La ragazza dei castelli di sabbia

Scritto da , il 2020-02-02, genere pulp

[Episodio apocrifo sulla "saga di Eva & Pat" di Patrizia V. Racconto multi-genere: orgia, saffico, dominazione, prime esperienze, umoristico, gay, sentimentale...ma soprattutto, è un apologo dolceamaro sulla Diversità.]



********************************************
LA RAGAZZA DEI CASTELLI DI SABBIA (giorno 1)
********************************************

Che bello: due giorni di vacanza in assoluta libertà dagli impegni!
Per due giorni niente incarichi dall'Agenzia, niente russi che cercano di farmi la pelle, niente trans che si vogliono vendicare, e niente Angela che devo massacrare di botte (beh, quello è sempre un piacere...)
Due giorni in cui voglio solo rosolarmi al sole sulla spiaggia di Bellaria, in compagnia di Eva.
In verità con noi ci sarebbe anche Jasmine...ma solo quando siamo a bordo della Serenissima; per tutto il resto è come se non esistesse, dato che non mette piede a terra. Paura della folla. Deve avere anche un nome scientifico, che però adesso non mi viene in mente...
- «Agorafobia.»
- «Giusto, grazie, Eva...»
(!!...E come faceva a sapere cosa stavo pensando?! La mia olandesina sta diventando sempre più diabolica...)

*****

Vado al bar a prendermi una bibita. Mentre sono al bancone, una mano mi si posa sulla spalla.
- «Ciao, Patrizia! Piccolo il mondo, eh?»
Ma guarda chi si rivede...LINO, il bidello della scuola dove insegnavo!
- «Lino! Quanto tempo!...Come mai qui?»
- «Che devo dirti, Pat...Le spiagge sono sempre un buon terreno di caccia...»
- «Hai già adocchiato qualche bel maschione? Attento a non rubarmi le prede da sotto i denti...»
- «Ah!Ah! Tranquilla, sarà difficile che ci buttiamo sullo stesso esemplare...»
(Difatti, per chi non lo sapesse, il simpatico Lino è un GAY ATTIVO. Più di una volta mi ha aiutato a togliermi dai guai, ai tempi della scuola.)
Mi lascia il suo numero di telefonino e poi ci salutiamo. Magari prima di ripartire lo chiamo per berci un drink insieme.

*****

Torno da Eva sotto il nostro ombrellone.
Noto che poco lontano da noi si è formato un assembramento di persone, manco ci fosse Angelina Jolie che prende il sole nuda.
Incuriosite, ci avviciniamo alla calca.

Scopriamo che stanno ammirando una costruzione di sabbia che riproduce la Torre di Pisa. Wow. Un lavoro davvero spettacolare.
L'autrice dell'opera è una ragazzina magra dai capelli a caschetto biondi, che continua a lavorare con indifferenza.
Dev'essere un'artista di strada che campa con l'esibizione del proprio talento. Infatti il suo cestello delle offerte è pieno di ben meritate mance.
Di solito non sono una che lascia oboli, comunque stavolta un biglietto da 10 mi sento di depositarlo.

Dopo aver contemplato la sua opera, inizio a rimirare anche la ragazzina.
Ha un fisico gracile, con poco seno ma un culetto ben fatto. Il viso è pienotto, da bambola, con lentiggini giovanili sulle guance. Un tipino intrigante. Stuzzica la mia fantasia di corruttrice di giovinette.
- «Stai facendo pensieri impuri, Pat?», mi sussurra Eva.
Di rimando, faccio un sogghigno malizioso. Yes, un bocconcino così vale almeno un tentativo di infilarmi nel suo bikini.

Mi avvicino a lei e abbozzo un dialogo per tastare il terreno.
- «Un gran bel lavoro, complimenti. Hai fatto qualche scuola d'arte?»
Ma la ragazzina mi ignora totalmente, continuando a lavorare coi suoi attrezzi.
- «Ehi, ti ho fatto una domanda!»
Niente; nemmeno mi guarda.
- «Diavolo...Tu hai proprio bisogno di imparare un po' di educazione, smorfiosetta!», sbotto irritata.
- «Aspetta, Pat...Non te ne sei accorta?», mi dice Eva.
- «Accorta di che?»
- «È sordomuta!»

Acc...Sentivo proprio la mancanza della mia gaffe quotidiana.
Eva si inginocchia di fronte a lei, in modo che possa guardarla in faccia.
- «Ciao...Per caso sai leggere il labiale?»
Annuisce.
- «Come ti chiami?»
Scrive "TINA" sulla sabbia con un dito.
- «Piacere di conoscerti, Tina. Io sono Eva, e questa è la mia amica Pat.»
Mi fa un cenno di saluto con la testa, poi torna a dedicarsi alla sua opera.
- «Ciao, Tina. Mi spiace di averti detto quelle cose, non potevo sapere che...»
- «Di certo prima non ti aveva sentito», ridacchia Eva, «Né ti può sentire adesso, se non richiami la sua attenzione sulle tue labbra!»
- «Ah già, che stupida...»
Le poso una mano sulla spalla...
...e subito dopo, incredibilmente, lei reagisce come se le avessi versato addosso dell'acido solforico:
- «HHYYYYYYYYYYYKKKK!!!»
Lancia un grido stridulo, acutissimo, che mi perfora i timpani. Ma a gelarmi il sangue è la sua espressione: TERRORE. Terrore puro.
Non capisco, l'ho solo sfiorata...
- «Ehi, ehi, buona...Non ti faccio niente, guarda...», dico sollevando le mani...ma lei non si calma, e si rannicchia tremante contro la torre di sabbia.
- «Eva...Perché fa così?»
- «Non lo so, Pat, sono sorpresa quanto te. Forse è meglio lasciarla da sola finché non si tranquillizza.»
- «Sì, lo credo anch'io...»

