anche lui sia sorpreso dall'evoluzione degli eventi; probabilmente all'inizio intendeva davvero chiudere la cosa solo con un pompino veloce...ma poi la strana situazione ha preso la mano a tutti quanti.


Maurizio si sdraia di schiena di fianco a mia sorella, e la trascina a sé mettendosela a cavalcioni sulla nerchia.

Greta mi fa sdraiare di lato a lui, poi mi dà le spalle e mi si cala sopra iniziando a cavalcarmi a smorzacandela.
WOW...Finalmente sto scopando la ragazza delle mie fantasie erotiche! Basterebbe quel pensiero per mandarmi la testa in orbita...ma a questo si aggiunge il fatto che io e Maurizio ci stiamo infornando le sorelle a vicenda!

E loro? A giudicare dai gemiti, se la stanno godendo non poco. Ma non gli basta. Avvicinano le loro bocche e cominciano ad intrecciarsi le lingue, aggiungendo così le loro pulsioni lesbiche al piacere di sentirsi la fica riempita da un robusto palo di carne.

In breve tempo raggiungono un nuovo orgasmo in simultanea. I loro gemiti si fondono insieme mentre continuano a baciarsi.
Cavolo! Pare che basti sfiorarle per farle godere...Invece noi maschietti resistiamo, intenzionati a prolungare il più possibile questo momento magico.


Soddisfatta, Greta mi si scosta da sopra e si porta dietro alla Barbi, iniziando a leccarle il buchetto posteriore.
La Barbi geme per quell'azione combinata di cazzo-in-figa + leccata-di-culo. Decisamente una piacevole novità, per lei. La sua espressione è arrapantissima.

A quel punto vengo colto da un proposito osceno, che mai mi sarebbe passato per la testa in condizioni normali...ma in quel momento il mio corpo si muove per conto proprio.
Così avvicino la punta dell'uccello al suo foro posteriore, che sono sicuro sia ancora vergine (a parte le dita infilate dalla sua amichetta troia).

La Barbi ha capito tutto, fa una faccia preoccupata ma non si oppone: in questo momento la sua eccitazione è più forte della sua paura.
Io spingo delicatamente, e sento che l'occhiello anale di mia sorella si apre pian piano.
Centimetro dopo centimetro glielo spingo dentro fino alla radice. Poi inizio a muoverlo avanti e indietro, sempre più velocemente.
Cielo! Sto facendo il mio primo culo...ed è quello di mia sorella! PAZZESCO!!

Anche la Greta sta guardando incredula il cazzo che scorre dentro e fuori dallo sfintere della sua amica. A Greta piacciono i giochetti anal, ma dalla sua espressione stupita giurerei che finora non ha mai preso altro che cazzi finti. E che sia ansiosa di provarne uno di carne.

Intanto la Barbi fa capire di essersi abituata all'invasore rettale, e miagola come una gatta in calore.

- «Com'è?», le chiede Greta.
- «O-O-OWWAAHH!!...È fan...fantastico...D-due cazzi dentro...insieme...OHH!...Lo devi proprio p-provare...», risponde la mia sorellina con la voce rotta per la goduria.

Anche Maurizio sembra sorpreso dalla porcaggine della sua "fidanzata", e non si fa problemi a dirglielo:
- «Certo che sei un po' troia, eh, Barbi? Sei proprio una piccola vacca vogliosa di cazzi...»

In condizioni normali non le parlerebbe certo così, né io gli permetterei di farlo...ma data la situazione, sono io il primo a rincarare la dose:
- «Puttanella...Dillo, che l'hai sempre sognato! Un gran cazzo nella figa mentre io ti trivello il culo...»

- «Sì...Sì...Sfo-OH-ondatemi...Fatemi sentire porca...Voglio sentire i vostri cazzi fino in go-o-o-la...OHH!!...»

Più lei parla da zozza, più noi ci sentiamo eccitati. E giù affondi...

Nel frattempo Greta ha preso il suo smartphone e si è messa a riprendere la scena, indugiando sui due buchi farciti della Barbi.
Hai capito, la Greta! Tutto è nato dalla paura che venisse diffuso un suo video porno...e ora è proprio lei a volere un filmato-ricordo!

Intanto la Barbi sembra sul punto di scoppiare. Il suo respiro accelera di colpo ed esplode in un orgasmo sconvolgente.

- «Oh! Oh! Oh!Oh!Oh...M-ma cosa...O-O-O-OMIODDIOOOOWWWAAHHH!!!»

Sembra rimasta sorpresa dall'intensità del proprio orgasmo, come se non ne avesse mai provato uno di quella potenza. E ci credo. Questa è carne vera, baby, mica plastica!


Subito dopo la mia cara sorellina si affloscia esausta.
Come se non aspettasse altro, Greta si affretta a spostarla via di lato.

- «A me...A me, adesso! Voglio provare io...Si può?», chiede con voce timidina.

Io e il Mauri ci guardiamo ridendo. A quel punto giunti, lo domanda ancora?...

Le facciamo cenno di accomodarsi. Allorché, la Greta si mette di schiena a Maurizio e scende col bacino sul cazzo del fratello. Ma appena la cappella le si appoggia al buchetto, la ragazza si arresta un po' indecisa. Pare meno convinta di quanto sembrasse. Al che, Maurizio la afferra per i fianchi e la fa abbassare con un colpo secco.
Alla faccia della delicatezza! Greta caccia un grido facendo una smorfia di dolore. Meno male che aveva già fatto una certa pratica coi cazzi finti, se no...