*****

Torniamo sotto il nostro ombrellone, tenendo un occhio verso la ragazzina. Sembra essersi calmata.
- «Cacchio, ho ancora la pelle d'oca per quel suo strillo...Chissà cosa le era passato per la testa...»
- «Nessuno può saperlo. Il sistema di percezioni di una persona sordomuta è completamente diverso da quello di noi "normali". Pensaci, Pat: passare l'intera vita senza sentire nessun suono...Come puoi ridurti, alla lunga?»
- «Però è strano che una persona così menomata sia tanto brava a modellare la sabbia...»
- «No, affatto. Molti autistici sviluppano delle abilità straordinarie proprio per riflesso del loro deficit. Probabilmente la sordità di Tina l'ha indotta a concentrarsi intensamente su quel tipo di talento.»
- «Insomma...qui abbiamo una "RAIN WOMAN" che, invece di saper ricordare a memoria le carte da gioco di 10 mazzi, sa fare costruzioni incredibili con la sabbia?»
- «Sì, qualcosa del genere. Con ciò intendi mollare l'osso, Pat?»
- «Al contrario; la trovo sempre più interessante. Più tardi voglio scoprire qualcosa in più, su di lei.»

*****

Ormai il sole è al tramonto e la spiaggia inizia a spopolarsi; è il momento buono per tentare un secondo approccio.
Raccogliamo le nostre cose e facciamo i primi passi verso Tina...quando vediamo che viene avvicinata da tre ragazzotti.
A giudicare dagli orologi e dai ninnoli di lusso, si direbbero dei figli di papà pieni di grana.

I tre circondano la ragazza con un fare tutt'altro che cordiale. Io ed Eva siamo distanti, ma tendendo le orecchie possiamo sentire i loro discorsi.
- «Ehilà, minorata...Ci stavi aspettando anche stasera, sì?»
- «Cosa hai fabbricato, oggi?...Oh-la-là, la Torre di Piscia! Sai perché si chiama così?», dice il secondo orinandoci sopra.
- «Ma è tutta storta, guarda come pende...pende...PENDEEE!», dice il terzo appoggiandosi alla torre finché non crolla.
- «Ops!...Ma tanto a te non serviva più, vero? Guarda quanta grana che avevi già raccattato...», dice afferrando il cestello coi soldi delle offerte.
- «NHM! NHM!», biascica lei supplichevole, tendendo una mano verso il cestello.
- «Che c'è, lo rivuoi? Bene, allora sai già cosa devi fare...Muoviti!»
Dopo di che, il terzetto si dirige verso una cabina, e lei li segue a ruota.
La faccenda puzza di BULLISMO lontano un miglio. E se c'è una cosa che non sopporto, sono proprio i prepotenti.

La loro cabina è proprio di fianco alla nostra. Dalle fessure tra le pareti divisorie, si può sbirciare quel che accade all'interno.
Vediamo i tre bulli che strappano il bikini di dosso alla ragazza, poi la fanno inginocchiare e le sfoderano gli uccelli davanti al viso.
- «Oplà! Dai, mongoloide, infila questo giù per la gola, così magari dopo ti torna la voce!»
- «Speriamo di no...Chissà che cretinate direbbe se potesse parlare, questa scema!», commenta un altro dandole pressioni sulle orecchie con la cappella.
Uno dopo l'altro i tre merdosi se lo fanno intostare scopandole la bocca a turno. La ragazza è totalmente passiva; si lascia fare di tutto senza reagire.

Poi uno la fa alzare prendendola per un orecchio, quindi le solleva una gamba e la penetra sul davanti. Tina sembra quasi...ASSENTE, non dimostra la minima emozione; né piacere né disgusto.
- «Che c'è; non ti piace così? Sei sorda anche dalla fica?»
- «Allora vediamo se dal culo ci sente meglio!», sghignazza un altro mettendosi alle sue spalle a cazzo teso.
Dà un affondo secco e la incula senza troppi riguardi. La giovane spalanca la bocca senza emettere un suono, ma la sua espressione è eloquente di quanto le stanno facendo male.
Io sono scossa da fremiti di rabbia, sto quasi per fiondarmi nell'altra cabina a fare un macello...ma Eva mi fa segno "Calma" con la mano.

I tre bulli si danno il cambio a pistonarla in tutti i buchi. Vanno avanti così per un po', finché vengono tutti e tre quasi allo stesso tempo, mirando col cazzo alle orecchie di Tina.
- «Tieni, sorda...Ecco la medicina giusta per sturarti le orecchie!»
- «Macché...Le è finita tutta direttamente nel cervello, ahahah!»

Soddisfatti, si puliscono il cazzo con le banconote del cestello, e infine glielo rendono.
- «Grazie di tutto, ritardata...E adesso levati dalle palle, che non ci servi più!»
- «Già...Almeno fino a domani, ahahah!»
Sempre con aria assente, Tina si rimette il bikini ed esce dalla cabina dei tre bastardi.

Io ho il sangue alla testa. Ho una voglia matta di prendere il fucile subacqueo e sparare un arpione nel culo di quegli stronzi.
Respiro a fondo per farmi sbollire. Nel frattempo Eva mi fissa in silenzio.
- «Perché mi stai guardando così, Eva?»
- «Mi stavo chiedendo cosa intendi fare adesso, Pat.»
- «Cosa intendo fare? NIENTE. Non sono affari miei, giusto?»
- «Giusto, Pat.»
- «Cioè...Chi sono io? Madre Teresa? Non è compito mio risolvere i mali del mondo.»
- «Giusto, Pat.»
- «E poi, cazzo...Quella cretina deve imparare a farsi rispettare da sola, senza pensare di essere circondata da buoni samaritani che la difendono. Ho ragione o no?»
- «Giusto, Pat.»
- «Eva...Vaffanculo!»
- «Perché?»
- «Mi stai assecondando come si fa coi matti. Non lo sopporto.»
L'olandesina sospira.
- «È perché ti conosco, Pat. Dietro tutta questa manfrina nichilista, hai già preso una decisione.»
- «E sentiamo: cos'è che avrei "già deciso", secondo te?»
- «Di dare una mano a quella poveraccia, naturalmente.»
- «Ma neanche per idea! Stavolta sei proprio fuori strada, Freud dei poveri!»

*****

Manco a dirlo, 5 minuti dopo sono già lì alla torre di sabbia, dove la biondina sta radunando le sue cose. (Non mi volto verso Eva, che sicuramente starà ridacchiando alle mie spalle.)
Mi chino davanti a Tina in modo che possa leggermi le labbra:
- «Ehi, senti...Anche noi stiamo per andare via, forse possiamo darti un passaggio...Tu dove abiti?»
Ci pensa un attimo...poi mi dà un foglietto con un indirizzo.
- «Ah, che fortuna...Andiamo proprio da quella parte», dico mentendo.
Fa segno "OK" con una mano.
- «Bene, vieni. L'auto è da questa parte...»
Faccio per sfiorarla...e subito lei si irrigidisce come la volta scorsa. Mi fermo subito, prima che lanci un altro urlo strazia-timpani.
- «Strana, però, questa sua reazione: quando quei tre balordi l'hanno molestata, lei non ha fatto una piega», dico rivolgendomi ad Eva.
- «Non ne sono sicura...ma credo che lei abbia paura solo del contatto di mani FEMMINILI. Forse è un trauma d'infanzia, chissà.»
- «Ah, andiamo bene. Insomma, da tutti questi sforzi non si rimedierà nemmeno una palpata di tette?»
Eva ridacchia battendosi le nocche sulla fronte. Meglio non chiederle spiegazioni.

*****

Partiamo in direzione della casa di Tina.
A metà del percorso, la piccola mi batte su una spalla indicandomi un negozio di alimentari. Mi fermo...e lei salta giù dall'auto lasciando spalancata la portiera. Riesco a richiuderla appena in tempo prima che un camion me la tranci via.
- «Accidenti a lei...e accidenti a me! Ma cosa mi è saltato in mente di fare da balia a quella svitata!»
- «Uhmm...»
- «"Uhmm"? È tutto qui ciò che hai da dire, psicologa dei miei coglioni?»
- «Quella "svitata" sembra non avere la minima nozione di come ci si muove in un ambiente sociale. Questo è strano anche per una sordomuta.»
- «E quindi?...»
- «E quindi restiamo ancora un po' con lei. Io ho una mezza teoria, ma mi servono più informazioni.»

Un paio di minuti dopo la giovinetta ritorna.
Mi cade l'occhio sulla sua borsa della spesa: un po' di pane, un pezzo di formaggio, qualche uovo e...CINQUE BOTTIGLIE DI WHISKY?!
- «Ehi, Eva...A quanto pare soffre pure di alcolismo, la piccola handicappata.»
Da dietro, la ragazzina mi passa un foglietto:
"Si dice 'DISABILE', ignorante!"
Mi volto verso di lei:
- «Ehi, credevo che tu non ci sentissi!»
Mi passa un altro foglietto:
"Infatti ho letto il tuo labiale sullo specchietto retrovisore."
Ohibo'. La piccola è più sveglia di quanto credessi. Probabilmente Eva ha ragione: una menomazione fa sviluppare enormemente tutti gli altri sensi per sopperire al deficit. Credo che la nostra giovane amica sia piena di sorprese.