Comunque, tempo pochi secondi e la piccola si è già adattata all'intruso. Inizia a prenderci gusto, muovendo su e giù il bacino. La sua figa fradicia mi danza davanti, facendomi ingrifare come un bufalo.

La afferro per i fianchi e inizio a pomparla anche sul davanti. E nel frattempo mi godo lo spettacolo delle sue splendide tette che sobbalzano al ritmo dei miei colpi.
E tanto per completare il quadretto, la Barbi le lavora le mammelle alternando ciucciate e slinguate di capezzoli.
Greta dimostra di gradire assai tutte quelle attenzioni di gruppo. Ansima come un mantice. Non so se abbia mai preso un cazzo nel culo (uno VERO, ovviamente), ma di sicuro questa è la sua prima doppia penetrazione. E se la sta godendo tutta!

La Barbi la tiene per una mano, come a farla sentire partecipe di questo sublime momento.
- «È bello, vero? Piace anche a te, così?»
- «Sì...Sì...Oddi-i-i-o...Altro che i ca...i cazzi finti...OOOHH!!...Oddio, Barbi...Fammi morire...»

Al che, la Barbi le scorre la lingua sul ventre, scendendo sempre più giù fino a raggiungere il clitoride dell'amica. E a quel punto Greta impazzisce di piacere.
Bofonchia parole sconnesse, inframmezzate da ansimi e gemiti. Inizia a sussultare sempre più forte, finché esplode in un orgasmo che sembra infinito.
È il suo 4° della giornata, ma anche il più intenso. Alla fine si abbandona inerte, con un'espressione estasiata.


Sembra che le due piccole troiette ne abbiano avuto a sufficienza; ora è il nostro turno di godere.

Le facciamo inginocchiare l'una di fianco all'altra, poi ficchiamo i cazzi in bocca alle nostre rispettive sorelle.
Vedo che Maurizio viene quasi subito in bocca alla sua Greta, che accoglie tutto senza neanche staccare le labbra dall'uccello.

Intanto la Barbi mi spompina con grande foga, sempre guardandomi negli occhi. Sembra fiera del compiacere il suo stesso fratello.
E da parte mia, il fatto che sto per sborrare in bocca alla mia sorellina dopo averla inculata e fatta godere più volte, mi eccita in modo indescrivibile.
In pochi secondi mi sento montare dentro un orgasmo pazzesco. WOOOW...CHE MOMENTO!! Le riverso in bocca non so quanti schizzi di sborra; vedo le sue guance gonfiarsi per contenere tutto quel liquido che lei non vuole né ingoiare né sputare. E subito dopo capisco il perché.

Le due porcelline si avvicinano stampandosi un bacio in bocca. Poi le loro labbra si schiudono, e le lingue roteano l'una sull'altra mescolando il seme dei rispettivi fratello & spasimante.

Noi fissiamo increduli quella scena da film porno. Ma guarda un po', le nostre care sorellucce! Di esperienza ne avranno poca...ma la porcaggine non gli manca di certo!

*****

Passata l'euforia, ci viene spontaneo fare il punto della situazione con le nostre sorelline.
Anche se in realtà c'è poco da dire; l'esperienza è piaciuta a tutti quanti, e non ci sono motivi per vergognarsene. Anzi, non ci sono motivi per non RIPETERLA. In gruppo o in coppia. Tanto ormai i vecchi rapporti formali "fratello/sorella" sono andati a farsi benedire, e quelli nuovi ne sono usciti RAFFORZATI da questa insolita esperienza.


Casualmente ci casca l'occhio sull'orologio. Al che, Maurizio mi guarda stravolto.
Porca troia...LA PARTITA! Ce ne siamo completamente scordati!

Il Mauri telefona all'allenatore, che gli risponde incazzato nero.
- «Ma dove eravate finiti, coglioni? Abbiamo dovuto giocare in 9 e abbiamo perso 3 a 0!»
- «Forse voi, Mister...ma noi qui abbiamo fatto 2 a 2!», risponde Maurizio, che subito dopo ha il buonsenso di chiudere la telefonata prima di sentire la replica del Mister (mi sa che saranno cazzi amari, al prossimo allenamento!)


Va be', a questo punto tanto vale che me ne torni a casa.
Saluto Maurizio e faccio l'occhiolino a Greta, che di rimando si passa la lingua sulle labbra, in un gesto carico di allusività.

Guardo mia sorella. Non credo che a questo punto intenda rimanere a "studiare".
- «Torni a casa con me, Barbi?»
- «Sì...Ma d'ora in poi non chiamarmi più "Barbi"; il mio nome è BARBARA.»
- «Bene, allora andiamo...Barbara!»

E salendo in auto si scioglie le treccine, che non aveva mai sciolto in tanti anni. Un gesto eloquente.
Ormai ai miei occhi non è più la mia sorellina, e neanche una ragazzetta ingenua.
Da oggi è una DONNA, e come tale verrà trattata. In tutti i sensi.

(FINE)

________________________________________________
[By: Seinove - © Questo racconto è protetto da copyright. Sono vietati il plagio, la copia e la riproduzione non autorizzata dall'Autore.]

Questo racconto di è stato letto 1 0 1 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.