*****

Poco dopo arriviamo a casa sua. Una casupola fatiscente in periferia.
Appena entriamo ci si presenta davanti una donna sulla quarantina che dev'essere la madre di Tina.
La mia prima impressione è tutt'altro che positiva. Non è una brutta donna, però è trasandata. Una bellezza invecchiata male, sfiorita per mancanza di cura. Mi dà l'idea di una ex-mignotta sul viale del tramonto.
- «Alla buon'ora, stupida!», esclama fiondandosi subito su una bottiglia, «Dov'è il resto dei soldi?»
Tina glieli porge, e immediatamente la donna glieli strappa di mano.
- «Tutto qui?! Io dico che ti sei imboscata qualche pezzo da 20, brutta imbrogliona...Ma dopo facciamo i conti!»
Le molla uno sberlotto sulla nuca. Non fa male, ma fa trasparire un profondo disprezzo.
Poi guarda me ed Eva di sottecchi, come se si accorgesse solo adesso della nostra presenza.
- «E voi due chi cazzo siete? Altra gente del servizio sociale?»
- «Siamo solo delle amiche di sua figlia, signora...»
- «Amiche? A questa disgraziata non servono amiche. Le basto io», ribatte acida.
Si fa una trangugiata di whisky, poi strattona Tina per un braccio in modo da farsi guardare in faccia.
- «Vai in cucina e prepara qualcosa da mangiare. Muoviti, brutta deficiente!», le dice spintonandola in malo modo.

Io mi sento ribollire il sangue. Sto per dare un parere a questa stronza, ma Eva mi trattiene. Decido allora di tentare un approccio diplomatico:
- «Signora...Sua figlia ha dei talenti speciali, ma temo che Lei non la aiuti a svilupparli, se la tratta così...»
Mi manda un'occhiataccia torva.
- «Ehi, saputella, non farmi prediche. Hai idea di quanto mi sia costato tirar su quello scherzo della natura? Tu non ne sai niente. "Talenti speciali"? Puah! L'unico talento che ha è quello di fare pompini per soldi. Saremmo già morte di fame, se non la mandassi ogni giorno in spiaggia a fare marchette ai turisti!»
- «A fare...marchette?! Ma no, in spiaggia Tina guadagna costruen...»
Eva mi interrompe con un calcetto alla caviglia.
- «Mi state stufando, voi due sputasentenze. Se non siete del servizio sociale, non avete niente da fare qui. FUORI!»
- «Ci lasci almeno salutare Tina...»
- «La shaluterò io da parte voshtra. Ora levattevi dai pieddi!»
L'alcol comincia a farle trascinare la lingua. Meglio andarsene prima che diventi aggressiva.

*****

Appena usciamo, sento il bisogno di respirare a pieni polmoni un po' di aria pulita.
- «Hai capito quel che succede in questa casa, Eva?»
- «Sì. Mentre sua madre la crede fuori a battere, Tina porta a casa dei soldi con le sue creazioni di sabbia...e sua mamma li spende tutti in alcolici. E come ricompensa viene riempita di sberle. Questo spiega la sua reazione terrorizzata quando avevi provato a toccarla: ormai Tina associa il contatto femminile alle botte che le rifila sempre sua madre.»
Che schifo. E io che pensavo di non essere una buona madre per la mia Giulia.
- «Ma perché non si ribella? E perché permette a quei tre bulli di usarle violenza?»
- «Ti sorprende? Non ha mai avuto amici, né una vita sociale...Probabilmente le attenzioni di quei bulli la fanno sentire in qualche modo "accettata" dal resto del mondo. E deve sottostare ai loro abusi, perché se tornasse a casa senza i soldi che le sequestrano, sua madre la ammazzerebbe di botte.»
Sono talmente nauseata che non riesco a dire una parola.

Risalendo in auto, troviamo un origami sul sedile. Uno stupendo cavallo alato. Immagino sia il ringraziamento di Tina per il passaggio.
- «Incredibile! E l'ha fatto in pochi secondi...con un pezzo di carta strappato dal sacchetto del pane!»
- «E probabilmente questo è ancora niente...A quanto pare, Tina ha sviluppato la capacità di creare bellezza da qualsiasi cosa, dato che lei non possiede nulla.»
- «Un talento simile...ed è costretta a fare quella vita di merda. Dio ha proprio uno strano senso dell'umorismo.»
- «Non metterei in mezzo Dio...Vedi, secondo gli ultimi studi di Isaac Gobenkroft, l'attitudine che chiamiamo volgarmente "talento" è in realtà determinata da...»
- «Eva...»
- «Sì?»
- «Chiudi il becco!»

*****

La sera ci ritroviamo a bordo della Serenissima.
Nessuna delle due sa cosa fare con la faccenda di Tina; forse sarebbe meglio infischiarsene...ma non mi piace ritirarmi alle prime difficoltà di una sfida.
Ora però pensiamo alla cena; magari a stomaco pieno ci verrà in mente qualcosa.
Jasmine ha preparato uno squisito narvalo condendolo solo con alghe di mare che ha raccolto qui intorno. Yum! Non so proprio come faccia; la nostra piccola tunisina renderebbe delizioso anche un pezzo di legno.

Come al solito, Jas mangia in silenzio e subito dopo si ritira nella sua cabina.
- «Sai, Eva? Tina mi ricorda un po' la nostra Jasmine...»
- «Jasmine? E come mai?»
- «Sì, insomma...Anche lei è taciturna, solitaria, introversa, talentuosa...»
Al che, Eva si illumina.
- «Pat...Sei un GENIO!», esclama appioppandomi un bacio e andando di corsa verso la cabina di Jas.
Io me ne rimango lì basita. Cazzo...Se c'è una cosa che può spiazzarti, è che ti dicano che sei un genio senza sapere il perché...



********************************************
LA RAGAZZA DEI CASTELLI DI SABBIA (giorno 2)
********************************************

Il giorno dopo ci ritroviamo in spiaggia. Stavolta con noi c'è anche Jasmine. Non è stato facile convincerla a scendere dalla Serenissima; lei si sente a disagio nei luoghi affollati.

Tina è già al lavoro al solito posto. Questa volta ha riprodotto il duomo di Milano con la sabbia.
Per avvicinarla attendiamo l'ora di pranzo, quando la spiaggia è meno popolosa.
Eva si pone davanti a lei.
- «Ciao, Tina. Vorrei presentarti la nostra amica Jasmine.»
Tina la guarda e fa un cenno di saluto col capo. Jasmine le sorride e si inginocchia di fronte a lei, e si trattiene così senza dire nulla.

Sulle prime, Tina sembra quasi sorpresa del fatto che Jasmine non tenti di parlare con lei...ma non pare sentirsi a disagio per questo. Anzi.
Io ed Eva le osserviamo a distanza di qualche passo. Non dicono una parola. Stanno lì a guardarsi, a lungo, senza l'imbarazzo del silenzio. Sembra quasi che stiano comunicando telepaticamente.
E dopo un po' accade l'incredibile: TINA SORRIDE.
Ha il sorriso più bello che abbia mai visto, una cosa da far sciogliere il cuore. Ma le sorprese non sono finite.

Lentamente, Jas tende una mano verso di lei. Come al solito Tina si irrigidisce d'istinto, ma Jasmine non si ferma. Le accarezza un braccio con la punta delle dita. Tina sembra sorpresa di non provare dolore.
Ormai il ghiaccio è rotto. Si lascia accarezzare da Jasmine con entrambe le mani, poi a sua volta fa una carezza sul viso della nostra berbera.
Credo che abbiamo appena assistito alla definizione di "miracolo". E in tutto questo, non c'è stato bisogno di dire una sola parola. Potenza del linguaggio non verbale.

Eva si riporta di fronte a Tina:
- «Noi ora andiamo a preparare il pranzo sulla nostra barca. Sei invitata anche tu, se vuoi. Ti basterà seguire Jasmine.»
Dopo di che, ci allontaniamo dalle due giovinette per risalire sulla Serenissima.

*****

Mezz'ora dopo non si è ancora fatto vivo nessuno. Io ed Eva siamo a tavola, di fronte al pranzo di pesce che si sta raffreddando.
- «Credi che sia stata una buona idea, Eva?»
L'olandesina scuote le spalle.
- «Non lo so. In queste cose si va a tentativi. Di sicuro però non possiamo peggiorare la situazione, quindi...sì, credo che abbiamo fatto bene.»

Come in risposta, sentiamo dei piedi calpestare la tolda. Più di due. Missione compiuta, pare.
Infatti pochi secondi dopo si presenta Jasmine che conduce per mano Tina verso il suo posto a tavola.
La ragazzina appare un po' stranita per il fatto di trovarsi in un luogo del tutto nuovo. Comunque non sembra intimorita. Pare fidarsi molto della nostra Jas.
- «Complimenti, Jasmine. Hai compiuto un'impresa», le dico.
- «Non stato difficile. In Tunisia io già incontrato persone come Tina.»
- «Davvero, Jas?»
- «Sì. Noi berberi chiamiamo loro "Oughenys". Tutti hanno rispetto per Oughenys, perché loro sono stati toccati da Allah. Allah ha tolto a loro qualcosa per rendere loro speciali. Oughenys hanno destino diverso da uomini normali, destino più grande. Chi aiuta un Ougheny condivide anche suo grande destino; chi invece disprezza un Ougheny attira su di sé pioggia di cacca.»

E meno male che per noi occidentali i berberi sono visti come dei mezzi selvaggi!
Ci sono tre "progrediti" a cui Jasmine potrebbe insegnare un paio di cosette sulla civiltà...ma di loro ce ne occuperemo più tardi; ora è tempo di prenderci cura della nostra piccola "Oughena".

*****

Terminato il pranzo, facciamo alzare Tina e la circondiamo sfiorandola delicatamente, tutte e tre insieme.
Sembra chiedersi il perché di tutte quelle carezze, e come mai non le trova...spiacevoli. Pare proprio che stia superando la sua paura del contatto femminile.
Appoggio lievemente le mie labbra sulle sue. La sua espressione stupita mi fa pensare che sia la prima volta che qualcuno la bacia.
Intorno, Eva e Jasmine hanno cominciato a passarle la lingua sul collo e sulle spalle. Io le slaccio il top e le sfioro i capezzoli con le dita.
Tina inizia ad ansimare forte, sopraffatta da quelle nuove, gradevoli sensazioni. Sta reagendo bene ai nostri primi approcci; possiamo provare a spingerci un po' oltre.
Io passo a leccarle le punte, mentre Eva le infila una mano negli slip e Jasmine le caccia la lingua in bocca. La ragazzina è scossa da violenti fremiti di piacere, tanto che le gambe le cedono.

La facciamo sdraiare sul divanetto. Eva e Jasmine si dedicano a ciucciarle le tette, lasciando a me il compito di lavorarla tra le cosce.
Le divarico le gambe e inizio a massaggiarle la vulva, molto lentamente. Di solito le mie amanti sono abituata a distruggerle...ma con questa ragazzina traumatizzata devo andarci piano; basterebbe una mossa irruenta per far riaffiorare tutte le sue paure.
Così lecco le tenere labbra con la massima delicatezza possibile, mentre sondo l'ingresso della fessura con un dito.
Scruto le sue reazioni. Pare godersela parecchio...così aggiungo un altro dito e inizio a dare pressioni sulla parete anteriore della sua vagina.
Doppia ciucciata di tette più lappata di clitoride con annessa stimolazione del Punto G...Sfido qualsiasi donna a non decollare verso il paradiso!
E infatti pochi secondi dopo Tina inizia a vibrare e a contorcersi, travolta da un orgasmo formidabile.
- «Hnm!...Hnm!...Hkk?!...HGH-H-H-HHHHHHHGGHHH!!!»

Alzo lo sguardo. L'espressione di Tina è impagabile: ha gli occhi sgranati e la bocca spalancata, pare incredula della scossa di piacere che l'ha appena attraversata. Probabilmente è stato il primo vero orgasmo della sua vita.

Forse con ciò ha superato la sua fobia del contatto femminile...ma per sicurezza, è meglio somministrarle un'altra dose di "medicina".
Così Jasmine si distende sulla schiena e noi le posizioniamo sopra Tina a 69.
Jas riprende a leccarle la fica da sotto, mentre Eva si dedica a lapparle il culetto e io le tormento i capezzoli da davanti. Tina ricomincia a fremere e ad ansimare.
Contempla la fichetta sugosa di Jasmine sotto di sé, poi mi fissa come a chiedermi cosa deve fare...Al che, io le mimo con la lingua il movimento corretto.
Subito dopo Tina immerge la faccia tra le gambe di Jas. Non malaccio, per essere il suo primo cunnilingus. La piccola non avrà esperienza, però ci mette una grande passione.
Nel frattempo, Eva le infila due dita nella fica, e tanto per gradire gliene aggiunge uno anche nel buchetto posteriore. La giovinetta freme e sbava; ogni sua parte sensibile manda scariche di goduria al suo cervello. Sta ritornando in orbita.

Insistiamo con quell'assalto plurimo, finché la nostra ospite esplode in un secondo orgasmo...
...al quale in breve ne segue un altro...ed un altro...ed un altro ancora...
Cavolo, a quanto pare abbiamo tra le mani un fortunato esemplare di femmina multi-orgasmica...e nemmeno sapeva di esserlo! (Forse Jasmine aveva ragione, sugli "Oughenys": Dio ha tolto qualcosa a Tina da una parte...per renderglielo dall'altra!)

Dopo il 5° orgasmo consecutivo, Tina si affloscia esausta.
La lasciamo rifiatare per un paio di minuti, poi la facciamo alzare dal divano e la abbracciamo tutte e tre insieme. Lei singhiozza e si abbandona ad un silenzioso pianto di gioia. Non la finisce più di accarezzarci e di sbaciucchiarci le mani. Buffo, se penso che fino a un paio di ore fa era terrorizzata dalla sola idea di farsi sfiorare un braccio...

*****

Ok, la "terapia" ha avuto successo. Lasciamo Tina in compagnia di Jasmine (sembrano capirsi al volo anche solo guardandosi), mentre io ed Eva studiamo la prossima mossa.
- «Come procediamo adesso, Eva?»
- «Il problema principale di Tina è sua madre. La ragazza avrebbe bisogno di un po' di soldi per andarsene di casa...ma non potrà mai lavorare in pace, finché ci saranno quei tre bulli che la tormentano.»
- «A quegli stronzi ci penso io. Lasciami solo fare una telefonata a una certa persona che ho incontrato ieri in spiaggia...»

*****

Qualche ora più tardi, Tina è tornata in spiaggia e si è rimessa al lavoro. Noi la teniamo d'occhio a distanza.
La giornata di sole sta per finire, e la spiaggia si spopola.
Puntuali, i tre bulli si ripresentano da Tina.
- «Ciao, sordona...Ti siamo mancati?»
- «Ma certo, questa minorata moriva dalla voglia di rivederci...Non perdiamo tempo, allora!», dice il secondo puntando subito al cestello delle offerte.
- «Urca, quanta grana! Stavolta dovrai offrirci un servizio speciale, se vuoi riaverla...»

Prima che possano proseguire, io ed Eva ci avviciniamo ancheggiando in modo sinuoso.
- «Vi accontentate delle ragazzine, bei maschioni?»
- «Uh? E voi chi siete?»
- «Turiste annoiate in cerca di emozioni forti...e in giro si dice che voi tre ci sapete fare, con le donne.»
- «Ah...Si dice così?»
- «Le voci corrono, bello mio...ma non è detto che siano vere.»
- «Ci puoi giurare che sono vere! Possiamo dimostrarvelo quando volete!»
- «Che ne dite di...SUBITO? Se c'è una cabina libera...», dico passandomi la lingua sulle labbra.
I tre si scambiano un'occhiata complice.
- «Sapete una cosa? A me la mongoloide ha stufato. Non sente nulla, è come scoparsi una bambola gonfiabile.»
- «Yeah, è ora di variare un po' il menù...Guardate che tette la più giovane!»
- «Cosa stiamo aspettando, allora? Mostriamo a queste due cos'è un vero uomo!»

È incredibile la vanità maschile. Appena una donna dimostra interesse, pensano solo che sia per la loro virilità. Non sospettano mai che lei possa avere dei secondi fini.

*****

In breve, ci ritroviamo all'interno della loro cabina.
Ci strusciamo subito addosso ai maschioni, per tenerli su di giri. Tempo un minuto e hanno già sfoderato gli uccelli.
Quella porca di Eva non si lascia sfuggire l'occasione di praticare una spagnola ad uno dei tre, ben sapendo che io non posso imitarla...Così recupero terreno con un doppio pompino ai due restanti.
- «Uuuhoahh!!...Siete davvero due maiale scatenate...Non so proprio dire quale è la più brava...»
Colgo la palla al balzo.
- «In tal caso facciamo un gioco: adesso voi vi piegate di pancia sul tavolo, mentre io ed Eva ci mettiamo sotto e vi ciucciamo il cazzo a turno...e dopo voi dovrete dirci quale di noi due è stata la migliore!»
- «Ah beh, se è per una nobile causa, ci prestiamo volentieri...»
Obbedienti, i tre si mettono nella posizione richiesta.
- «Ora chiudete gli occhi, voi non dovete vedere da che lato ci infiliamo sotto!»
Facendo un sorriso beota, i balordi eseguono e...

...TLACK, TLACK, TLACK! Nel giro di un secondo, i tre si ritrovano coi polsi ammanettati al piano del tavolo.
- «EHI! Che scherzo è?...»
Prima che si riprendano dalla sorpresa, provvediamo a legargli anche i piedi.
- «C-cosa state facendo, brutte zoccole...Lasciateci andareeeee!!»
Con calma, accendo la radio alzando il volume a palla. Ora possono strillare quanto gli pare, non li sentirà nessuno. (E durante la prossima fase strilleranno parecchio, temo!)

Mentre Eva estrae una telecamera dalla borsetta, io faccio un segnale all'esterno della cabina.
Poco dopo entra LINO, il mio amico bidello. I tre lo guardano perplessi.
- «Giovanotti...Ora questo galantuomo si occuperà di istruirvi su come ci si comporta nel mondo civile.»
- «Tranquilla, Pat...So ben io come rimettere in riga i bambini cattivi!», sogghigna Lino estraendo dai pantaloncini il suo spaventoso randello.
Subito dopo si mette a palpeggiare con gusto le natiche dei tre malcapitati.
- «Ma che caz...? Tieni giù le mani, bestione, cosa vuoi fare?»

In teoria da adesso dovrei lasciar fare tutto a Lino...ma non resisto alla tentazione di dare una stoccatina personale:
- «Dite, ragazzi...Voi lo sapevate che per i berberi chi disprezza un Ougheny si attira addosso una pioggia di cacca?»
- «EH?!...Ma che cazzo stai dicendo?»
- «Sto dicendo che per voi tre è in arrivo un gran diluvio di merda...e non avete neanche un ombrellino sotto cui ripararvi!»
- «M-ma dai, basta con questo scherz...OOOOOOHUAAAAAHHH!!!»

(Mmmmmh!...Il latrato di uno stronzo che lo prende nel culo...Ditemi voi se esiste una musica più dolce di questa!)

*****

In breve tempo, il buon Lino se li passa in rassegna uno per uno, per tre volte. E intanto io ed Eva gli giriamo intorno con le telecamere, filmando il tutto con dovizia di primi piani.
Quando alla fine Lino ha fatto i suoi comodi, si ritrovano a piangere come mocciosi. Non credo che proveranno mai più a vessare un debole, d'ora in poi.
- «Bene, terzetto di rottinculo...Ora, se non volete che sbattiamo questi filmini su Internet, dovrete svuotare le tasche fino all'ultimo centesimo!»

Non provano a fare i furbi. Ci consegnano tutto ciò che è disponibile nella cabina: rolex, monili, carte di credito...e un sacco di contanti.
- «Tu che dici, Eva, può bastare?»
- «Bah, speravo meglio, non ci sono più gli yuppies di una volta...Ma dato che questi pezzenti non hanno altro...»

Bene, è ora di levare le tende...ma prima mi voglio cavare il gusto di esibirmi nel mio sport verbale preferito: L'AMMONIMENTO.
- «Okay, brutti stronzi: per stavolta ve la siete cavata con poco...ma se provate a toccare ancora la ragazza dei castelli di sabbia, se solo vi avvicinate di nuovo a lei...vi taglio l'uccello e ve lo faccio mangiare! E NON per modo di dire, capito?»
- «C-ca...capito, signora...», singhiozzano i tre ex-machos.

Dopo di che, ce ne andiamo richiudendo la porta. La musica alta impedisce che i loro richiami siano uditi dall'esterno.
- «Beh, li lasciamo lì così? Rischiano davvero di restarci per un sacco di giorni...», dice Eva.
- «Non è affar nostro. Se ne occuperà il santo protettore degli stronzi...se non è troppo impegnato.»

*****

Archiviato il problema "bulli", facciamo il punto della situazione.
Ora Tina ha a disposizione un bel mucchio di quattrini...ma questo non risolve affatto i suoi problemi, per un motivo che Eva riassume egregiamente:
- «Se consegniamo a Tina questi soldi senza cambiare la sua situazione famigliare, finiranno tutti in bottiglie di whisky.»
- «Lo so. E quindi che si fa?»
- «Lo sappiamo già entrambe.»
- «È vero, però...a quale di noi due tocca dire "La teniamo con noi almeno per qualche giorno"?»
- «Uhmm...Con Jasmine a chi è toccato?»
- «Non ricordo, sono passati tanti anni...»



*******
EPILOGO
*******

Serenissima, verso sera.
Abbiamo spiegato la nostra intenzione a Tina, che ci ha ascoltato con una espressione indecifrabile.
Ci ha chiesto un po' di tempo per passare da casa a raccogliere le sue cose e per mandare al diavolo la madre alcolizzata.
Si è fatta accompagnare da Jasmine, ma dopo due ore non sono ancora tornate. Io comincio ad andare un po' in ansia; dopotutto, il comportamento di Tina è imprevedibile.

Alla fine, finalmente, sentiamo qualcuno salire dalla passerella. È Jasmine. Ma è da SOLA.
Ha un'espressione triste. Senza dire una parola, ci porge una busta e poi si ritira subito nella sua cabina, singhiozzando.
Apriamo la busta. È una lettera di Tina:

""Eva, Pat...
Grazie per l'offerta di farmi rimanere con voi, ma non posso accettarla. E il cielo sa quanto lo vorrei. Ma devo seguire la mia nuova strada.
Ora grazie a voi ho un po' di soldi per cominciare a vivere in modo indipendente. E ad esprimere i miei talenti senza più doverlo fare di nascosto.
Fra una settimana, a Saint-Tropez si svolgerà un concorso di costruzioni di sabbia. Ci saranno i più grandi sand-artists del mondo, ma non importa. Vincerò io. E sarà solo l'inizio.
Grazie per tutto quello che avete fatto per me. Non vi scorderò mai. Un abbraccio.
Tina
(P.S. Ho lasciato qualcosa per voi sulla spiaggia.)""

*****

Non perdiamo tempo e corriamo subito sulla spiaggia.
Ci guardiamo un attimo intorno...finché ci ritroviamo di fronte un'immagine che ci toglie il fiato.

È una scultura di sabbia. Due mezzibusti di me ed Eva che ci baciamo. La somiglianza è così perfetta da farci venire le lacrime agli occhi.
- «È...È qualcosa di...», farfuglio, senza riuscire a trovare le parole.
Ci accovacciamo di fronte alla scultura, in silenzio. Si ode solo il rumore delle onde, che già lambiscono la base della costruzione.
Eva mi appoggia la testa su una spalla. Non c'è bisogno di dire nulla, restiamo solo in contemplazione.

La marea incalza. Le prime onde alte cominciano a sgretolare la scultura, e noi non possiamo fare nulla per impedirlo.
- «Non è giusto, Eva. Una cosa così bella...»
- «Prima o poi tutte le cose belle finiscono, Pat. Bisogna godersele al massimo finché ci sono. Solo così non ci saranno né rimpianti né rimorsi.»

Capisco a cosa allude. La abbraccio e ci sdraiamo sulla sabbia a baciarci.
Non ci stacchiamo finché la marea ci raggiunge i piedi.
- «Facciamo rotta verso Saint-Tropez?»
- «C'è tempo.»
- «E come lo passiamo?»
- «Lo sappiamo già entrambe.»
- «È vero, però...A quale di noi due tocca dire "Ti amo"?»

[FINE]

Questo racconto di è stato letto 1 2 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.